Dumoulin all-in per il Tour di France 2019

Dumoulin punterà tutto sul Tour de France

Dumoulin dopo essere arrivato secondo al Giro e al Tour nel 2018, potrebbe concentrarsi esclusivamente sulla maglia gialla

Dumoulin punta sul Tour

Dumoulin punta sul Tour

Dumoulin, a pochi giorni dalla presentazione del Tour de France 2019,  ha lasciato intendere che metterà la maglia gialla al centro della prossima stagione agonistica.

La stella della Sunweb è in attesa di vedere che cosa metterà in campo l’organizzazione del Tour per la prossima edizione della Grande Boucle.

“Non abbiamo ancora preso la decisione finale, ma mi piacerebbe andare al Tour per vincere. Non considererei un fallimento il non vincere ma ammetto che dopo due secondi posti vorrei provare a vincere”.

Dumoulin, 28 anni, è arrivato secondo al Giro d’Italia, al Tour e alla cronometro ai Mondiali di Innsbruck rendendo la sua stagione comunque importante anche senza nessuna vittoria.

“Non ho alcun rimpianto, sento di non aver commesso errori, semplicemente Chris Froome e Thomas erano più forti di me. La semplice verità è che c’era sempre qualcuno un po’ più forte di me. Quando Froome ha vinto a Zoncolan, non l’ho detto, ma era evidente che Froome era tornato. Qualcuno ha detto che non avrei dovuto aspettare sul Colle delle Finestre ma quella era la decisione migliore in quel momento”.

Dumoulin ha le caratteristiche per gareggiare e vincere grandi tour: è uno dei migliori cronoman al mondo ed in salita solo gli scalatori puri possono batterlo sulle salite più dure.

Probabilmente tra i migliori cronometristi del mondo, può scalare con l’élite del gruppo. Solo un semplice alpinista può far cadere Dumoulin sulle salite più ripide.

Dumoulin ha conquistato il Giro del 2017 e ha sorpreso molti addetti ai lavori puntando sulla doppietta Giro-Tour ma l’esperienza della stagione che si sta concludendo ha fatto cambiare strategia: puntare su un unico obiettivo.

La Rosiere: tappa e maglia a Thomas

La Rosiere dominio Sky a 360 gradi

La Rosiere, tappa nel segno del Team Sky che conquista tappa e maglia con Geraint Thomas e brilla con Chris Froome che tallona Dumoulin

La Rosiere, esulta Thomas

La Rosiere, esulta Thomas

La Rosiere parla il britannico, nella undicesima tappa del Tour de France, dopo le tappe soporifere di pianura in cui anche il Team Sky aveva sonnecchiato ecco deflagrare la potenza della squadra d’oltre manica.

A esulare è Geraint Thomas che taglia il traguardo a braccia alzate, conquistando la tappa e contemporaneamente la leadership in classifica generale. Alle spalle del vincitore ecco arrivare  Tom Dumoulin (Sunweb), che attacca da lontano, ma che chiude appaiato a Chris Froome (Sky) che gestisce la corsa da leader. Vincenzo Nibali arriva con un distacco di circa un minuto dal vincitore.

La tappa di oggi prevede in 108 km  oltre quattromila metri di dislivello per chiudere a 1855 metri d’altitudine. Prima del via commemorazione di due grandi del ciclismo: Gino Bartali e Fabio Casartelli.

Se i chilometri in programma sono pochi è palese che la tappa esplode in fretta, partono dunque in tanti tra cui Damiano Caruso e Tejay Van Garderen (BMC), Warren Barguil (Fortuneo-Samsic), Julian Alaphilippe (Quick Step Floors) e Serge Pauwels (Dimension Data) insieme a molti altri. Il gruppo lascia fare e i fuggitivi prendono un buon vantaggio.

La Rosiere: Team Sky padrone della corsa

La Sky detta un ritmo costante (ma non eccessivo) prima sulla Montée de Bisanne e poi sul Col du Pré. Entra in scena la Movistar che prova a mandare in avan scoperta due uomini, il ritmo si alza e perdono il contatto la maglia gialla Greg Van Avermaet (Bmc) e un deludente Rigoberto Uran (EF Drapac).

