Alejandro Valverde spettacolare alla Vuelta

Alejandro Valverde spettacolare a Caminito del Rey:

Alejandro Valverde spettacolare sull’arrivo di Caminito del Rey nella seconda tappa della Vuelta Espana. Kwiatkowski nuovo leader, attardati Porte sprofondato a oltre sei minuti e Vincenzo Nibali

Alejandro Valverde spettacolare

Alejandro Valverde spettacolare

Alejandro Valverde spettacolare sull’arrivo di Caminito del Rey: l’iberico della Movistar conquista la seconda tappa della Vuelta  2018 anticipando in cima allo strappo finale, Michal Kwiatkowski che conquista la maglia rossa.

Dopo la cronometro di Malagata vinta da Rohan Dennis, ecco che la corsa iberica offre subito “pepe” con una tappa molto movimentata e  un arrivo per specialisti. Partenza da Marbella, meta rinomata della Costa del Sol e arrivo sul Gran Premio della Montagna di terza categoria all’Alto de la Mesa dopo 163.5 km.

La fuga di giornata parte subito e vede attivi: Alexis Gougeard (AG2r-La Mondiale), Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Pierre Rolland (EF Education First-Drapac), Pablo Torres (Burgos-BH), Jonathan Lastras (Caja Rural-Seguros RGA), Luis Angel Mate (Cofidis) ed Hector Saez (Euskadi-Murias).

Dopo che una caduta a metà gara che coinvolge tra gli altri Ilnur Zakarin (Katusha – Alpecin) e Omar Fraile (Astana) prende in mano la situazione il Team Sky che detta un ritmo che mette in difficoltà Rohan Dennis e Vincenzo Nibali.

Sullo strappo finale Michal Kwiatkowski da fuoco alle polveri ma Alejandro Valverde non si lascia spaventare e con uno scatto bruciante si impone davanti a tutti. Buona la prova del nostro Fabio Aru che chiude con soli 8 secondi di scarto. Buona la prova di  Nairo Quintana (Movistar), Thibaut Pinot (Groupama – FDJ) e Wilco Keldermann (Team Sunweb).

Naufraga letteralmente  Richie Porte (BMC), che si trova a 13 minuti confermando una forma deficitaria così come Vincenzo Nibali che ora è 4 minuti dai primi confermando l’obiettivo tappe e non generale.

 

Vuelta a Espana 2017, Froome vede rosso!

Vuelta a Espana 2017, Froome che colpo nella crono

Vuelta a Espana 2017

Chris Froome durante la prova odierna

Vuelta a Espana 2017, Froome domina la cronometro individuale di 40.2 km dal Circuito Automobilistico di Navarra a Logroño e mette le mani sulla Vuelta a Espana 2017, il nostro Vincenzo Nibali limita i danni. Nel puro stile del Kenyano bianco la partenza è controllata, per poi dare tutto nel finale: Chris chiude con il tempo di 47 minuti netti e rifila 29″ al secondo classificato, l’ottimo olandese Wilco Keldermann (Team Sunweb), in piena lotta per il podio.

Otitma prova per Vincenzo Nibali che chiude in terza posizione:  lo Squalo lascia per strada solo 57 secondi, ora il distacco dal leader della generale è di due minuti ma visto il tracciato della prova odierna potevano anche essere molti di più. Il tempo del siciliano è paragonabile a quello del russo Ilnur Zakarin e dello spagnolo Alberto Contador che ontinua a scalare posizioni, il Pistolero, ed è ora quinto in generale.

Gli altri big prendono tutti bastonate da Chris Froome: Miguel Angel Lopez ( perde due minuti e mezzo, il nostro Fabio Aru tre minuti, Louis Meintjes della UAE Team Emirates tre e mezzo e il colombiano Esteban Chaves, arrivato stremato, accumula oltre quattro minuti di gap.

“Era una cronometro vera dove era essenziale fare tantissima velocità. C’era tantissimo vento laterale e non era semplice, continuava a spostarmi e non era facile mantenere la velocità” ha dichiarato Vincenzo Nibali al traguardo.  Felice Froome che però mantiene i piedi per terra: “Dalla ammiraglia  non mi davano molte notizie e non sapevo bene la situazione. A metà tappa ho capito che non stavo andando bene e mi sono preoccupato, fortunatamente negli ultimi 6 chilometri mi sono reso conto di essere in lotta per la vittoria di tappa. E’ stata una grande prova ma la corsa è ancora molto lunga”.

S