Lapierre Bikes è sponsor delle tre classiche del ciclismo

Lapierre Bikes sponsor delle tre classiche del ciclismo italiano

Lapierre Bikes è sponsor delle tre classiche del ciclismo: Milano-Sanremo (08/08), Milano-Torino (05/08) e GranPiemonte (12/08) 2020

 

Lapierre rafforza l’immagine del marchio sul territorio italiano firmando un contratto come official partner con RCS Sport per il 2020 e il 2021, con l’obiettivo di accrescere l’immagine del marchio e la quota di Lapierre sul mercato italiano delle bici da strada grazie ai suoi iconici modelli Xelius SL e Aircode SL.

Già vincitrice di molte gare ciclistiche professionistiche italiane tra cui la Milano-Sanremo nel 2016 con Arnaud Démare e la Milano-Torino 2018 con Thibaut Pinot, Lapierre e Accell Sud Europa desiderano capitalizzare questi successi per rafforzare la propria presenza sul mercato italiano delle bici da strada, sponsorizzando tre delle più importanti corse tra le classiche del ciclismo professionistico.

Alessandro D’Amore, responsabile vendite e marketing di Lapierre per il mercato italiano:

“In Italia abbiamo una buona immagine nei segmenti eMTB e MTB, grazie all’ottimo lavoro dei nostri rivenditori. La strada è sempre stata parte del DNA di Lapierre con due delle nostre iconiche bici, l’Aircode SL e la Xelius SL. Ora dobbiamo capitalizzare i nostri punti di forza per consolidare la nostra immagine sul segmento strada e sviluppare le nostre vendite”.

Matteo Mursia, direttore commerciale di RCS Sport:

“Siamo molto orgogliosi di poter annunciare la nuova collaborazione con Cycles Lapierre, dimostrazione una volta di più dell’appeal e la caratura internazionale delle nostre Classiche. Dopo un periodo complicato per tutti siamo convinti che riportare le corse sulle strade sia la cosa più importante, un segnale concreto di un nuovo inizio per il ciclismo e non solo. Desideriamo ringraziare Lapierre che ha creduto in RCS Sport e siamo convinti che insieme ci toglieremo grandi soddisfazioni”.

La Milano-Torino si correrà domani 5 agosto

Milano-Torino è una gara ciclistica storica. Nata nel 1876 è oggi la più antica ancora organizzata. Di solito percorsa nel periodo autunnale, e quindi considerata una classica d’autunno, la Milano-Torino insieme al Giro di Lombardia e il Gran Piemonte forma il “Trittico di Autunno”.

Nel 2018 Thibaut Pinot si è distinto tra i ciclisti professionisti finendo al primo posto e vincendo quindi la gara prestigiosa. La 101^ edizione della Milano-Torino presenta un percorso pianeggiante che sorride ai velocisti, 198 km con partenza da Mesero e arrivo a Stupinigi, davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi dove nel 2018 Sonny Colbrelli si impose vincendo il Gran Piemonte.

RCS Sport ha commentato: “Con la Milano-Torino siamo tornati un po’ all’antico, anticipando, come succedeva una volta, la Milano-Sanremo in questo nuovo calendario della ripartenza. Sarà una corsa adatta ai velocisti, visto il percorso prevalentemente pianeggiante. Partiremo da Mesero alle porte di Milano per arrivare davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, una delle famose residenze sabaude più famose. Anche questa volta sarà una ripartenza non solo dal punto di vista sportivo ma anche turistico, dal momento che il ciclismo è strettamente collegato alla promozione del territorio. Dal punto di vista agonistico, la prossimità con la prima Classica Monumento della stagione offre una nuova chiave di lettura per questa corsa che sarà un vero banco di prova per tutti coloro che vorranno provare a vincere la Milano-Sanremo sabato 8 agostoLa nostra Regione è orgogliosa di ospitare la Milano-Torino, una prova atletica eccezionale che, dopo un terribile momento vissuto dal nostro Paese per colpa del virus, torna anche a riavvicinare grazie allo sport le città italiane – afferma l’Assessore Regionale allo Sport Fabrizio Ricca. La gara terminerà davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi e sarà l’ennesima occasione per mostrare a tutti la bellezza del nostro territorio, che offre anche agli atleti la possibilità di cimentarsi nei loro sport a contatto con natura, storia e arte”.

La Milano-Sanremo si correrà sabato 8 agosto

La Milano San-Remo, soprannominata “La Classicissima”, è una gara ciclistica italiana che fa parte dei cinque pilastri del ciclismo. Contesa tra le città di Milano e Sanremo dal 1901, è la corsa ciclistica professionale di un giorno più lunga di un giorno, con una media di 298 chilometri da percorrere.

La Milano-San Remo, con il suo profilo altimetrico prevalentemente pianeggiante, è considerata una gara da velocista. Arnaud Démare, del team Groupama-FDJ nel 2016 ha ottenuto la vittoria.

Inizialmente prevista per il 21 marzo, la gara è stata rinviata all’8 agosto a causa dell’emergenza sanitaria .causata dal Covid-19

Mauro Vegni, Direttore Area Ciclismo di RCS Sport afferma: “Quella dell’8 agosto è una data dettata dal momento difficile che stiamo vivendo con la conseguente rivoluzione del calendario ciclistico. Ci sarà qualche problema in più rispetto a marzo ma siamo fiduciosi che la risposta del territorio possa essere un segnale forte per la ripartenza, anche attraverso lo sport, del nostro Paese. Avremo al via molti dei grandi campioni del pedale a partire dal vincitore dello scorso anno Alaphilippe, ai nostri Nibali e Viviani, a velocisti del calibro di Sagan, dell’australiano Ewan, del colombiano Gaviria e alle nuove promesse Van der Poel e Van Aert, solo per citarne alcuni. Questa Classica Monumento verrà trasmessa, grazie alla produzione del nostro partner Rai, nei cinque continenti e avrà gli occhi di milioni di spettatori a seguirla. Siamo convinti che anche quest’anno, una delle corse di ciclismo più amate al mondo, avrà il successo e la visibilità che l’hanno resa mitica.”

Percorso inedito della Milano-Sanremo

La Milano-Sanremo cambia il suo percorso. Sabato 8 agosto i protagonisti della Classicissima affronteranno un tracciato inedito che muoverà da Milano, il Km 0 è fissato sulla Nuova Vigevanese nel comune di Trezzano sul Naviglio, per proseguire verso la Lomellina, Alessandria, il Monferrato e le Langhe prima di affrontare la salita di Colle Nava a 70 chilometri dal traguardo di Sanremo. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo. 

Descrizione del percorso

La Milano-Sanremo dopo 110 anni cambia percorso e incontra il mare solamente a Imperia dopo aver attraversato la Pianura Padana e gli Appennini più a occidente del consueto. Dopo la partenza da Milano si attraversa la Lomellina su strade pianeggianti, larghe e rettilinee. Dopo Alessandria la corsa attraversa il Monferrato per poi passare nelle Langhe e affrontare la prima lunga asperità di giornata, la salita di Niella Belbo. Le pendenze sono dolci, ma sono presenti, specie nella parte iniziale tratti ripidi e la salita è lunga quasi 20 km (media 3%). Dopo Ceva inizia la lunga e facile ascesa al Colle di Nava (3.9 km al 3% nel finale). Segue la veloce picchiata su Pieve di Teco seguita dal falsopiano a scendere fino a Imperia. Salita e discesa si svolgono su strade larghe. L’attraversamento di Langhe e Monferrato presenta tratti ristretti. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa (affrontata per la prima volta nel 1982) da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo (affrontato per la prima volta nel 1961).

 

Cipressa e Poggio

La Cipressa (5.6 km al 4.1%) immette la corsa nella discesa molto veloce e impegnativa che riporta sulla ss.1 Aurelia. A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3.7 km a meno del 4% di media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e 4 tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto impegnativa, ristretta in alcuni passaggi, e con un susseguirsi di tornanti e di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Da segnalare ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sulla retta finale di via Roma.