Poco dopo parte l’attacco di Alejandro Valverde, che ritrova il compagno Soler e arriva a  guadagnare fino a due minuti su Froome & soci.  Imbatido, maglia gialla virtuale per diversi chilometri, vede però il suo margine calare nel tratto in discesa, dove ad allungare è Tom Dumoulin (Sunweb) spalleggiato dal giovane Soren Kragh Andersen.

All’attacco della La Rosiere,  in testa ci sono Caruso, Nieve, Barguil e Valgren con alle spalle i due Movistar e i due Sunweb. Sulle rampe sempre più dure il tanti nel gruppo dei big mollano il colpo (Mollena, Jungels, Yates, Zakarin e lo stesso Valverde).

Ai meno cinquemila metri dell’arrivo parte l’allungo di Thomas che in un sol boccone raggiunte prima Dumoulin e poi Nieve per andare a trionfare a braccia levate. Alle spalle del vincitore arrivano la Farfalla di Maastricht e il Kenyano Bianco. Il nostro Caruso chiude con una sontuosa quarta piazza davanti all’iberico Nieve.

Nibali, Quintana e Bardet perdono 59″ e di chilometri per recuperare ne hanno ma il sentore è che il Team Sky stia mettendo le mani anche sul Tour de France 2018

Da segnalare che vanno fuori tempo massimo Marcel Kittel già in polemica con il team e Mark Cavendish.

Dumoulin attacca l’UCI sulla vicenda Froome

Dumoulin attacca l’UCI: “pessima gestione del caso Froome”

Dumoulin attacca l’UCI, l’olandese del Team Sunweb teme che la decisione possa allontanare la gente dal ciclismo

Dumoulin attacca l'UCI

Dumoulin attacca l’UCI

Dumoulin attacca l’UCI: “Hanno creato un caos nella gestione del caso di Chris Froome che rischia di allontanare gli appassionati dal nostro sport”.  Il vincitore del Giro d’Italia 2017 che ha chiuso la scorsa corsa rosa proprio alle spalle del britannico non risparmia le critiche sulla recente presa di posizione dei vertici del ciclismo.
Già prima dell’avvio del Giro d’Italia Tom Dumoulin non le aveva mandate a dire a Froome: “Nelle sue stesse condizioni, il mio team ed io avremmo deciso di non correre” aveva dichiarato.

Ora alla vigilia dell’avvio della Grande Boucle la Farfalla di Maastricht è stata decisamente pungente: “Il caso Froome è stato semplicemente un caos” ha dichiarato Tom che ha aggiunto: “Questa faccenda è davvero fastidiosa, in realtà non è quello di cui il ciclismo ha bisogno in questo momento. Chris è stato assolto e ne va preso atto ma tuttala situazione è stata gestita malissimo mettendo in cattiva luce il nostro sport. Si rischia che per una faccenda così stupida i tifosi tornino ad allontanarsi dal ciclismo, sono davvero rattristato”.

Quando ancora la posizione del capitano del Team Sky era traballante, il corridore del Team Synweb aveva rigettato l’ipotesi di vincere il Giro per squalifica del Kenyano ma sicuramente non ha apprezzato il metro di giudizio dell’UCI oltre che la tempistica della decisione: “La vicenda si è risolta nelle ultime ore, con la sentenza che ha scagionato il keniano bianco proprio qualche istante dopo l’esclusione chiesta dagli organizzatori del Tour de France”

Dumoulin attacca l’UCI, Lappartient risponde

Il timore dell’UCI è quello che la presa di posizione di atleti, ex ciclisti e opinionisti possa esacerbare il pubblico così il presidente dell’UCI ha tenuto a precisare che “a decisione sul caso Froome è stata presa in modo serio, sulla base dei rapporti di esperti. E’ una decisione che va rispettata, così come vanno rispettati tutti i ciclisti in gara, compreso Froome”.

Circa la questione dei tempi della sentenza il presidente ha tenuto a motivarne le cause:  “La procedura è stata particolarmente lunga perché il caso era complesso: è stato rispettato il diritto alla difesa del corridor. In realtà i tempi li ha dettati la Wada, che ha comunicato la propria posizione sul caso il 28 giugno. L’UCI ha solo redatto la decisione finale e l’ha comunicata nel più breve tempo possibile”.

 

 

Dumoulin pronto per il Tour de France

 

 

 

 

Dogma F10 Giro d’Italia la bici di Froome

Dogma F10 Giro la bicicletta Pinarello per Froome

Dogma F10 Giro la speciale bicicletta che Pinarello ha preparato per la cavalcata trionfare in maglia rosa Chris Froome sulle stade di Roma Capitale

Dogma F10 Giro

Dogma F10 Giro

Dogma F10 Giro, versione speciale per la Pinarello di Chris Froome per celebrare la vittoria al Giro d’Italia 2018. Non è passata inosservata la speciale bicicletta su cui il capitano del Team Sky ha sfilato per le strade di Roma. L’impresa incredibile che ha consentito al Kenyano bianco di entrare nella storia della corsa rosa con una rimonta degna del ciclismo mitologico colorato di bianco e nero, gli è valsa non solo la maglia rosa finale ma anche questa speciale edizione della Pinarello Dogma F10.

Pinarello, per celebrare questo evento storico, ha optato per il “all in pink”, per il rosa su tutti i dettagli, in contrasto con la Giant TCR di Tom Dumoulin dello scorso anno, che ha adottato un approccio più frammentato per ciò che concerne la colorazione della bicicletta. Nulla è stato lasciato al caso, nemmeno il porta borraccia aveva un colore diverso.

Tuttavia, in termini di specifiche, la bicicletta è esattamente la stessa della sua bici standard con il  Shimano Dura-Ace Di2 completo di corone ovali Osymetric e del Talon Aero 1K integrato.

I cerchi della bici sono forniti Shimano mentre le ruote sono le sono delle Shimano Dura-Ace WH-R9100, con profilo alto 50 millimetri, con tubolari Continental Competition ALX,

Tutto questo è completato da una sella rosa Fi’zi:K Antares, nel caso in cui ci fosse qualche dubbio che il britannico avesse infatti vinto il primo  grande giro della stagione.

Erano 24 anni che un corridore non vinceva il Giro d’Italia su una bicicletta Pinarello (l’ultimo era stato Miguel Indurain),  Fausto Pinarello ha quindi voluto ringraziare il corridore britannico griffando la bicicletta con la scritta  “CCCCNCI” ossia “Chi c’è c’è chi non c’è insegue”, il motto di vita di Fausto.

Tom Dumoulin “squalifica di Froome? Meglio di no”

Tom Dumoulin non gradirebbe un Giro vinto per squalifica

Tom Dumoulin vincitore del Giro 2017 parla della ventilata squalifica del neo vincitore della maglia rosa Chris Froome

Tom Dumoulin e Chris Froome

Tom Dumoulin e Chris Froome

Tom Dumoulin ha tentato in vano di bissare la vittoria del Giro d’Italia 2017 accontentandosi del secondo gradino del podio per soli 46 secondi alle spalle del favorito della vigilia Chris Froome. Il capitano del Team Sky, pur con la spada di Damocle della vicenda Salbutamolo e con i danni riportati in due cadute è riuscito, grazie ad una azione sensazionale, a conquistare il primo posto nella corsa rosa.

Se lo scorso anno Tom Dumoulin ha trionfato con 31 secondi di margine su Nairo Quintana quest’anno è stato lui a dover digerire la sconfitta per qualche decina di secondi.

La Farfalla di Maastricht ha sicuramente ben figurato durante lo svolgimento della corsa rosa restando saldamente nella top5 della generale ed ora molti lo additano come potenziale vincitore proprio del Giro di quest’anno. Come detto la vicenda della positività alla Vuelta pesa sulla testa del kenyano bianco ma l’olandese non sembra gradire queste voci: “non mi piacerebbe vincere a questo modo. Sul Colle delle Finestre è stato migliore di me, non c’è molto altro da dire e spero fortemente che Chris non venga squalificato”.

Insomma uno dei massimi beneficiari dell’eventuale cancellazione della vittoria del capitano della Sky si dichiara assolutamente contrario a questo eventuale accadimento.

“Se Chris dovesse perdere il Giro sarebbe davvero molto negativo per il ciclismo- ha dichiarato il capitano della Sunweb a La Gazzetta dello Sport – credo che questo non possa accadere e se fosse sospeso per quella non negatività alla Vuelta, la cosa non dovrebbe toccare la sua vittoria  il Giro d’Italia”

 

Tom Dumoulin al Tour de France 2018?

La sfida tra i due duellanti lungo le strade dello stivale potrebbe ripetersi prima del previsto: “Mi piacerebbe prendere parte al Tour perché ho concluso il Giro crescendo di condizione. Quest’anno tra le due corse c’è una ulteriore settimana di intervallo e a 27 anni penso di potermi confrontare su due grandi corse a tappe”.

E potremmo rivederlo anche al Tour de France: “Mi piacerebbe andarci perché ho concluso il Giro, ho 27 anni e vorrei vedere come si adatta il mio fisico, con un ruolo da stabilire. Quest’anno c’è un settimana in più tra Giro e Tour per recuperare. Ogni risultato sarebbe un bel bonus“.

 

Viviani inarrestabile: poker al Giro

Viviani inarrestabile conquista il quarto successo al Giro

Viviani inarrestabile sulle strade del Giro conquista uno storico poker che ripaga il velocista della Quick Step di tanti sacrifici

Viviani Inarrestabile

Viviani Inarrestabile (fonte sito Ansa)

Viviani inarrestabile, punto! Non c’è molto da aggiungere quando un ciclista completa un poker di vittorie in una grande corsa a tappe. Lo scorso anno ci riuscì Fernando Gaviria colombiano che lo scorso anno indossava la maglia del team di Elia.

L’arrivo ad Iseo premia il veronese che batte tutti in primis Sam Bennett (Bora – Hansgrohe). La tappa si presta anche alla fuga a lunga gittata in una frazione che può rappresentare l’ultima speranza per chi cerca il colpo di mano per ottenere un successo parziale.

Dopo la partenza da Riva del Garda cominciano a susseguirsi i tentativi di allungo da parte di molti corridori ma tutti vengono stoppati sul nascere. La fuga buona vede protagonisti Wout Poels (Team Sky), Ben Hermans (Israel Cycling Academy), Alessandro De Marchi (Bmc) oltre a Luis Leon Sanchez (Astana). Sui fuggitivi provano, senza fortuna, a portarsi alcuni uomini della Bardiani.

Nel finale il tracciato si bagna e da dietro il gruppo (che già era in controllo) accelera per scongiurare colpi a sorpresa. Provano ad allungare Stybar e Henao. Quando tutto porta a pensare che sarà fuga ecco che ci prova Maurits Lammertink (Katusha – Alpecin)che viene ripreso quando al traguardo mancano soltanto due chilometri: ora si sarà volata.

Sam Benett prova ad anticipare tutti ma non ha fatto i conti con lo splendido lavoro di  Fabio Sabatini che aiuta Elia Viviani a conquistare un incredibile poker. Terza piazza per un altro atleta tricolore: Niccolò Bonifazio.

Simon Yates mantiene il suo vantaggio su Tom Dumoulin (Sunweb) e da domani inizia il trittico da paura delle tappone di montagna, si andrà a Prato Nevoso e nessuno potrà bluffare.

 

Yates resiste all’assalto di Tom Dumoulin

Yates resiste nella cronometro di Rovereto

Yates resiste alla carica di Tom Dumoulin nella cronometro Trento-Rovereto, ad imporsi è Rohan Dennis della BMC

Yates brillante anche a cronometro

Yates brillante anche a cronometro

Yates resiste all’assalto di Dumoulin nella sedicesima tappa del Giro d’Italia 2018 che incorona Rohan Dennis come il numero uno al mondo nelle prove contro il tempo. Il passistone australiano ha percorso i 34 km in programma in 44 minuti netti ad una media di 51,30 km/h che lo ripaga della delusione della cronometro di Gerusalemme.

