Pietro Algeri ciclista e direttore sportivo, la storia

Pietro Algeri (fonte Wikipedia)

Pietro Algeri (fonte Wikipedia)

Pietro Algeri ciclista bergamasco vincitore di alcuni titoli italiani nel mezzofondo e diventato un grandissimo direttore sportivo

Pietro Algeri nasce a Torre de’ Roveri il 2 ottobre 1950, fratello maggiore di Vittorio, di tre anni più piccolo. Si avvicina al ciclismo nel 1966 entrando a far parte del GS Torre de’ Roveri. Passato dilettante nel 1969 conquista la primo anno la vittoria nel Giro delle Tre Provincie mentre l’anno seguente fa suo il Circuito del Porto.

Nel 1971 si laurea campione del Mondo a squadre su pista, al velodromo di Varese, assieme a Giacomo Bazzan, Luciano Borgognoni e Giorgio Morbiato e italiano sempre con lo stesso quartetto.

Pietro Algeri nel ’72 è secondo al Trofeo Taschini e vince una frazione della Settimana Ciclistica Bergamasca venendo selezionato nella squadra italiana di inseguimento a squadre ai Giochi olimpici di Monaco di Baviera nel 1972 senza cogliere medaglie. L’anno successivo il bergamasco è primo al Trofeo Papà Cervi davanti a Mario Boglia, alla Montecarlo-Alassio e alla Milano-Rapallo superando Luciano Rossignoli.

Nel 1974 Pietro passa professionista con la Bianchi cogliendo l’ottavo al Giro del Friuli mentre l’anno successivo ottiene il titolo di campione italiano su pista nell’inseguimento individuale davanti a Borgognoni.

Passato alla GBC per la stagione ’76, Algeri prende parte per la prima volta al Giro d’Italiae stabilisce il Record dell’ora dietro motori percorrendo 69,741 chilometri.

Nel 1977 Pietro conquista il campionato italiano di Mezzofondo battendo Bruno Vicino e vince il bronzo mondiale di specialità a San Cristóbal mentre l’anno seguente ottiene un quinto posto di tappa al Giro d’Italia.

Nel ’79 Algeri conquista nuovamente il titolo italiano nel mezzofondo sempre davanti a Vicino e, in coppia con Willy Debosscher fa sua la Sei Giorni di Montreal, vittoria che bisserà l’anno successivo.

Pietro Algeri Direttore Sportivo

Sceso di sella, Pietro Algeri nel 1982 ricopre il ruolo di direttore sportivo con la Del Tongo dove dirige Giuseppe Saronni. Passato poi alla Malvor e alla Lampre viene affiancato proprio da Saronni nello staff della formazione con cui conquista tre Giri d’Italia (Saronni 1983, Tonkov 1996 e Simoni 2001). Algeri resta alla Lampre sino al 2003 quando fonda, assieme allo svizzero Mauro Gianetti e al fratello Vittorio, la Saunier Duval.