Giro di Polonia presentazione ufficiale a Varsavia

Giro di Polonia presentazione ufficiale

Giro di Polonia, tema di fondo i 100 anni del Comitato Olimpico Polacco. 4a tappa: arrivo inedito sul muro di Kocierz con pendenze oltre il 20%

Giro di Polonia

Giro di Polonia

Con la presentazione andata in scena oggi presso l’Hotel InterContinental di Varsavia si è ufficialmente alzato il sipario sull’ edizione numero 76 del Tour de Pologne – UCI World Tour.

LA CORSA
Il Tour de Pologne si conferma anche nel 2019 come l’evento sportivo annuale più importante della Polonia e la corsa ciclistica più prestigiosa di tutto l’est Europa, l’unica di questa area geografica a essere inserita nel calendario UCI World Tour.

7 le tappe in programma. Grand Depart sabato 3 agosto da Cracovia, capitale storica e culturale della Polonia e traguardo finale venerdì 9 agosto a Bukowina Tatrzanska, con tanta salita, nel cuore dei monti Tatra. Nel mezzo grandi volate, spettacolari arrivi in salita e il terreno adatto alle fughe. Di seguito il dettaglio delle tappe:

Stage 1: 3.08 Kraków – Kraków / 136 km
Stage 2: 4.08 Tarnowskie Góry – Katowice / 153 km
Stage 3: 5.08 Stadion Slaski, Chorzów – Zabrze / 157 km
Stage 4: 6.08 Jaworzno – Slaskie, Kocierz / 173 km
Stage 5: 7.08 Kopalnia Soli „Wieliczka” – Bielsko-Biala / 154 km
Stage 6: 8.08 Malopolska, Zakopane – Zakopane / 155 km
stage 7: 9.08 BUKOVINA Resort – Bukowina Tatrzanska / 132,5 km
Total: 1060,5 km

 

La corsa è stata introdotta con un format moderno e accativante ricco di contenuti multimediali consentendo di vivere questo momento non solo agli ospiti (autorità, sponsor e media) presenti in sala, ma anche al grande pubblico degli appassionati grazie alla trasmissione in diretta TV sul canale polacco TVP Sport e in streaming sul canale YouTube della corsa. Prima di entrare nel vivo dell’edizione 2019, attraverso un video emozionale, è stato possibile rivivere le imprese spettacolari grazie alle quali Michal Kwiatkowski ha trionfato nella sua corsa di casa lo scorso anno.

L’edizione 2019 del Tour de Pologne avrà come tema di fondo gli sport olimpici rendendo così omaggio all’anniversario dei 100 anni del Comitato Olimpico Polacco.
Grafica accattivante quella che accompagna questa edizione 76 del Tour de Pologne. Il layout propone un disegno raffigurante tre generazioni di ciclisti polacchi che pedalano insieme verso il sogno olimpico. Nell’immagine (da sinistra a destra) troviamo raffigurati: Ryszard Szurkowski (due medaglie d’argento alle Olmpiadi nella cronosquadre, Monaco ‘72 e Montreal ‘76), Czeslaw Lang (argento alle Olimpaidi di Mosca ’80) e Rafal Majka (bronzo alle Olimpiadi di Rio 2016), mentre sullo sfondo ci sono le immagini che richiamano la città di Cracovia, sede della Grand Depart, e i Monti Tatra simbolo del finale della corsa.

“Nell’anno che precede i Giochi Olimpici con l’edizione numero 76 del Tour de Pologne inizieremo idealmente a pedalare verso Tokyo 2020, rendendo omaggio a quelli che sono stati i grandi campioni olimpici polacchi e agli atleti che sognano di partecipare, e magari vincere una medaglia, ai prossimi Giochi. Io nella mia carriera ho avuto il privilegio di vivere questa emozione e so l’importanza che rappresenta per un atleta” dice Czeslaw Lang medaglia d’argento alle Olimpiadi di Mosca ’80 e primo ciclista professionista polacco oltre cortina.

