Pedalare in inverno con i capi Santini

Pedalare in inverno con i capi del team Trek-Segafredo

Pedalare in inverno con i capi Santini scelti da atleti e atlete del team Trek-Segafredo, ecco la nuova linea prodotta dallo storico marchio

Image

Pioggia, freddo, umidità? Per affrontarli al meglio gli atleti e le atlete del team Trek-Segafredo hanno in dotazione i capi Santini della collezione Premium Custom Clothing. Una linea disponibile per tutto il pubblico, sia nella versione personalizzabile per le squadre, sia nella collezione invernale 2019/20 disponibile nei negozi.

Come affrontano la pioggia e le condizioni atmosferiche invernali gli atleti Trek-Segafredo? Semplice: con i capi giusti!
Santini Cycling Wear, fornitore ufficiale della squadra dal 2018, equipaggia i corridori con una linea completa di capi adatti a ogni condizione climatica: dalla mezza stagione alla pioggia battente, dal freddo alle condizioni estreme.
Una linea che fa parte della collezione Premium Custom Clothing e che è disponibile per tutte le squadre amatoriali. Gli stessi capi della linea Custom sono presenti anche nella collezione autunno/inverno 2019/20 e disponibili online su www.santinicycling.com e nei migliori negozi di ciclismo nel mondo.

La scelta dei Pro
Tra i capi preferiti dal team Trek-Segafredo per la stagione invernale ci sono la giacca Vega Multi per garantire equilibrio termico in caso di condizioni meteo avverse, la giacca per la pioggia Guard Mercurio, la calda calzamaglia Vega Xtreme per le giornate più fredde, e il completo Coral, disegnato per le donne e scelto dalle atlete della divisone femminile.

Image

Per le uscite autunnali umide e piovose, la giacca Vega Multi è la scelta degli atleti della Trek-Segafredo. Realizzata in collaborazione con Polartec ed è confezionata con Polartec Power Shield® Pro, un tessuto impermeabile (con valore di 5.000 mm colonne d’acqua) e nello stesso tempo leggero e traspirante. La giacca è pensata per diverse condizioni meteo ed è termosaldata, in modo da proteggere completamente dalla pioggia. Le maniche sono tagliate al vivo e foderate in leggera termofelpa con uno strato esterno sul polso in PU impermeabile, così come la parte posteriore che è inoltre allungata per una maggiore protezione. Adatta a temperature dai 5° ai 15° gradi.

Se la pioggia si fa battente, gli atleti indossano la giacca Guard Mercurio: novità della collezione autunno/inverno 2019/20, si tratta di un capo completamente waterproof, costruito con una tripla membrana per proteggere da pioggia e vento, che presenta cuciture termosaldate e zip resistenti all’acqua. Perfetta da portare sempre con sé, sia come anti-vento da indossare in discesa, sia come giacca nel caso di acquazzoni improvvisi.

Image
Image

Per gli allenamenti nei giorni più rigidi dell’inverno, Santini ha realizzato una calzamaglia che è quasi una tutina: Vega Extreme protegge tutto il corpo, dal collo alle caviglie, e presenta una parte inferiore dotata di fondello C3 e realizzata esternamente nel tessuto water-repellent Aquazero e internamente in termofelpa Blizzard by Sitip, e una parte superiore integrata e a maniche corte, realizzata in microfibra e con zip frontale.

Le atlete della Trek-Segafredo donne hanno invece in dotazione Coral, il completo di punta della collezione Santini autunno/inverno 2019/20. Realizzato grazie ai feedback di Lizzie Deignan, membro della squadra e Campionessa del mondo 2015, il completo Coral è composto da giacca, maglia e calzamaglia ed è pensato per il corpo femminile e per permettere di vivere il ciclismo anche nei mesi invernali.

Image

La linea Santini Custom ha un sito dedicato dove poter scoprire tutti i dettagli relativi ai capi personalizzabili: www.santinicustom.it

Per maggiori informazioni sulla collezione autunno/inverno 2019/20: www.santinicycling.com

FONTE COMUNICATO STAMPA – photo credit: bettiniphoto

Santini linea di abbigliamento per l’ebike

Santini Cycling Wear collezione per e-biker

Santini ecco la prima collezione di abbigliamento per e-bike, una proposta Santini Cycling Wear

Image

 

Per la stagione PE 2020 Santini Cycling Wear lancia la prima collezione pensata per l’e-bike. Per chi sceglie l’opzione “elettrica” per andare al lavoro e muoversi in città, ma anche per le vacanze attive e il tempo libero, Santini ha pensato a una linea di capi dal look moderno e casual, con un fit morbido. La linea Santini per e-bike la si riconosce per il logo formato da cinque righe orizzontali ispirato ad Alessandro Volta, inventore della pila e del primo generatore elettrico.

