Ruote maledette di Remo Gandolfi recensione

Ruote maledette di Remo Gandolfi

Ruote maledette di Remo Gandolfi racconta 14 storie di morte legate al ciclismo da Marco Pantani a Michele Scarponi e non solo

Ruote Maledette di Remo Gandolfi

Ruote Maledette di Remo Gandolfi

Ruote maledette, quelle raccontate da Remo Gandolfi con prefazione di Luca Gregorio nel libro edito da Urbone Publishing (156 pagine, 12 euro). Storie che con ogni probabilità Gandolfi non avrebbe mai voluto scrivere né noi leggere ma storie vere, tremendamente vere. Storie che hanno in qualche modo segnato la nostra esistenza.

Ognuno di noi ricorda perfettamente dove era e con chi era quando ha appreso la notizia della scomparsa del Pirata Marco Pantani, tanti di noi ricordano quel caldo giorno di luglio quando un giovane Fabio Casartelli perse la vita al Tour de France e così per tutte le altre storie raccolte in Ruote maledette.

Chi non ricorda la classe del “Chava” Jimenez? Classe presente nel suo DNA in egual misura con l’autodistruzione che l’ha portato a togliesi la vita. Chi non ha amato Frank Vandenbroucke segnato dal “male di vivere”. Quasi spaventose sono la serie di sfortune che hanno colpito il povero e indimenticato Luis Ocana.

E ancora tanti altri casi di vere e proprie maledizioni che hanno contribuito a rendere mitologico lo sport del ciclismo passando per Denis Zanette, Joaquim Agostinho fino al nostro Michele Scaponi.

14 storie che raccontano il lato nascosto del ciclismo, il lato che non vorremmo vedere o aver visto ma che purtroppo esiste. Storie di campioni amati che hanno però visto la buona stella offuscarsi troppo presto.

Ruote maledette di Remo Gandolfi è un libro che si legge velocemente e che gli amante del ciclismo mangeranno letteralmente tra una lacrima di ricordo per i risultati sportivi che questi grandi atleti ci hanno regalato e una di tristezza per quelli che non hanno potuto raggiungere.

 

 

Premio Coraggio e Avanti a Michele Scarponi

Premio Coraggio e Avanti premia l’aquila di Filottrano

Premio Coraggio e Avanti

Premio Coraggio e Avanti

Premio Coraggio e Avanti giunto alla 14esima edizione. Si terrà domenica 26 novembre al Convento dei Padri Carmelitani sede del Museo Filotex, e Centro spirituale della Federciclismo, l’edizione 2017  che sarà dedicata alla memoria dell’indimenticabile Michele Scarponi.

La quattordicesima edizione del premio sarà infatti un commosso omaggio in memoria dello sfortunato campione marchigiano e sono attesi Giacomo e Flavia, genitori di Michele.
Il Premio Coraggio e Avanti  2017 verrà assegnato a Simone Consonni, grande protagonista e autentica rivelazione della stagione su pista.
Il Premio “Franco Ballerini” sarà assegnato al responsabile tecnico dell’attività femminile Edoardo Salvoldi.
Il Premio Ammiraglio D’Oro verrà consegnato a Paolo Slongo, uno dei tecnici vicini a Vincenzo Nibali.

A Michele Gazzoli verrà conferito il premio Mario Sani quale promessa del ciclismo juniores. il premio Alfredo Martini “Azzurri d’Italia” andrà a Luca Paolini.

La cerimonia si terrà, appunto, domenica a mezzogiorno all’interno della chiesa al termine della Santa Messa, celebrata da Padre Raffaele Duranti, con la presenza di tanti personaggi del ciclismo e dello sport.

Tour of the Alps 2018 le presentazione

Tour of the Alps 2018 anteprima della corsa

Tour of the Alps 2018 presentazione della corsa che precede il Giro d’Italia, starting list, analisi del percorso, diretta TV e diretta Streaming della corsa.

Tour of the Alps 2018

Tour of the Alps 2018

Tour of the Alps 2018 ossia la nuova formula del Giro del Trentino è in programma da lunedì 16 a venerdì 20 aprile prossimi. Organizzato dal GS Alto Garda, assieme ai rappresentanti dell’Euregio Tirolo-Trentino-Alto Adige, il Tour of the Alps 2018 è il classificato2.HC e ha come obiettivo quello di promuovere zone fantastiche del nostro paese.

L’ex Giro del Trentino è stato creato nel 1962 e vanta nomi di primissimo piano nell’albo d’oro: da Francesco Moser a Giuseppe Saronni, da Gianni Bugno a Claudio Chiappucci, da Gilberto Simoni a Vincenzo Nibali fino a Cadel Evans e Geraint Thomas, vincitore della scorsa edizione della corsa.