Abbiamo disegnato un percorso all’insegna della tradizione ma non privo di novità. I primi due giorni, con gli arrivi a Cracovia e Katowice, saranno dedicati agli sprinter. Già con la terza tappa la corsa presenterà degli spunti interessanti; come nel 2018 partiremo dallo stadio Slaski di Chorzów, però quest’anno ci sarà ancora più spettacolo con il gruppo che dopo un circuito cittadino farà un altro passaggio all’interno dello stadio. Sicuramente la quarta tappa sarà la novità più grande, questa frazione infatti presenta un arrivo completamente inedito per il Tour de Pologne, la salita che porta al traguardo di Kocierz è un muro di circa 1 km con pendenze oltre il 20%, una salita durissima tutta da scoprire che promette spettacolo. Con la quinta tappa torneremo sul traguardo di Bielsko-Biala dove gli sprinter dovranno fare attenzione se vorranno vincere, infatti lo scorso anno ad avere la meglio alla fine fu Kwiato con una bellissima vittoria. Poi c’è la sesta tappa, a Zakopane, che stata disegnata su un percorso nuovo, ancora più spettacolare con l’ultima salita, molto impegnativa, a circa 4 km dall’arrivo, un trampolino perfetto per chi vuole tentare un attacco. Con la settima e ultima tappa come sempre ci sarà il gran finale sul circuito impegnativo di Bukowina Tatrzanska, terreno ideale per chi avrà ancora le gambe per inventare qualcosa. L’augurio è di avere come sempre al via grandi campioni compresi Michal Kwiatkowski e Rafal Majka che sono i due massimi esponenti del nostro movimento e insieme a loro tante altre stelle del ciclismo internazionale. Senza tralasciare il fatto che il Tour de Pologne ogni anno ha il merito di scoprire e portare alla ribalta nomi di giovani nuovi e promettenti. Mi fa piacere anche ricordare che il vincitore della Ronde van Vlaanderen Alberto Bettiol nel 2016 era salito sul nostro podio finale, terzo” spiega Czeslaw Lang.

Alla presentazione sono intervenuti il rappresentante del Comune di Varsavia e poi i rappresentanti delle città sede di partenza e arrivo delle tappe. Tra gli ospiti illustri anche il rappresentante del Ministero dello Sport e del Turismo, i rappresentanti del Comitato Olimpico e il Presidente della Federazione Ciclisica Polacca Janusz Pozak; chiaramente gli sponsor che sostengono con impegno e passione il progetto del Tour de Pologne e senza i quali tutto questo non sarebbe possibile. Presenti anche tanti corridori di oggi e di ieri che hanno fatto la storia del Tour de Pologne. E inoltre i vertici della UEC (Union Européenne de Cyclisme) con Wojciech Walkiewicz, presidente onorario, e Alexander Gusyatnikov, vice-presidente; ricordiamo che anche Agata Lang, vice-direttore generale del TDP, fa parte del management board della UEC con il ruolo di vice-presidente.

LE MAGLIE
4 le maglie del Tour de Pologne: la maglia GIALLA del leader della classifica generale (sponsorizzata da CARREFOUR). La maglia MAGENTA dei gran premi della montagna (sponsorizzata da TAURON). La maglia BIANCA degli sprinter (sponsorizzata da LOTOS). La maglia BLU del corridore più attivo in gruppo (sponsorizzata da LOTTO).
A queste si aggiungono: la classifica del miglior corridore polacco (sponsorizzata da LOTOS) e la classifica a squadre.

I TEAM AL VIA
Tra i numerosi ospiti presenti in sala c’erano anche Piotr Wadecki direttore sportivo del CCC Team e commisario tecnico della Nazionale Polacca di ciclismo e Renat Khamidulin team manager della Gazprom–RusVelo. La Nazionale Polacca e il team Gazprom – RusVelo assieme ai team Cofidis Novo Nordisk sono le quattro squadre che hanno ricevuto la wild card dagli organizzatori per prendere parte, assieme alle 18 squadre World Tour che partecipano di diritto, all’edizione numero 76 del Tour de Pologne.


GLI EVENTI DEL TDP
Bambini

Corsa dei prof ma non solo. Come da tradizione il Tour de Pologne sarà affiancato da due eventi importanti che ogni hanno raccolgono interesse e entusiasmo sempre crescente. Uno dedicato ai più giovani. Si tratta del Kinder+Sport Mini Tour de Pologne che prevede (in 6 delle 7 tappe del TDP ad eccezione dell’ultima tappa di Bukowina Tatrzanska), una pedalata non competitiva per tutti i bambini dai 7 ai 12 anni prima dell’arrivo dei professionisti. Per questioni logistiche nella 4a tappa con arrivo a “Slaskie, Kocierz” la pedalta sarà effettuata alla partenza.

