Fabiana Luperini la ciclista italiana più vincente

Fabiana Luperini chi è?

Fabiana Luperini è stata una delle campionesse più forti espresse dal ciclismo femminile italiano, le sue doti di scalatrice le valsero l’appellativo di Pantanina.

Fabiana Luperini

Fabiana Luperini

Fabiana Luperini nasce a Pontedera nel 1974, a soli 7 anni, inizia a correre nel G.S. Vettori, allenata dal padre conseguendo 200 vittorie nelle categorie giovanili (con le maglie di G.S. Donati porte pol. La Perla  e A.S. Merate Cantine Pirovano), tra cui due Campionati Italiani su strada a Francavilla al Mare e Agrigento, e una vittoria nei “Giochi della Gioventù” a Ostia.

Tra il 1991 e il 1992 consegue 25 vittorie nella categoria Junior. Passa tra le Elite nel 1993, correndo per la GS Gelati Sanson-Mimosa-Forlì fino al 1997, allenata da Marino Amadori. In quella stagione Vince 58 gare e ottiene tra terzo posto nel campionato mondiale 4×50 km di Oslo.

Fabiana Luperini: gli anni novanta, ecco la Pantanina.

Il 1995 è l’anno dell’esplosione di Fabiana Luperini come erede dell’intramontabile Maria Canins: la toscana conquista l’accoppiata Tour-Giro, il campionato italiano a Bertinoro e Giro del Trentino.

Nelle due successive annate conquista, le vittorie di Giro d’Italia, Tour de France e Giro del Trentino, confermandosi come la campionessa più grande di sempre nel ciclismo femminile (il tre anni conquista sei grandi giri!).

Nel 1998 passa alla Sprint Energia dalla Frutta, sempre sotto la guida Amadori conquistando la Freccia Vallone, il Tour de l’Aude e nuovamente Giro d’Italia. La popolarità di Fabiana procede di pari passo con quella del suo collega maschile più illustre: Marco Pantani, i due sono i simboli dell’Italia vincente, quando la strada sale c’è spazio per Marco e Fabiana. Non capiterà facilmente di fare doppietta Giro-Tour sia tra gli uomini che le donne, il nostro paese ci riesci, è il risorgere del ciclismo tricolore.

Nel 1999 passa alla GAS Sport Team, allenata prima da Massimo Ghirotto e poi nuovamente da Amadori ma vive due stagioni un po’ sottotono conquistando il solo Giro del Trentino.

Fabiana Luperini: “il caso Nandrolone”

Il 10 novembre 1999 viene resa nota la sua positività per l’assunzione di nandrolone, riscontrata a un controllo effettuato in vista dei Mondiali di Verona. Il 15 gennaio 2000 viene squalificata per di 8 mesi, la stessa viene sospesa a metà a Aprile e revocata dalla Commissione d’Appello della FCI il 17 novembre 2000. In sostanza la positività era dovuta a un integratore che conteneva sostanze dopanti, senza che essere fossero riportate né sul foglio illustrativo né sull’ etichetta e quindi non vi fu colpa della campionessa toscana.

La vicenda non è indenne per Fabiana che vede infangare la propria immagine tanto da affermare: “Non sono stati momenti facili. Sul piano dell’immagine, la vicenda ha sporcato anche le vittorie passate: perché ha permesso a molti di pensare ecco, vedi come aveva vinto 4 Giri e 3 Tour”. Il 2000 è sicuramente un anno terribile per la scalatrice sempre in bilico sul baratro della squalifica tanto da non permetterle nemmeno di ottenere il “sogno” della convocazione all’ Olimpiade di Atlanta 2000. Le vicende intricate e i risultati negativi portano all’allontanamento dal Gas Team.

Fabiana Luperini gli anni 2000

Il 2001 è un anno migliore per Fabiana Luperini che passa alla Edil Savino conquistando il Giro del Trentino, la Freccia Vallone, il Trofeo Mediterraneo e il Gran Premio Internazionale d’Apertura, stessi traguardi raggiunti l’anno successivo con vittoria della terza Freccia Vallone, del Trofeo Mediterraneo e del quinto Giro del Trentino. Il 2003 è un’altra annata non favorevole per la toscana che si rifarà l’anno seguente con la Let’s Go Finland vincendo al campionato italiano su strada, al Gran Premio di Berna ed al Gran Premio di Finlandia.

Nel 2006 e nel 2008 la Luperini conquista il titolo italiano su strada e proprio nel 2008 riesce a vincere per la quinta volta il Giro Rosa. La Luperini decide di dedicarsi per un anno alle GF per poi tornare i sella prima con la maglia della MCipollini-Giambenini e poi con quella del Faren-Honda diretto da Walter Ricci Petitoni.

Nel 2013 partecipa ancora al Giro d’Italia, ma viene squalificata al termine della sesta tappa per l’utilizzo di una bicicletta troppo leggera e quindi non conforme ai regolamenti UCI. Nel 2014 chiuderà la sua carriera con un palmares che comprende ben 5 Giri d’Italia (1995, 1996, 1997, 1998 e 2008) 3 Tour de France tra (1995,1996 e 1997), 6 Giro del Trentino tra il 1995 e il 2008 e il Giro di Spagna nel 2006. Le sue doti di tremenda scalatrice le valse il soprannome di “Pantanina”.

Condividilo sui tuoi socialShare on Facebook
Facebook
188Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi