Mario Cipollini attacca Lappartient sul caso Froome

 

Mario Cipollini attacca Lappartient “impacciato e timoroso”

Mario Cipollini attacca Lappartient sulla vicenda della non negatività al salbutamolo di Chis Froome e ricorda il Pirata Marco Pantani

Mario Cipollini attacca Lappartient

Mario Cipollini attacca Lappartient

Mario Cipollini attacca Lappartient sulla vicenda della non negatività al salbutamolo del capitano del Team Sky andandoci parecchio duro. La non presa di posizione netta da parte dell’UCI pare aver sollevato un vespaio che non cenna a placarsi. Hanno parlato in tanti, dagli ex  Greg Lemond e Lance Armstrong passando per corridori attualmente in attività fino alle parole di “supermario”.

“Sono d’accordo con il presidente dell’Uci David Lappartient, Sky farebbe bene a sospendere Froome: per il bene suo, per il bene del team e del ciclismo ma– ha dichiarato Mario a tuttobiciweb  quello che non capisco è per quale ragione, dopo i casi Petacchi e Ulissi, il ciclismo e lo sport in genere si debba dare regole così fragili”. 

Proprio il regolamento e le sue falle secondo Cipollini sono la causa di questo stallo: “questi regolamenti così poco chiari fanno comodo a qualcuno ma ora questo si ritorce contro a tutto il sistema”.

“Lappartient ha ereditato davvero una patata bollente, non poteva iniziare peggio la sua presidenza, ma proprio per questo gli chiedo di concentrarsi non tanto su quello che è successo, ma su quello che deve succedere o non dovrà succedere più. Lo vorrei più incisivo sulla questione Froome” ha dichiarato il toscano che ci ha tenuto a precisare che il suo attacco non è personale: “non ho nulla contro Chris, ma il nostro sport non può vivere in questo stato e non può mantenere regolamenti così fragili e vulnerabili.

Cipollini attacca Lappartient per carenza di determinazione: “come l’ho apprezzato molto in una campagna elettorale in cui è parso molto concreto e determinato ora lo sento molto impacciato e timoroso”.

Mario ha poi parlato di equilibri anche politici in ballo: “È chiaro che tocca a Brailsford prendere questa decisione di sospendere Froome perché i regolamenti dicono tutto e niente. Ma è altrettanto vero che in un momento così delicato per il mondo del ciclismo, non ho capito il perché Lappartient abbia attaccato i corridori che hanno avuto a che fare con problemi di doping anziché pensare a quello che sta accadendo al ciclismo in queste settimane.”

“Lappartient ha detto che i dopati non hanno posto nel ciclismo? Vero ma ègiusto dire che chi ha scontato la propria pena e ha fatto pace con le proprie colpe ha il diritto di tornare a vivere anche nel mondo delle due ruote, come tanti fanno e altri potrebbero fare” ha continuato Cipollini che si è soffermato anche sulla polemica tra Armstrong e Lappartient: “Il presidente non vuole incontrare il texano? Giusto ma si tratta di incontro a margine della Ronde e interverrebbe come semplice cittadino americano, non credo che gli diano il pass per seguire la corsa”.

E’ evidente che a oltre un mese dalla notizia del #Froomegate il non  avere ancora certezze genera polemiche quotidiane che con l’avvicinarsi degli appuntamenti caldi della stagione non possono che lievitare

Cipollini chiude la chiacchierata con un pensiero amaro: ” se quel triste 5 giugno del 1999, nel viaggio di ritorno da Madonna di Campiglio verso Imola, dove il povero Marco Pantani si è poi fermato per sostenere nuovi esami ematici, al suo fianco ci fosse stata una squadra come Sky? Forse Marco sarebbe ancora qui tra noi…”

 

Ficara k.o. si rompe tibia e perone

Ficara si rompe tibia e perone!

Ficara siciliano della Amore & Vita Prodir era in allenamento a Volterra quando è finito a terra in discesa. Installate due placche e un fissatore esterno

Ficara

Ficara

Ficara cade in discesa e riporta gravi danni. Il 26enne siciliano, passista scalatore in forza alla Amore & Vita Prodir si gravemente infortunato durante un allenamento a Volterra. Un infortunio simile a quello che colpì il Pirata Marco Pantani quando venne investito alla Milano-Torino. Il corridore, autore di tre belle vittorie la scorsa stagione, era in allenamento con i compagni di squadra in Toscana quando in una discesa un compagno che stava parlando con l’ammiraglia ha sbandato. Proprio in quel momento Ficara stava cercando di infilarsi la mantellina ed è stato travolto dalla carambola.

E’ stato proprio Pierpaolo Ficara, nostro ospite qualche mese fa, a riportare i danni maggiori: trasportato all’ospedale Cisanello di Pisa gli sono stati riscontrate  una doppia frattura esposta di tibia e perone della gamba sinistra, un nervo e un tendine recisi nella stessa gamba e la frattura del gomito destro.

Nella caduta è stato coinvolto anche il compagno di team, l’albanese Iltjan Nika che è stato portato all’ospedale ma per lui fortunatamente non si sono evidenziate fratture.

A Ficara sono state inserite due placche nelle fratture esposte superiori, mentre per quelle vicino la caviglia è stato utilizzato un fissatore esterno, molto simile a quello di Marco Pantani dopo l’incidente alla Milano-Torino del 1995.

Ficara è stato operato presso l’Ospedale Cisanello di Pisa dal dottor Poggetti, secondo i sanitari del presidio l’atleta potrebbe riprendere  ad allenarsi (sui rulli) entro un mese naturalmente col supporto di appositi tutori. Secondo quanto riportato dal  team manager Cristian Fanini i medici non si sono pronunciati sulla lesione al tendine ma si sono dichiarati ottimisti.

Ficara: e l’incidente al  Philadelphia Cycling International Classic

Ficara paga nuovamente un pegno alla fortuna: nel 2016, infatti, il siciliano aveva subito un altro gravissimo incidente nel corso della Philadelphia Cycling International Classic. Quel giorno il povero Pierpaolo fu investito in discesa da un’auto proveniente in senso contrario. Ficara non poté fare niente per evitare l’impatto sotto gli occhi terrorizzati del direttore sportivo Francesco Frassi ed i compagni di squadra. Quell’episodio gli costò  fratture multiple e scomposte dell’omero sinistro, la frattura scomposta della clavicola e della scapola, la frattura di sei vertebre e di quattro costole, oltre ad una lacerazione al fegato ed alla trachea e vari punti di sutura al volto

Ficara: le parole di Fanini

Come riportato dal sito Gazzetta.it, sulla vicenda si è espresso il DS Fanini: “Pierpaolo è abbastanza sereno, ha voglia di combattere. È un altro modo di affrontare l’incidente rispetto alla caduta del 2016. Ora è determinato a emulare Pantani con le dovute proporzioni”.
Sicuramente per Pierpaolo non sarà facile rialzarsi da questo incidente ma, conoscendo la forza di volontà del siciliano, siamo certi che farà di tutto per tornare in sella il prima possibile.

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi

 

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi di sempre

Ciclismo le 50 migliori citazioni, aforismi e frasi celebri in una raccolta che va da Marco Pantani ad Eddy Merckx passando per Adriano De Zan

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi? Ecco una raccolta di parole, pensieri, dichiarazioni che sono diventati un pezzo di storia delle due ruote e non solo.

Molti amanti delle due ruote o della cultura sono soliti riportare importanti citazioni in articoli, lettere o scritti. Ecco quelle che la nostra redazione ha selezionato.

Ciclismo le 50 migliori citazioni e aforismi di sempre – Da Pantani a De Zan

1 – La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti. (Albert Einstein)
2 – Il socialismo può solo arrivare in bicicletta. (José Antonio Viera Gallo)
3 – Una bicicletta può ben valere una biblioteca. (Alfredo Oriani)
4 – La bicicletta siamo noi, che vinciamo lo spazio e il tempo: soli, senza nemmeno il contatto con la terra che le nostre ruote sfiorano appena. (Alfredo Oriani)
5 – La bicicletta somiglia, più che ad ogni altra macchina, all’aeroplano: essa riduce al minimo il contatto con la terra, e soltanto la sua umiltà le impedisce di volare. (Mauro Parrini)
6 – Il paradiso in terra non esiste, ma chi va in bicicletta ci arriverà comunque. (Mauro Parrini)
7 – Due amanti in bicicletta non attraversano la città, la trapassano come una nuvola, su pedali di vento. (Didier Tronchet)
8 – La simpatia che ispira la bicicletta deriva anche dal fatto che nessuna invasione è stata fatta in bicicletta. (Didier Tronchet)
9 – Praticare la cyclette, è come fare surf in una Jacuzzi. (Didier Tronchet)
10 – L’idea di una città in cui prevale la bicicletta non è pura fantasia (Marc Augé)
11 – Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza. (Herbert George Wells)
12 – La bicicletta è la più nobile invenzione dell’umanità. (William Saroyan)
13 – Niente è paragonabile al semplice piacere di un giro in bicicletta. (John Fitzgerald Kennedy)
14 – Quelli che vogliono controllare le proprie vite ed andare oltre un’esistenza come semplici clienti e consumatori, sono persone che vanno in bicicletta. (Wolfgang Sachs)
15 – Un giro in bicicletta è una fuga dalla tristezza. (James E. Starrs)
16 – Le biciclette sono catalizzatori sociali che attraggono una categoria di gente superiore. (Chip Brown)
17 – Camminare a me non va, in bicicletta vo’ meglio. È un mezzo meno faticoso. Fino a poco tempo fa pedalavo spesso, ricavandone equilibrio, voglia di fare e volontà. (Margherita Hack)
18 – Non si smette di pedalare quando si invecchia, si invecchia quando si smette di pedalare. (anonimo)
19 – La bicicletta è la trascrizione della energia in equilibrio, l’esaltazione dello slancio, l’immagine visibile del vento. Tendenzialmente vola; rade ma non tocca la terra. (Cesare Angelini)
20 – Un computer è come una bicicletta per le nostre menti. (Steve Jobs)
21 – Quando uno stacca tutti dalla ruota è uno spettacolo, è questo l’aspetto più bello del ciclismo. (Marco Pantani)
22 –  Saranno poco romantiche le gambe, ma nel ciclismo contano. (Gianni Mura)
23 – Il ciclismo da noi è uno degli sport più controllati e credibili in assoluto, questo va detto chiaramente.” (Gianni Bugno)
24 – Il ciclismo, per lungo tempo, è stato un dolce racconto mediatico che ha fatto leva sulla fantasia del narratore e di chi ne ha fruito (Adriano De Zan)
25 – Prima ancora di vincere o perdere, il ciclismo è rispondere “Presente!”. Io ci sono. (Francesco Moser)
26 – Merckx era talmente forte che quando tirava, per stargli a ruota dovevamo darci i cambi. (Francesco Moser)
27 – La maglia rosa, la maglia rosa, è quella cosa che mai non riposa. (Totò)
28 – Se puoi vincere, devi farlo! (Marco Pantani)
29 – Il ciclismo deve essere racconto, romanzo, ma non dell’orrore. (Gianni Bugno).
30 – Poche chiacchiere e menare (Felice Gimondi)
31 – Quando la strada sale non ti puoi nascondere (Eddy Merckx)
32 – La Montagna è solo per pochi (Marco Pantani)
33 – Dio c’è… ed è pelato (Uno striscione sul Mortirolo)
34 – Boxe e ciclismo, sport di poveri per poveri (Mario Fossati)
35 – La bicicletta non è un viluppo di metallo, un insieme inerte di leve e ruote. E’ arpa birmana. Sinfonia. Un dono della vita. Trasforma in musica storie di uomini. Anche tragedie (Claudio Gregori)
36 – Non si smette di pedalare quando si invecchia, si invecchia quando si smette di pedalare (Anonimo)
37 – La vita è come una bicicletta con dieci velocità. La maggior parte di noi ha marce che non userà mai (Charles Schulz)
38 – Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza (Herbert George Wells)
39 – La scoperta del mondo parte per me dalla bicicletta (Maurice de Vlamickx)
40 – In bicicletta si torna giovani e si diventa poeti (Renato Serra)
41 – La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti (Albert Einstein)
42 – Se avessi una figlia la metterei in sella perché impari ad affrontare la vita (Emile Zola)
43 – La bicicletta ha un’anima. Se si riesce ad amarla, vi darà emozioni che non dimenticherete mai. (Mario Cipollini)
44 – Il ciclismo è la fatica più sporca addosso alla gente più pulita (Giampaolo Ormezzano)
45 – Il Giro è una meravigliosa corsa umana. Il suo traguardo è la felicità. (Alfonso Gatto)
46 – Girardengo non lo si vedeva mai arrivare. Appariva di colpo. Come per un incanto era lì. (Mario Soldati)
47 – Sono uno dei pochi atleti che non si allena nemmeno con il frequenzimetro, un artigiano in mezzo a delle multinazionali. (Marco Pantani)
48 – Forato? Noi non si fora mai. (Gino Bartali)
49 – Se finirò al cimitero vi condurrò qualcuno alla mia ruota. (Jacques Anquetil)
50 – La fatica in montagna per me è poesia (Marco Pantani)

Numeri del lotto? No numeri della Lotto!

