Gianni Moscon assolto per la caduta di Reichenbach

Gianni Moscon assolto: non ha fatto cadere Reichenbach

Gianni Moscon assolto: dopo tante polemiche l’UCI ha stabilito che il corridore del Team Sky non ha colpe nella caduta

Gianni Moscon Assolto

Gianni Moscon Assolto

Gianni Moscon assolto dal verdetto della Commissione Disciplinare della Uci e, dopo tante polemiche, il giovane talento del ciclismo italiano può tirare un sospiro di sollievo.

Gianni è un personaggio chiacchierato, non particolarmente ben visto da una parte del gruppo e dei giornalisti (soprattutto francesi).

Gianni Moscon assolto: i fatti

L’accusa rivolta a Moscon è legata ad un episodio accaduto durante la scorsa Tre Valli Varesine: Sebastian Reichenbach ha accusato il corridore italiano di averlo volutamente fatto cadere per colpa di alcune dichiarazioni legate alla vicenda che ha visto Gianni scontrarsi verbalmente con Kevin Reza, corridore francese di colore del team FDJ.

Successivamente il 23enne trentino si è scusato con Reza: «Ho sbagliato, mi è scappata una parola ma non sono razzista». Il francese ha accettato le scuse e dichiarato che per lui la vicenda si chiudeva lì. Anche i dirigenti dei due team avevano chiarito la faccenda ma ormai il caso era esploso e così i vertici della Sky hanno deciso di sospendere Moscon per sei settimane.

La vicenda sembrava giunta a conclusione ma, al termine della corsa Varesina Reichenbach, senza nominare Moscon, ha cinguettato su Twitter: «Sono scioccato per aver sentito degli stupidi usare ancora tra i professionisti delle offese razziste. Sei una vergogna per il nostro sport».

L’UCI ha quindi preso a valutare l’accadimento della corsa varesina mediante la Commissione Disciplinare. L’indagine ha portato ad evidenziare l’assenza di prove a carico del ciclista del Team Sky sull’aver fatto cadere volontariamente Sebastian Reichenbach durante la Tre Valli Varesine dello scorso anno.

Le accuse del corridore svizzero (frattura all’anca e al gomito) sono quindi infondate e la cosa non comporterà alcuna sanzione o squalifica al 24enne trentino.

 

 

Elena Morali, da miss ciclismo all’Isola dei Famosi

Elena Morali: miss ciclismo sbarca sull’Isola

Elena Morali dopo aver vinto all’età di 18 anni Miss Ciclismo, ha fatto la miss per diverse gare professionistiche e ha lavorato al Giro d’Italia ora è all’Isola dei Famosi

Elena Morali

Elena Morali

Elena Morali è arriva sull’Isola lunedì scorso, durante la seconda puntata del reality di Canale 5. Il pubblico del ciclismo dovrebbe averla conosciuta quando l’allora 18enne Bergamasca è stata incoronata in una nota discoteca di Milano alla presenza di campioni del ciclismo di oggi e di ieri come “Miss Ciclismo”.

La sua fu una vittoria netta: con 526 voti superò la milanese Aida Skriabina (425) e un’’altra meneghina Elisabetta Merafina (410).

Quel giorno venne premiata dal presidente di giuria Gianni Bugno affiancato dalle star del periodo: Danilo Di Luca, Damiano Cunego, Gilberto Simoni e Alessandro Petacchi. Nello stesso anno entra nello staf di ‘Colorado’ dove diventa un’icona sexy grazie alle sue curve generose. La bergamasca si affianca al suo attuale compagno (Gianluca Fubelli, in arte Scintilla) in diversi sketch di coppia

Dopo aver conquistato il titolo di Miss Ciclismo il suo rapporto con le due ruote è proseguito tanto da coprire il ruolo di Miss all’edizione 2009 del Trofeo Binda valido per la Coppa del Mondo Femminile, alla Tre Valli Varesine, alla Coppa Agostoni e in questa stagione, al Gran Premio di Lugano. Elena Morali è diventata madrina ufficiale del giro d’Italia nel 2009 ed è stata legata per un periodo a Renzo Bossi figlio dell’allora leader della Lega Nord.

Nel 2011 ricordava il suo ruolo di madrina delGiro d’Italia come: “l’esperienza più bella della mia vita, un mese in giro vedendo posti stupendi e facendo sorridere tanta gente. Ricordo con tanto piacere quell’esperienza che mi ha riavvicinata al ciclismo che praticavo da ragazzina. Oggi quando, facendo zapping, vedo una corsa televisiva mi fermo e la guardo”

 La nuova naufraga si è presentata in Palapa con un mini costumino adamitico fatto con appena due foglie di fico per mettere in evidenza il fisico da urlo: “Il mio arrivo sull’Isola dei Famosi è un po’ come l’arrivo di Eva nel Paradiso terrestre: voglio azzerare la Elena che vedete tutti e ricominciare dalla Elena che c’è in me”.

“Sono tre anni che provo a entrare nel cast dell’Isola dei famosi. Purtroppo non sono stata scelta però credo che il destino ce lo scegliamo noi e così ho detto: ‘No, non esiste che non mi prendano’. E alla fine ce l’ho fatta”, racconta la Morali nel video di presentazione dove si definisce una persona molto dolce “e non la bionda stupida come qualcuno può pensare”.

Tre Valli: Nibali premia agente della polizia

Tre Valli Varesine, Vincenzo premia Frank Milana

Tre Valli

Tre Valli, l’incidente del 2016

Tre Valli Varesine, edizione 2016, l’agente della polizia locale in servizio come scorta alla corsa fu travolto da un’auto che violò uno dei divieti di transito lungo il percorso della gara. L’impatto fu terribile e forse per miracolo l’agente Milana non riportò ferite più drammatiche della già non piacevole frattura del bacino. Trasportato in ospedale lo sfortunato agente presentava oltre alla succitata frattura anche non poche escoriazioni. In seguito all’incidente i sindacati di riferimento della polizia locale sollevarono alcune obiezioni sulla sicurezza della corsa e l’edizione di quest’anno ha visto un incremento delle misure preventive per evitare episodi analoghi.

Domani alle 14, presso la sede del comando di polizia locale di Varese, Vincenzo Nibali, incontrerà lo sfortunato agente di polizia e lo premierà con una delle sue maglie. L’omaggio al vigile ferito alla Tre Valli Varesine sarà, indirettamente, un omaggio a tutte le Forze dell’Ordine impegnate sulle strade

Gianni Moscon e le polemiche francesi

Gianni Moscon non trova pace in un 2017 comunque positivo

Gianni Moscon

Gianni Moscon

Gianni Moscon, giovane talento del Team Sky, nonostante un 2017 ricco di soddisfazioni sportive non ha trovato molta pace in questa stagione. A partire dalla brutta vicenda degli insulti a Reza passando per la squalifica al recente Mondiale di Bergen. E attorno alle polemiche su Gianni c’è sempre stato un corridore o una squadra transalpina.

La stagione di Gianni Moscon ha riservato non poche soddisfazioni tanto che il nostro corridore si è ritagliato un ruolo di primo piano nel ciclismo mondiale giungendo quinto alla Parigi Roubaix e mettendosi in mostra con il compito di gregario di lusso di Froome alla recente Vuelta Espana. Alle luci sportive hanno fatto, come si diceva, da contraltare le ombre extra corsa con l’episodio accaduto al Giro di Romandia dell’insulto razzista rivolto al francese Kevin Reza, portato all’onore della cronaca da un post su Twitter del corridore svizzero della FDJ Sebastien Reichenbach, per il quale Gianni è stato sospeso per sei settimane. Nel recente mondiale di Bergen c’è stato il famoso episodio del “traino” che ha coinvolto il CT Davide Cassani e l’atleta trentino.

Non poteva, dunque, mancare l’attacco frontale della stampa transalpina visto che Moscon aveva battagliato col francese Alaphilippe. Alla Tre Valli è stato ancora Reichembach ad attaccare Moscon accusandolo della sua caduta. Il filo conduttore delle polemiche che vedono protagonista Gianni Moscon è la presenza di un corridore o una squadra francese.

Gianni, in un recente articolo apparso su La Gazzetta dello Sport, si è espresso in merito alla vicenda della Tre Valli: “La storia è sempre la stessa e coinvolge sempre le stesse squadre e le stesse persone. La stampa francese è contraria alla Sky e la stessa FDJ non perde l’occasione per polemizzare con il mio team, un po’ come è avvenuto al Tour per il nostro body da cronometro (la tecnologia Vortex Generator ndr)”.

«Moscon l’ennemi public n° 1». Moscon il nemico pubblico numero uno è il titolo del pezzo che l’Equipe ha dedicato al trentino: “In qualche mese il giovane corridore italiano si è guadagnato una reputazione da fare arrossire Joe Pesci”. Gianni Moscon avrà commesso qualche errore ma, come a volte accade, la stampa transalpina esagera un po’ nel commentare i fatti che riguardano i loro atleti

 

Alexander Geniez conquista la Tre Valli

Alexander Geniez anticipa Pinot e Nibali

Alexander Geniez

Alexander Geniez vince a Varese

Alexander Geniez fa sventolare il tricolore sulla Tre Valli Varesine. Purtroppo per noi è il tricolore sbagliato, non quello italiano ma quello francese a sventolare sui primi due gradini del podio della corsa bosina. Il nostro Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) fa il diavolo a quattro nel finale, attaccando a  ripetizione, ma sul traguardo di Varese deve accontentarsi del terzo posto alle spalle dei due francesi Geniez (Ag2R La Mondiale)  Pinot (FDJ).

Corsa caratterizzata da una fuga iniziale che, come da previsioni, non va in porto in quanto il gruppo lavora sodo per ricompattare la corsa in vista dell’ultimo decisivo giro nella Città Giardino. La Bahrain-Merida fa lavorare a fondo Sonny Colbrelli per puntare tutto su Vincenzo Nibali. Il ritmo è altissimo e nessuno riesce ad allungare prima dei meno 3 km all’arrivo. A quel punto prova il forcing Giovanni Visconti ma, sulla salitella di Bobbiate è lo squalo ad attaccare.

Al siciliano si accoda Thibaut Pinot  assicurando cambi regolare ma, entrati nell’ultimo chilometro i due si controllano troppo permettendo ad Alexander Geniez di rientrare e sorprendere i due contendenti nella volata ristretta. Si tratta della prima affermazione francese nella storia della Tre Valli Varesine, affermazione di pura scaltrezza di un Geniez che legge perfettamente la corsa. A ridosso dei tre, accreditato con lo stesso tempo, giunge Diego Ulissi (UAE Emirates), che perde  l’attimo buono e si piazza in quarta posizione.

Tre Valli Varesine: due grandi eventi internazionali

Tre Valli Varesine presentate oggi la gara dei pro e la granfondo

Tre Valli Varesine

Tre Valli Varesine

Tre Valli Varesine, presentati questa mattina in Camera di Commercio di Varese i prossimi eventi internazionali della Società Ciclistica Alfredo Binda: la 2° Gran Fondo Tre Valli Varesine che si terrà sabato 30 settembre e domenica 1° ottobre e la 97° Tre Valli Varesine in programma martedì 3 ottobre con partenza dalla Città di Saronno e arrivo in via Sacco a Varese.

Due eventi per gli amanti della bicicletta. Il primo, la Gran Fondo, dedicata ai cicloamatori con già 2.110 iscritti da tutto il Mondo e la Tre Valli Varesine che quest’anno vanta ciclisti professionisti di altissimo livello del calibro di Fabio Aru, Rigoberto Uran, Vincenzo Nibali, Tom Dumulin, Nairo Quintana.

