Cristian Gasperoni vincitore del Giro d’Abruzzo

Cristian Gasperoni

Cristian Gasperoni

Cristian Gasperoni, la sua carriera

Cristian Gasperoni ciclista ravennate, ottimo tra i dilettanti vincitore del Giro d’Abruzzo e del Tour de l’Ain

Cristian Gasperoni nasce a Lugo di Romagna,  in provincia di Ravenna, il  15 ottobre 1970. Dopo le categorie giovanili passa dilettante con la S.C. Cotignolese Vulcaflex nel 1990. Nel ’92 coglie un buon terzo posto alla Coppa della Pace – Trofeo F.lli Anelli mentre nel 1995 fa suo il Gran Premio Montanino e conquista l’ottava tappa del Giro  d’Italia dilettanti sul traguardo di  Negrar.

Nel 1996 Gasperoni, forte delle buone prove messe in luce negli anni precedenti, passa professionista con la maglia della Scrigno BlueStorm con cui ad aprile chiude terzo al G.P. Palio del Recioto. La stagione del Ravennate prosegue egregiamente vincendo nel mese di giugno la terza tappa del Tour de Suisse con arrivo a Bussigny precedendo di 39 secondi Fabrizio Guidi. Al Giro d’Italia 1997 ottiene un buon settimo posto nella diciassettesima frazione ed è nono nella prima prova del Trofeo dello Scalatore.

Nel 1998 Cristian Gasperoni passa alla Amore & Vita conquistando la vittoria al Grand Prix Winterthur e, soprattutto, vincendo la prima tappa e la classifica generale del Tour de l’Ain 1998 davanti al compagno di squadra Alessio Galletti ed al francese Vincent Cali.

L’anno seguente Gasperoni passa alla Cantina Tollo vincendo la frazione inaugurale del Giro d’Abruzzo 1999 e conquistando la classifica finale davanti al fortissimo Danilo Di Luca e a Giorgio Feliziani. L’ottima stagione di Cristian si completa con il 35esimo posto finale al Giro d’Italia e la conquista della settima tappa della Vuelta a la Argentina da Mina Clavero a Merlo.

Nel 2001 è 32esimo alla Milano-Sanremo e 19esimo al Giro di Lombardia per poi passare alla Domina Vacanze e poi alla Mercatone Uno. Gasperoni si dedica prettamente a compiti di gregariato vestendo, nell’ordine, le maglie di Landbouwkrediet, Naturino e Ceramiche Flaminia con cui chiude la carriera professionistica nel 2007 nonostante diverse proposte  di contratto ricevute.