Vince Primoz Roglic, Froome resta leader

Vince Primoz Roglic, primo Sloveno nella storia del Tour

Primoz Roglic

Primoz Roglic trionfa al Tour

Primoz Roglic trionfa nella diciassettesima tappa del Tour de France. Nei primi km pianeggianti si è registrata una caduta: tra i coinvolti anche Marcel Kittel che è stato costretto al ritiro. Scappa una fuga composta da vari corridori tra cui anche Matthews (che eredita la maglia verde di Kittel).

Attacca Nairo Quintana, ma viene ripreso dal plotone; quindi il colombiano accelera alla ruota di Alberto Contador e la coppia allunga. Dopo pochi metri però Nairo cede mentre lo spagnolo prosegue nell’azione. Davanti De Gendt e Matthews vengono ripresi da Daniel Navarro; l’australiano però si stacca mentre i due transitano al GPM con il gruppo Contador a 20″ e il gruppo maglia gialla a 3’30”.

In salita il ritmo lo fa Bauke Mollema che  screma il drappello,  Primoz Roglic si prende i punti al gpm. Dietro Quintana cede definitivamente e abbandona le speranze di un posto nei 10.

Davanti attacca Roglic, che fa il vuoto e transita da solo sul GPM e si invola tutto solo in discesa mentre i suoi compagni di fuga vengono ripresi dal gruppo. Nel gruppo dei big, Romain Bardet è scatenato e attacca per ben quattro occasioni mettendo in croce Aru, Meintjes e Yates che si staccano ogni volta.

Bardet, Barguil, Froome e Urán se ne vanno via in discesa raggiunti poco dopo dall’altro uomo della Sky, Landa. Il distacco di Aru  aumenta progressivamente, diventando di 40″ ai meno 5 km dal termine.

Roglinc fa sua la tappa mentre a  1’13” giunge il gruppetto maglia gialla, con Urán che prende 6″ di abbuono; terzo Froome, con 4″ di abbuono. Con loro Bardet e Barguil mentre Landa è a 1’16”. Martin termina a 1’43”, Contador, Meintjes e Aru a 1’44”.

Chris Froome aumenta il margine sul primo degli avversari per la generale a 27″ su Romain Bardet e Rigoberto Urán, entrambi a parimerito. Quarto Aru a 53″ mentre Landa è quinto a 1’24.

 

 

It's only fair to share...Share on Google+Share on FacebookTweet about this on Twitter
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *