Gabriella Pregnolato ciclista emiliana

Gabriella Pregnolato

Gabriella Pregnolato

Gabriella Pregnolato, la sua carriera

Gabriella Pregnolato ciclista emiliana vincitrice di quattro titoli italiani su pista e della maglia tricolore su strada e a cronometro nel 2000

Gabriella Pregnolato nasce a Correggio, in provincia di Reggio Emilia, il 30 maggio 1971. Avvicinatasi al ciclismo  praticando sia il ciclismo su pista che quello su strada ed terza ai campionati italiani in linea 1989 dietro a Maria Canins ed Elisabetta Fanton ed è seconda al Gran Premio della Liberazione 1990 dietro ad Elisabetta Guazzaroni; l’anno seguente l’emiliana arriva invece prima davanti a Marina Artomonova e a Lucia Pizzolotto. Su pista Gabriella conquista il titolo italiano nell’inseguimento individuale.

Nel ’92 è terza Trofeo Iper e riconquista il titolo tricolore inseguimento individuale superando Antonella Belluti e Eloisa Schiavetti prendendo parte, proprio in questa disciplina, ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992. La Pregnolato fa “tripletta” nell’inseguimento individuale superando Imelda Chiappa e la Schiavetti nel 1993

Nel 1995 corre per il G.S. Gelati Sanson-Edera-Forlì e l’anno seguente vince il titolo di campionessa italiana a cronometro superando Imelda Chiappa e Antonella Bellutti; nell’inseguimento individuale è seconda al campionato italiano dietro alla Bellutti. Gabriella è terza al GP Liberazione 1996 dietro a Diana Rast e Greta Zocca ed al Giro d’Italia è seconda nella Bareggio – Milano a cronometro staccata di 41″ da Chiappa e nella Ponti sul Mincio-Monzambano-Noceto alle spalle di Tanja Hennes.

Nel 1997 Gabriella Pregnolato corre per la Edil Savino vincendo la terza tappa del Giro del Trentino e l’undicesima tappa del Giro d’Italia, da Tolmezzo a Udine, davanti a Chiappa  e Žiliūtė. Al GP Liberazione è terza dietro a Mara Calliope e Katia Longhin mentre al campionato italiano è sesta. Nel ’98 l’emiliana vince la seconda tappa del Giro della Toscana , conquista il successo al Giro del Friuli davanti a Zinaida Stahurskaja e Antonella Bellutti e al  Tour de l’Aude trionfa sul traguardo di Lézignan-Corbières. Gabriella è terza al CoreStates Liberty Classic dietro a Petra Rossner e Diana Žiliūtė; ai campionati italiani a cronometro è seconda dietro a Chiappa mentre nell’inseguimento individuale è seconda dietro alla Bellutti e conquista il titolo nazionale nella corsa a punti davanti a Giovanna Troldi.

Nel ’99 Gabriella Pregnolato veste la maglia della Acca Due O – Lorena Camice e alla Primavera Rosa è seconda dietro a Sara Felloni, al Giro d’Italia conquista la vittoria sull’arrivo di Misano Adriatico davanti a Marion Clignet e su quello di Piovene Rocchette davanti a Petra Rossner e Nada Cristofoli. Alla Grande Boucle Féminine Internationale 1999 la Pregnolato vince due tappe: è prima alla Narbonne Plage-Agde e nella Agde-Balaruc-les-Bains mentre al Giro della Toscana vince la prima e la quinta frazione chiudendo al quarto posto della classifica generale.

Nel 2000 la Pregnolato corre per la Gas Sport Team e  conquista il Gran Premio Città di Castenaso, una tappa e la classifica generale del Giro della Provincia di Pordenone, la tappa di Ales al Tour Cycliste femminile e la tappa di Campi Bisenzio al Giro della Toscana. Gabriella Pregnolato conquista una meravigliosa doppietta ai campionati italiani: è prima nella prova in linea davanti a Greta Zocca e Sara Felloni e nella cronometro davfanti a Luisa Tamanini e Lucia Pizzolotto.

L’anno seguente Gabriella vince la tappa di Bergera al Tour de France femminile per poi abbandonare il ciclismo professionistico per ricoprire il ruolo di direttrice sportiva.