Accanto a questo ci sarà anche il Kinder+Sport Mini Tour de Pologne CUP, l’evento competitivo, con la gara per le squadre dei ragazzini dei club (11-14 anni). Ogni giorno verranno assegnati dei punti e al termine delle 5 prove i migliori 3 delle classifiche – maschile / femminile / squadre – saranno invitati per essere premiati assieme ai professionsiti sul podio finale di Bukowina Tatrzanska.
Si tratta di due manifestazioni importanti, che godono del patrocinio del Ministero dello Sport, atte a promuovere lo sport e uno stile di vita sano tra i più giovani.

Amatori
L’altro evento invece è dedicato agli appasionati. Come da tradizione l’ultimo giorno del Tour de Pologne verrà proposta la gara per amatori e cicloturisti che prende il nome Tour de Pologne Amatorow. Al via dalla splendida cornice offerta dal BUKOVINA Resort ci sarà anche il direttore generale del TDP Czeslaw Lang e altri ospiti dello sport. Parte del ricavato delle iscrizioni verrà donato al sostentamento delle spese mediche di Ryszard Szurkowski, ex professionsta polacco grande amico di Czeslaw Lang e del Tour de Pologne, impegnato nel lungo e difficile percorso di riabilitazione che sta effetuando per recuperare dall’infortunio subito in un brutto incidente in bicicletta lo scorso anno.

La gara porterà gli appassionati a pedalare su parte dello stesso percorso affrontato dai professionisti nell’ultima spettacolare tappa di Bukowina Tatrzanska. Anno dopo anno la corsa vede al via sempre più appasionati, un segnale importante della crescente passione per le due ruote in Polonia. Nel 2018 hanno partecipato alla gara oltre 2500 ciclisti.

Infine anche quest’anno ogni giorno al Tour de Pologne sarà presente il Museo Mobile, che ha avuto tanto successo lo scorso anno, che raccoglie e racconta la storia del ciclismo e delle corsa polacca. E inoltre in questa edizione ogni giorno verrà allestito un villaggio denominato “Wyscig po Zdrowie”, con diverse attrazioni, che mira a promuovere un corretto stile di vita: l’alimentazione, la profilassi e la prevenzione contro le malattie, l’attività fisica e molto altro ancora tutto da scoprire.

FONTE COMUNICATO STAMPA

 

Tour de Pologne l’entusiamo di Niemiec

Tour de Pologne “torna” Przemyslaw Niemiec

Tour de Pologne l’entusiamo di Niemiec, l’ex prof polacco “torna” in gruppo collaborando con lo staff del Lang Team.

Tour de Pologne

Tour de Pologne

Quando si ama davvero il ciclismo è impossibile restare lontano a lungo dalla bicicletta. Przemyslav Niemiec ha da pochi mesi appeso la bicicletta al chiodo, la sua ultima corsa è stata il Tour of Turkey nell’ottobre del 2018, corsa dove tra l’altro aveva ottenuto il suo ultimo successo nella prima tappa dell’edizione 2016.

Nel 2019, ritroveremo Przemyslav Niemiec di nuovo attivo nel ciclismo che conta, questa volta però con un nuovo ruolo. Niemiec infatti è appena entrato a fare parte dello staff di Czeslaw Lang e collaborerà attivamente con il Lang Team nell’organizzazione del Tour de Pologne – UCI World Tour.

Tour de Pologne

Tour de Pologne

“Sono entusiasta di questa nuova avventura. Il Tour de Pologne ha sempre avuto un fascino speciale per me, da ragazzino quando andavo a vedere la corsa facendo il tifo ai bordi della strada sognavo di essere un giorno tra quei campioni. Poi quel sogno è diventato realtà e la mia carriera mi ha regalato tante belle soddisfazioni. Però poi arriva il momento in cui bisogna saper smettere. In totale ho partecipato per 12 volte al Tour de Pologne, il primo è stato nel 2002. Impossibile non amare la corsa della propria nazione, ho tanti bei ricordi per esempio quando nel 2004 ho fatto terzo nella cronoscalata di Karpacz vincendo poi la maglia del migliore scalatore e poi il 2014 quando ho fatto 5° della classifca generale. Nel 2018 l’ho corso per l’ultima volta e nella 4a tappa ho anche avuto il privilegio di passare per Wilamowice, vicino a dove risiedo, e potermi fermare qualche secondo per salutare mia moglie, i miei figli e tutti i miei tifosi. Ho sempre avuto grande ammirazione per Czeslaw Lang, sia per quello che ha fatto da corridore che poi per il Tour de Pologne e il ciclismo polacco” dice Przemyslav Niemiec.

17 stagioni tra i professionisti, una carriera più che onorevole quella di Niemiec, classe 1980 nativo di Oswiecim. E’ stato un corridore sempre prezioso per i suoi capitani, ma che quando ha avuto l’occasione è anche riuscito a vincere bene, come dimostrano le 16 vittorie totali tra cui spiccano la tappa di Lagos de Covadonga alla Vuelta a Espana 2014, due tappe al Giro del Trentino, il campionato polacco 2009 e poi ancora la Route du Sud 2009 e il Tour de Slovenie 2005; da ricordare anche il quinto posto al Giro di Lombardia nel 2011 e il sesto nella generale al Giro d’Italia nel 2013. Przemyslav Niemiec ha affrontato tutta la sua carriera da professionista con formazioni di matrice italiana: Amore&Vita, Miche, Lampre e infine UAE Team Emirates.


“Con Niemiec così come con Kwiato, Majka, Bodnar, Marczynski e gli altri top rider polacchi del gruppo c’è un rapporto speciale di stima e amicizia. Niemiec con la sua carriera è un bell’esempio per tutti i giovani, lui ha contribuito tanto alla crescita del movimento ciclistico polacco e sono sicuro che la sua esperienza e la sua passione daranno un contributo importante per il Tour de Pologne. Su aspetti come l’organizzazione del percorso, le dinamiche della corsa, la sicurezza in gara, la gestione della logistica e molto altro l’occhio di un ex prof appena sceso dalla bicicletta diventa molto utile”
 spiega il direttore generale del TDP Czeslaw Lang.

FONTE COMUNICATO STAMPA

 

Museo mobile del Tour de Pologne

Museo mobile ecco la novità del Giro di Polonia

Museo Mobile del Tour de Pologne ufficialmente inaugurato presso lo Stadio Nazionale di Varsavia nei giorni della fiera Bike Expo

Museo Mobile del Tour de Pologne

Museo Mobile del Tour de Pologne

Museo Mobile del Tour de Pologne come raccontare la storia di 90 anni della corsa polacca. A tagliare il nastro ci hanno pensato il direttore generale del Tour de Pologne Czeslaw Lang e Guillaume de Colonges, CEO di Carrefour Polonia.

Presenti alla cerimonia anche Anna Kuder vice direttore del Dipartimento dello sport Marcin Rembacz responsabile gestire gli eventi per il centenario dell’Indipendenza della Polonia e Thomas Marczynski atleta della Lotto Soudal

“Quella di quest’anno sarà la 75a edizione per il Tour de Pologne e questo evento cade nello stesso anno dei 100 anni di indipendenza della Polonia. Tour de Pologne parteciperà in modo attivo al 100° anniversario dell’ Indipendenza in quanto il ciclismo è un pezzo di storia. Molti combattenti hanno dato il loro contributo alla libertà del nostro paese proprio inforcando una bicicletta come si può vedere visitando questo che è il primo museo mobile al mondo dedicato al ciclismo” ha spiegato Czeslaw Lang medaglia d’argento a Mosca ’80.

 “La memoria storica fa parte del Tour de Pologne e da sempre la corsa si è unita negli eventi celbrativi per le ricorrenze storiche polacche: nelle passate edizioni la corsa ha celebrato Fryederyk Chopin, poi c’è stato l’anniversario della liberazione di Auschwitz e anche l’anniversario della rivolta di Varsavia.  Nell’anno del Giubileo 2013, il 70° Tour de Pologne ha ricordato Giovanni Paolo II e siamo partiti con due tappe dall’Italia, sulle note dell’inno polacco che dice dall’Italia alla Polonia” ha continuato l’ex ciclista.

