People’s Choice: Peter Sagan prima vittoria del 2018

People’s Choice: Peter Sagan è già in forma

People’s Choice: Peter Sagan è già in forma e conquista il criterium di Adelaide che anticipa il  Tour Down Under

People's Choice: Peter Sagan

People’s Choice: Peter Sagan

People’s Choice Peter Sagan sfreccia davanti a tutti nel criterium che fa antipasto al Tour Down Under che inizierà tra due giorni. La gara si è svolta lungo le vie di Adelaide su di un circuito di 2300 metri da ripetere 22 volte.

La corsa ha il carattere della kermesse ma è un appuntamento sempre di prestigio come preambolo della stagione. La gara è stata caratterizzata dalla fuga di sette corridori tra cui il nostro Manuele Boaro, ma nel finale, come da previsioni,  il plotone si è ricompattato per una spettacolare quanto attesa volate.

Caleb Ewan ha deciso di partire lungo sul lato sinistro della carreggiata per anticipare i big, mentre al centro Peter Sagan e André Greipel si sono dati battaglia con lo slovacco della Bora-Hansgrohe che è riuscito a mettere la sua ruota davanti a quella di tutti gli altri. Il tedesco si è piazzato alle spalle di “Peto” mentre il podio è stato completato da  Caleb Ewan che si era aggiudicato le ultime due edizioni.

Brutta caduta nel finale che ha coinvolto il norvegese Kristoffer Halvorsen del Team Sky che ha perso il controllo andando a sbattere contro le transenne a causa di troppi contatti tra gli atleti

Da segnalare che nei primi dieci posti si sono piazzati ben tre italiani: al piedi del podio Elia Viviani che ha anticipato il connazionale Simone Consonni mentre ottavo è giunto Enrico Battaglin.

 

 

Premio Coraggio e Avanti a Michele Scarponi

Premio Coraggio e Avanti premia l’aquila di Filottrano

Premio Coraggio e Avanti

Premio Coraggio e Avanti

Premio Coraggio e Avanti giunto alla 14esima edizione. Si terrà domenica 26 novembre al Convento dei Padri Carmelitani sede del Museo Filotex, e Centro spirituale della Federciclismo, l’edizione 2017  che sarà dedicata alla memoria dell’indimenticabile Michele Scarponi.

La quattordicesima edizione del premio sarà infatti un commosso omaggio in memoria dello sfortunato campione marchigiano e sono attesi Giacomo e Flavia, genitori di Michele.
Il Premio Coraggio e Avanti  2017 verrà assegnato a Simone Consonni, grande protagonista e autentica rivelazione della stagione su pista.
Il Premio “Franco Ballerini” sarà assegnato al responsabile tecnico dell’attività femminile Edoardo Salvoldi.
Il Premio Ammiraglio D’Oro verrà consegnato a Paolo Slongo, uno dei tecnici vicini a Vincenzo Nibali.

A Michele Gazzoli verrà conferito il premio Mario Sani quale promessa del ciclismo juniores. il premio Alfredo Martini “Azzurri d’Italia” andrà a Luca Paolini.

La cerimonia si terrà, appunto, domenica a mezzogiorno all’interno della chiesa al termine della Santa Messa, celebrata da Padre Raffaele Duranti, con la presenza di tanti personaggi del ciclismo e dello sport.

Inseguimento a squadre vittoria azzurra

Inseguimento a squadre vittoria del nostro quartetto maschile

Inseguimento a squadre

Inseguimento a squadre, oro per gli azzurri

Inseguimento a squadre che si tinge d’oro per il quartetto azzurro, composto da  Francesco Lamon, Liam Bertazzo, Simone Consonni e Filippo Ganna, che ha sapientemente imitato le colleghe donne, vincenti nella giornata di ieri.

I nostri ragazzi hanno avuto la meglio sui colleghi tedeschi, chiudendo con un tempo di 3’56″433 contro il 3’57″778 degli avversari. La gara è stata davvero molto combattuta, con i teutonici che arrivavano più freschi non avendo gareggiato nel primo turno della sessione mattutina. La Germania si è infatti giovata del fatto che gli avversari della Polonia sono stati squalificati per via di una doppia falsa partenza.

Gara combattuta, dicevamo, con l’Italia che completa il primo chilometro in vantaggio di pochi decimi di secondo. Al secondo chilometro si ha una perfetta parità con i due team assolutamente sullo stesso tempo, poi è testa a testa nel terzo chilometro ma, proprio nel momento decisivo, i tedeschi perdono un uomo, restando in tre. Il rendimento della nazionale tedesca cala inevitabilmente e lo sprint finale dei nostri ragazzi chiude definitivamente i giochi.

 

Inseguimento stregato: argento per i nostri ragazzi

Inseguimento stregato: argento europeo contro la Francia per il quartetto maschile

Inseguimento Stregato

Inseguimento Stregato: azzurri secondi

Inseguimento stregato per il quartetto uomini tricolore. Mentre le colleghe donne fanno festa con medaglia e record Italiano, in campo maschile c’è il dejà vu della precedente edizione anche agli Europei di Berlino. L’Italia perde di misura contro la formazione francese che si impone con il tempo di 3’55″780, che per Louis Pijourlet, Corentin Ermenault, Florian Maitre e Benjamin Thomas significa anche record nazionale.

I nostri splendidi Filippo Ganna, Simone Consonni, Francesco Lamon e Liam Bertazzo fermano il cronometro sui 3’55″986, a 2 decimi dal record nazionale, che agli azzurri sarebbe valso anche l’oro nella competizione Europea. C’è un po’ di rammarico da un lato ma tanta soddisfazione dall’altro. Certo non è arrivato il metallo pesante in questo “Inseguimento stregato”  ma va detto che i nostri atleti hanno migliorato la prestazione della scorsa edizione mantenendo un trend di crescita assolutamente di altissimo rilievo.

Nella finalina per il terzo e quarto posto è stata la Russia ad avere la meglio sui padroni di casa della Germania con il tempo 3’57″517.

 

 

 

GP de Fourmies 2017 vittoria di Bouhanni

Nacer Bouhanni vince al GP de Fourmies

GP de Fourmies 2017

GP de Fourmies 2017

GP de Fourmies 2017 vittoria per Nacer Bouhanni che vantava tre podi e una vittoria nel 2013 nelle ultime edizioni della corsa francese. Finalmente il corridore transalpino riesce ad aggiungere una vittoria al suo personalissimo palmares. Per la stella della Cofidis quella di oggi è la settima vittoria del 2017: ieri alla Brussels Cycling Classic si era ritirato, oggi si è prontamente riscattato.

Edizione, come di consueto, movimentata dalle fughe e dagli attacchi ma alla fine il gruppo si è ricompattato proprio nei chilometri finali così da spingere ad un arrivo in volata.  Nacer Bouhanni  è andato a vincere davanti al connazionale Marc Sarreau (FDJ) ed al tedesco Rüdiger Selig (Bora); al quarto posto si è piazzato David Menut mentre quinto è arrivato il miglior degli italiani, il neoprofessionista Simone Consonni che si conferma in buona forma dopo il 9° posto di Plouay.