 

PROPOSTA UOMO

Image

Maglia Volta Origine. La maglia Volta Origine è parte della collezione e-bike di Santini ed è confezionata in Melange un tessuto morbido, molto leggero e traspirante che avvolge il corpo senza costringerlo, ideale per le pedalate estive. La jersey presenta una tripla tasca posteriore e due taschine laterali con zip ed è realizzata in blu nautica o in nero con una fascia di diverso colore nell’area che corre lungo la zip frontale. Una banda riflettente garantisce una buona visibilità su strada.

Calzoncini Volta Bosco. Vestibilità comoda e stile mountain bike: i calzoncini Volta Bosco sono ideali per essere indossati durante le uscite su sterrato con l’e-bike. Dotati di chiusura a doppio bottone e di tasche con zip su ogni gamba, presentano dei sotto pantaloni interni con fondello. In blu nautica con dettagli azzurri e verde con dettagli verde chiaro e giallo fluo.

PROPOSTA DONNA

Image

Maglia Volta Origine. Elemento centrale nella collezione Santini e-bike, la maglia Volta Origine è confezionata con tessuto Melange molto leggero e traspirante. Una jersey disegnata sul corpo femminile, che avvolge il corpo lasciandogli la massima libertà di movimento. Presenta una tripla tasca posteriore e due taschine laterali con zip ed è realizzata in azzurro acqua o in rosso fragola. Una banda riflettente garantisce una buona visibilità su strada.

Calzoncini Watt Lycra. Realizzati in Thunderbike Power, un tessuto che riduce lo stress muscolare con un leggero effetto compressivo, e dotati di fondello GILevo per garantire massimo comfort in sella. I calzoncini Santini Wyatt Lycra fanno parte della collezione Santini E-bike e sono realizzati in blu nautica con dettagli azzurri a fondo gamba e neri con dettagli rosso fragola. Dotati di tasche laterali in microrete.

 

Per maggiori informazioni: www.santinicycling.com

FONTE COMUNICATO STAMPA

Granfondo Stelvio Santini i consigli di Alessandro Vanotti

Granfondo Stelvio Santini ancora pochi posti

Granfondo Stelvio Santini al via il prossimo 2 giugno tutte le info sulla manifestazione e i consigli di Alessandro Vanotti

Granfondo Stelvio Santini

Granfondo Stelvio Santini

Granfondo Stelvio Santini sono 200 i pettorali ancora disponibili al prezzo di 200 euro per presentarsi al via dell’edizione 2019  e potranno essere acquistati sul sito della competizione fino al 15 maggio. Gli ultimi iscritti avranno accesso a un pacchetto esclusivo che comprende, oltre all’iscrizione, anche il calzoncino da abbinare alla maglia ufficiale e la possibilità di partire dalla prima griglia VIP, assieme ai campioni. Inoltre, 30 euro dell’iscrizione verranno donati a World Bicycle Relief. Chi è già sicuro di prendere parte alla gara di domenica 2 giugno è l’ex-pro Alessandro Vanotti che ha condiviso qualche consiglio per un corretto avvicinamento al grande appuntamento. Quasi tutto pronto quindi, con le strade valtellinesi in attesa di indossare la maglia ufficiale firmata Santini presente nel pacco gara e obbligatoria per tutti i partecipanti.

Manca meno di un mese all’ottava edizione della Granfondo Stelvio Santini, la manifestazione che porterà sulle strade valtellinesi 3.500 appassionati del mondo delle due ruote. Per coloro che non si sono ancora iscritti, sono disponibili gli ultimi 200 pettorali al prezzo di 200 euro sul sito ufficiale della manifestazione www.granfondostelviosantini.com, fino al 15 maggio. Gli ultimi iscritti avranno accesso ad un pacchetto esclusivo che include non solo l’iscrizione alla Granfondo, ma anche il calzoncino da abbinare alla maglia ufficiale e la possibilità di poter partire dalla prima griglia VIP con gli ospiti della Granfondo, tra i quali Alessandro Vanotti e Fabio Felline del team Trek-Segafredo. Inoltre, della quota di 200 euro, 30 verranno devoluti in beneficenza all’Associazione no-profit World Bicycle Relief, una realtà impegnata nella donazione di biciclette alle popolazioni più povere del pianeta.

