Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: presentazione

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: presentazione

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: analisi del percorso, starting list, diretta tv, diretta streaming, albo d’oro manifestazione

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018,

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018, in precedenza nota col nome di Omloop Het Volk si tiene annualmente nelle Fiandre Orientali (Belgio), è una classica delle prove sul Pavé di solito in programma l’ultimo sabato di febbraio o il primo di marzo. L’edizione 2018 è  in calendario per il 24 febbraio.

Dal 1945 al 1995 la corsa iniziava e finiva a Gand capoluogo delle Fiandre Orientali, dal 1996 fino al 2007 il traguardo venne posto a Lokeren, 20 km a nord-est mentre nel 2008 si è ritornati a Gand sia per partenza che arrivo.

Le ultime due edizioni sono state conquistate da Greg Van Avermaet che in entrambi i casi ha preceduto il campione del Mondo Peter Sagan

 

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: Percorso

Omloop Het Nieuwsblad: il Muur

Omloop Het Nieuwsblad: il Muur

La Classica belga, prima prova sul pavé, presenta alcune interessanti novità. Sono 196.2 i chilometri da affrontare con la consueta partenza da Gand ed arrivo posto, invece, a Meerbeke, cittadina fiamminga che per trent’anni ha fatto da scenario finale del Giro delle Fiandre. Sono previsti venti settori chiave che contraddistinguono il tracciato della corsa tra pavé e cotes: si parte con l’Haaghoek  per poi affrontare  il Leberg, prima asperità altimetrica.

Sarà il classico susseguirsi di muri fino al Bosberg. Poco prima di quest’ultimo, ecco il Muur presente anche lo scorso anno, il Muro di Grammont lo scorso anno era collocato molto lontano dall’arrivo , mentre stavolta sarà il punto chiave della corsa, a meno venti chilometri dall’arrivo. e potrà rinverdire i vasti della Ronde Van Vlaanderen.

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: Starting List

Al via della Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018 ci sarà il top del World Tour ad eccezione della Movistar. Al via anche le Professional Sport Vlaanderen-Baloise, Veranda’s Willems-Crelan, Wanty-Groupe Gobert, WB AquaProtect Veranclassic, Roompot-Nederlandse Loterij, Cofidis, Solutions Crédits, Fortuneo-Samsic e Vital Concept Cycling Club.

Assente Peter Sagan, ma saranno tanti i big pronti a contendersi la prima Classica del pavé che proveranno a succedere al vincitore delle ultime due edizioni Greg Van Avermaet (Bmc). Attenzione a Fernando Gaviria (Quick Step Floors), Michael Matthews(Sunweb), Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Oliver Naesen (Ag2R La Mondiale), Sep Vanmarcke (EF Drapac), Arnaud Démare (FDJ), Tiesj Benoot (Lotto Soudal), Ben Swift (UAE Team Emirates).

Tra gli italiani vanno tenuti particolarmente d’occhio: Daniel Oss che in assenza di Sagan sarà il capitanoo della Bora – Hansgrohe e  Matteo Trentin che sarà il leader della Mitchelton – Scott. Importanti anche le presenze di Sonny Colbrelli della Bahrain – Merida, Giacomo Nizzolo e Fabio Felline due pedine della Trek – Segafredo.

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: Diretta TV e Diretta Streaming

Al momento siamo in attesa di avere informazioni circa la direttastreaming dell’ evento. Diretta tv su Eurosport 2 dalle ore 15.30.

Omloop Het Nieuwsblad Elite 2018: Albo d’Oro recente

 

Omloop Het Nieuwsblad
2009  Thor Hushovd  Kevyn Ista  Juan Antonio Flecha
2010  Juan Antonio Flecha  Tyler Farrar  Heinrich Haussler
2011  Sebastian Langeveld  Juan Antonio Flecha  Mathew Hayman
2012  Sep Vanmarcke  Tom Boonen  Juan Antonio Flecha
2013  Luca Paolini  Stijn Vandenbergh  Sven Vandousselaere
2014  Ian Stannard  Greg Van Avermaet  Edvald Boasson Hagen
2015  Ian Stannard  Niki Terpstra  Tom Boonen
2016  Greg Van Avermaet  Peter Sagan  Tiesj Benoot
2017  Greg Van Avermaet  Peter Sagan  Sep Vanmarcke

 

Tour of Hainan 2017, presentazione

Tour of Hainan 2017 presentazione della corsa

Tour of Hainan 2017

Tour of Hainan 2017

Tour of Hainan 2017 si disputa dal 28 ottobre al 5 novembre all’interno dall’UCI Asia Tour, categoria 2HC. La prima edizione della corsa cinese venne vinta da Sergey Kolesnikov, vittoria italiana nel 2015 grazie a Sacha Modolo che vinse la prima gara a tappe della sua carriera. L’ultimo vincitore della manifestazione è stato Alexey Lutsenko.

