DE MARCHI l’evoluzione dell’abbigliamento da ciclismo!

De Marchi

De Marchi

Una delle più antiche aziende al mondo specializzata in abbigliamento da ciclismo lancia il suo nuovo sito internet: racconta l’epopea delle due ruote attraverso la trama dei suoi filati.

Le repliche delle maglie dei grandi protagonisti del passato si affiancano a versioni attualizzate.
Le due linee, Heritage e Performance, conservano i segreti del ciclismo che “fu” tramandandoli al ciclista che “è”.

Il fascino del ciclismo eroico, l’amore per la bici, l’abbigliamento e gli accessori utilizzati dai campioni del passato, coinvolge un grande numero di appassionati in tutto il mondo.

Uno dei principali rappresentanti di questo sentimento, per le pagine di storia che ha scritto negli anni e per i valori che oggi ripropone nelle sue linee di abbigliamento, è l’italiana De Marchi.

Fondata nel 1946, De Marchi è tra le più antiche aziende al mondo unicamente specializzata in abbigliamento da ciclismo. In oltre 75 anni di storia, condotti sotto la medesima proprietà, ha contribuito all’evoluzione dei capi da bici come forse nessun altro, partecipando alla definizione stessa dell’estetica ciclistica moderna e introducendo molte delle innovazioni che hanno cambiato questo sport.

Emilio De Marchi inaugurò l’omonimo “maglificio sportivo” producendo robusti capi in lana per ciclisti, presto apprezzati dalle squadre dell’epoca. Amico personale di atleti leggendari, collaborò con le prime formazioni professionistiche. Di fatto, contribuì alla creazione di un vero e proprio standard di abbigliamento per i ciclisti che, prima di allora, vestivano capi genericamente sportivi.

In breve tempo le maglie De Marchi furono la scelta di campioni del calibro di Bottecchia, Magni, Coppi, Bartali e Bobet. Lo stesso Bobet, distrutto dalla fatica dopo una vittoria allo sprint nella Milano-Sanremo del 1951, avrebbe suggerito ad Emilio De Marchi di iniziare ad usare le zip, al posto dei bottoni, sui suoi capi.

Era un prodotto De Marchi anche la maglia iridata che Fausto Coppi vestì per un anno dopo la vittoria a Lugano nel 1953, così come vestiva De Marchi Francesco Moser quando conquistò tre Parigi-Roubaix negli anni Settanta.

L’OGGI COME EVOLUZIONE DEL IERI

Nel presente, De Marchi produce due collezioni dedicate al ciclismo su strada e gravel, chiamate Heritage e Performance, che si distinguono per il design, l’uso di materiali e tessuti di pregio e le tecniche produttive. Ispirata all’epica del ciclismo, la linea Heritage mantiene viva la memoria di questo sport con capi iconici, realizzati a mano in Italia con le tecniche di una volta. Questa linea raccoglie le maglie confezionate da De Marchi negli anni ‘40, ‘50 e ’60: capi perlopiù in fibra naturale, lana o cotone, realizzati con materiali e tecnologie produttive dei tempi passati, in alcuni casi utilizzando addirittura i macchinari originali.

Ricadono in questa collezione le repliche delle De Marchi che furono indossate da Merckx, Gimondi, Moser, Basso, Koblet, Adorni, dalle squadre Atala, Bottecchia, Cinelli, Filotex, Wilier Triestina e dalle Nazionali di Australia, Irlanda, Svizzera, Italia, Francia, Belgio.

I prodotti Performance sono di carattere più moderno. Sono pensati per un ciclismo prestazionale di sincera passione: recuperano l’eleganza classica che segnò le origini dell’abbigliamento sportivo senza rinunciare alle innovazioni tecniche che ne hanno nel tempo perfezionato la funzionalità.

Le maglie De Marchi di oggi riportano sulle spalle del ciclista un prodotto materico, caratterizzato da strutture e spessori, fibre naturali, tessuti pregiati. Sono capi che posso permettersi il lusso di rigettare la lycra e la piattezza della stampa sublimatica, perché non condizionati dai dittami di sponsor e del professionismo. Le maglie sono esclusivamente tinte in pezza, con pigmenti di provenienza certificata e sottoposti alle più stringenti norme ecologiche.

I prodotti De Marchi sono disponibili esclusivamente on-line sul nuovo sito www.demarchi.com, un sito completamente ridisegnato, che apre un dialogo nuovo, innovativo, diverso con il ciclista.
Contiene, oltre allo shop, racconti unici del Grande Ciclismo, pezzi editoriali di spessore, scritti da grandi firme del giornalismo ciclistico, video e testi che tracciano la storia della bici attraverso la trama delle maglie De Marchi.

FONTE COMUNICATO STAMPA