Team Sky transizione a Team Ineos con proteste

Team Sky transizione a Team Ineos

Team Sky transizione a Team Ineos al Tour de Romandie e al Tour de Yorkshire non senza le polemiche degli ambientalisti

Team Sky/INEOS

Team Sky/INEOS

Team Sky transizione a Team Ineos ormai inevitabile da martedì al Tour de Romandie con la formazione britannica che correrà con la nuova denominazione mantenendo però kit blue e nero che ricorda in modo netto la livrea del Team Sky.

Sarà il vincitore del Tour de France del 2018, Geraint Thomas, a guidare il nuovo corso del team con il veterano Vasil Kiryienka che torna a correre dopo i problemi legati a un’anomalia cardiaca.

Le regole dell’UCI vietano a una squadra di cambiare nome e kit durante una gara e la metamorfosi definitiva del Team Sky in Team Ineos è prevista per il 1 ° maggio quindi la Liegi-Bastogne-Liegi è stato il momento del saluto del brand Sky al ciclismo.

L’effettivo rebranding, però, avverrà mercoledì prossimo quando, in vista del Tour de Yorkshire del 2019 quando dovrebbe essere presentato il nuovo kit che i rumors dicono sarà nero e cremisi.

Il nuovo brand che legherà la multinazionale Ineos di Jim Ratcliffe alla formazione britannica ha suscitato non poche proteste da parte degli ambientalisti a causa delle attività di “fracking” della compagnia.

Il fracking è lo sfruttamento della pressione di un fluido, in genere acqua, per creare e poi propagare una frattura in uno strato roccioso nel sottosuolo.

Il gruppo ambientalista Frack Free United pare abbia preparato 15.000 maschere con il volto di Ratcliffe con le corna del diavolo da distribuire alla partenza di a Doncaster.

Sarà Chris Froome a guidare il Team Sky al Tour de Yorkshire e prenderà parte alla presentazione del Team Ineos con il team manager Dave Brailsford e Ratcliffe.

Steve Mason leader del Frack Free United ha spiegato il motivo dell’imminente protesta:

“I nostri piani sono di sfruttare la gara come veicolo per sensibilizzare l’opinione pubblica. Abbiamo gruppi sparsi nello Yorkshire pronti a distribuire volantini e materiali e vogliamo sensibilizzare su cosa da la Ineos e quale impatto avranno nello Yorkshire se potranno iniziare a operare nell’area. Non abbiamo nulla contro il Tour de Yorkshire ma vogliamo segnalare come il gruppo usi lo sport, non solo il ciclismo, per politiche di greenwash sull’immagine dei combustibili fossili, penso questo che sia vergognoso”

Dave Brailsford e il team sono stati criticati per essersi legati con uno dei maggiori produttori europei di materiali plastici a meno di un anno dalla campagna di Sky per il rispetto degli oceani e la richiesta di stop dell’impiego della plastica monouso.

Il Team non ha voluto commentare questi accadimenti ma ha tenuto a precisare che anche il Team Ineos avrà un occhio di riguardo per il “green”:

 “Il team si impegna a ridurre l’uso di materie plastiche monouso ed è orgoglioso della consapevolezza che abbiamo contribuito a sollevare finora. Sappiamo che continuerà ad essere una priorità per INEOS, data la loro Impegno verso nuove soluzioni tecnologiche per il riciclaggio e il riutilizzo delle materie plastiche con attenzione all’economia circolare” ha spiegato il portavoce della squadra.

Mark Cavendish continua ad avere problemi di salute

Mark Cavendish continua con i suoi problemi

Mark Cavendish continua ad avere problemi in questa stagione 2018 assolutamente avara di soddisfazioni per l’ex Campione del Mondo

Mark Cavendish continua ad avere grossi problemi

Mark Cavendish continua ad avere grossi problemi

Mark Cavendish continua ad avere grossi problemi in questo 2018 che non sarà certamente una stagione da ricordare per l’ex Campione del Mondo. L’ultima vittoria del britannico, infatti, risale ad addirittura oltre sei mesi fa (una tappa al Tour del Dubai).

Al successivo Abu Dhabi Tour Mark è stato protagonista di un episodio ai limiti del surreale quando nella fase neutralizzata della prima tappa si è schiantato contro un’auto dell’organizzazione che aveva inaspettatamente frenato

Una rovinosa caduta alla Tirreno Adriatico lo aveva costretto ad abbandonare la corsa dei due mari stesso destino alla Milano-Sanremo. Rientrato dai postumi degli incidenti al Tour de Yorkshire nel mese di maggio, concluso con un ritiro ed anche in California e in Slovenia non ha combinato nulla di significativo

Il campione inglese ha poi preso parte al Tour de France 2018 ma è andato fuori tempo massimo nella tappa alpina di La Rosiere per poi partecipare alla Prudential Ride London dello scorso fine luglio e poi ad agosto è sparito dai radar.

Mark Cavendish continua nel 2018?

Apparentemente la stagione di Mark potrebbe essersi già conclusa e anche la sua avventura in maglia Dimension Data parrebbe essere giunta al capolinea. Il corridore è infatti in scadenza di contratto con la formazione sudafricana e le parti non paiono interessate a una prosecuzione del rapporto.

