Clamoroso alla Vuelta: crisi di Froome

Clamoroso alla Vuelta: crollo di Froome, Nibali recupera 42 secondi!

Clamoroso alla Vuelta

Los Machuchos: vittoria di Stefan Denifl

Clamoroso alla Vuelta Espana! Non è la famosissima espressione dell’indimenticato Sandro Ciotti ma quello che è accaduto oggi alla corsa iberica che ha visto Chris Froome (in grande spolvero nella crono di ieri) andare in difficoltà nell’erta finale. La notizia della crisi del britannico oscura un po’ la splendida prestazione di  Stefan Denifl, capace di resistere in fuga nonostante sulla rampa conclusiva si sia scatenata la battaglia alle sue spalle.

Dopo poco più di dieci chilometri partono all’attacco sei atleti: Julian Alaphilippe, Alessandro De Marchi, Christopher Juul Jensen, Dani Moreno, Davide Villella  e Stefan Denifl (Aqua Blue Sport), che raggiungono un vantaggio massimo prossimo ai dieci minuti fino a quando il gruppo non prende l’iniziativa. Lentamente i fuggitivi cedono lasciando in avanscoperta il coraggioso Denifl.

Alle spalle del fuggitivo, come dicevamo, è esplosa la battaglia grazie a un clamoroso Alberto Contador  che si riporta da solo all’inseguimento del battistrada già al penultimo GPM e guadagna progressivamente su tutti i rivali.

Clamoroso alla Vuelta, divevamo, e sull’ultima durissima salita ecco che Chris Froome appare subito in difficoltà, ad accorgersene è Vincenzo Nibali, che alza il ritmo e crea un gap tra sé e la maglia gialla, scortata da tre suoi compagni.

Le pendenze assurde non fanno demordere Stefan Denifl non demorde e con una vera e propria impresa va ad aggiudicarsi la tappa con un vantaggio di 28″ su Contador.  A un minuto chiude il gruppetto di Nibali assieme a Miguel Angel Lopez, Rafael Majka  e Ilnur Zakarin mentre il leader della generale chiude con un distacco di 1’45”

In classifica generale Froome deve gestire ora 1’16” su Nibali, 2’13” su Wilco Kelderman  e 2’15” su Zakarin

 

It's only fair to share...Share on FacebookTweet about this on Twitter
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *