Applausi per Quintana, Fischi per Froome

Applausi per Quintana che conquista il Col du Portet

Applausi per Quintana trionfatore al Col du Portet, bene Geraint Thomas padrone della corsa mentre Froome va in crisi e si prende i fischi del pubblico

Applausi per Quintana

Applausi per Quintana

Applausi per Quintana che torna a dare segnali di vita dopo un Tour de France 2018 finora assolutamente anonimo (meglio dello scorso anno ma sempre troppo sottotono). Chi invece non sorride è Chris Froome sempre più lontano dal sogno dell’accoppiata Giro-Tour che viene accolto sul traguardo da bordate di fischi del pubblico francese.

In un Tour assolutamente povero di emozioni ciclistiche (quelle extra ciclistiche non mancano) ecco che ci si avvicina alla nuova frontiera del ciclismo: tappa brevissima on dislivelli molto alti e per giunta con griglia di partenza stile Motomondiale. La maglia gialla è dunque il primo a far girare i pedali seguito dai suoi principali rivali.

La partenza in griglia è scenografica e li si ferma il tutto. Al via non c’è Philippe Gilbert (Quick Step Floors), costretto al ritiro dopo terribile caduta di ieri che potrebbe averli provocato problemi al legamento laterale.

 

Sul Col de Peyresourde prende vantaggio un gruppo di atleti, tra cui l’estone Tanel Kangert (Astana), che dopo aver passato per primo sul GPM viene raggiunto dallo scatenato Julian Alaphilippe che però viene staccato  verso il Val Louron d’Aze.

 

Sull’inedito Col du Portet (HC) dopo il forcing della AG2R  è il momento dei big. Ad attaccare è chi non ti aspetti: il dormiente Nairo Quintata seguito da Daniel Martin (UAE). Lo scatto di Primoz Roglic fa scoppiare il gruppo.

Quintana va ad alzare le braccia al cielo conquistando una vittoria scaccia crisi, alle sue spalle si colloca Daniel Martin. Alle spalle del colombiano parte il tentativo di Tom Dumoulin che viene seguito da Thomas e dai LottoNL-Jumbo Roglic e Kruijswijk mentre Froome va in difficoltà e viene scortato dal giovane Bernal.

Il gallese si prende quattro secondi di abbuono rinforzando la sua posizione di leader della generale, Dumoulin perde qualche metro mentre il kenyano bianco arriva a 1’35” dal vincitore di giornata beccandosi i fischi del pubblico e mettendo a rischio il posto sul podio.

 

Astana al Giro lista dei partenti

Astana al Giro tutta per Miguel Ángel López

Astana al Giro d’Italia 2018 con uno squadrone per supportare Miguel Ángel López capitano designato del team di Alexander Vinokourov

Astana al Giro d'Italia 2018

Astana al Giro d’Italia 2018

Astana al Giro d’Italia 2018 arriva forte delle belle prestazione al Tour of the Alps dove il team kazako ha dimostrato di poter assolutamente competere per l’eccellenza. Il capitano sarà il 24enne colombiano Miguel Ángel López e, dopo la Vuelta dell’anno scorso in cui vinse due tappe finendo ottavo in classifica generale, sembra pronto per fare un ulteriore salto di qualità verso l’alto. Il giovane talento del team di Vinokourov dovrà confrontarsi con il fatto di essere alla sua prima partecipazione alla corsa rosa con tutti gli imprevisti del caso.

Al fianco di López, ci saranno gregari di assoluta affidabilità soprattutto per le tappe di montagna. Il ceco Jan Hirt e l’estone Tanel Kangert sono due pezzi da novanta che sono riusciti a concludere il Giro d’Italia nelle prime 15 posizioni in passato e potranno dar man forte al capitano nei momenti critici. Alexey Lutsenko e Luis León Sánchez sono cacciatori di tappe molto pericolosi, mentre Pello BilbaoDavide Villella e Andrey Zeits completano un organico che sulla carta può rivaleggiare con il Team Sky.

 

Tanel Kangert incubo finito

Tanel Kangert torna a correre alla Tartu Rattamaraton

Tanel Kangert

Tanel Kangert

Tanel Kangert, corridore dell’Astana, torna a correre dopo l’infortunio subito durante lo scorso Giro d’Italia nella tappa vinta da Bob Jungels. In particolare l’estone prenderà parte alla ventesima edizione della Tartu Rattamaraton, classica fuoristrada che che si disputerà il 24 settembre nel suo paese natale.

Tanel Kangert in passato ha già vinto la Maratona MTB di Tartu in due occasioni e in questa edizione proverà a testare come il suo fisico si adatterà alla corsa dopo tanti mesi di assenza. “Parteciperò alla Tartu Rattamaraton, sento che la condizione muscolare è ormai quasi ottimale, la gente mi chiede come sto e credo che il modo migliore per dare una risposta in corsa. Certo ammetto di temere un po’ questo ritorno in sella, non so cosa potrò effettivamente dare, ma le sfide mi hanno sempre intrigato e poter risalire in sella nella corsa che si disputa nel mio paese è ancor più affascinante”.

 

Giro d’Italia 2017: fuga vincente di Fraile

Omar Fraile vincitore della tappa di oggi

Sventola la bandiera spagnola nell’undicesima tappa del Giro d’Italia 2017, sull’arrivo di Bagno di Romagna è Omar Fraile, della Dimension Data  a trionfare dopo una lunga fuga che ha contraddistinto l’intera giornata battendo allo sprint finale Alberto Rui Costa (UAE Team Emirates) e Pierre Rolland (Cannondale – Drapac), quinta piazza per il nostro Giovanni Visconti (Bahrain – Merida). Continua dunque la maledizione del Giro del Centenario per gli atleti italiani.

La tappa fin dall’inizio è stata caratterizzata da tentativi di fuga a ripetizione ma il gruppo ha sempre stoppato ogni iniziativa, ne scaturisce un ritmo elevato che porta ad una vera e propria esplosione nel gruppo con tantissimi corridori costretti a staccarsi tra cui anche diversi uomini del Team Sunweb, con Tom Dumouilin che rimane senza compagni di squadra molto presto. La situazione favorisce la fuga decisiva e il ritmo elevato portano ritardi all’arrivo.

Dietro al gruppo del vincitore arriva a 2’17”  il gruppo maglia rosa dove sono presenti tutti i big della classifica generale ad esclusione di Steven Kruijswijk (Lotto NL – Jumbo) e Geraint Thomas (Sky), che si staccano in salita e chiudono sul traguardo con una quarantina di secondi di ritardo.

Nonostante sia rimasto solo, nessun problema per Tom Dumoulin (Team Sunweb) che conserva la maglia di leader in classifica generale. Sale in classifica Tanel Kangert (Astana), che ora è ottavo in generale.