Vuelta: vittoria di Uran e ritiro di Roglic

Rigoberto Uran conquista la diciassettesima tappa della Vuelta a España

Rigoberto Uran conquista la diciassettesima tappa della Vuelta a España

Rigoberto Uran conquista la diciassettesima tappa della Vuelta a España 2022 che vede il ritiro di Primoz Roglic

Rigoberto Uran conquista la vittoria nella diciassettesima tappa della Vuelta a España 2022. Per il ciclista colombiano dell’EF Education-EasyPost è un ritorno alla vittoria che mancava da circa un anno.

E’ una Vuelta decisamente anomala quella del 2022 che ha visto la classifica modificata da qualche positività al Covid19. Oggi altro colpo di scena semi annunciato, il ritiro di Primoz Roglic, secondo nella generale, a causa delle conseguenze della caduta di ieri. La corsa spagnola perde l’avversario numero uno di un Evenepoel che oggi ha “controllato” la tappa e che vede sempre più vicino al trionfo di Madrid.

Sono tredici gli uomini che compongono la fuga di giornata tra cui il lussemburghese Bon Jungels, Luis Maté, Marc Soler, Jesus Herrada, l’azzurro Alessandro De Marchi, lo svizzero Gino Mader e Rigoberto Uran.

C’è armonia tra i fuggitivi che si danno supporto e cambi con regolarità portando, complice il disinteresse del plotone, ad accumulare un buon vantaggio. In vista della salita conclusiva, tra gli uomini di testa è Craddock a rompere gli indugi andando all’attacco ma sulla salita finale il gruppo di testa va a giocarsi la vittoria in una volata ristretta.

Il più abile di tutti è, appunto, Rigoberto Uran, che precede Pacher e Herrada. I big si danno battaglia limitata con Enric Mas che ci prova ed Evenepoel pronto a chiudere. Riesce a guadagnare una manciata di secondi, invee, Joao Almeida ma a Madrid manca sempre meno ed il belga sa di aver perso il suo maggior rivale.