L’ultimo problema, solo in ordine di tempo, a costringere il britannico ad uno stop è, secondo quanto riportato dal periodico belga Het Laatste Nieuws, la mononucleosi (virus di Epstein-Barr).

In  una nota diffusa dal si evince che il corridore si sarebbe anche allenato inconsapevolmente e avrebbe corso con l’EBV negli ultimi mesi costringendolo ora ad un periodo di riposo forzato.

L’ex iridato ne aveva già sofferto durante la scorsa restando per ben tre mesi lontano dalle corse. Questa volta pare che già durante il Tour il corpo dell’atleta fosse indebolito dalla fastidiosa malattia ma dopo il ritiro dalla Grande Boucle appositi esamini ne hanno certificato il problema.

Ora dopo due stagioni in cui ha accumulato la miseria di due vittorie complessive, con il contratto in scadenza Cavendish non ha un grande appeal sul mercato per la stagione 2019, che si dia al motociclismo? Naturalmente stiamo scherzando!

Serge Pauwels conquista la tappa al Tour de Yorkshire

La Dimension Data è la mattatrice dell’ultima tappa del Tour de Yorkshire 2017. La squadra sudafricana fa il bis sul traguardo di Sheffield grazie a Serge Pauwels che trinfa davanti al compagno di squadra Omar Fraile.

Ordine d’arrivo

1 Serge Pauwels (Dimension Data)
2 Omar Fraile (Dimension Data)
3 Jonathan Hivert (Direct Energie)
4 Brent Bookwalter (BMC Racing Team)
5 Tao Geoghegan Hart (Team Sky)

Classifica generale

1 Serge Pauwels (Dimension Data)
2 Omar Fraile (Dimension Data)
3 Jonathan Hivert (Direct Energie)
4 Brent Bookwalter (BMC Racing Team)
5 Matthew Holmes (Madison Genesis)

Paura per Bouhanni

Attimi di paura per Nacer Bouhanni o al Tour de Yorkshire 2017, il francese è caduto rovinosamente a circa 20 chilometri dalla conclusione della tappa di oggi, rimanendo immobile a terra privo di sensi. Tempestivi i soccorsi, il corridore della Cofidis che è stato trasportato all’ospedale più vicino. Fortunatamente durante il trasporto in ambulanza il corridore ha ripreso conoscenza.

 

Bernard Eisel e il suo magnifico gesto

Risultati immagini per tour of yorkshire eisellNe abbiamo parlato in questo articolo del bel gesto di Bernard Eisel che ha “portato” al traguardo la bicicletta di Marco Haller, caduto durante il Tour de Yorkshire.

Ma vediamo meglio chi è Eisel. Nato a Voirsberg in Austria, comune di  9 474 abitanti, è passato professionista nel 2001. E’ giunto 64esimo al Giro d’Italia del 2003, nel 2005 ha vinto la  1ª tappa del Tour de Suisse (Weinfelden), nel 2006 la 2ª tappa Tre Giorni di La Panne e nel 2009 ha bissato la vittoria al Tour de Suisse sempre nella prima (Davos) ha poi conquistato molte altre vittorie in corse di minor importanza.

Dal 2016 è in forza alla Dimension Data

 

I team per cui ha corso:

2001-2002 Mapei
2003-2004 fdjeux.com
2005-2006 Française des Jeux
2007 T-Mobile
2008 Team High Road
2008-2009 Team Columbia
2010-2011 Team HTC
2012-2015 Sky
2016- Dimension Data

 

Il bel gesto di Bernard Eisel

Giornata negativa per Marco Haller ieri al Tour de Yorkshire 2017. L’austriaco è infatti caduto rovinosamente nel finale della tappa  non riuscendo a ripartire.

I controlli clinici eseguiti subito dopo in ospedale hanno evidenziato la frattura della clavicola destra che richiede un’intervento chirurgico per ridurre la frattura e che costringerà Haller ad alcune settimane di riposto forzato.

Curiosamente Haller risulta comunque nell’ordine d’arrivo, come mai? Grazie a Bernard Eisel (Dimension Data) che vedendo Marco cadere e restare al suolo, ha deciso di tagliare il traguardo spingendo anche la bicicletta del connazionale.

 

A Dylan Groenewegn la prima tappa del Tour de Yorkshire

Dylan Groenewegn vince la prima tappa

Dylan Groenewegn vince la prima tappa al Tour de Yorkshire 2017 al termine di una volata segnata da una caduta nel finale.

Groenewegen batte Ewan al colpo di reni © Tour de YorkshireDylan Groenewegn vince la prima tappa al Tour de Yorkshire 2017 al termine di una volata segnata da una caduta nel finale.

Il corridore della LottoNL – Jumbo coglie l’attimo giusto per partire e resiste al rientro di Caleb Ewan (Orica-Scott) festeggiando la vittoria e la maglia da leader grazie a un formidabile colpo di reni

A completare il podio è (Bike Channel – Canyon), che anticipa il francese Nacer Bouhanni (Cofidis).

Sesto posto per il nostro Kristian Sbaragli (Dimension Data).