Danilo Napolitano pistard e velocista

Danilo Napolitano

Danilo Napolitano

Danilo Napolitano: la sua carriera

Danilo Napolitano ciclista siciliano in grado di primeggiare su pista ed in strada grazie alle sue doti di ottimo velocista

Danilo Napolitano nasce a Vittoria, nei pressi di Ragusa, il 31 gennaio 1981. La famiglia di Danilo ama il ciclismo e il fratello maggiore Massimiliano lo aiuta nel crescere come ciclista. Il suo primo allenatore è suo zio che lo porta in pista di Palermo dove il piccolo Danilo impara a fare le volata. Al secondo anno da Juniores raggiunge proprio il fratello maggiore sulle sponde del Lago di Iseo per avere maggiori possibilità di sfondare nel ciclismo.

Danilo sin da piccolo si dimostra una perfetta “ruota veloce” ottenendo molti successi. Passa dilettante con la BCS – Magni – Sintofarm per poi passare alla Resine Ragnoli nel 2001 e alla Garda Calze con cui, nel 2002, cogli importanti successi come il Memorial Gigi Pezzoni, il Trofeo Comune di San Secondo e l’importante Trofeo Rancilio.

Nel 2003 veste i colori del Velo Club Bassano con cui ottiene moltissimi successi tra cui il Trofeo Papà Cervi davanti a Mirco Lorenzetto, la Cento Chilometri di Nuvolato e la prima tappa alla Vuelta a Guatemala da Città del Guatemala a Zacapa.

Danilo Napolitano anche nel 2004 coglie ottimi risultati tra cui la vittoria al Giro delle Tre Provincia davanti all’argentino Maximiliano Richeze e a Paride Grillo. A maggio 2004, dopo 34 successi colti tra i dilettanti, arriva la chiamata dei professionisti del Team LPR

Nel 2005, sempre con i colori della LPR, Napolitano ottiene sette successi tra cui una tappa alla  Settimana Internazionale di Coppi e Bartali 2005 davanti a Francesco Chicchi, il Giro di Romagna precedendo Daniele Bennati e la Coppa Bernocchi davanti a Graeme Brown

Nel 2006 Napolitano viene ingaggiato dalla forte Lampre confermandosi ottimo velocista cogliendo il quinto posto alla Milano-Sanremo vinta da Filippo Pozzato. Alla Coppa Bernocchi bissa il successo dell’anno precedente bruciando sul traguardo  Giosuè Bonomi. Napolitano brilla particolarmente al Giro d’Austria dove conquista due vittorie di  tappa e la classifica a punti finale. Ai Campionati del Mondo di Bordeaux 2006 ottiene il quinto posto assoluto nello Scratch.

Danilo Napolitano nel 2007 corre ancora con la Lampre ottenendo sei vittorie tra cui l’arrivo di Murcia alla Vuelta a Murcia, la nota tappa del Giro d’Italia sull’arrivo di Lido di Camaiore davanti a due califfi delle volate come Robbie McEwen e Alessandro Petacchi e la Coppa Bernocchi davanti a  Paride Grillo e a Robert Hunter.

Il 2008 di Napolitano è caratterizzato da altre sei vittorie tra cui due frazioni al Giro del Portogallo, una tappa alla  Volta a la Comunitat Valenciana  sull’arrivo di Valencia, una al Brixia Tour ad Orzinuovi.

Dal 2009 al 2010 Danilo milita nel Team Katusha con cui ottiene sei vittorie in due anni, conquistando, tra le altre, una vittoria alla Vuelta Andalucia, una al Giro di Lussemburgo e una al Giro della Vallonia.

Nel 2011 Napolitano passa alla Acqua & Sapone vincendo, nel 2012, tre tappe al Tour de Wallonie e una al Circuit de Lorraine. Nel 2013 con i colori della Accent.jobs-Wanty vince la prima tappa del Driedaagse van West-Vlaanderen  e nel 2014, passato alla Wanty-Groupe Gobert,  vince la Omloop van het Waasland davanti  al compianto Antoine Demoitié.

Il 15 novembre 2017 Danilo Napolitano annuncia ufficialmente il suo ritiro dal professionismo.