Simon Yates (Mitchelton – Scott) rimane senza patemi il leader della classifica generale, resistendo senza problemi al tentativo di guadagnare tempo di Tom Dumoulin (Team Sunweb). La farfalla di Maastrich (solo terzo al traguardo) non ha impensierito il britannico che paga all’olandese meno di un minuto e mezzo mantenendo un vantaggio di 56 secondi in attesa che la strada torni a salite per scatenare i suoi garretti.

Dumoulin chiude addirittura terzo preceduto da Tony Martin della Katusha – Alpecin mentre si difende egregiamente il nostro Domenico Pozzovivo  che riesce a guadagnare quasi un minuto su  Thibaut Pinot della Groupama -FDJ che appare svuotato delle energie di inizio Giro.

Dopo due settimane da “paria” della corsa arriva la reazione di Fabio Aru che perde due soli secondi dal britannico Chris Froome che risulta poco brillante anche nella prova contro il tempo che in teoria poteva apparire come un test per rilanciare le proprie aspettative. Il kenyano bianco riesce ad ogni modo a scalare posizioni ed ora si trova al quarto posto in generale riaprendo la lotta per un posto sui gradini del podio.

Al traguardo è felice Simon Yates quasi incredulo della sua performance: “Sono davvero felicissimo della mia prova, pensavo di perdere più tempo rispetto ai miei rivali, penso di aver attaccato la salita troppo forte e di aver pagato lo sforzo nel finale ma non potevo chiedere di più”.

Naturalmente raggiante il vincitore Dennis “non mi aspettavo questa vittoria ma volevo fortemente una tappa a questo Giro d’Italia, pensavo di prenderla nella prima prova ad Israele, non ci sono riuscito ma sono contento di aver indossato la maglia rosa ed oggi di poter festeggiare il successo di tappa”.

Orgoglioso della propria prestazione anche Domenico Pozzovivo che ai microfoni di Raisport è apparso raggiante: “oggi ero più teso del solito, non capita tutti i giorni di partire terzo ad una cronometro al Giro. Sapere di essere il migliore degli italiani mi riempie di orgoglio e rappresenta uno dei momenti più alti della mia carriera. Ho dato il massimo senza strafare mancano tre salite impegnative prima di Roma e voglio fare bene”.

 

 

 

 

 

Simon Yates re del Giro d’Italia

Simon Yates re della corsa rosa

Simon Yates re della corsa rosa, mantiene la promessa degli scorsi giorni e conquista secondi importanti su Tom Dumoulin in vista della cronometro

Simon Yates re del Giro d'Italia

Simon Yates re del Giro d’Italia

Simon Yates re del Giro d’Italia? Tutto fa pensare che il britannico sia ormai il favorito numero uno per vestire di rosa sul traguardo di Roma quando manca una settimana al termine del Giro. Dopo aver domato agevolmente lo Zoncolan ecco che il corridore della  Mitchelton–Scott dimostra di non avere rivali facendo saltare la resistenza degli avversari e (probabilmente) blindando il ruolo di leader della generale.

Fin dal via di Tolmezzo il gruppo va a tutta, vi sono diversi tentativi di fuga fin dalle prime fasi di gara, lo stesso Fabio Aru prova ad allungare ma il gruppo controlla tutti. Ci vogliono settanta chilometri prima che arrivi il via libera di un drappello di 24 elementi che poi restano in cinque: Quintana, Cherel, Denz, Ciccone e Visconti. I cinque riescono ad allungare ma non hanno vita facile e il loro margine non sale mai troppo.

Si forma un altro gruppetto di attaccanti con Michael Woods (EF Drapac), Diego Ulissi (UAE Team Emirates), Davide Ballerini e Fausto Masnada (Androni Sidermec), Alessandro De Marchi (Bmc). Va invece in affanno, fin dai primi passi, Fabio Aru che dimostra ancora una volta di essere in forte difficoltà in questo Giro d’Italia.

Nel gruppo lavora duro la Sunweb che vuole consentire a Tom Dumoulin di giocarsi le carte per la rimonta su Yates e che va a riprendere a uno a uno i fuggitivi.