Tour of Hainan 2017: il Percorso

Come si evince dal nome la corsa di svolge nella provincia del Hainan, sud della Cina, di cui è entrata a far parte s0lo nel 1950 dopo la guerra civile. La corsa comprende nove frazioni la maggior parte delle quali destinate ai velocisti. Il profilo altimetrico della corsa non presenta, infatti, spunti di particolare interesse. Le uniche tappe a presentare delle asperità sono la terza con una arrivo in lieve pendenza  e la settima che ha inserito un Granpremio della Montagna a non moltissimi chilometri dal traguardo di Lingshui.

Tour of Hainan 2017: Starting List

Nessun team Word Tour sarà al mia della corsa, mentre saranno presenti 5 team professional (la francese Delko Marseille, la brasiliana Soul Brasil, la statunitense Team Novo Nordisk e le due italiane Bardiani-Csf e Wilier-Selle Italia) ai quali si affiancano, oltre a la nazionale elvetica, 16 squadre Continental. I nomi caldi per conquistare la corsa sono i nostri velocisti Jakub Mareczko (Wilier-Selle Italia), Paolo Simion (Bardiani-Csf) ed Edoardo Zardini (Bardiani). Attenzione anche allo scalatore Ilya Koshevoy (Wilier).

Tour of Hainan 2017: Diretta TV

Diretta tv su Eurosport 2: prime due tappe alle ore 7, terza e quarta e ultima alle ore 6, le restanti alle 6.15

 

Tour de France 2018, presentazione della corsa

Tour de France 2018 ha svelato oggi il suo percorso, tante sorprese

Tour de France 2018

Tour de France 2018

Tour de France 2018 svelato oggi il percorso dell’edizione numero 105 della corsa in bicicletta più famosa al mondo. Lo scorso anno la Grande Boucle  aveva avuto il “grand depart” da Düsseldorf mentre quest’anno la partenza, come anticipato, sarà in Vandea e più precisamente a Noirmoutier en l’Ile con una tappa di circa 195 km con arrivo a Fontenay-le-Comte. E se lo scorso anno la partenza in terra germanica aveva visto subito una cronometro a delineare la classifica, quest’anno la prima frazione sarà in linea. Il percorso di quest’anno appare più accattivante di quello delle ultime edizioni con 25 montagne da scalare e 65 km contro il tempo.

Le tappe numero due e tre saranno terreno per gli sprinter in quanto non vi sono particolari difficoltà altimetriche, la quarta tappa potrebbe sorridere a Chris Froome e alle sue doti da cronoman, mentre la quinta sarà adatta alle imboscate. A seguire altre due tappe che sulla carte saranno adatte ai velocisti per poi percorrere l’ottava tappa che, se dovesse esservi vento, potrebbe creare non poco scompiglio tra i big.

La prima frazione in linea che potrebbe essere per molti indigesta, però, sarà la nona: i ciclisti saranno chiamati ad affrontare ben quindici settori di pavè con uno spettacolare arrivo a Roubaix. Nella decima frazione (che seguirà il primo giorno di riposo) ecco che ci si scontrerà con numerose salite e un GPM di prima categoria che potrebbe essere pagato a caro prezzo da chi non ha recuperato le fatiche dei primi giorni.

La dodicesima tappa si correrà sulle Alpi con arrivo all’ Alpe d’Huez e sicuramente la classifica verrà in qualche modo sconvolta. Il giorno seguente ancora spazio agli sprinter. Dopo due tappe interlocutorie e adatte a qualche fuga, la quindicesima frazione presenterà un percorso molto selettivo che porterà la carovana alla sedicesima tappa con i Pirenei.

