Gobik Ultralite salopette da uomo

Gobik Ultralite

Gobik Ultralite

Gobik Ultralite la nuova salopette da uomo : equilibrio tra leggerezza, vestibilità e traspirabilità

Nella famiglia di salopette Gobik arriva il nuovo Ultralite per occupare il top di gamma del marchio. Il nome descrive già il primo pregio del capo, la leggerezza, anche se non è l’unico ad esso identificato, poiché legato a proprietà come vestibilità, comfort e traspirabilità.

Julián Ferrero, del reparto Sviluppo prodotti, ci fornisce tre chiavi per questo capo: “traspirabilità nei punti chiave, regolazioni riuscite e ben integrate e, infine, cinturini molto efficaci”. Tre punti per altrettante parti di un capo in cui brilla una parola: leggerezza. Parliamo di un pezzo che, nella taglia M, pesa 155 grammi.

Per arrivare all’Ultralite, Gobik ha attinto a tecnologie, materiali ed esperienza dei team World Tour per un approccio all’eccellenza articolato attorno ai seguenti tre pilastri.

Bretelle e parte superiore

Il pieno supporto è il punto focale della metà superiore del pezzo. Gli spallacci sono leggermente più larghi, il che garantisce comfort e migliora il posizionamento sul corpo.

Le nuove bretelle si distinguono per il loro minimalismo. Tagliati al laser, sono molto puliti ed elastici con due parti distinte. Le bretelle anteriori sono realizzate in un materiale più morbido e la zona posteriore forma un pezzo che occupa gran parte della schiena, fino alla zona lombare. Il tessuto è altamente traspirante, permettendogli di asciugarsi e allontanare il sudore mentre cerca di migliorare il supporto.

“Apprezzo molto la buona traspirabilità. Ho testato il capo a 33 gradi e risponde molto bene. Sono molto comodi. Sono pantaloncini adatti per le uscite estive e di mezza stagione”, afferma José Luis Martínez, tester del marchio.

Gamba e parte inferiore

Concentrandosi sulla gamba veramente lucida, il suo nero è molto attraente con un grado di opacità che parla dell’eccellenza del tessuto. In questa parte dell’outfit risaltano le microperforazioni presenti nella parte inferiore del capo, che favoriscono la traspirazione e aggiungono un tocco estetico molto accattivante. Il tutto in un outfit realizzato con cuciture minimali.

José Luis ha apprezzato molto il taglio basso dei pantaloncini: “il sostengo offerto nella parte bassa è progettata in modo tale che tutto sembri essere un unico pezzo rispetto al resto della gamba. È un sostegno efficace, perché non comprime e si adatta semplicemente con piccoli inserti sottili in silicone all’interno. Questa zona microforata consente una migliore traspirabilità”.

Per i ciclisti alti come José Luis, un dettaglio importante: “Apprezzo una buona lunghezza della gamba, abbastanza lunga da coprire i quadricipiti”. Entrambe le gambe sono completate da elementi riflettenti sul retro per migliorare la visibilità del pilota.

Fondello e parte centrale

Per la sua finitura centrale, i pantaloncini con bretelle Ultralite presentano un fondello K12 di Elastic Interface.

Si tratta di un fondello in tessuto Eco-Carbonium a doppia densità, estremamente piatto e con un canale centrale studiato appositamente per l’anatomia maschile, che migliora la circolazione sanguigna e riduce la pressione.
Il pezzo si distingue per la sua memoria elastica, che garantisce un’elevata capacità di recupero del materiale e assicura il massimo comfort durante i lunghi viaggi fino a 8 ore.

La rifinitura della zona anteriore centrale dei pantaloncini “ha la forma di un tetris, utilizzando un tessuto che assicura una buona compressione e una buona ritenzione, oltre a un effetto ottico molto interessante”, aggiunge Julián. In questo senso, José Luis aggiunge che “è come un guanto, è la sensazione”.

FONTE COMUNICATO STAMPA