Lars Boom colpisce Van Hecke: squalificato

Lars Boom colpisce Van Hecke ed è espulso dalla corsa

Lars Boom colpisce Van Hecke durante una tappa del Tour of Norway e viene espulso per atti di violenza tra corridori

Lars Boom colpisce con un pugno

Lars Boom colpisce con un pugno

Lars Boom colpisce con un pugno Van Hecke e viene espulso. E’ l’incredibile fatto occorso durante la  seconda tappa del Tour of Norway. Lars Boom, corridore olandese della Lotto NL-Jumbo con alle spalle anni di gruppo, ha reagito violentemente contro il collega della Sport Vlaanderen–Baloise, Preben Van Hecke  reo di aver effettuato una frenato brusca rischiando di provocare la caduta dell’ex Astana.

Lars Boom avrebbe reagito prima a mali parole e poi colpendo con un pugno il collega, le immagini non sono scappate ai controllori della giuria che hanno optato per l’allontanamento dell’olandese.

“Non è possibile accettare che ci siano pugni tra colleghi”, ha detto uno dei  giudici di gara alla TV2 norvegese.” Non è buono per la reputazione del ciclismo, nessuno può far prevalere le mani sulle regole. La squalifica di Boom era inevitabile”.

“Era sulla mia ruota e mi sono quasi schiantato per colpa di quella frenata, normale che sia salita un po’ di rabbia, non ho voglia di cadere soprattutto per colpa di qualche idiota” ha dichiarato Boom.

Boom, 32 anni, ha fatto il suo ritorno alle corse dopo un intervento chirurgico per ridurre una aritmia e dopo l’episodio ha voluto scusarsi con i fans tramite un post su twitter: “Voglio scusarmi con tutti gli appassionati di ciclismo, con l’organizzatore del Tour of Norway e con tutti gli altri ciclisti per la mia reazione sbagliata”

 

Ruben Pols annuncia il ritiro dal ciclismo

Ruben Pols annuncia il ritiro a nemmeno ventitré anni

Ruben Pols

Ruben Pols

Ruben Pols ha annunciato il suo ritiro nel corso di una intervista esclusiva per Directvélo . Il fiammingo, che compirà ventitré anni venerdì, ha concluso una stagione tutt’altro che positiva con la Sport Vlaanderen-Baloise. Lo scorso anno, in maglia Lotto Soudal , aveva conquistato il Campionato Belga a cronometro nella categoria Under 23.

Ruben Pols ha scelto dunque di appendere la bicicletta al chiodo e inserirsi nel mondo del lavoro e sfruttare la sua laurea in ingegneria industriale in quanto alla base del suo rendimento sotto le aspettative ci sono dei problemi fisici che lo hanno disturbato per tutto l’anno. Proprio per via dei problemi di salute (in primavera è stato vittima di una infezione intestinale) il team non gli ha proposto il rinnovo del contratto in scadenza. Nessun altro team ha avanzato una proposta al giovane belga che ha quindi preso questa dolorosa ma inevitabile decisione.

ù

Jens Wallays annuncia il ritiro a soli 25 anni

Jens Wallays ha deciso di abbandonare la carriera agonistica

Jens Wallays

Jens Wallays

Jens Wallays, corridore 25enne in forza alla Sport Vlaanderen-Baloise, ha deciso di abbandonare la carriera agonistica. Jens è sempre stato un corridore molto promettente, a tratti sembrava poter far anche meglio del famoso fratello maggiore. La sua stagione d’oro è stata il 2014 in cui ha conquistato la Côte Picarde, prova di Coppa delle Nazioni under 23 battendo allo sprint Boudat e Kragh Andersen dopo che l’anno prima aveva conquistato il titolo nazionale belga under 23 grazie a una splendida azione in solitaria.

Le stagioni successive non sono state, però, all’altezza delle aspettative tanto che il giovane corridore di  Roselare non ha ottenuto la conferma dalla compagine professional in cui militava quest’anno. Il fiammingo ha quindi optato per porre fine alla sua carriera agonistica, tra i pro resterà come miglior risultato  l’ottavo posto alla Dwars door de Vlaamse Ardennen 2015.

 

De Kustpijl che caos! vince Christophe Noppe

De Kustpijl mancano volontari e corsa accorciata!

De Kustpijl

Il podio della De Kustpijl

De Kustpijl: l’edizione 2017 è assolutamente da dimenticare per la corsa 1.2 che si disputa in Belgio, nella zona costiera a Knokke Heist.
La partenza della gara è stata rinviata di addirittura due ore rispetto all’originale orario stabilito. Questo spostamento della partenza ha comportato la riduzione del chilometraggio dai 197 chilometri previsti ai soli 124 disputati. Il motivo di questo problema? La mancanza dei volontari addetti al controllo lungo il percorso, secondo le voci che girano pare che al conteggio mancassero addirittura venti addetti,

Nella versione accorciata la gara è stata vinta dal ventiduenne belga Christophe Noppe della Sport Vlaanderen-Baloise davanti ai connazionali Jelle Mannaerts (Tarteletto-Isorex) e Jérôme Baugnies (Wanty-Groupe Gobert).