La diciottesima tappa si annuncia micidiale con il  Tourmalet e il classico arrivo a Pau. A seguireci sarà una tappa lunga e piena di insidie ma, c’è da scommetterlo, sarà la ventesima tappa a mettere l’ultima parola sulla corsa francese: una cornometro individuale adatta a corridori molto tecnici. L’ultimo giorno, consueta passerella sugli Champs-Elysées.

Tour de France 2018: Le tappe

1ª tappa – sabato 7 luglio: Noirmoutier en l’Ile-Fontenay le Comte (195 km)
2ª tappa – domenica 8 luglio: Mouilleron Saint Germain-Roche sur Yon (185 km)
3ª tappa – lunedì 9 luglio: Cholet-Cholet (35 km, cronometro a squadre)
4ª tappa – martedì 10 luglio: La Baule Escoublac-Sarzeau (192 km)
5ª tappa – mercoledì 11 luglio: Lorient-Quimper (203 km)
6ª tappa – giovedì 12 luglio: Brest-Mur de Bretagne (181 km)
7ª tappa – venerdì 13 luglio: Fougères-Chartres (231 km)
8ª tappa – sabato 14 luglio: Dreux-Amiens (181 km)
9ª tappa – domenica 15 luglio: Arras-Roubaix (154 km)
10ª tappa – martedì 17 luglio: Annecy-Le Grand Bornard (159 km)
11ª tappa – mercoledì 18 luglio: Albertville-La Rosière (108 km)
12ª tappa – giovedì 19 luglio: Bourg Saint Maurice-Alpe d’Huez (175 km)
13ª tappa – venerdì 20 luglio: Le Bourg d’Oisans-Valence (169 )
14ª tappa – sabato 21 luglio: Saint Paul Trois Châteaux-Mende (187 km)
15ª tappa – domenica 22 luglio: Millau-Carcassonne (181 km)
16ª tappa – martedì 24 luglio: Carcassonne-Bagnères de Luchon (218 km)
17ª tappa – mercoledì 25 luglio: Bagnèrese de Luchon-Saint Lary Soulan (65 km)
18ª tappa – giovedì 26 luglio: Trie sur Baïse-Pau (172 km)
19ª tappa – venerdì 27 luglio: Lourdes-Laruns (200 km)
20ª tappa – sabato 28 luglio: Saint Pée sur Nivelle-Esplette (31 km, cronometro)
21ª tappa – domenica 29 luglio: Houilles-Parigi (115 km)

 

Tacx Pro Classic 2017: Presentazione

Tacx Pro Classic 2017/Ronde van Zeeland: anteprima della gara

Tacx Pro Classic 2017

Tacx Pro Classic 2017

Tacx Pro Classic 2017/Ronde van Zeeland farà il suo gradito ritorno nel calendario delle corse Europee dopo la cancellazione dell’edizione 2016. La corsa olandese, in programma sabato 14 ottobre, prende il nome di Tacx Pro Classic ed è classificata 1.1 dall’UCI. L’ultima edizione (quella 2015) venne vinta dal belga Ilyo Keisse mentre il miglior risultato per un atleta  italiano è rappresentato dal secondo posto di Alessandro Petacchi nel lontano 2009.

Tacx Pro Classic 2017: Il Percorso

La competizione si svolgerà in Zelanda, una delle province a sud-ovest dei Paesi Bassi, e avrà una lunghezza di 201 km con partenza da Middleburg  e arrivo a Neeltje Jans, (un’isola artificiale situata nello Schelda). Vi sarà un primo tratto in linea di 185km e poi un circuito di 16km circa all’interno del centro della località di arrivo. Vista la morfologia del territorio è facile aspettarsi un arrivo dedicato ai velocisti.

Tacx Pro Classic 2017: Starting List

Presenti al via ci saranno: 3 WorldTour (LottoNL – Jumbo, Lotto Soudal, Bmc Racing Team); 7 Professional (Roompot, Cofidis, Direct Energie, SportVlaanderen-Baloise, Veranda’s Willems, Wanty – Groupe Gobert, WB Veranclassic); 5 Continental (Destil Jo Piels, Metec, SEG Racing, Delta Cycling, Badydump).

