Paret-Peintre vince a Bocca della Selva

Valentin Paret-Peintre conquista la vittoria nella decima tappa del Giro d’Italia 2024

Valentin Paret-Peintre conquista la vittoria nella decima tappa del Giro d’Italia 2024

Valentin Paret-Peintre conquista la vittoria nella decima tappa del Giro d’Italia 2024, Bardet recupera terreno in generale

Valentin Paret-Peintre conquista la vittoria nella decima tappa del Giro d’Italia 2024 sull’arrivo in cima alla Bocca della Selva. Per il francese della Decathlon AG2R La Mondiale Team è il successo di maggior importanza della sua carriera. Tadej Pogacar  conserva senza patemi la Maglia Rosa.

La frazione odierna parte subito a ritmi elevati grazie ad un susseguirsi di scatti e controscatti che infiammano la gara. Provano ad allungare Alessandro De Marchi dellaJayco AlUla e a Simon Clarke dell’Israel–Premier Tech ma in prossimità del primo GPM vengono riassorbiti dall’azione di un manipolo di atleti tra cui i nostri Nicola Conci, Filippo Zana, Damiano Caruso, Mattia Bais, Domenico Pozzovivo, Luca Covili, Marco Frigo e Filippo Fiorelli e Aurelien e Valentin Paret-Peintre, Maximilian Schachmann, Tobias Foss, Julian Alaphilippe e Mauri Vansevenant, Juan Pedro Lopez, Simon Geschke e Romain Bardet.

E’ un gruppo ben assortito, forse troppo, tant’è che l’armonia non è delle migliori. Alle spalle degli attaccanti, però, il plotone non ha molta voglia di impegnarsi nel ricongiungimento con la sola UAE Emirates a lavorare.

Il margine del gruppo di testa supera i cinque minuti ma, saltata definitivamente l’armonia, dalla testa della corsa si staccano in cinque : Jan Tratnik seguito a distanza Marco Frigo, Andrea Bagioli, Romain Bardet e Valentin Paret-Peintre.

E’ proprio Valentin Paret-Peintre ad affondare il colpo a tre chilometri dall’arrivo andando a riprendere Tratnik e involandosi verso il traguardo in solitaria. Alle sue spalle è Bardet a tagliare l’arrivo per secondo recuperando minuti in chiave classifica generale. In terza posizione arriva Jan Tratnik mentre quarto è Andrea Bagioli.

Dietro è la Bahrain-Victorious di per Antonio Tiberi a lavorare ed il laziale riesce a rosicchiare perso quattro secondi su Pogacar, Thomas, O’Connor, Martinez e Cian Uijtdebroeks.

Tadej Pogacar conserva la maglia rosa con 2’40” di margine sul colombiano Daniel Felipe Martinez e 2’58” sul britannico Geraint Thomas. Grazie alla fuga odierna, Bardet sale al settimo posto della generale a 4’57”, davanti a Lorenzo Fortunato e a Filippo Zana, rispettivamente ottavo e nono.