 

FONTE COMUNICATO STAMPA

Michael Woods entra nel MI-TO

Michael Woods conquista la Milano-Torino

Michael Woods della Educational First conquista la Milano-Torino 2019 davanti ad Alejandro Valverde e Adam Yates

Michael Woods

Michael Woods

Michael Woods, della Educational First, dopo aver sfiorato il successo al Giro dell’Emilia dove non è riuscito a superare il fresco vincitore della Tre Valli, Primoz Roglic si aggiudica la “classica più antica del mondo” imponendosi sul Colle di Superga.

La Milano-Torino , giunta alla centesima edizione, si è svolta per la prima volta nel 1876 ed ho oggi ha garantito il consueto spettacolo agli amanti delle due ruote grazie al doppio passaggio in cima al colle più famoso della città sabauda.

E’ il secondo e ultimo passaggio a Superga a definire le gerarchi della corsa quando il francese David Gaudu della Groupama–FDJ prova a spingere sull’acceleratore con una serie di scatti a ripetizioni nel tentativo di fare il vuoto. Egan Bernal è assolutamente brillante e scalda la gamba in vista del Lombardia.

Nell’ultimo chilometro, quando il ritmo è già elevatissimo, è Michael Woods a confermare tutte le sue capacità di scattista allungando in modo violento e andando a tagliare a braccia levate il traguardo della Milano-Torino 2019. Alle sue spalle, staccati di una manciata di metri, arriva Alejandro Valverde (Movistar). Il podio è completato da Adam Yates (Mitchelton -Scott), mentre Gaudu e Bernal sono rispettivamente quinto e sesto, preceduti dal belga Tiesj Benoot (Lotto Soudal).

 

100a Milano-Torino: sfida su Superga

100a Milano-Torino: sfida su Superga

100a Milano-Torino Al via il neo Campione del Mondo Pedersen con Bernal, Valverde e Fuglsang tra i più attesi

100^ MILANO-TORINO: SFIDA SU SUPERGA
Al via il neo Campione del Mondo Pedersen con Bernal, Valverde e Fuglsang tra i più attesi.
La corsa verrà trasmessa in diretta nei cinque continenti. Da scaricare: elenco dei partenti, mappe e programma.

Ufficializzato l’elenco dei partenti della 100esima edizione della Milano-Torino NamedSport, la più antica Classica ciclistica al mondo la cui prima edizione risale al 1876, organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, in programma domani 9 ottobre.

Tra i nomi di spicco il neo Campione del Mondo su Strada Mads Pedersen. Al via anche il vincitore del Tour de France Egan Bernal, Alejandro Valverde, Jakob Fuglsang, Giulio Ciccone, Fausto Masnada, Davide Formolo, Adam Yates, Mikel Landa Meana, Ilnur Zakarin, Wilco Kelderman, Philippe Gilbert, Rafal Majka, Tim Wellens, Warren Barguil.

LE SQUADRE ED I PRINCIPALI PARTENTI
100esima Milano-Torino NamedSport – mercoledì 9 ottobre (21 formazioni: 16 UCI WorldTeams e 5 UCI Professional Continental Teams)

  • ASTANA PRO TEAM – Fuglsang, Cataldo
  • BAHRAIN – MERIDA – Bole, Garcia Cortina
  • BORA – HANSGROHE – Formolo, Majka
  • CCC TEAM – De La Parte, Ten Dam
  • DECEUNINCK – QUICK-STEP – Gilbert, Jungels
  • EF EDUCATION FIRST – Woods, Kangert
  • GROUPAMA – FDJ – Gaudu, Madouas
  • LOTTO SOUDAL – Wellens, Benoot
  • MITCHELTON – SCOTT – A. Yates, Nieve
  • MOVISTAR TEAM – Valverde, Landa
  • TEAM DIMENSION DATA – Kreuziger, Gasparotto
  • TEAM INEOS – Bernal, Geoghegan Hart
  • TEAM KATUSHA ALPECIN – Battaglin, Zakarin
  • TEAM SUNWEB – Kelderman, Power
  • TREK – SEGAFREDO – Pedersen, Ciccone
  • UAE TEAM EMIRATES – Costa, Oliveira
  • ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC – Masnada, Cattaneo
  • BARDIANI CSF – Barbin, Carboni
  • NERI SOTTOLI SELLE ITALIA KTM – Zardini, Velasco
  • NIPPO – VINI FANTINI – FAIZANE’ – Canola, Bagioli
  • TEAM ARKEA – SAMSIC – Barguil, Moinard