 

La maglia ufficiale da indossare in gara

Nel pacco gara che verrà consegnato ai partecipanti della Granfondo Stelvio Santini ci sarà la maglia ufficiale della manifestazione firmata Santini Cycling Wear. La divisa di gara, diversa sia per taglio che per colori tra uomini e donne, è obbligatoria per poter prendere parte alla sfida. L’uniformità della jersey è un fattore importante che permette agli organizzatori e ai volontari di riconoscere e tutelare i corridori in gara e, che nello stesso momento, crea un forte senso di appartenenza nei confronti della manifestazione. Oltre alla maglia ufficiale, i finisher porteranno a casa l’esclusivo cappellino che verrà loro consegnato solo raggiungendo il traguardo in cima allo Stelvio.

I consigli di Alessandro Vanotti

L’ultimo mese di preparazione prima di una gara è importante: bisogna trovare il giusto equilibrio tra allenamento e riposo, e alimentarsi nel modo corretto. Lo sa bene l’ex-professionista Alessandro Vanotti, anche lui allo start della Granfondo Stelvio Santini, che ha dei consigli per tutti coloro che stanno scaldando le gambe in vista del 2 giugno.
«Nell’ultimo mese prima della Stelvio Santini, bisogna inserire alcuni allenamenti che possano aiutare a superare le difficolta altimetriche della granfondo – spiega Vanotti – e chi affronterà il percorso lungo dovrà allenarsi passando parecchie ore in bici, lavorare sul fondo in zona anaerobica, effettuare almeno due volte la settimana delle salite che superino i 1.600 metri di altitudine e, se il meteo lo permette, anche i 2.000 metri. Lo stesso allenamento vale anche per chi farà il medio».

Image

Alessandro su strada si spinge oltre a dei superficiali consigli, e per chi vuole perfezionare la condizione propone anche interventi mirati in salita: «Consiglio di inserire delle ripetizioni particolari, le ormai note SFR, ovvero salite forza resistenza, da fare una volta la settimana – sottolinea Vanotti – e da effettuare su salite tra il 4% e il 6% per 20 minuti suddivise così: 3 minuti a 60 rpm e 2 minuti a 90 rpm. Il tutto replicato per 4 volte per arrivare ai 20 minuti totali. In dettaglio, gli ultimi 5 minuti – dal quindicesimo al ventesimo minuto – da fare alta intesità. Questa è la prima serie, da ripetere eventualmente anche due volte nella stessa sessione di allenamento e con un recupero di 20 minuti. Infine è consigliabile fare una salita da 10 km così composta: 3 minuti a 90 rpm, 3 minuti a 80 rpm e così via fino al termine della salita, cercando di aumentare l’intensità negli ultimi 5 minuti».
Naturalmente, per capire i valori reali da applicare in salita durante gli allenamenti, Alessandro suggerisce di effettuare un test di soglia.

Per quanto riguarda l’alimentazione, anche questo aspetto va curato, partendo dalla colazione che dev’essere abbondante e facendo attenzione a cosa si porta in tavola nei precedenti pasti: «Prediligere frutta e verdura di stagione ma di qualità, pasta, pane e riso integrali, non eccedere in zuccheri e latticini, e scegliere la carne rossa, per chi non fosse vegetariano, nella giornata di riposo e prediligere le carni bianche e il pesce durante gli allenamenti intensi e il giorno prima della granfondo. È importante anche bere molto, per arrivare il 2 Giugno ben idratati».

Infine, nel suo nuovo ruolo di coach e organizzatore di camp dedicati alla preparazione, Vanotti non dimentica il riposo e lo stretching, due elementi giocano un ruolo fondamentale: «Dormire almeno otto ore a notte e praticare la respirazione diaframmatica profonda prima di coricarsi per aiutare ad abbassare il livello di stress psichico e fisico e rilassare mente e corpo – prosegue Vanotti – Inoltre effettuare un massaggio a settimana alle gambe, soprattutto se nella quotidianità si passano tante ore in piedi, e fare stretching abitualmente per diminuire le tensioni muscolari e migliorare la flessibilità e la circolazione».