Il Museo Mobile del Tour de Pologne presenta una  raccolta di tanti pezzi unici e originali, tra biciclette storiche, maglie, trofei, la stessa medaglia olimpica di Czeslaw Lang, foto e articoli dagli archivi dei media accanto alla storia vi è anche un’area multimediale in cui interagire per scoprire la storia della corsa.

Il Museo Mobile effettuerà un Road Show attraverso 11 città lungo tutto il paese, facendo tappa presso i centri commerciali Carrefour, partner del progetto. Il Tour de Pologne, sarà, invece, in programma dal 4 al 10 agosto.

Matteo Montaguti si frattura la mano

Matteo Montaguti si frattura la mano durante il Giro di Polonia 2017

Matteo Montaguti si frattura

Matteo Montaguti

Matteo Montaguti si frattura la mano, tanta sfortuna per il corridore della Ag2r La Mondiale caduto durante il recente Tour de Pologne, dopo attenti esami, ha riportato non solo la frattura alla mano sinistra ma anche una probabile frattura al polso destro che lo costringerà a star fermo per almeno una settimana.

Si conferma lo scarso feeling tra Montaguti e la corsa polacca, non è ancora definito quando sarà possibile il suo rientro alle corse ma sicuramente non potrà prendere il via alla prossima Vuelta Espana che partirà il prossimo 19 agosto per cui era stato inserito nella lista dei convocati della squadra francese.

Ora bisognerà attendere i tempi di recupero per stabilire una nuova riprogrammazione del finale di stagione, già lo scorso anno, durante il Tour de Pologne, Matteo era caduto ed aveva riportato una frattura alla clavicola che gli aveva fatto saltare i piani per il finale di stagione.

 

Jack Haig vince al Tour de Pologne

Jack Haig vince la tappa odierna al Giro di Polonia

Jack Haig vince

Jack Haig

Jack Haig vince nella tappa del Tour de Pologne da Wieliczka e Zakopane sulla distanza di 189 km che va a rivoluzionare la classifica generale.

Era prevedibile che accadesse ma è comunque cronaca il fatto che a poco più di 30 km, su un’impervia rampa, è saltata la maglia gialla Peter Sagan (Bora-Hansgrohe). Ai meno 10 km ha invece provato ad attaccare Vincenzo Nibali, ma il siciliano è stato presto ripreso dagli altri big mente davanti in fuga c’era, appunto, Jack Haig  della Orica-Scott con un lieve vantaggio  sui primi avversari, ossia Kelderman, Majka, Poels, Yates e Zakarin; ad una manciata di secondi Rui Costa, Jungels, Nibali, Oomen e Pozzovivo.

Il giovane aussie è entrato con 50″ dalla sua, riuscendo a conquistare la tappa, suo primo successo tra i professionisti. Curioso l’episodio di Wout Poels, che ha tagliato il traguardo per secondo ma esultando, immaginando di aver fatto sua la frazione.

In classifica il nuovo leader è Teuns, con 6″ su Majka, 10″ su Kelderman, 13″ su Poels, 18″ su Pozzovivo, 19″ su Yates, 24″ su Oomen e 25″ su NibaliJack

Danny van Poppel vince al Tour de Pologne

Danny van Poppel vince la tappa odierna al Tour de Pologne

Danny van Poppel vince

Danny van Poppel

Danny van Poppel vince nella quinta frazione del Tour de Pologne 2017 anticipando Mezgec e Sagan. Tappa corta quella di oggi nella corsa Spagnola, solo 130 i km affrontati dal plotone.

Tappa corta e tanta voglia di fuga; fin da subito si staccano cinque elementi inscenando l’azione che caratterizzerà la tappa. Protagonisti del tentativo sono il belga Maxime Monfort (Lotto Soudal), il tedesco Maximilian Schachmann (Quick Step Floors), l’olandese Antwan Tolhoek (Team Lotto NL-Jumbo), lo statunitense Tejay van Garderen (BMC Racing Team) e il nostro Moreno Moser.

Il gruppo osserva la fuga senza lasciare troppo spazio al gruppo di cinque (vantaggio massimo di poco superiore ai 3 minuti) in cui Monfort va alla caccia dei GPM.