COPERTURA TV TRITTICO D’AUTUNNO
Il trittico delle classiche di ottobre targato RCS Sport verrà distribuito sugli schermi televisivi di tutti e cinque i continenti.

RAI, host broadcaster delle corse, produrrà due ore di immagini in diretta per Milano-Torino NamedSport e GranPiemonte NamedSport e tre ore per Il Lombardia NamedSport. Il suo palinsesto in Italia prevede la trasmissione in diretta su RAI Sport +HD di Milano-Torino NamedSport e GranPiemonte NamedSport, entrambe dalle 14:30 alle 17:00, mentre Il Lombardia NamedSport è in programmazione su RAI 2 dalle 14:00 alle 17:30.

In Francia le tre gare verranno offerte in diretta in chiaro su La Chaine L’Equipe, mentre Eurosport le offrirà live a tutti gli appassionati nel resto d’Europa, in Australia e nel Sud-Est asiatico. La “Classica delle Foglie Morte”, ultima Monumento della stagione, troverà inoltre copertura in chiaro in Svizzera sul network SRG SSR e in Belgio, su Q2 (VTM) in lingua fiamminga e su La Une (RTBF) in lingua francese.

Per il resto, il trittico autunnale troverà spazio sugli schermi di Abu Dhabi Sports Channel in tutto il Medio Oriente e Nord Africa e nei palinsesti di Supersport in Sudafrica. I tifosi giapponesi potranno seguire le gare sulla OTT DAZN, quelli neozelandesi su Sky Sports.

Nel Nuovo Continente, la copertura in Sudamerica e nei Caraibi è garantita dal network ESPN, mentre in Messico le gare saranno trasmesse in differita da TDN. Negli USA e in Canada invece le tre classiche saranno disponibili sulle OTT Fubo.tv e Flosports.

IL PERCORSO
Partenza da Magenta per attraversare nella prima parte su strade pianeggianti, larghe e rettilinee la pianura Padana con una lunga progressione attraverso i territori di Abbiategrasso, Vigevano e la Lomellina fino al Monferrato. Qui il profilo altimetrico della corsa comincia a muoversi con i dolci saliscendi della zona di Casale Monferrato fino alle strade nuovamente larghe e rettilinee che portano al circuito finale.
Dopo San Mauro Torinese si costeggia il Po in Corso Casale per salire alla basilica di Superga una prima volta (si devia 600 m prima dell’arrivo) per poi scendere su Rivodora con una discesa impegnativa che riporta a San Mauro e quindi risalire fino all’arrivo con pendenze anche oltre il 10%. Rifornimento al km 89-92 di corsa

Ultimi km
Ultimi 5 km (che si ripetono due volte salvo i 600 m finali) che da Torino in Corso Casale, dove inizia la salita, portano alla Basilica di Superga. La pendenza media è 9.1% con una punta attorno a metà salita del 14% e lunghi tratti al 10%. A 600 m dall’arrivo svolta a U verso sinistra per affrontare la rampa finale all’8.2% e quindi ultima curva a 50 m dall’arrivo.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Nibali nel 2019 occhi puntati sulla Liegi

Nibali nel 2019 punterà alla Liegi-Bastogne-Liegi

Nibali nel 2019 avrà come primo obiettivo scacciare la sfortuna che l’ha perseguitato quest’anno con un occhio alla Liegi

Nibali pensa già al 2019

Nibali pensa già al 2019

Nibali ha concluso al secondo posto il Giro di Lombardia 2018, alle spalle francese Pinot. A parte il tifo patriotico, vista la sfortuna che ha caratterizzato il suo 2018, Vincenzo si sarebbe meritato di conquistare uno storico bis in riva al lago di Como.

Il leader della Bahrain-Merida ha corso da squalo, ha attaccato e lottato quando ad allungare è stato Pinot. Ha resistito patendo una “crisi idrica” e arrivando a Como con un ritardo di 32 secondi resistendo al ritorno del gruppo degli inseguitori regolato poi belga Dylan Theuns.

Nibali è apparso soddisfatto della propria prestazione e del risultato ottenuto e i tifosi hanno voluto tributargli un lungo coro all’arrivo al bus della squadra.

Vincenzo ha ammesso come nel finale il suo corpo fosse svuotata di ogni energia, gli appassionati davanti alla tv hanno potuto notare la richiesta di acqua che il siciliano ha fatto alle moto in corsa.

Pinot, che pochi giorni fa ha conquistato la Milano-Torino, è apparso superiore a tutti ma Enzo si è consolato riuscendo a resistere al recupero degli inseguitori.

Al termina della “classica delle foglie morte” Vincenzo ha voluto allontanare le voci che lo vedono clamorosamente in uscita dal Bahrain-Merida, e si è, anzi, detto particolarmente interessato al Giro d’Italia 2019 in attesa dei dettagli sul tracciato della corsa rosa.

Rachele, moglie del campione siciliano, ha raccontato alla Gazzetta dello Sport la durezza dei mesi successivi alla caduta al Tour:

”Questi mesi l’hanno reso più riflessivo e meno impetuoso, meno impulsivo Inizialmente era come un leone in gabbia, era spesso silenzioso cosa inusuale. Già quando è risalito sul cicloergometro è cambiato, ha sentito il rumore dei pedali, ha visto le ruote che giravano e ha ripreso confidenza poi quando ha potuto risalire in bici su strada, dopo una settimana e mezza, è tornato lui.

Il primo mese e mezzo è stato durissimo siamo rimasti sempre in  casa, uscivo solo io a fare la spesa. Quando siamo andati dal neurochirurgo si ragionava di 15 giorni di recupero. Il dottore ci ha detto ‘il recupero normale è di tre mesi’. Non eravamo preparati, per cinque minuti non ha parlato nessuno di noi due. Il dottore se n’è accorto e allora ha precisato ‘una persona normale, non uno sportivo come lei’.

Ora la mente di Nibali, come detto, è focalizzata sulla nuova stagione e, probabilmente, quello che più stuzzica la mente dello Squalo dello Stretto è la Liegi-Bastogne-Liegi, che si adatta benissimo alle caratteristiche di questo campione che, se riuscirà a scacciare la sfortuna che lo ha visto protagonista nel 2018, potrà regalare ancora tante soddisfazioni ai tifosi italiani.

Rigoberto Uran conquista la Milano-Torino

Rigoberto Uran conquista la classica MiTo

Rigoberto Uran

Rigoberto Uran sul traguardo di Torino

Rigoberto Uran conquista la seconda vittoria stagionale trionfando sul traguardo di Superga nella Milano-Torino 2017. Seconda vittoria consecutiva per la Colombia che dodici mesi fa aveva trionfato con  Miguel Angel Lopez. E’ “Ciccio” Uran a festeggiare a braccia alzate anticipando Adam Yates e Fabio Aru. Il corridore della Cannondale-Drapac ha fatto la differenza sull’ultima ascesa alla collina che domina Torino.

La classica più antica del calendario internazionale è stata caratterizzata dalla fuga, nella parte pianeggiante, di tre atleti: Gregory Rast (Trek-Segafredo), Guillaume Bonnafond (Cofidis) e Patrick Lauk (Astana).  Solo al primo passaggio a Superga la corsa si anima grazie ad una bella azione di Alaphilippe (Quick Step Floors) che gli permette di riportarsi sui battistrada e poi di staccarli.

Nel secondo passaggio in cima al Colle attacca il francese Rudy Molard al quale si accoda Fabio Aru prontamente seguito dai colombiani Uran e Bernal e da David Gaudu e Adam Yates.

E’ il più esperto dei colombiani che attacca e fa il vuoto involandosi in solitaria a conquistare la corsa. Alle sue spalle a 10 secondi arriva  Adam Yates, mentre in terza posizione giunge Fabio Aru, in crescendo di condizione in vista del Lombardia e unico italiano capace di entrare nella top ten odierna. Per Uran si tratta della seconda vittoria stagionale che corona una stagione decisamente interessante per “Ciccio”.

 

Milano Torino ecco i dettagli della corsa

Milano Torino analisi dei partenti e diretta TV

Milano Torino

Milano Torino il percorso

Ufficializzato l’elenco dei partenti della 98esima edizione della Milano-Torino, la più antica Classica ciclistica al mondo la cui prima edizione risale al 1876, organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, in programma domani 5 ottobre.

Tra i nomi di spicco Fabio Aru (Astana Pro Team) che partirà col dorsale numero 1, il vincitore del Giro d’Italia Tom Dumoulin e Warren Barguil (Team Sunweb), vincitore della maglia a pois del Tour de France, il secondo classificato del Giro d’Italia Nairo Quintana (Movistar Team), il secondo classificato al Tour de France Rigoberto Uran (Cannondale Drapac Professional Cycling Team), il vincitore della Milano-Sanremo Michal Kwiatkowski​ e il suo compagno di squadra Mikel Landa (Team Sky) oltre a Adam Yates (Orica – Scott), Thibaut Pinot (FDJ) e ai portacolori del Team Lotto NL – Jumbo, Steven Kruijswijk e Primoz Roglic e della Quick – Step Floors, ​Daniel Martin e Julian Alaphilippe​

UCI WORLDTEAMS
AG2R LA MONDIALE (FRA) – Geniez, Vuillermoz
ASTANA PRO TEAM (KAZ) – Aru, Sanchez
BAHRAIN – MERIDA (BRN) – Visconti, Gasparotto
CANNONDALE DRAPAC PROFESSIONAL CYCLING TEAM (USA) – Uran, Formolo
FDJ (FRA) – Pinot, Roux
MOVISTAR TEAM (ESP) – Nairo Quintana, Anacona
ORICA – SCOTT (AUS) – Adam Yates, Kreuziger
QUICK – STEP FLOORS (BEL) – Daniel Martin, Alaphilippe
TEAM KATUSHA ALPECIN (SUI) – Goncalves, Belkov
TEAM LOTTO NL – JUMBO (NED) – Kruijswijk, Roglic
TEAM SKY (GBR) – Landa, Kwiatkowski
TEAM SUNWEB (GER) – Dumoulin, Barguil
TREK – SEGAFREDO (USA) – Mollema, Alafaci
UAE TEAM EMIRATES (UAE) – Atapuma, Polanc

UCI PROFESSIONAL CONTINENTAL TEAMS
ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC (ITA) – Bernal, Frapporti
BARDIANI CSF (ITA) – Zardini, Ciccone
COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS (FRA) – Bonnafond, Mate
NIPPO – VINI FANTINI (ITA) – Cunego, Berlato
WILIER TRIESTINA – SELLE ITALIA (ITA)​ – Koshevoy, Busato​

