Tirreno Adriatico omaggio a Michele Scarponi

Tirreno Adriatico omaggio all’aquila di Filottrano

Tirreno Adriatico omaggio al povero Michele Scarponi durante la tappa di oggi con arrivo a Filottrano paese natale del ciclista dell’Astana

Tirreno Adriatico omaggio a Michele Scarponi

Tirreno Adriatico omaggio a Michele Scarponi

Tirreno Adriatico omaggio a Michele Scarponi con arrivo a Filottrano città natale dello sfortunato ciclista del Team Astana. E’ stata una giornata estremamente emozionante quella di oggi che ha visto uno struggente omaggio della città natale allo sfortunatociclista italiano scomparso lo scorso aprile a causa di un terribile incidente stradale mentre si allenava proprio per le strade della sua città in sella alla sua bici.

Il mondo del ciclismo non potrà facilmente dimenticare un campione e una persona come Michele Scarponi che era ed è nel cuore di tutti gli amanti del ciclismo e non solo. Nella tappa di sabato Mikel Landa ha alzato al cielo le braccia per rendere omaggio all’amico e compagno di team. Uno dei momenti più struggenti è stata la visita che i gemellini Tommaso e Giacomo, in compagnia di mamma Anna, hanno fatto al team Astana, squadra di Scarponi, dopo l’arrivo della tappa di ieri della Tirreno-Adriatico.

Commossi anche i genitori di Michele: “L’affetto della gente ci aiuta perché è la dimostrazione che Michele s’è comportato molto bene. Noi raccogliamo i suoi frutti. Esserci è anche un modo per ringraziare tutte le persone che ci stanno vicino, che ci dimostrano il loro affetto” ha dichiarato la madre. Sulla stessa lunghezza d’onda le parole del padre: “È giusto esserci, anche se per noi sarà una giornata tremenda. Risveglia emozioni difficili da controllare. Ci sarà chi gli vorrà bene per sempre. Però abbiamo momenti di sconforto. Io e mia moglie ci facciamo forza a vicenda, a volte ci aggrappiamo alla fede. Ma il più grande aiuto forse arriva dai nipoti, che hanno qualcosa di lui”.

La carovana non è passata dal luogo dell’incidente, da quella terribile curva dove Scarponi ha perso la vita, ma ha toccato tanti luoghi della vita di Michele, presente anche  il pappagallo Frankje e del suo pappagallo che ha raccontato: “Anche adesso, quando vede dei ciclisti, ci vola sopra, ma non ha ancora trovato nessuno come Michele”.

Commossa la moglie Anna: “vorrei ringraziare l’Astana per come ci ha trattato. Ci ha sempre fatto sentire come parte di una grande famiglia. Hanno regalato due giorni bellissimi ai bimbi facendoli divertire come se il padre ci fosse ancora. Sono commossa da tutto l’affetto che Filottrano ci ha dato con striscioni nelle vetrine e tante cose belle. Michele è uno di Filottrano e un affetto così non lo troveremo da nessuna parte”.

Condividilo sui tuoi socialShare on Facebook
Facebook
442Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi