Fabio Aru al via della Parigi Nizza

Fabio Aru cambia programmi e sarà al via in Francia

Fabio Aru prenderà parte alla Parigi-Nizza 2019 per prepararsi al prossimo Giro d’Italia, intanto vola in Inghilterra per allenarsi

Fabio Aru (fonte pagina Facebook)

Fabio Aru (fonte pagina Facebook)

Fabio Aru cambia strategia in corsa, inizialmente il sardo avrebbe dovuto tornare in corsa alla Volta a Catalunya in programma a fine del mese di marzo, ora prenderà parte dalla Parigi-Nizza. Il corridore sardo fino a questo momento ha preso parte solo a due corse: il Challenge Mallorca e la Volta ao Algarve.

Un cambio importante del piano di avvicinamento al Giro d’Italia 2019 che vedrà Fabio impegnato nella “Corsa verso il Sole”. Aru in questo 2019 è chiamato a riscattare le ultime prove opache segnate da tanta sfortuna e quasi mai all’altezza delle aspettative.

Per cercare ulteriori miglioramenti, il ventottenne della UAE Teams Emirates si è recato, assieme al compagno Daniel Martin, in Gran Bretagna e più precisamente a Silverstone. Nessuna idea di passare a guidare una monoposto di Formula1 (Silverstone è la sede del GP di Gran Bretagna di F1) ma una serie di test da condurre in Gallerie del Vento per migliorare la propria posizione in sella (stesso accorgimento preso da Vincenzo Nibali).

 

Algarve: Kwiatkowski vince all’Alto de Foia

 

Algarve, Michal Kwiatkowski vince la tappa

Algarve, Michal Kwiatkowski finalizza il grande lavoro del Team Sky conquistando la vittoria all’Alto de Foia

Algarve, Michal Kwiatkowski

Algarve, Michal Kwiatkowski

Algarve, dominio del Team Sky che corona una giornata di duro lavoro con la vittoria in terra portoghese del polacco Michal Kwiatkowski. Il polacco è andato a completare lo splendido lavoro dei due compagni di squadra Vasil Kiriyenka e di Kenny Elissonde.

La frazione è stata contrassegnata dalla fuga a sette composta dagli spagnoli Marcos Jurado (Efapel) e Óscar Pelegri (Radio Popular Boavista), dal tedesco John Degenkolb (Trek-Segafredo), dallo statunitense Benjamin King (Team Dimension Data), dal belga Yves Lampaert (Quick-Step Floors), dal portoghese Ricardo Mestre (W52-FC Porto) e dall’austriaco Lukas Pöstlberger (Bora Hansgrohe) che hanno superato i sette minuti di vantaggio.

Nel passaggio a Portimão ai meno 25 km dall’arrivo il distacco, arrivato a poco più che due minuti, è crollato in un batter d’occhio. A resistere sono solo  Pöstlberger che prova ad allungare, con il solo King capace di rientrare su di lui. A quel punto la situazione viene presa in mano dal Team Sky che mette a lavorare Vasil Kiriyenka e, successivamente,  Kenny Elissonde.

Inevitabile l’arrivo allo sprint che viene lanciato dal Team Sky con Michal Kwiatkowski che pare  ai meno 180 metri e, con una pedalata da vero fenomeno, riesce a fare la differenza andando a cogliere il suo trionfo stagionale. Alle spalle del polacco ecco l’olandese Bauke Mollema (Trek-Segafredo) giunto secondo e terzo l’altro Sky, Geraint Thomas che indossa la maglia di leader della Volta ao Algarve davanti a Rosón, Kwiatkowski, Martin e Mollema.