Grodzicki situazione clinica stazionaria

Grodzicki situazione clinica dello sfortunato ciclista

Grodzicki situazione clinica stazionaria per il corridore caduto durante la seconda tappa di ‘Toscana Terra di Ciclismo – Eroica Under 23

Grodzicki situazione clinica stazionaria

Grodzicki situazione clinica stazionaria

Grodzicki situazione clinica stazionaria per il ciclista caduto durante la seconda tappa di ‘Toscana Terra di Ciclismo – Eroica’, Under 23, da Radicofani a Vetta Amiata.

Gli organizzatori, mediante una nota, hanno tenuto a precisare che sono costantemente in contatto con ospedale Le Scotte a Siena dove Cezary Grodzicki, 22enne italo-polacco del Team Palazzago,  è stato ricoverato presso il reparto di rianimazione dopo aver riportato un fortissimo trauma cranico oltre che la frattura di una vertebra.

“Ci risulta che il quadro clinico sia incoraggiante – ha detto Giancarlo Brocci, l’ideatore della corsa – dunque noi siamo molto fiduciosi che Cezary possa recuperare presto”. Secondo quanto raccontato da alcuni corridori che erano vicini a lui, l’incidente è avvenuto in pianura tra Montepulciano e Pienza. Cezary ha perso il controllo della bicicletta, probabilmente a causa di un piccolo avvallamento della strada, ed è caduto con il viso sull’asfalto.

GP Liberazione salvo ma scatta il boicottaggio

GP Liberazione è salvo ma scatta il boicottaggio dei team

GP Liberazione di Roma riservato agli Under 23 in programma il 25 aprile è confermato ma ora scatta il boicottaggio di tanti team

Gp Liberazione

Gp Liberazione

GP Liberazione non trova pace, dopo il forte rischio di annullamento dell’edizione 2018, martedì è arrivata la conferma che la corsa capitolina avrà anche una edizione anche per quest’anno. Una bella notizia per il movimento under 23 italiano e per tutto il mondo del pedale visto che fino a qualche giorno fa le possibilità di vedere la corsa capitolina prendere il via erano pressoché nulle.

Dunque, il prossimo 25 aprile a Roma si correrà sia il Liberazione femminile che quello maschile riservato agli under 23: la notizia, invece di unire il movimento  fatto scattare una vera e propria protesta che coinvolge i principali organizzatori italiani e le formazioni dilettantistiche.

Il GP Liberazione, lo sappiamo tutti,  non è una gara come le altre ma il tira e molla sulla possibilità di annullare la corsa, forse dettata da un gioco al rialzo per ottenere maggiori coperture economiche ha disturbato non poco i principali protagonisti del mondo dilettantistico italiano.

Secondo alcune indiscrezioni, infatti, sarebbe scattato una sorta di boicottaggio della prova romana da parte di alcune formazioni under 23:  “Io oggi, a meno di 20 giorni dal via, non cancello le iscrizioni ad un’altra gara per andare a correre il GP Liberazione“, sarebbe questa la presa di posizione comune di molti team che potrebbe portare ad una drastica riduzione degli atleti che saranno al via della corsa romana. Si attendono sviluppi.

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno vince Battistella

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno vince Samuele Battistella

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno vittoria di Samuele Battistella della Zalf Euromobil Désirée Fior davanti a Romano e Scroni

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno: vince Battistella

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno: vince Battistella

Coppa Fiera di Mercatale Valdarno, i colori della Zalf Euromobil Désirée Fior tornano sul gradino più alto del podio grazie alla splendida prestazione di Samuele Battistella, 19enne vicentino, che ha trovato il guizzo vincente proprio nella ambita prova toscana.

La vittoria del vicentino è legata allo splendido lavoro corale del team diretta da Gianni Faresin che è stato capace di controllare ogni tentativo di allungo e a spianare la strada per il colpo finale di uno degli uomini più attesi della vigilia.

Battistella si è riportato su due degli uomini più in forma del momento, Francesco Romano del Team Colpack e Scaroni della Petroli Firenze andati all’attacco e, grazie a uno straordinario forcing, è riuscito a resistere al rientro degli inseguitori andandosi a giocare lo sprint proprio con Scaroni avendo la meglio al fotofinish, sull’ex tricolore juniores.