Tour of the Alps 2018 : il percorso

L’edizione 2018 si snoderà su 714 km per 13100 metri di dislivello totale: tappe brevi, dunque, ma ricche di insidie che, considerando anche i soli 7 corridori per squadra, renderanno certamente avvincente la corsa.

La prima tappa Arco-Folgaria presenta i passi di Andalo e Serrada con l’ultima asperità a soli 6 km dall’arrivo che già potrà dare fisionomia alla classifica. La seconda frazione Lavarone – Fiemme/Alpe di Pampeago presenta una partenza assolutamente piatta per poi terminare sulla mitica salita dolomitica.  Nella Ora-Merano ecco che il gruppo dovrà affrontare due salite poste nel finale: Passo della Mendola e Passo Palade. Il quarto giorno, da Chiusa – Lienz, è il più abbordabile. L’ultima tappa è la Rattenberg – Innsbruck, 161,6 chilometri che rappresentano un assaggio del prossimo Mondiale in cui gli scalatori potranno dire la loro.

Tour of the Alps 2018: Starting List

La corsa vede la partecipazione di ben nove squadre WorldTour, vale a dire Astana, Ag2r La Mondiale, Bahrain – Merida, Bora – Hansgrohe, Dimension Data, FDJ, LottoNL – Jumbo, Team Sky e UAE Team Emirates. A loro si affiancano le otto Professional Androni – Sidermec, Bardiani – CSF, CCC Sprandi, Euskadi – Murias, Gazprom – Rusvelo, Israel Cycling Academy, NIPPO – Fantini e Wilier – Selle Italia; le due Continental Tirol Cycling Team e Felbermayr – Simplon e  la nazionale italiana.

Il faro della corsa sarà sicuramente Chris Froome (Team Sky) ma attenziona anche a   Thibaut Pinot (FDJ), Miguel Angel Lopez(Astana), Louis Meintjes (Dimension Data), George Bennett (LottoNL – Jumbo), mentre il nostro numero uno sarà Fabio Aru (UAE Team Emirates), che cerca di trovare la condizione in vista del Giro; presente anche Domenico Pozzovivo, capitano della Bahrain-Merida.

Tour of the Alps 2018: Diretta TV e Diretta Streaming

La copertura live sarà garantita da Rai Sport ed Eurosport. Questi gli orari: lunedì, giovedì e venerdì alle 14, martedì e mercoledì alle 13.

 

 

Tour of the Alps 2018: il ricordo di Scarponi

Il Tour of the Alps 2018 avrà come filo conduttore non solo le salite ma anche il doveroso tributo a Michele Scaponi che proprio qui, lo scorso mese di aprile, disputò la sua ultima corsa da professionista conquistando anche una vittoria di tappa prima del tragico evento. Viene istituito, in memoria del campione di Filottrano, il Premio Team Up, che sarà assegnato alla squadra che avrà espresso il miglior impegno corale: l’idea è quella di ricordare i valori di amicizia e spirito di gruppo che hanno caratterizzato l’intera carriera di Michele Scarponi

 

Premio Coraggio e Avanti per Scarponi

Premio Coraggio e Avanti dedicato a Michele Scarponi

Premio Coraggio

Premio Coraggio e Avanti

Premio Coraggio e Avanti ideato dalla  Famiglia del Ciclismo di Santa Lucia, giunto alla 14esima edizione, vedrà la cerimonia di premiazione domenica 26 novembre. La cerimonia si terrà presso il Convento dei Padri Carmelitani, sede anche del Centro Spirituale del Ciclismo oltreché del Museo Filotex, e sarà dedicata alla memoria dell’indimenticabile Michele Scarponi.

Quello degli organizzatori, capitanati da Giacinto Gelli e Luca Limberti con i loro impagabili collaboratori, vuole essere un doveroso e commosso omaggio al campione marchigiano dell’Astana, prematuramente scomparso in un tragico incidente stradale. Alla manifestazione, a cui dovrebbero prendere parte anche i genitori di Michele, vi sarà il solito pienone di campioni del presente, passato e futuro.

 

Premio Coraggio e Avanti: I vincitori

Premio Coraggio e Avanti andrà al neo pro, del Team Uae Emirates,  Simone Consonni splendido protagonista anche su pista con l’ultimo successo, l’oro nell’inseguimento a squadre in Coppa del Mondo.
Ammiraglio D’OroPaolo Slongo uno dei tecnici del Team Bahrain diVincenzo Nibali.
Premio Mario Sani, quale promessa juniores, a Michele Gazzoli campione europeo su strada e su pista di categoria.
Premio “Franco Ballerini” al responsabile tecnico dell’attività femminile Edoardo Salvoldi
Premio Over 35 in memoria di Edo Gelli a Domenico Pozzovivo.
Premio Femminile
alla campionessa del mondo ed europea su pista Vittoria Guazzini.
Premio U23 a Paolo Baccio
campione italiano a cronometro.
Premio Alfredo Martini “Azzurri d’Italia” ancora in ballottaggio.