La formazione di Sacha Modolo si incarica di accelerare l’andatura, facendo rapidamente diminuire il gap grazie allo sloveno Matej Mohoric mentre sulla corsa si abbatte un forte temporale che abbassa la temperatura ma rende la strada pericolosamente viscida.

Dopo un tentativo di allungo di Van Garderen ma senza successo, tutto fa prevedere una volata a ranghi compatti ma pochi metri prima dell’ingresso nell’ultimo km si registra una caduta, che spezza quel che resta del plotone in due tronconi.

Danny van Poppel parte in testa e prende il centro della carreggiata andando a trionfare, alle sue spalle secondo posto per lo sloveno Luka Mezgec (Orica-Scott), terzo lo slovacco Peter Sagan (Bora Hansgrohe).

Per Danny van Poppel un felice ritorno alla vittoria dopo un lungo periodo di digiuno. Il passaggio al Team Sky, squadra poco avvezza a curare le volate (lo stesso discorso vale per il nostro Elia Viviani) aveva ridotto le possibilità del noto figlio d’arte e questa vittoria arriva come una boccata di ossigeno.

 

Tour de Pologne: ecco i dettagli della corsa

Tour de Pologne i dettagli della corsa.

Tour de Pologne il via da Cracovia il prossimo 29 Luglio

Tour de Pologne

Tour de Pologne

Il Tour de Pologne 2017 presenta 7 le tappe, si comincia sabato 29 luglio con la Grand Depart da Cracovia, capitale storica e culturale della Polonia, con una tappa in linea adatta ai velocisti. Traguardo finale venerdì 4 agosto con tanta salita sull’impegnativo circuito di Bukowina Tatrzanska nel cuore dei monti Tatra.

Carrefour diventa lo sponsor della maglia gialla che contraddistingue il leader della classifica generale mentre Tauron è il title sponsor della maglia ciclamino della montagna e Hyundai è il title sponsor della maglia bianca della classifca degli sprinter.

A questa edizione prenderà parte anche il Campione del Mondo Peter Sagan che conquisto la corsa polacca nel lontano 2011 quando vestiva la maglia della Liquigas.

Al via le 18 formazioni UCI World Team che partecipano di diritto a tutte le prove del calendario UCI World Tour più 4 wild card assegnate dall’organizzazzione del Tour de Pologne a: Team Novo Nordisk (USA), Gazprom Rusvelo (Russia), CCC Sprandi Polkowice (Polonia) e Reprezentacja Polski (la nazionale polacca).

Dettaglio delle tappe:

29/07 Tappa I, Krakow – Krakow, 137 km
30/07 Tappa II, Tarnowskie Gory – Katowice, 146 km
31/07 Tappa III, Jaworzno – Szczyrk, 161 km
01/08 Tappa IV, Zawiercie – Zabrze, 238 km
02/08 Tappa V, Olimp Nagawczyna – Rzeszow, 130 km
03/08 Tappa VI, Kopalnia Soli “Wieliczka” – Zakopane, 199 km
04/08 Tappa VII, Bukovina Resort – Bukowina Tatrzanska, 132.5 km

Peter Sagan torna al Tour de Pologne

Peter Sagan torna in gara nella corsa a tappe polacca

Peter Sagan torna

Peter Sagan vince il Tour de Pologne 2011

Peter Sagan torna dopo la squalifica al Tour de France il prossimo 29 luglio al Tour de Pologne. Lo slovacco non partecipava alla competizione da 6 anni, all’epoca indossava i colori della Liquigas, nel 2011 Peter vinse la corsa e due tappe.

“Sono passati sei anni è vero, ma il mio rapporto con il Tour di Polonia resta speciale. Ricordo le sensazioni incredibili avute durante quella corsa e la mia immensa felicità quando venni premiato sul podio a Cracovia. Era la prima volta che vincevo la classifica generale di una importante corsa a tappe. Quello fu uno dei momenti più esaltanti della carriera di un giovane Sagan”.

Sono le tappe in programma per il Tour de Pologne – UCI World Tour 2017. Si comincia sabato 29 luglio con la Grand Depart da Cracovia, capitale storica e culturale della Polonia, con una tappa in linea adatta ai velocisti. Traguardo finale venerdì 4 agosto con tanta salita sull’impegnativo circuito di Bukowina Tatrzanska nel cuore dei monti Tatra.