Gastone Nencini, il ‘Leone del Mugello’ omaggiato

Gastone Nencin serata ricordo ad Empoli al Cenacolo degli Agostiniani

Gastone Nencini

Gastone Nencini

Gastone Nencini campione nato a Barberino del Mugello sarà onorato all’interno dell’iniziativa “Essere campioni è un dettaglio” sabato 28 ottobre alle 21.30 presso il Cenacolo degli Agostiniani.

Presenterà la serata, ad ingresso libero e patrocinata dal Comune di Empoli, Paolo Bruschi ed interverrà Elisabetta Nencini, figlia di Gastone. Fabrizio Biuzzi, Assessore allo Sport, spiega: “L’idea è nata da una lunga chiacchierata con Luciano Santini, uomo profondamente appassionato di sport, che vuole promuovere la figura di Gastone Nencini . Gastone è stato un precursore del ciclismo moderno e ringraziamo la figlia Elisabetta che verrà a presentarci l’aspetto privato di questo popolare campione”.

Gastone Nencini chi era?

Nato a Barberino di Mugello, 1º marzo 1930 (scomparso il 1º febbraio 1980) è stato professionista dal 1953 al 1965, vincendo un Giro d’Italia e un Tour de France. È il quarto dei sette vincitori italiani del Tour dopo Ottavio Bottecchia, Gino Bartali, Fausto Coppi e prima di Felice Gimondi, Marco Pantani e Vincenzo Nibali.
Soprannominato “Il Leone del Mugello” per l’indomito coraggio, conquistò la corsa rosa nel 1957 e sfiorò il successo nel 1955 (vestì per otto giorni la maglia rosa e si aggiudicò complessivamente otto tappe e la maglia verde). Nel ’57, oltre al successo al giro, ottenne un sesto posto al Tour de France e un nono alla Vuelta a España.

Dopo essere stato il vincitore morale del Giro d’Italia del 1955 ed essersi aggiudicato chiaramente quello del 1957, Nencini risultò ancora una volta il vincitore morale della corsa in rosa del 1960. Vinse il Tour de France 1960 sfiorando così la grande impresa di vincere nello stesso anno sia il Giro che il Tour.

Nencini è morto nel 1980 dopo una breve malattia, a soli 49 anni, ed è stato sepolto nel cimitero comunale di Barberino. (fonte:Wikipedia)

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *