Valverde campione: “potrei ritirarmi ma….”

Valverde Campione del Mondo ad Innsbruck

Valverde Campione Mondiale 2018 racconta la sua soddisfazione dopo tanti podi con un occhio a Tokio 2020

Valverde Campione del Mondo

Valverde Campione del Mondo

Valverde Campione con Peter Sagan che vuole salire sul podio di Innsbruck per mettere al collo dell’iberico la medaglia d’oro è una delle immagini più belle dellla recente rassegna iridata austriaca.

Diciamolo, forse la vittoria di Valverde è riuscita a far sorridere tutti, vincitori e vinti, chi è salito sul podio alle due spalle (magari inaspettatamente come Woods) e chi è rimasto fuori dal podio (come il nostro Gianni Moscon che ha davanti a se tante altre occasioni per eccellere).

Alejandro Valverde è diventato Campione del Mondo 2018 dopo aver sfiorato tante volte quella magica maglia con l’iride. Lo spagnolo aveva infatti salito i gradini del podio Mondiale per ben sei volte senza però riuscire a raggiungere quello più ambito e premiante.

Il murciano ha sfruttato appieno tutta la sua esperienza (e classe) facendo fruttare il lavoro della sua nazionale e andando a sfatare un tabù che ormai lo tormentava da troppi anni.

Valverde ai Mondiali di Ciclismo aveva ottenuto la sua prima medaglia (argento) nel 2003 ad Hamilton in Canada quando a imporsi fu il nostro Paolo Bettini. Nel frattempo i vertici del ciclismo mondiale sono cambiati, è passata tanta acqua sotto i ponti ma Alejandro, inossidabile, è rimasto lì.

Quindici anni dopo il campione iberico ha finalmente coronato il suo sogno a  38 anni:

“Sono tanti anni che lotto e alla fine ce l’ho fatta mi pare ancora incredibili. Non c’è dubbio, questa è la mia miglior vittoria in a carriera. E’ quello che ho sognato in tutti questi anni, ci sono andato vicino molte volte, ho preso sei medaglie ma nessuna d’oro. Sono arrivato a pensare che non sarei mai stato Campione del Mondo. Mi ero quasi arreso, poi tutto si è capovolto”

ha dichiarato Valverde al sito ufficiale della Movistar.

Valverde: ‘Uno sprint indimenticabile’

Diciamolo, la Spagna ho corso davvero bene sacrificando alcuni uomini alle attività di controllo della fuga partita sin dai primi chilometri per poi mettere al servizio del mursiano Nieve, Izagirre e De la Cruz per affrontarela meglio il Gramartboden.

“Voglio ringraziare tutta la squadra perché ha fatto un lavoro da dieci e lode, mi hanno dato tanta tranquillità, dal primo all’ultimo dei miei compagni.

Quello finale è stato uno sprint molto lungo in cui mi sono preso tutte le responsabilità che mi competevano. Ho controllato fino ai 350 metri dal traguardo, poi mi sono detto: adesso parto! Ho visto che i miei rivali erano vicini ma che non avrebbero potuto sorpassarmi, da lì è stata una miscela di emozioni, di sensazioni, è stato indimenticabile.

Dopo la caduta di Dusseldorf ho pensato che la mia carriera fosse finita, invece sono tornato con 14 vittorie e il Mondiale…tutto è un regalo. Ho ancora tempo prima smettere di essere un professionista ma con questa vittoria so che posso ritirarmi tranquillamente. Tutto quello che potrà arrivare nel futuro sarà un regalo!”

ha raccontato il campione spagnolo.

Valverde: ritiro? No punto a Tokio 2020

A 38 anni suonati, Alejandro potrebbe chiudere la sua fenomenale carriera con l’alloro massimo ma la sua sete di competizione non vuole placarsi, anzi la mente del “El Imbatido” è già focalizzata sul prossimo ambizioso traguardo.

Lo spagnolo punta ad arrivare alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e alla prova in linea a cinque cerchi che presenterà un tracciato assolutamente selettivo.

 “Il mio ritiro potrebbe essere dopo Tokyo 2020, la mia quinta Olimpiade, che rappresenterebbe un grande traguardo per ogni corridore. Una medaglia olimpica mi manca e sarebbe bello poterla conquistare ma non voglio sembrare egoista e per ora mi godo il successo di Innsbruck”.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi