Visconti: “ho dovuto bere il mio sudore”

Visconti vittima di un guaio meccanico durante la crono

Visconti della Bharain, costretto al cambio di bicicletta durante la cronometro di Gerusalemme, racconta come, trovandosi senza acqua, ha dovuto bere il suo sudore

Visconti ha bevuto il proprio sudore

Visconti ha bevuto il proprio sudore

Visconti della Bharain, è stato uno delle “vittime” della cronometro di Gerusalemme che ha dato il via al Giro d’Italia 101. Il più sfortunato di tutti è stato Kanstantsin Siutsou che è caduto durante la ricognizione ed è stato costretto al ritiro. Altrettanta sfortuna ha colpito il chiacchierato Chris Froome, pure lui caduto, che ha preso il via ma che ha pagato dazio in termini di distacco.

Particolare è stata, invece, la vicenda di Giovanni Visconti. Il corridore della Bharain-Merida ha reso noto, mediante il proprio profilo Instagram, quello che gli è capitato durante la cronometro a Gerusalemme. Capita di leggere storie di alpinisti che sono costretti, per emergenza, ad alimentarsi con alimenti di fortuna (urina, sudore, ecc.) Senza parlare del noto film “Alive”, tratto da una storia vera, in cui una squadra di rugby (Old Christians Club) vittima di un incidente aereo si ritrovò a 4000 metri di altezza, sulle Ande, a meno 30 gradi e fu costretta al cannibalismo dei compagni deceduti per sopravvivere

Nel 1994 Mauro Prosperi durante la “Marathon des Sables” si perse a causa di una tempesta di sabbia e fu costretto a bere la propria urina e sangue di pipistrello!

Senza voler esagerare la situazione vissuta da Giovanni Visconti è sicuramente estrema, ecco il suo racconto pubblicato sul noto social network:  “stavo facendo una ottima crono,credo vicino alla top ten ma un problema meccanico mi ha costretto a fermarmi ai piedi di uno strappo e cambiare bici. Ho perso molto tempo e anche la voglia di insistere…tra l’altro senza acqua nella bici di scorta stavo x affogare con la bocca secca e perciò sono stato costretto a dissetarmi col sudore di cui era impregnato il mio body “.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi