Van der Poel: Froome va sospeso!

Van der Poel parla della positività di Chris Froome

Van der Poel inflessibile sulla positività di Chris Froome al Salbutamolo: “va sospeso”

Van der Poel

Van der Poel

Van der Poel fenomeno del ciclocross mondiale prende posizione sulla positività del capitano della Sky al salbutamolo per aver assunto il farmaco in un quantitativo superiore alla dose tollerata dalle normative antidoping. Il capitano del Team Sky rischia seriamente che gli venga revocata la vittoria alla scorsa Vuelta Espana (la sua positività risale, appunto, alla corsa iberica).

Sulla vicenda si sono succeduti i pareri di tanti campioni ed ex campioni del ciclismo: di qualche giorno fa le parole di Lance Armstrong (uno che di doping se ne intende) e di uno degli “antagonisti” del texano, Greg Lemond. Sulla faccenda salbutamolo si sono espressi anche l’ex compagno di Froome, Richi Porte, Vincenzo Nibali e tanti altri corridori.

Il direttore del Team Sky, Dave Brailsford ha dichiarato che “ci sono complesse questioni mediche e fisiologiche che influenzano il metabolismo e l’escrezione di salbutamolo” e che non è detto che la positività sia dovuta ad un uso illegale di farmaci tanto da dichiarare  “la massima fiducia che Chris abbia seguito la guida medica nella gestione dei suoi sintomi di asma, rimanendo entro la dose ammissibile per il salbutamolo”.

Sulla questione ha detto la sua anche Mathieu van der Poel durante una intervista allo show televisivo olandese AvroTros (OneToday) che ha dichiarato “È molto stupido, non posso fare a meno di dirlo, forse sono un po’ troppo brusco nei modi ma la penso così. Il ciclismo è uno sport per persone sane, forse i pazienti asmatici capiranno meglio le mie parole”.

Alla domanda su come Froome dovrebbe essere punito, Van der Poel è stato di nuovo diretto: “è necessaria una sospensione, questo è quello che penso. Per me è un test positivo.Se il limite è 1.000 e lui ha fino a 2.000 non penso ci sia molto da discutere. La positività deve portare a una sospensione”.

Le proprietà di Salbutamol come broncodilatatore lo portano ad essere  presente nell’elenco delle sostanze non autorizzato della World Anti-Doping Agency (WADA), ma è consentita per motivi terapeutici. Un atleta deve affrontare una potenziale sanzione antidoping se un campione di urina contiene un livello di salbutamolo superiore a 1.000 ng / ml. Sopra certi livelli si ritiene che salbutamolo abbia un effetto anabolico e aumenti le prestazioni.

Van der Poel ha suggerito che i limiti di alcune droghe non sono corrette: “UCI a volte consente qualche abuso nell’uso dei farmaci e penso che superare le soglie sia incredibile: se dichiari che sia possibile usare un farmaco è chiaro che qualcuno si spingerà fino al limite e magari lo supererà”.

Van der Poel è stato intervistato mentre guidava verso casa dopo la prova di Coppa del Mondo di ciclocross di Namur. Ha detto di non avere problemi a parlare del problema dello sport con il doping, anche se spesso è un argomento tabù: “Non ho molti problemi, anzi, purtroppo in molti non credono più nel ciclismo e questo è un vero schifo. E’ un peccato se la gente pensa che un ciclista menta e credo che sia giusto parlarne per far capire che non tutto il ciclismo è sporco”.

 

 

Van Aert esulta a Zeven

Van Aert esulta, Van der Poel rompe!

Van Aert

Van Aert esulta sul tragurdo

Van Aert esulta nella quinta tappa di Coppa del Mondo di ciclocross, a Zeven in Germania mentre un guaio meccanico nel primo giro ha segnato la corsa di Mathieu Van der Poel.  Wout Van Aert in una giornata di grazia si è avvantaggiato rispetto a tutti gli altri avversari giungendo al traguardo in solitaria mentre lo sfortunato Van der Poel (quattro vittorie nelle precedenti quattro tappe) tentava una difficile rimonta che si è spenta proprio sulla reazione di WVA.

Wout ha chiuso con 47″ su Van der Poel, il quale ha dovuto respingere il ritorno di Toon Aerts, terzo a 50″. La classifica di Coppa del Mondo non è comunque in discussione, per il momento, dato che Van der Poel guida con 90 punti di vantaggio sul vincitore di oggi (390 a 300) mentre terzo è Aerts a 264.

Tra le donne vittoria di Sanne Cant davanti a Helen Wyman e Katie Compton, settima la nostra  Eva Lechner e 16esima Alice Arzuffi. Tra gli Under 23 si è imposto Eli Iserbyt su Thijs Aerts e Thomas Joseph, ritirato Jakob Dorigoni

 

Superprestige a Gavere vince Wout Van Aert

Superprestige a Gavere Van Der Poel, spacca il cambio e cede il successo a Van Aert

Superprestige

Superprestige vittoria di Van Aert

Superprestige c’era molta curiosità per vedere se, anche con un terreno reso tremendamente fangoso dalla pioggia notturna, il Campione Europeo Mathieu Van Der Poel avrebbe proseguito col suo dominio. Pronti, via ed ecco che i dubbi vengono fugati. Il circuito, in teoria, avrebbe dovuto costringere il “fenomeno” a mettere il piede a terra più del solito andando, dunque, a dover dimostrare le sue abilità di corsa. La capacità e la forza del campione annullano però questa evenienza facendogli percorrere in sella anche tratti apparentemente impossibili.

Nel primo giro di questa prova Superprestige restano davanti solo Van Der Poel e Van Aert ma al secondo giro quest’ultimo deve già cedere il passo di parecchio, arrivando a subire un divario di 17″ Tutte sembra scritto col consueto dominio di Methieu ma all’imprevviso ecco l’imprevedibile.  Mathieu Van Der Poel si ritrova con la catena in mano a metà dell’ultimo giro, quando Van Aert era già a una distanza di sicurezza di mezzo minuto.
Ed è proprio Van Aert  che va a conquistare la vittoria finale davanti a Toon Aerts a 53″ mentre Van Der poel riusce a ripartire alle spalle di Klaas Vantournout e a batterlo per il terzo posto. Il nostro Gioele Bertolini si ritrova anche oggi in una gara di sofferenza ed esperienza, concludendo 21esimo a 6’36”.

 

Koppenbergcross ancora Van der Poel

Koppenbergcross vince ancora Van der Poel ma che fatica!

Koppenbergcross

Koppenbergcross

Koppenbergcross non è stata l’ormai consueta “passeggiata” per Mathieu Van der Poel che si è imposto a Oudenaarde, seconda tappa del DVV Trofee 2017-2018, ma che ha patito le pene dell’inferno. L’olandese della Beobank-Corendon, abituato ultimamente ad avere vita facile, ha avuto la meglio su un Toon Aerts davvero molto battagliero, che gli ha tenuto testa sino all’ultimo giro. La terza posizione è andata a  Lars Van der Haar, mentre è andato molto male  Wout Van Aert.

 

Sull’arrivo del Koppenbergcross, in cima al muro del Giro delle Fiandre (anche se affrontato da un altro versante rispetto a quello della classica su strada), Mathieu Van der Poel ha anticipato di 12″ Aerts, per poi, sfinito dallo sforzo, crollare al suolo subito dopo il traguardo. Terzo a 24″ si è piazzato Van der Haar, e solo a 1’14” è arrivato Van Aert.

 

In classifica Mathieu Van der Poel scavalca Lars Van der Haar e ora guida con 14″ sul connazionale; terzo è Aerts a 21″, quarto Van Aert a 1’30”, quinto Pauwels a 1’46”. Prossima tappa del DVV Trofee il Flandriencross ad Hamme il 26 novembre.

Van der Poel domina anche a Koksijde!

Van der Poel fa sua anche la terza tappa della Coppa del Mondo

Van der Poel

Van der Poel

Van der Poel sempre più padrone del ciclocross,  l’olandese della Beobank-Corendon ha dominato anche la terza prova di Coppa del Mondo a Koksijde, rafforzando la leadership in classifica  (il corridore è in testa  ancora a punteggio pieno). Wout Van Aert è stato l’unico a provare a tener testa a Van der Poel nella prima parte della corsa per poi cedere ed essere sorpassato da Lars Van Der Haar che è andato a conquistare la seconda posizione.

Gioele Bertolini ancora in una fase di apprendistato con la categoria e in un circuito non favorevole alle sue doti si è piazzato lontano dalle migliori posizioni.

In campo femminile ad imporsi è stata Maud Kaptheijns  che ha battuto la concorrenza di Sophie De Boer Sanne Cant che l’hanno accompagnata sul podio. La nostra Eva Lechner non è riuscita a conquistare un posto nella top ten, chiudendo all’undicesimo posto mentre l’altra azzurra, Alice Maria Arzuffi, ha chiuso in diciannovesima posizione.

Tra gli Under 23 la vittoria è andata al britannico  Thomas Pidcock che ha preceduto Toupalik e Iserbyt

 

 

Superprestige parte nel segno di Van der Poel

Superprestige vittoria di Van der Poel ma Van Aert cresce

Superprestig

Mathieu Van der Poel

Superprestige vittoria, nemmeno a dirlo, di Mathieu Van der Poel che ha da poco dichiarato di puntare alle Olimpiadi di Tokio 2020. A Gieten, prima prova della prestigiosa challenge fiamminga, l’olandese si è imposto nettamente attaccando in maniera decisa al terz’ultimo giro. Rispetto alle gare americane, però, c’è da segnalare il netto miglioramento di condizione di Wout Van Aert che si è ripreso il posto di primo antagonista dello scatenato MVDP.

Mathieu ha vinto con 13″ sul rivale iridato; al terzo posto si è piazzato Laurens Sweeck a 24″, quarto Lars Van der Haar a 30″, quinto Quinten Hermans a 40″ davanti a Gianni Vermeersch (42″ il suo ritardo); solo settimo Kevin Pauwels a 52″.

Mathieu Van der Poel guida la classifica con 15 punti, 14 quelli di Van Aert, 13 quelli di Sweeck e così via. Sarà una lunga lotta da qui a febbraio.

Mathieu van der Poel obiettivo Tokio 2020

Mathieu van der Poel  punta sulla MTB per Tokio 2020

Mathieu van der Poel

Mathieu van der Poel

Mathieu van der Poel , fresco di vittoria a Waterloo, in una recente intervista alla televisione pubblica oladese NOS ha dichiarato di voler puntare alla partecipazione ai prossimi giochi di Tokio 2020.   Il ventiduenne figlio d’arte  ha dominato nelle prime due tappe della Coppa del Mondo ciclocross oltre ad aver ottenuto vittorie nelle corse in strada (Boucles de la Mayenne, Dwars door het Hageland e una tappa al Giro del Belgio).

“Purtroppo il ciclocross non è una disciplina olimpica e quindi devo concentrare i miei sforzi sulle gare di Mountain Bike di Tokyo 2020. Nelle prove di Coppa del Mondo di specialità ho ben figurato, pur non avendo preparato le gare in modo specifico, ho quindi la speranza di poter aumentare la mia competitività” ha dichiarato il portacolori della Beobank-Corendon che ha ottenuto un secondo posto, dietro l’imbattibile Nino Schurter, nella tappa di Albstadt della Coppa del Mondo di Mountain Bike 2017.

Circa il suo impegno full time nelle gare su strada Van der Poel ha dichiarato di voler rimandare il salto, appunto, a dopo le olimpiadi nipponiche “Dopo Tokio avrò solo 25 anni, ho tutto il tempo per costruirmi una carriera anche su strada per dieci anni, non c’è fretta, prima voglio gustarmi il sogno olimpico”.

 

Van Der Poel non è una Waterloo

Van Der Poel vince nella prova di CDM di Ciclocross a Waterloo

Van Der Poel

Mathieu Van Der Poel

Van Der Poel una Waterloo molto dolce per l’olandese.  Niente a che vedere con la disfatta di Napoleone (ma qui si correva agli oltre 30 gradi dell’Iowa) anzi un vero dominio per Mathieu che ha staccato tutti fin dalla prima curva e ha mantenuto una media di 25 km/h mettendo una seria ipoteca sulla Coppa del Mondo.

Se davanti è stato un dominio assoluto, la corsa c’è stata dietro, per il secondo posto, e ha premiato l’olandese Corné Van Kessel  che ha ottenuto la seconda piazza davanti al compagno di squadra alla Telnet Fidea Lions Daan Soete. Quarto è giunto Michael Vanthourenhout a 38″ mentre Tim Merlier ha chiuso quinto a 44″. Giornata nera per Wout Van Aert, apparso molto sofferente all’arrivo e particolarmente condizionato dal caldo: finisce settimo a 53″, appena dietro Kevin Pauwels.

La Coppa del Mondo dopo due prove vede Mathieu Van Der Poel a punteggio pieno, con 160 punti; già lontanissimi tutti gli altri.

Ronde van Limburg: presentazione

Ronde van Limburg 2017

Ronde van Limburg 2017

Si corre oggi la  Ronde van Limburg corsa che vedrà al via solo formazioni Continental impegnata ad affrontare i muri ed il pavè senza il solito fretto e pioggia delle classiche del nord. Sedici gli strappetti, per complessivi 12.3 km; l’ultima asperità, da affrontare in tre occasioni, è il Kolmontberg, cinque i tratti sulle pietre, tutti però lontano dal traguardo.

Al via tra le formazioni favorite la  Wanty-Groupe Gobert del detentore del titolo Kenny Dehaes e del nostro Danilo Napolitano. Nella Sport Vlaanderen-Baloise attenzione a  Amaury Capiot e Dries Van Gestel, la WB Veranclassic Aquality Protect punta molto su Roy Jans, la Cofidis, Solutions Crédits porta uno specialista di questi terreni come Florian Sénéchal.

Attenzione al crossista Mathieu van der Poel, a Joeri Stallaert della Cibel-Cebon e a Jan Willem van Schip della Delta Rotterdam.

La corsa sarà trasmessa in diretta sul sito del quotidiano locale HBVL. È possibile vedere la gara previo abbonamento all’edizione Online del quotidiano.

DATI TECNICI:

Partenza: Tongeren 12.30
Arrivo: Tongeren 17.15 circa

Sprint: Tongeren km 57, Tongeren km 120.1, Groot-Loon km 145.9, Tongeren km 168.8, Tongeren km 179.6, Tongeren kn 190.4
GPM: Letenberg km 40, Keiberg km 45, Slingerberg km 86, Letenberg km 103, Keiberg km 109