«Il successo di questi eventi è frutto di un grande lavoro di squadra fatto di passione, serio impegno e sacrifici da parte di tutti noi della S.C. Binda, dei nostri partner, dei nostri volontari, delle Istituzioni, Enti, Forze dell’Ordine, Istituti scolastici e Imprese che credono in noi. – Afferma Renzo Oldani, presidente della Società Ciclistica Alfredo Binda – Gli eventi internazionali rappresentano un importante volano per l’economia del nostro territorio e sono una fondamentale vetrina mediatica, grazie alla diretta della Tre Valli di RAI 3 e la differita di RAI Sport ed Eurosport, capace di portare le bellezze e le peculiarità della nostra provincia in tutto il Mondo, quest’anno anche in Oceania.»

«Siamo ormai pronti per una quattro giorni a tutto ciclismo: il weekend della Tre Valli Varesine s’allunga dalla cronometro del sabato fino alla classica dei professionisti del martedì, richiamando sempre più appassionati. – Afferma Giuseppe Albertini, presidente Camera di Commercio Varese – Vivremo giornate intense tra sport e valorizzazione delle nostre bellezze non solo ambientali, ma anche artistiche. La Tre Valli Varesine permetterà infatti, con l’ormai consueta lunga diretta televisiva, di far conoscere tutti quei luoghi ricchi di fascino naturalistico e architettonico che rendono unica la nostra terra. Come Camera di Commercio, attraverso l’operatività della Varese Sport Commission, crediamo fortemente nel ruolo dello sport – a livello sia agonistico, sia amatoriale – quale importante fattore di promozione territoriale, con indubbie ricadute sul sistema dell’accoglienza e, più in generale, sull’economia provinciale. Ecco perché siamo vicini agli organizzatori della Società Ciclistica Binda. E in più – continua Albertini – quest’anno ci saranno in azione i nostri Tourist Angel: sono i ragazzi delle scuole superiori che – grazie a un progetto avviato a primavera dalla Camera di Commercio e dalla Regione Lombardia con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese – nel loro percorso di alternanza scuola/lavoro si mettono in gioco con entusiasmo e competenza per ampliare la rete d’informazione turistica, affiancando gli operatori degli infopoint.»

La 2° Gran Fondo Tre Valli Varesine e la 97° Tre Valli Varesine chiuderanno un’intensa ed entusiasmante stagione di eventi sportivi racchiusi nel Progetto Binda 2017 composto da 9 competizioni ciclistiche dedicate ai bambini, agli allievi ma anche manifestazioni cicloturistiche e pedalate a fini benefici e sociali.

Tre Valli Varesine presentata la 97esima edizione

Presentata la 97° edizione della Tre Valli Varesine,  che chiude il Trittico Lombardo

Tre Valli Varesine

Tre Valli Varesine

Presentata questa mattina al 39° piano di Palazzo Regione Lombardia a Milano alla presenza del Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e dell’Assessore allo Sport Antonio Rossi, la 21° edizione del Trittico Regione Lombardia: manifestazione ciclistica internazionale che comprende le storiche corse in linea maschile di ciclismo su strada: 71° Coppa Agostoni (13/09/2017), 99° Coppa Bernocchi(14/09/2017) e a chiusura la 97° Tre Valli Varesine (03/10/2017).

Quest’anno si correrà martedì 3 ottobre, per le strade della Provincia di Varese, la 97° edizione della Tre Valli Varesine, gara entrata a pieno titolo nella storia del ciclismo italiano e internazionale organizzata dalla Società Ciclistica Alfredo Binda che nel suo palmares vanta due Campionati del Mondo nel 1951 e Varese 2008 e l’organizzazione del prossimo Campionato del Mondo di Gran Fondo: 2018 UCI GRAN FONDO WORLD CHAMPIONSHIPS.

 La corsa regina partirà per il secondo anno consecutivo dalla Città di Saronno visto il grande successo riscosso nella scorsa edizione e, percorrendo circa 200 chilometri, abbraccerà l’intera provincia da Sud a Nord arrivando nel cuore di Varese con traguardo in via Sacco davanti ai Giardini Estensidove ha sede il palazzo comunale. La Tre Valli è una gara categoria 1.HC del calendario europeo UCI (l’organizzazione mondiale che coordina l’attività agonistica internazionale di ciclismo).

 Il tracciato prevede un primo tratto in linea che corre lungo la strada provinciale Varesina e costeggia due laghi quello di Varese e quello di Comabbio. La corsa poi attraverserà gli affascinanti boschi del Parco del Campo dei Fiori per concludersi con 9 giri del famoso circuito cittadino di Varese.

 A conferma che la Tre Valli Varesine è una gara dal respiro internazionale e che il tracciato piace ai professionisti provenienti da tutto il Mondo prenderanno parte alla gara:

12 squadre della categoria UCI World Team: Team Sky, Astana Pro Team, Bora-Hansgrohe, Trek-Segafredo, Team Dimension Data, Movistar Team, AG2R La Mondiale, UAE Team Emirates, Cannondale-DRAPAC, Bahrain-Merida, FDJ, Orica-Scott e, ovviamente la Nazionale Italiana guidata da Davide Cassani.
7 squadre dell’UCI Professional Team: Androni Giocattoli, Bardiani-CSF, Wilier Triestina, Nippo-Vini Fantini, Caja Rural-Seguros RGA, Israel Cycling Academy, Gazprom-Rusvelo.
4 squadre dell’UCI Continental Team: Sangemini-MG.K.VIS, Uni Euro Trevigiani-Hemus 1896, D’Amico Utensilnord, Amore&Vita-Selle SMP.

Gli organizzatori confermano con orgoglio che tutte le gare del Trittico saranno seguire dalla diretta televisiva di RAI e dalla differita di Eurosport in oltre 70 Paesi del Mondo.

Oltre ad un grande appuntamento sportivo ed un evento storico entrato a pieno titolo nel cuore dei cittadini, la Tre Valli Varesine ha un grande valore culturale di promozione del territorio. Le bellezze della provincia di Varese saranno trasmesse in Mondo visione.

 A rendere possibile l’organizzazione di questo grande evento, l’appuntamento sportivo più importante di tutto il varesotto, contribuiscono in maniera significativa, facendo squadra, Istituzioni pubbliche come, in primis, Regione Lombardia, la Provincia di Varese, il Comune di Saronno e il Comune di Varese e la Camera di Commercio di Varese.

Gran Fondo Tre Valli Varesine : un nuovo partner

Gran Fondo Tre Valli Varesine: CDV partner della corsa!

Gran Fondo Tre Valli Varesine

Gran Fondo Tre Valli Varesine

Gran Fondo Tre Valli Varesine è una corsa giovane, che quest’anno sarà alla seconda edizione ma che già ha un ruolo di primo piano nel panorama mondiale delle GF.

Gli organizzatori della 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine annunciano con entusiasmo la nuova partnership con il Centro Diagnostico Varesino. Il CDV è la struttura poliambulatoriale privata che da oltre trent’anni svolge accertamenti sanitari e visite specialistiche nel cuore di Varese.

La nuova collaborazione è un aspetto molto importante per il benessere fisico degli oltre 1500 ciclisti che parteciperanno alla Gran Fondo 2017 di Varese. L’accordo con CDV prevede, infatti, la presenza per i due giorni della manifestazione (sabato 30 settembre la Crono e domenica 1° ottobre la Medio e Gran Fondo) di un’equipe formata da fisioterapisti e un medico ortopedico

Una vera e propria postazione mobile dove i partecipanti potranno ricevere gratuitamente trattamenti fisioterapici e un primo parere medico in caso di piccoli infortuni o dolori muscolari.

 Una novità di grande impatto per i partecipanti della Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 che da quest’anno è entrata nel calendario UCI GRAN FONDO WORLD SERIES e sarà prova di qualificazione del Campionato del Mondo 2018 che si terrà proprio nella Città Giardino.