Jakob Fuglsang rinnova con l’Astana

Jakob Fuglsang rinnova con il team Kazako alla vigilia del Tour.

Jakob Fuglsang rinnova il contratto per le prossime due stagioni.

Jakob Fuglsang

Jakob Fuglsang

Jakob Fuglsang, il trentaduenne danese, giunto nella squadra dell’Astana nel 2013, vi rimarrà fino al termine del 2019. In questo periodo il team kazako è molto attivo con i rinnovi dei contratti (di pochi giorni fa quello di Cataldo).

Il progetto di rinnovo era in pancia del team da un po’ e, probabilmente, la vittoria  del Critérium du Dauphiné ha accelerato la decisione.

Jakob Fuglsang non ha nascosto la propria soddisfazione per l’esito della trattativa: “Sono felice di questo rinnovo: sono nel team da cinque stagioni ricche di soddisfazioni. Ho avuto la possibilità di crescere e spero di proseguire nei miglioramenti. L’Astana è una famiglia, per cui alla fine non è stato difficile scegliere di firmare il prolungamento”.

Felice anche il DS Alexandr Vinokourov : “Jakob è una colonna del team, un atleta serio e con doti di leader che molto ha dato e molto darà al team. L’inizio dell’anno per noi è stato davvero difficile e la sua vittoria al Delfinato ha contribuito a ridare morale ai ragazzi. Sono molto soddisfatto che la nostra proposta si sia sposata col progetto tecnico dell’atleta danese”.

Chloe Hosking rinnova con la Alé Cipollini

Chloe Hosking

Chloe Hosking

Alé Cipollini, la formazione veronese,  annuncia il rinnovo del contratto con la velocista australiana Chloe Hosking che quest’anno ha già conquistato tre vittorie, compresa una tappa all’OVO Women’s Tour, ed è salita sul podio al Tour of Chongming Island.

La Hosking, atleta di indubbio talento, rappresenta l’atleta con il miglior posizionamento nelle classifiche internazionali tra le atlete della Alé Cipollini, ecco le sue parole “E’ con infinito piacere che rinnovo il contratto col mio team, ho la fortuna di trovarmi in un ambiente in cui staff e compagne non mi fanno pesare lo stress e, anzi, in questo team ho sentito aumentare la mia passione per le due ruote. Mi è stato assegnato un ruolo di maggior responsabilità ma lo vedo come un segno di fiducia e non di pressione, spero di poter contribuire alla crescita del team e del ciclismo femminile”.