 

Tracciati e classifiche
Saranno tre i percorsi di gara: il tracciato lungo da oltre 4.000 metri di dislivello e 151 chilometri, adatto ai ciclisti dalle gambe forti e dal cuore grande, il percorso medio da 138 chilometri che permette di evitare la terribile salita al Mortirolo, e il percorso corto da 60 chilometri nel corso del quale si affrontano comunque quasi 2.000 metri di dislivello.
Ci sarà una classifica divisa per i tre percorsi, che somma il tempo impiegato nelle cronoscalate per ogni percorso e premia con la maglia a pois il King e la Queen of the Mountain Granfondo Stelvio Santini i primi di ogni categoria. Un’altra classifica per i King e le Queen of the Mountain assoluti sulle singole salite (Teglio, Mortirolo e Stelvio). Verranno inoltre premiate anche la squadra con il maggior numero di iscritti e quella con più atleti all’arrivo. Non è prevista una classifica generale ma verranno solamente pubblicati, in ordine alfabetico, i tempi totali dalla partenza all’arrivo di tutti i finisher.

Scheda Manifestazione
Nome: Granfondo Stelvio Santini
Luogo: Alta Valtellina – da Bormio al Passo dello Stelvio (provincia di Sondrio)
Edizione: Ottava
Data: 2 giugno 2019
Percorso Lungo: Bormio – Teglio – Mortirolo – Bormio – Stelvio > 151.3 km (4.178 m di dislivello)
Percorso Medio: Bormio – Teglio – Bormio – Stelvio > 137.9 km (3.158 m di dislivello)
Percorso Corto: Bormio – Sondalo – Bormio – Stelvio > 60 km (1.950 m di dislivello)
Chiusura iscrizioni: 15 maggio 2019
Organizzatore: US Bormiese

FONTE COMUNICATO STAMPA

Santini tessuti in tessuto anti bruciature

Santini, tessuti anti bruciatura: impact!

Santini lancia un tessuto anti bruciature grazie alla collaborazione con l’azienda Sitip di Cene: nasce Impact!

Santini Impact

Santini Impact

Santini lancia una collaborazione con l’azienda Sitip di Cene per produrre e commercializzare un nuovo tipo di pantaloncino in un tessuto anti bruciature: Impact.  Santini ha già dato prova delle sue doti durante l’ultimo tour de France in particolare nel corso della nona frazione (Arras-Roubaix) l’atleta lettone della Trek-Segafredo, Toms Skujiņš (primo lettone nella storia a vestire la maglia a pois) è caduto senza riportare escoriazioni nell’area del fianco proprio per merito dell’Impact.

Grazie al tessuto Sitip con fibre Dyneema® anti-abrasione e anti-taglio viene garantito agli atleti una extra protezione all’impatto con il terreno.

 

Monica Santini, amministratore delegato dell’azienda di Lallio ha spiegato questo progetto che ha richiesto due anni di progettazioni, studi e realizzazione:

“La fibra utilizzata per questo particolare modello di abbigliamento da ciclismo esiste già da qualche anno ed ha avuto largo impiego nel settore della sicurezza ma avevamo bisogno di un modo per lavorarla trasformandola da rigida e pesante a elastica e sottile per renderla adatta alle performance sportive».

La fattiva collaborazione con l’azienda Sitip di Cene che ha permesso di trovare il modo per fondere questo particolare tessuto su una base lycra tipica dell’abbigliamento per ciclisti.

Il  tessuto Sitip con fibre Dyneema (un materiale che viene dichiarato addirittura 15 volte più resistente dell’acciaio ) non si strappa e protegge la pelle sottostante.

È lo stesso tipo di pantaloncino utilizzato dagli atleti della Trek-Segafredo ed è in vendita al prezzo di 189,00 euro.