 

Tour de France 2018: la data della presentazione

Tour de France 2018 presentazione il 17 ottobre

Tour de France 2018

Tour de France 2018

Tour de France 2018 sarà svelato al grande pubblico il prossimo 17 ottobre. Mentre non si ha ancora una data certa per la presentazione del nostro Giro d’Italia, la corsa transalpina sarà svelata al Palais des Congrès Convention Centre di Parigi fra poco più di una settimana. C’è molta attesa per scoprire su quale terreno il vincitore della scorsa edizione, Chris Froome, dovrà difendere il suo titolo dagli attacchi dei vari Quintana e Dumoulin in attesa di capire se Vincenzo Nibali, fresco di vittoria al Lombardia, correrà sulle strade francesi.

Le Grande depart sarà in Vandea, con le prime due frazioni riservate ai velocisti che non dovrebbero incidere più di tanto (ma attenzione al vento) sulle sorti della classifica generale. La terza tappa, a Cholet, cambierà tutto: 36 chilometri contro il tempo in una cronosquadre molto impegnativa e che delineerà le strategia di corsa dei big.

Si procederà poi verso le Alpi con il primo arrivo in salita a  La Rosiere: pendenze abbordabili, ma potrebbe arrivare al termine di una frazione molto dura. Previsto l’arrivo all’Alpe d’Huez, salita storica del Tour de France affrontata dal versante classico, preceduta dal Col du Glandon.

Vi sarà poi una tappa adatta agli sprinter a cui faranno seguito gli arrivi di Mende e Carcassone, che sulla carta potrebbero essere ideali per tappe di media montagna ricche di insidie. Subito dopo la carovana si sposterà in direzione dei Pirenei. Il primo arrivo in quota dovrebbe essere a Superbagneres e si prevede un  passaggio sul Tourmalet.

Prima della passerella ai Campi Elisi di Parigi, prevista al sabato, una cronometro individuale di circa 30 chilometri che dovrebbe dare l’assestamento definitivo alla classifica del Tour de France 2018.

 

Presentazione Giro a fine novembre?

Presentazione Giro in ritardo? Perché?

Presentazione Giro

Presentazione Giro

Presentazione Giro in ritardo rispetto al solito? Sono già state presentate le prime tre tappe in Israele mentre è prevista per fine novembre l’ufficializzazione dell’intero percorso della corsa rosa. La data possibile è il 29 novembre, in ritardo di quasi un mese rispetto all’evento dello scorso anno (l’edizione 100 del Giro era stata presentata il 25 ottobre). La scelta di una data cosi posticipata rispetto alla normale programmazione potrebbe essere causa di non poche defezioni tra i ciclisti di alto livello alla giornata di presentazione. Molti big, infatti, in quel periodo saranno già nel pieno dell’attività di preparazione della stagione 2018 tra allenamenti a pieno regime e ritiri con le relative squadre.

Probabilmente una delle ragioni che hanno fatto slittare la giornata di gala in cui i vertici di RCS Sport presenteranno la corsa rosa è l’incertezza sul gran finale a Roma. La scelta di Rcs di posticipare la classica data della presentazione servirebbe quindi a dare maggiore tempo all’organizzazione sportiva e cittadina di trovare il giusto accordo, tenendo comunque del margine per mettere in atto un eventuale piano B.

 

Giro di Turchia 2017: presentazione

Giro di Turchia 2017: presentazione della corsa

Giro di Turchia 2017

Giro di Turchia 2017

Giro di Turchia 2017 quest’anno avrebbe dovuto entrare nel World Tour. Collocata tradizionalmente nel mese di aprile, la corsa, che da mezzo secolo si corre nel paese al confine tra l’Europa e l’Asia, è stata spostata a fine stagione per i continui rischi politici che mettono a rischio l’incolumità dei corridori. La corsa è quindi in programma dal 10 al 15 ottobre, sebbene l’esigua presenza di team di prima fascia farà sì che già a partire dal prossimo anno, il Presidential Tour of Turkey perda lo status di gara di Serie A, retrocedendo nuovamente a prova 2.HC dell’Uci Europe Tour. All’interno dell’albo d’oro l’unico italiano è Giovanni Visconti, primo nel 2010.
La corsa sarà trasmessa in diretta su Eurosport tutti i giorni dalle ore 14, ma l’ultima tappa andrà live dalle ore 12.

Giro di Turchia 2017: Il Percorso

La corsa percorrerà la costa del paese senza toccare le città interne. La partenza avverrà  da Alanya e si arriverà sulle strade della capitale Istanbul dopo 1030 km percorsi. La prima frazione sarà dedicata ai velocisti, i quali potrebbero replicare già il giorno successivo nella Kumlica-Fethiye.

La terza frazione presenta, poco prima del traguardo di Marmaris, uno strappo che potrebbe tagliare le gambe agli sprinter. Il quarto giorno spazio agli scalatori con l’arrivo in salita a Selcuk. Una salita di seconda categoria a venti chilometri dall’arrivo di Izmir potrebbe far selezione nella penultima tappa, mentre l’ultima, interamente ad Istanbul, sarà per velocisti.

Giro di Turchia 2017: Starting List

Uomi di classifica: Jarlinson Pantano (Trek-Segafredo) e Darwin Atapuma (UAE Team Emirates), il russo Sergey Firsanov (Gazprom-RusVelo), lo spagnolo David Arroyo (Caja Rural-Rga). Queste le ruote veloci presenti: il punto di riferimento è certamente l’irlandese Sam Bennett (Bora-Hansgrohe), a cui proveranno ad affiancarsi il belga Edward Theuns (Trek-Segafredo) e gli italiani Riccardo Minali(Astana), Francesco Gavazzi e Marco Benfatto (Androni-Sidermec), Simone Consonni (UAE Team Emirates), Paolo Simion (Bardiani-Csf) e Manuel Belletti (Wilier-Selle Italia).

Parigi-Tours 2017: Presentazione

Parigi-Tours 2017 si corre oggi, ecco i dettagli

Parigi-Tours 2017

Parigi-Tours 2017

Parigi-Tours 2017, classica decaduta giunta alla edizione numero 111 è in programma ques’oggi 8 ottobre. Organizzata da ASO la corsa ebbe la sua prima edizione nel lontano 1896 e lo scorso anno fece scoprire al mondo il reale valore di Fernando Gaviria. Nel 2015 fu invece il nostro Matteo Trentin a conquistare la vittoria, come si può capire si tratta di una gara adatta ai velocisti, invatti, possono vantare il maggior numero di vittorie (tre) Erik Zabel, Paul Maye e Guido Reybrouck. La gara sarà trasmessa in  Diretta tv su Rai Sport ed Eurosport dalle ore 15.30.

Parigi-Tours 2017: Il Percorso

Rispetto alla edizione 2016 il  chilometraggio si abbassa e passa dai 252 km della passata edizione ai 234 di quella attuale; la partenza viene spostata da Dreux a Brou, entrambi situati nel dipartimento dell’Eure-et-Loir. La  Parigi Tours 2017 non presenta strappetti nel finale (cosa che accadeva in passato), restano  la Cote de Beau Soleil e la Cote de l’Epan, a dieci chilometri alla conclusione, le uniche occasioni per chi vuol tentate il colpo di mano.

Parigi-Tours 2017: Starting List

Al Via: 9WorldTour (Ag2r La Mondiale, FDJ, Bmc, Lotto Soudal, Quick Step Floors, Dimension Data, Katusha-Alpecin, LottoNL-Jumbo, Sunweb); 10 Professional (Aqua Blue Sport, Cofidis, Delko Marseille, Direct Energie, Fortuneo-Oscaro, Roompot, SportVlaanderen-Baloise, Veranda’s Willems, Waty-Groupe Gobert, WB Veranclassic); 3 Continental (Armee de Terre, HP BTP-Auber 93, Roubaix Lille Metropole).

Tra i velocisti più attesi: Fernando Gaviria (Quick Step), Andre Greipel (Lotto Soudal), Mark Cavendish (Dimension Data), Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo) e Nacer Bouhanni(Cofidis). Tra gli italiani Matteo Trentin (Quick Step), Daniel Oss (Bmc), Jacopo Guarnieri (FDJ) e Andrea Pasqualon (Wanty-Gobert).

 

 

Sparkassen Munsterland 2017: anteprima

Sparkassen Munsterland 2017 presentazione della gara

Sparkassen Munsterland

Sparkassen Munsterland il logo

Sparkassen Munsterland Giro 2017 si disputa oggi, tra la Tre Valli Varesine e l’antica Binche-Tournay-Binche, la corsa tedesca giunta alla 12esima edizione. La corsa, storicamente terreno per velocisti (tra i vincitori Andre Greipel, Marcel Kittel e Jos Van Emden hanno fatto doppietta), non è mai stata conquistata da un corridore italiano.

Sparkassen Munsterland 2017 : Il Percorso

La corsa si svolge nella Germania del nord (nel Munsterland) nei pressi della città di Munster su di un percorso che misura 200 km con partenza da Gronay e arrivo nel capoluogo. Il finale prevede un circuito da ripetere 5 volte con qualche strappetto ma tutto lascia pensare che siano gli sprinter a giocarsi la vittoria.

Sparkassen Munsterland 2017 : La Starting List

Al via ci saranno:  7 WorldTeams (Sunweb, Bora-Hansgrohe, Katusha-Alpecin, Dimension Data, Lotto Soudal, LottoNL-Jumbo, Quick Step Floors); 7 Professional (CCC Sprandi, Gazprom-RusVelo, SportVlaanderen-Baloise, Wanty-Groupe Gobert, WB Veranclassic, Roompot, Novo Nordisk); 8 Continental (Team Brandeburg, Rad-Net Rose, Team Dauner, Lotto Kern Haus, Team Sauerland, 0711 Cycling, Team Heizomat, Bike Aid).

Gran Premio Bruno Beghelli 2017 presentazione

Gran Premio Bruno Beghelli 2017 anteprima della corsa

Gran Premio Bruno Beghelli

Gran Premio Bruno Beghelli

Gran Premio Bruno Beghelli, corsa giunta alla 22esima edizione si disputerà domenica 1 Ottobre. La corsa valida per la Ciclismo Cup e per il calendario Uci Europe Tour, categoria 1.HC, rappresenta uno degli impegni del finale di stagione post-Mondiale.
Sono quattordici le vittorie azzurre in due decenni di corsa: da Mario Cipollini fino a Nicola Ruffoni, passando per Stefano Zanini, Damiano Cunego, Alessandro Petacchi e Sonny Colbrelli. In tv saranno Eurosport 2 (live ore 14.45) e Rai Sport (differita ore 19.50) a trasmettere la corsa.

Gran Premio Bruno Beghelli: il percorso

Tracciato inalterato rispetto alla scora edizione per il Beghelli che si disputerà sulla lunghezza di 196 km attraverso le provincia di Bologna e Modena. Ritrovo allo stabilimento della omonima azienda e start ufficiale a Monteveglio alle 12.45. I primi 60 chilometri saranno percorsi nel circuito di Vignola e saranno quasi completamente pianeggianti. Una volta arrivati a Bazzano, si affronterà un secondo anello da ripetere 10 volte, con la salita di Zappolino (1.5 km al 7%) fulcro della gara, l’ultimo scollinamento a 10km dall’arrivo potrebbe essere il trampolino per l’azione decisiva.
L’ultimo dei 10 passaggi in cima a Zappolino (in occasione del terzo, del sesto e del nono saranno assegnati punti validi per la classifica dei GPM) sarà a dieci km alla conclusione, tutti in discesa fino a Monteveglio.

Gran Premio Bruno Beghelli: Starting List

12 WorldTour (AG2R La Mondiale, Astana Pro Team, Bahrain Merida, BMC Racing Team, Cannondale-Drapac, FDJ, Movistar Team, Orica-Scott, Team Dimension Data, Team Sky, Trek-Segafredo e UAE Team Emirates); 10 Professional (Androni Giocattoli, Bardiani CSF, Caja Rural-Seguros RGA, CCC Sprandi Polkowice, Cofidis, Gazprom-RusVelo, Israel Cycling Academy, Nippo-Vini Fantini, Wanty-Groupe Gobert e Wilier Triestina-Selle Italia); 4 Continental (GM Europa Ovini, Sangemini-MG.KVis e Unieuro Trevigiani-Hemus 1896, Amore & Vita-Selle SMP).

Tra i big un occhio andrà dato ai nostri Sonny Colbrelli, Elia Viviani, Alberto Bettiol  reduci dal mondiale. Attenzione tra gli italiani Albasini, Moser, Gavazzi e Pasqualon (fresco di vittoria alla Coppa Sabatini) e tra gli stranieri a Stuyen, Luis Leon Sanchez e Albasini (reduce dalla vittoria alla Coppa Agostoni)