Michael Goolaerts i messaggi dei colleghi

Michael Goolaerts i messaggi dei colleghi via social network

Michael Goolaerts i messaggi dei tanti colleghi colpiti dalla tragica vicenda del campione belga rendono omaggio al ragazzo

Michael Goolaerts i messaggi

Michael Goolaerts i messaggi

Michael Goolaerts i messaggi di cordoglio riempiono le pagine dei siti internet e dei social network, la tragica vicenda ha messo in secondo piano le gesta di Peter Sagan e degli altri protagonisti della Parigi-Roubaix. L’intero mondo del ciclismo piange il  giovane collega che ha perso la vita mentre stava disputando per la prima volta una corsa che aveva sempre sognato. 

“La mia solidarietà a tutti i parenti di Michael. Non ci sono parole per quello che è successo…” ha sctitto il campione nazionale belga Oliver Naesen mentre il compagno Wout Van Aert ha postato sui social una foto di Michael sorridente: “Goolie era del ’94, proprio come me. Per questo abbiamo condiviso il gruppo per anni. Non posso ancora comprendere cosa sia successo. Il tuo sorriso eterno resterà sempre un’ispirazione per me. Riposa in pace”.

Giovanni Visconti: “Qualche minuto dopo aver postato la tua foto ho riaperto instagram e l’occhio è balzato subito sui “108” like. Proprio quel numero, il numero di Wouter Weilandt, ho così avuto un brutto presentimento 😢 Adesso sei lì con lui caro Michael e c’è anche Scarpa che sicuramente proverà subito a strapparti un sorriso conoscendolo. Quaggiù per noi solo lacrime ora… R.I.P.” ha postato.

Sono arrivati anche i commenti dell’Astana nella persona di Alexandre Vinokourov: “È una notizia scioccante per il mondo del ciclismo, davvero non è facile trovare le parole. Sfortunatamente, noi di Astana sappiamo quanto sia doloroso e difficile perdere un ciclista, un compagno di squadra, un amico. Sincere condoglianze alla famigia di Michael Goolaerts, agli amici e al suo team. È giorno nero per tutto il ciclismo”.

Peter Sagan, dopo la meritata festa di ieri, ha dichiarato “Tutti i miei pensieri e le preghiere della mia squadra sono con Michael. Quella che ci ha raggiunto è davvero una notizia tristissima”.

Non poteva naturalmente mancare il messaggio di cordoglio del Presidente dell’Unione Ciclistica Internazionale David Lappartient: “A nome dell’Unione Ciclistica Italiana e di  tutta la famiglia del ciclismo, voglio estendere le mie più sincere condoglianze alla famiglia, la squadra, gli amici di Michael Goolaerts, che ci ha lasciato troppo presto. Condividiamo la loro immensa tristezza”.

 

 

Tutti contro Froome? Non dovrebbe correre!

Tutti contro Froome? Il britannico smentisce, eppure…

Tutti contro Froome? Froome contro tutti? A sentire le parole si Naesen, Gilbert e Wellens le parole del britannico non rispecchiano la verità

Tutti contro Froome

Tutti contro Froome

Tutti contro Froome, non è il piano del prossimo  Tour de France ma l’attualità che si prospetta durante la Vuelta Andalucia. Dopo le tante parole che si sono spese in questi ultimi due mesi è arrivato il momento del ritorno alle gare per il kenyano bianco. I tanti e lunghi allenamenti a cui si è sottoposto Chris Froome pare non abbiano dato dei frutti immediati almeno a giudicare dalle sue prime pedalate iberiche.

Chris Froome non è apparso per nulla brillante e non ha nascosto di non essere ancora in forma: “Non mi sento assolutamente bene, ovviamente è solo la prima corsa per me e sono comunque abbastanza contento. E’ giusto che il team sia al servizio di Poels”. Il britannico si è poi espresso sul modo in cui i colleghi l’hanno accolto:  “E’ stato bello vedere quanto sostegno ho in mezzo al gruppo, è stato molto toccante” ha raccontato Froome al termine della prima tappa della Vuelta Andalucia”. Ma è proprio così?

Tutti contro Froome? Naesen e Gilbert: ‘Non dovrebbe correre’

Tutto bello? Tutto come da programmi? Non sembra proprio che le parole del capitano del Team Sky corrispondano alla realtà. Nessuno si aspettava un Froome in versione Tour-Vuelta ma sicuramente per fugare i dubbi ci si attendava un Chris più combattivo.

Per ciò che concerne, invece, l’accoglienza in gruppo. Non pare proprio che i colleghi siano felici della sua presenza.  “Froome non dovrebbe correre fino a quando non ci sarà una sentenza, che sia positiva o negativa” ha dichiarato all’emittente Tv Sporza il campione del Belgio Oliver Naesen, impegnato alla Vuelta Andalucia. “Non si può considerare una cosa normale, è una brutta situazione per il ciclismo e per la sua credibilità” ha rincarato la dose il corridore della AG2R.

Sulla stessa lunghezza d’onda ecco  Tim Wellens, altro corridore impegnato in Andalucia: “Io non avrei iniziato a correre fino al verdetto, non mi sentirei a mio agio al suo posto”. Durissimo anche Philippe Gilbert. “Penso che sia un grosso errore, per rispetto verso gli altri corridori dovrebbe astenersi dal correre” ha dichiarato il vincitore dell’ultimo Giro delle Fiandre.

Insomma sembra che si sia a unTutti contro Froome e un Froome contro tutti, staremo a vedere se l’UCI prenderà finalmente posizione sulla vicenda della positività al salbutamolo.