IL TROFEO SENZA FINE ATTENDE A MILANO IL VINCITORE DEL GIRO 100

Il Trofeo Senza Fine a Milano

Il Trofeo Senza Fine esposto durante una cerimonia inaugurale dalla Madrina dell’evento, Giorgia Palmas, in Galleria Vittorio Emanuele II 

Da oggi e per un mese tutti i tifosi ed i turisti potranno ammirare il Trofeo senza Fine, destinato al vincitore della Classifica Generale del Giro d’Italia, esposto durante una cerimonia inaugurale dalla Madrina dell’evento, Giorgia Palmas, in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano.

Uno speciale conto alla rovescia targato TAG Heuer, official timekeeper della manifestazione, è partito per scandire il tempo che manca alla celebrazione del trionfatore dell’edizione numero 100 della Corsa Rosa. Per l’occasione il Trofeo senza Fine è stato realizzato in una speciale lega di oro rosa.

Jean-Claude Biver, CEO TAG Heuer e Presidente della Divisione Orologi del Gruppo LVMH, a proposito del ruolo di Official Timekeeper del Giro d’Italia assunto da TAG Heuer, ha dichiarato: “Il Giro d’Italia è una delle gare più importanti del circuito ciclistico internazionale. Una gara leggendaria ed iconica che celebra quest’anno la sua centesima edizione. Siamo quindi molto soddisfatti di essere l’Official Timekeeper di questo celebre circuito. Inoltre, la cultura di innovazione dimostrata dagli organizzatori è perfettamente in linea con lo spirito all’avanguardia di TAG Heuer”.

Michele Scarponi, Canazei in lutto

Michele Scarponi riceve un giusto tributo a Canazei

Michele Scarponi

Michele Scarponi: la stele

Poco più di un mese fa, per salutare al meglio l’arrivo di tappa del 100esimo Giro d’Italia, l’Amministrazione comunale di Canazei inaugurava una scultura che riproduce il famoso “trofeo senza fine” posizionata al centro della rotonda di via Pareda, dove vi rimarrà per tutta l’estate.
Alla notizia, di sabato scorso, della scomparsa del ciclista Michele Scarponi, a seguito del tragico incidente che lo ha coinvolto, l’amministrazione comunale di Canazei ha deciso, in segno di rispetto per questo grande atleta (vincitore dell’edizione 2011 del Giro d’Italia) di listare a lutto la scultura per un giusto tributo all’Aquila di Filottrano.

Un gesto di assoluto rispetto per un campione che mancherà a tutto il mondo del ciclismo non solo Italiano.