Milano Torino: COPERTURA TV


Giunta nel 2017 alla sua 98esima edizione, la Milano-Torino godrà di una distribuzione televisiva in 184 diversi Paesi del mondo, in tutti e cinque i continenti, attraverso 13 differenti network.
Rai, host broadcaster dell’evento, garantirà la produzione di immagini in diretta per due ore di corsa su Rai Sport +HD dalle 15.00 alle 17.00, che verranno trasmesse su Rai Sport nel territorio italiano ospitante la manifestazione.
Eurosport diffonderà live la più antica del mondo in 16 Paesi della regione Asia e Pacifico, nonché in tutto il Vecchio Continente, ad eccezione della Francia in cui la copertura sarà garantita in esclusiva da L’Equipe. Tornando al Pacifico, altre due esclusive saranno garantite agli appassionati giapponesi, che potranno accedere alla diretta su DAZN, e a quelli neozelandesi che seguiranno le fasi salienti della corsa su Sky Sports.
Il network OSN detiene i diritti per tutti i territori della regione Medio Oriente e Nord Africa, mentre più a sud l’emittente Kwese Sport coprirà l’intera Africa Subsahariana ad eccezione del Sudafrica, in cui la corsa sarà trasmessa in diretta da Supersport.
La Milano-Torino potrà essere seguita in diretta nelle Americhe grazie alla programmazione offerta da Fubo.TV in USA e Canada, da TDN in Messico e America Centrale e dal network ESPN in tutto il Sudamerica e nei Caraibi.
Immagini della gara verranno altresì distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV – Sports News Television.

RCS Sport dirama le squadre per Lombardia e MI-TO

RCS Sport

RCS Sport

  1. RCS Sport ha reso noto le squadre che prenderanno il via alle due classiche d’autunno

RCS Sport ha annunciato nella giornata odierna i nomi delle squadre invitate alle classiche di fine stagione, la Milano-Torino ed Il Lombardia.

Per la MI-TO, in programma il prossimo 5 ottobre, l’organizzazione ha esteso l’invito oltre a 14 squadre del World Tour anche a 5 squadre Professional. Per la classica delle “foglie morte” spazio naturalmente a tutti e 18 i team World Tour ed invito per  7 squadre Professional, tra cui anche Androni-Sidermec, Bardiani-CSF, Nippo-Vini Fantini e Wilier-Selle Italia.

Vediamo nel dettagli le squadre partecipanti:

RCS Sport: 98^ Milano-Torino

AG2R LA MONDIALE (FRA)
ASTANA PRO TEAM (KAZ)
BAHRAIN – MERIDA (BRN)
BMC RACING TEAM (USA)
CANNONDALE DRAPAC PROFESSIONAL CYCLING TEAM (USA)
MOVISTAR TEAM (ESP)
ORICA – SCOTT (AUS)
QUICK – STEP FLOORS (BEL)
TEAM KATUSHA ALPECIN (SUI)
TEAM LOTTO NL – JUMBO (NED)
TEAM SKY (GBR)
TEAM SUNWEB (GER)
TREK – SEGAFREDO (USA)
UAE TEAM EMIRATES (UAE)

ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC (ITA)
BARDIANI CSF (ITA)
COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS (FRA)
NIPPO – VINI FANTINI (ITA)
WILIER TRIESTINA – SELLE ITALIA (ITA)

RCS Sport: Il Lombardia

AG2R LA MONDIALE (FRA)
ASTANA PRO TEAM (KAZ)
BAHRAIN – MERIDA (BRN)
BMC RACING TEAM (USA)
BORA – HANSGROHE (GER)
CANNONDALE DRAPAC PROFESSIONAL CYCLING TEAM (USA)
FDJ (FRA)
LOTTO SOUDAL (BEL)
MOVISTAR TEAM (ESP)
ORICA – SCOTT (AUS)
QUICK – STEP FLOORS (BEL)
TEAM DIMENSION DATA (RSA)
TEAM KATUSHA ALPECIN (SUI)
TEAM LOTTO NL – JUMBO (NED)
TEAM SKY (GBR)
TEAM SUNWEB (GER)
TREK – SEGAFREDO (USA)
UAE TEAM EMIRATES (UAE)

ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC (ITA)
BARDIANI CSF (ITA)
COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS (FRA)
DIRECT ENERGIE (FRA)
GAZPROM – RUSVELO (RUS)
NIPPO – VINI FANTINI (ITA)
WILIER TRIESTINA – SELLE ITALIA (ITA)