Per la Zalf Euromobil Désirée Fior si tratta della quinta vittoria stagionale, mentre Samuele Battistella ottiene il suo primo alloro nella categoria Under 23.

“Sono felicissimo di questa vittoria, le gambe girano bene fin dall’inizio dell’anno ma per una serie di motivi non ero mai riuscito ad impormi. A Montecassiano mi hanno ripreso quasi sull’arrivo e domenica a Sovizzo mi è mancato lo spunto giusto nello sprint finalequalcosa allo sprint. La squadra è stata semplicemente fantastica nel rettilineo d’arrivo ho pensato solo a dare del mio meglio per conquistare questo successo” ha dichiarato Battistella subito dopo aver conquistato la Coppa Fiera di Mercatale Valdarno

Soddisfatto il ds Gianni Faresin che conquista la vittoria nella Coppa Fiera di Mercatale Valdarno dopo quattro anni di digiuno (nel 2014 si impose Alessandro Tonelli):   “Samuele è stato davvero impeccabile, è stato perfetto nel finale. Eravamo confidenti nella sua ottima condizione fisica e per questo ho chiesto alla squadra di essere molto compatta per supportare Battistella in tutti i momenti della corsa. Vincere in una corsa con 235 partecipanti è sempre un’impresa, questa è una di quelle giornate che si ricordano per tanto tempo”

 

Giro d’Italia Under 23 edizione 2018

Giro d’Italia Under 23 edizione 2018: motori accesi sul 2018

Giro d’Italia Under 23 dopo la rinascita dello scorso anno si è pronti per l’importante edizione 2018

Giro d'Italia Under 23: Pavel Sivakov

Giro d’Italia Under 23: Pavel Sivakov

Giro d’Italia Under 23, l’edizione dello scorso anno ha rappresentato la “rinascita” di una prestigiosa corsa che offre lustro al ciclismo italiano e ha garantito adeguato spettacolo e interesse non solo per gli addetti ai lavori ma anche per il pubblico.

Si stanno dunque sciogliendo gli ultimi dubbi e lunedì 19 febbraio 2018 alle ore 12 presso il Ministro per lo Sport verranno resi noti tutti i dettagli della nuova edizione del Giro d’Italia Under 23 (che ha presentato da poco il nuovo sito web).

Giro d’Italia Under 23: l’edizione 2017

La scorsa edizione, vinta da Pavel Sivakov ha colpito tutti e il vincitore ha trovato contratto al Team Sky, al momento la formazione di riferimento nel circuito World Tour. Non è stato solo il russo a giovarsi della popolarità offerta dalla Corsa Rosa Under 23, anche lo statunitense Neilson Powless, gli australiani Lucas Hamilton e Jai Hindley, il bielorusso Aliaksandr Riabushenko (poi laureatosi campione europeo U23), il sudafricano Nicholas Dlamini, il colombiano Álvaro José Hodeg, l’inglese Scott Davis, l’ucraino Mark Padun e  l’italiano Nicola Conci hanno trovato collocazione tra i migliori Team del circuito World Tour.

Giro d’Italia Under 23: l’edizione 2018

Saranno nove tappe da percorrere (da giovedì 7 a sabato 16 giugno 2018) attraversando 4 Regioni italiane.

I team al via saranno 29 tra cui 14 compagini stranieri di livello internazionale, per la gara che rappresenta a tutti gli effetti l’anticamera del professionismo. Anche l’edizione di quest’anno rappresenterà un valido trampolino per molti giovani e, ne siamo certi, i talenti del pedale mondiale non mancheranno di mettersi in mostra (ben nove dei primi dieci classificati dell’edizione passata hanno trovato ingaggio in team World Tour o Continental).
Il Giro d’Italia Under 23, fortemente voluto dal Presidente Renato Di Rocco con l’appoggio del Commissario Tecnico Strada Professionisti e Coordinatore delle Squadre Nazionali Davide Cassani, vedrà la direzione di corsa affidata a Raffaele Babini, Fabio Vegni e Stefano Ronchi con Giuliano Collina come ispettore di percorso