Superati i  Passi della Mauria, Tre Croci e Sant’Antonio, il affronta il Costalissoio e qui Miguel Angel Lopez (Astana) dà il via alle danze, nel gruppo dei big restano in dieci. Nel gruppo di testa, a sorpresa manca il vincitore dello Zoncolan Chris Froome. A quel punto è la maglia rosa a prendere l’iniziativa, Simon Yates stacca tutti e si invola verso Sappada inseguito da Pozzovivo, Lopez, Pinot, Dumoulin e Carapaz.

Tom Dumoulin chiede aiuto ai compagni del gruppetto ma nessuno lo aiuta nel tentativo di richiudere sul britannico che continua ad allungare sugli inseguitori. Dopo le vittorie di  Campo Imperatore e Osimo, ecco che Simon Yates conquista anche Sappada e ora può guardare con serenità alla cronometro di martedi.

Gli inseguitori arrivano a 41″ regolati da Lopez. In generale Dumoulin ha ora 2 minuti e 11 secondi di distacco dal leader mentre in terza posizione troviamo il nostro Domenico Pozzovivo. Froome paga lo sforzo profuso sullo Zoncolan chiudendo a 1’40 mettendo la parola fine sulle velleità di vittoria finale.

 

 

Matej Mohoric vince a Gualdo Tadino

Matej Mohoric conquista la vittoria di tappa al Giro d’Italia

Matej Mohoric della  Bahrain-Merida si aggiudica la 10^ tappa del Giro d’Italia 2018 battendo allo sprint Nico Denz della Ag2R La Mondiale

Matej Mohoric

Matej Mohoric

Matej Mohoric conquista la vittoria nella decima tappa del Giro d’Italia con arrivo a Gualdo Tadino, Tappa particolare quella di oggi che lascia alcuni strascichi a livello di classifica.

 Esteban Chaves (Mitchelton – Scott) va in crisi quasi subito ed usce definitivamente fuori dalla lotta per la la classifica generale che vende ancora al comando Simon Yates

Quella con arrivo a Gualdo è la frazione più lunga dell’edizione 101 della corsa rosa con ben 239 km ed è una tappa che resta indigesta per molti non tanto per la lunghezza o per le asperità quanto per la velocità con cui è stata affrontata dal gruppo.

Ponti e via ed ecco subito una fuga di quattordici elementi che vanno a prendere in tempi brevi circa due minuti di margine. Quando il gruppo affronta il Gran Premio della Montagna di Fonte della Creta ecco che a sorpresa arriva la crisi di Estaban Chaves della Mitchelton – Scott. Il secondo in generale soffre di male di gola e problemi di respirazione ed ecco che inizia il suo personalissimo calvario.

Quando il gruppo si accorge che un “pesce grosso” sta cadendo nella rete ecco che il ritmo si alza tremendamente. Vano il lavoro dei ritardatari per cercare di riunire i gruppi, lo svantaggio cresce inesorabilmente.

Al traguardo volante scoppia la bagarre per gli abbuoni con Thibaut Pinot che tenta di prendersi i tre secondi di abbuono ma viene beffato dalla maglia rosa Yates.

Parte Marco Frapporti della Androni ma viene in breve tempo ripreso e superato da Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida) e Nico Denz (Ag2R La Mondiale).

L’asfalto è bagnato e la tensione è alta e a farne le spese è  Tom Dumoulin che assaggia l’asfalto ma, senza riportare troppi danni, rientra in gruppo.

Ai meno dieci chilometri dal traguardo Matej Mohoric prova ad abbandonare la compagnia, Villella cede mentre Denz resiste fino a giocarsi la volata che premia il corridore della Bahrain più rapido a sfruttare le condizioni della volata.

Il gruppo dei big viene regolato da Sam Bennett della Bora. In generale Simon Yates consolida la sua posizione mentre Tom Dumoulin sale al secondo posto e Chaves sparisce dai 10.

Sconsolato il colombiano Chaves: “non so cosa sia successo ma ero completamente svuotato dalle energie”; gli fa eco Simon Yates: “è una giornata agrodolce per noi, io ho incrementato il vantaggio in generale ma sono molto dispiaciuto per Estaban, oggi non era in forma e ha pagato troppo caro”.