Osvaldo Bettoni ciclista lombardo, la storia

Osvaldo Bettoni

Osvaldo Bettoni

Osvaldo Bettoni ciclista lombardo dalle doti di passista, professionista dal 1976 al 1980 senza cogliere successi

Osvaldo Bettoni nasce a Carpenedolo, in provincia di Brescia, il 12 agosto 1955. Tra i dilettanti si distingue per le sue doti di passista instancabile tanto da essere convocato per i Campionati del Mondo 1973 nella 100 chilometri a squadre chiudendo con un buon settimo posto finale.

Nel 1974 conquista la vittoria del Trofeo Matteotti dilettanti ed è secondo in due frazioni del Giro Dilettanti, sul traguardo di Sassuolo alle spalle di Vittorio Algeri e su quello di Salsomaggiore dietro a Claudio Torelli. Selezionato nuovamente per i Mondiali dilettanti è undicesimo nella 100 chilometri a squdre.

Osvaldo Bettoni nel 1975 conquista la vittoria del Trofeo Sportivi Magnaghesi e si mette in mostra alla Vuelta al Tachira dove ottiene qualche bel piazzamento di tappa chiudendo al secondo posto nella classifica degli sprint.

Nel 1976 passa professionista con la Scic con cui è nono nella Coppa Baracchi e dodicesimo nella Sassari-Cagliari. Nel ’77 fa il suo esordio al Giro d’Italia ottenendo il quarto posto nella cronometro individuale da Lucca a Pisa e nello stesso anno è terzo al Trofeo Baracchi in coppia con Serge Parsani.

Nel 1978 Bettoni è 21esimo al G.P. Industria e Commercio di Prato e 26esimo alla Milano-Sanremo mentre la stagione seguente è settimo al Meisterschaft von Zurich. Nel 1979 Osvaldo Bettoni corre la sua ultima annata da professionista con i colori della Famcucine.