Tutte le partenze e gli arrivi di tappa avranno un villaggio in cui gli sponsor potranno presentare i propri prodotti e saranno animati con iniziative e attività sul ciclismo dedicati ai giovanissimi e alle famiglie

 

Mapei Sport in Portogallo

Mapei Sport in Portogallo: progetto giovani

Mapei Sport

Mapei Sport

Mapei Sport in Portogallo, la federazione Lusitana ha scelto il Centro Mapei di Olgiate Olona per avviare una collaborazione iniziata lo scorso ottobre. Già lo scorso dicembre una delegazione Mapei si era recata in Portogallo per incontrare il presidente della federazione, Delmio Pereira, e il coordinatore generale della Nazionale e coach della pista Gabriel Mendes e Amandio Santos.

La collaborazione si è concretizzata nel supporto al gruppo Under 23 a cui gli esperti del Mapei hanno fornito importante supporto tecnico per la preparazione degli allenamenti e il monitoraggio dell’attività agonistica. Il centro in collaborazione con l’Università di Scienze dello Sport svilupperà protocolli di test e valutazione attraverso il confronto sulle strumentazioni impiegate.

 

Intervista ad Ilaria “Yaya” Sanguineti

Ilaria Sanguineti Bronzo Europeo Under 23

Nostra gradita ospite per una divertente intervista è Ilaria Sanguineti, classe 1994, giovanissima e fortissima atleta dalle doti di passista veloce.

Ciao Ilaria, il ciclismo a torto a volte  non è considerato un sport femminile, come mai lo hai scelto proprio come tuo sport?

La  passione per il ciclismo mi è stata trasmessa da mio fratello Davide, che ha iniziato a correre per non si sa quale motivo.  Avendolo visto partire con la sua tutina tutta colorata e la sua bicicletta, mi sono incuriosita poi lui per me è da sempre fonte di grande ispirazione e cosi mi sono trovata in questa splendida “avventura”

Il ciclismo è uno sport di fatica che richiede dedizione e impegno quanto ha influenzato la tua adolescenza?
Posso essere sincera? Non ha assolutamente influenzato la ma adolescenza, perché se per i miei amici il divertimento era uscire il sabato sera per andare a ballare il mio divertimento era alzarmi la domenica mattina alle 5: quando loro rientravano dalla serata io mi preparavo per la corsa della domenica. E’ una cosa che ho sempre adorato e questo era il mio divertimento non cambierei nulla di quello che ho fatto.

Ok niente sacrificio ma tanta dedizione per una cosa che ami, con quali valori ti ha ripagato il ciclismo per tutto il tuo amore?

Devo dire che il ciclismo mi ha insegnato moltissime cose e me le insegna ancora oggi. Come prima cosa dire che mi ha trasmesso il senso del rispetto per gli altri e poi una delle cose più vere in assoluto: quello che il ciclismo ti toglie poi te lo ridà, secondo me proprio come nella vita.

Forse è una domanda scontata ma quale è stata l’emozione piu bella lagata al ciclismo?

Non c’è dubbio alcuno, è stata la medaglia d’argento al Campionato Europeo della corsa in linea Under 23 a Tartu in Estonia.

Tanto ciclismo nella tua vita ma cosa ti piace fare nel tempo libero?
Beh come ti dicevo non è che il tempo libero abbondi ma quando non corro o non mi alleno adoro uscir con i miei amici e passare ore a giocare alla play con mio fratello Davide… e soprattutto Batterlo!

Hai un genere musicale che ti piace ascoltare?

Devo ammettere che Ascolto tutti i tipi di musica, ma se devo dirti un genere in particolare, direi il latino americano

Peter Sagan

Hai un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o che ti ha ispirato?
Beh, come uomo sicuramente Peter Sagan, come donna Noemi Cantele, con cui ho avuto la fortuna di passare il mio primo anno da “grande” in squadra insieme, una ragazza unica.

Hai qualche “mito”oltre ai ciclisti come punto di riferimento?
Facile: Francesco Totti è il mio più grande idolo!

E per chiudere,  quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali?

Sono appena rientrata dalla trasferta in Cina. Ora un po’ di riposo a casa poi si organizzerà con la squadra i prossimi appuntamenti