 

Trek-Segafredo al Giro lista dei partenti

Trek-Segafredo al Giro con Gianluca Brambilla

Trek-Segafredo al Giro svelati dai partner commerciali la formazione di Luca Guercilena che punterà sull’esperienza di Gianluca Brambilla

Trek-Segafredo al Giro

Trek-Segafredo al Giro

Trek-Segafredo al Giro d’Italia: nove diversi partner commerciali del  – Segafredo Zanetti, CA Technologies, Santini, Rudy Project, JSH Hotels Collection, NamedSport, MapeiSport, Dorelan e Scicon – hanno contribuito a svelare la formazione che prenderà parte al Giro d’Italia.

La formazione di Luca Guercilena potrà contare anche su un italiano tra i suoi otto, il 30enne Gianluca Brambilla che in carriera ha vinto una tappa e vestito per due giorni la maglia rosa.

Attenzione al giovane danese Niklas Eg che ha ben impressionato al Tour of Croatia, ed il colombiano Jarlinson Pantano altro uomo adatto alle salite che potrebbe puntare alla maglai azzurra della montagna.. In assenza di Giacomo Nizzolo, sempre alle prese con problemi fisici, sarà Boy Van Poppel a lanciarsi nelle volate ma la squadra avrà anche qualche buona possibilità con le fughe vista la presenza di ottimi pedalatori come Laurent DidierMarkel Irizar e soprattutto Mads Pedersen e Ryan Mullen.

Luca Guercilena, General Manager: «Avremo un misto di esperienza e giovani corridori, con l’obiettivo principale di sostenere Gianluca Brambilla nella sua rincorsa ad un risultato importante. Sono convinto che i nostri otto corridori sapranno lavorare al meglio e naturalmente tra i nostri obiettivi ci sono le vittorie di tappa»

Nippo Vini Fantini Europa Ovini ecco la maglia

Nippo Vini Fantini Europa Ovini presenta le divise per il 2018

Nippo Vini Fantini Europa Ovini

Nippo Vini Fantini Europa Ovini

Nippo Vini Fantini Europa Ovini ha tolto il velo alle proprie divise per la stagione 2018 durante al Fiera Cycle Mode che si sta svolgendo a Tokyo. La tenuta di corsa, prodotta per la prima volta da Santini, presenterà una preponderanza del blu (blu navy per la precisione) ma non verrà meno il classico tocco Orange Fluo che ha caratterizzato da sempre i colori del team. La texture della maglia presenterà una lavorazione romboidale lievemente sfumata, che gioca con le tonalità di blu e che va a creare un rete che richiama quella delle armature dei soldati romani.

Il main sponsor Nippo ha risalto sullo sfondo blu cosi come il marchio Vini Fantini che copre la parte del petto. In basso ci sarà un splendido inserto tricolore in cui è posto il logo della “new entry” Europa Ovini che proprio da quest’anno ha stretto una importante partnership commerciale e tecnica con la Nippo.

Le novità arrivano anche dal fornitore di biciclette per la Nippo Vini Fantini Europa Ovini, De Rosa, che ha proposto la Protos 2017, che sarà colorata di blue.

 

Granfondo San Gottardo tutto pronto

Granfondo San Gottardo si svolgerà domenica 23 Luglio

Granfondo San Gottardo

La divisa

Granfondo San Gottardo è stata inserita tra le 17 migliori granfondo del globo dalla autorevole rivista Cycling Weekly. La corsa svizzera prenderà il via domenica 23 Luglio con tre percorsi disponibili: lungo (da  110 km), medio (da 57 km) e corto (da 42 km).

La corsa svizzera è giunta alla sua settima edizione e da qualche giorno ha svelato la sua maglia ufficiale (compresa nel ricco pacco gara) prodotta da Santini in cui compare il logo dello sponsor di maglia 5 Stelle Home Interiors 

Si parte da Ambrì per poi giungere ad Airolo, dove inizia l’ascesa al Passo del San Gottardo lungo l’antica strada della Tremola, con i suoi innumerevoli tornanti in pavé di granito che salgono fino a raggiungere quota 2106 metri, la vetta del valico; gli sforzi saranno ripagati con la vista su uno dei panorami più suggestivi delle Alpi svizzere.

Come ogni edizione anche quest’anno il 23 luglio sarà allestito il “Villaggio dell’Evento”, ricco di stand informativi legati al mondo del ciclismo, animazioni varie e uno spazio gastronomico che permetterà di rifocillarsi durante tutto l’arco della giornata.