Numeri del lotto? Ecco i numeri del Team LottoNL-Jumbo

Numeri del lotto? Non parliamo di estrazioni del lotto ma dei dorsali assegnati dal Team LottoNL-Jumbo ai propri atleti per la stagione 2018

Numeri del Lotto? No della Lotto!

Numeri del Lotto? No della Lotto!

Numeri del lotto? Tranquilli non abbiamo cambiato il target del nostro sito, non ci diamo alla numerologia o allo studio di numeri ritardatari. No, parliamo del fatto che da quest’anno sulle maglie del Team LottoNL-Jumbo comparirà un accattivante dettaglio: ogni ciclista avrà sulle spalle un numero personalizzato.

Da qualche tempo ormai non fa notizia vedere il nome sulle maglie dei ciclisti, una delle prime squadre ad adottarli fu la Mercatone Uno dell’indimenticabile Marco Pantani. Ora a “dare i numeri” è il team olandese della LottoNL-Jumbo (il cui sponsor, ovviamente, organizza giochi a premi legati ai numeri).

Gli atleti hanno potuto scegliere un numero tra l’1 ed il 45, gli stessi numeri su cui si basa la lotteria olandese, il che fa presagire una futura iniziativa combinata tra squadra ciclistica e sponsor di maglia.

Numeri del lotto? Le curiosità in casa Lotto NL Jumbo!

Il numero 1 è andato allo sloveno Primoz Roglic mentre il nostro Enrico Battaglin (unico italiano in rosa) ha scelto  il 20. Dylan Groenewegen, grande  appassionato di calcio e amante degli Orange, ha optato per il 14 in onore del compianto Johan Cruijff, mentre Gijs van Hoecke correrà con il 13, ovviamente rovesciato per scaramanzia.

Ecco la numerazione ufficiale del Team LottoNL-Jumbo:

1. Primoz Roglic; 2. Bert-Jan Lindeman; 3. Koen Bouwman; 4. Pascal Eenkhoorn; 5. Stef Clement; 6. Danny van Poppel; 7. George Bennett; 8. Steven Kruijswijk; 11. Paul Martens; 12. Timo Roosen; 13. Gijs van Hoecke; 14. Dylan Groenewegen; 16. Jos van Emden; 17. Lars Boom; 18. Neilson Powless; 20. Enrico Battaglin; 21. Floris de Tier; 23. Amund Grøndahl Jansen; 24. Daan Oliveir; 26. Sepp Kuss; 31. Robert Gesink; 32. Tom Leezer; 35. Robert Wagner; 37. Antwan Tolhoek; 40. Bram Tankink; 45. Maarten Wynants

Lisa Morzenti intervista esclusiva per ciclonews

Lisa Morzenti intervista in esclusiva per la nostra redazione

Lisa Morzenti intervista  di ciclonews ad uno degli astri nascendo del ciclismo rosa italiano che ci racconta la sua passione per le due ruote e per Marco Pantani.

Lisa Morzenti intervista

Lisa Morzenti intervista

Lisa Morzenti intervista alla bergamasca classe 1998 attualmente in forza alla BePink, già atleta dell’Astana Women’s Team: campionessa europea e vicecampionessa del mondo a cronometro tra le juniores nel 2016.
Lo scorzo anno ha preso parte ai Mondiali di Bergen conquistando il 24esimo posto nella prova a cronometro individuale.

Ciao Lisa, anzitutto grazie per aver accettato la nostra intervista. Ci racconti come è nata la tua passione per il ciclismo.

Ciao ragazzi e grazie a voi per lo spazio che mi dedicata. Ho iniziato con il ciclismo quasi per caso anche se in famiglia il ciclismo era una passione. Mio padre, infatti, prendeva parte a corse ciclistiche amatoriali ed è stato lui ha trasmettermi questa passione che mi sta regalando tante soddisfazioni.

Il ciclismo è uno sport di fatica che richiede dedizione e impegno. Quanto ha influenzato la tua adolescenza ?

In molti nel mondo dello sport si lamentano un po’ dei sacrifici che l’attività agonistica comporta. Personalmente non credo che il ciclismo che abbia influenzato la mia adolescenza. Ho iniziato con il ciclismo a nove anni nella Fulgor Seriate, la squadra della mia città e per me la routine scuola-allenamento-corsa è sempre stata la normalità. Ho affrontato il ciclismo con passione e amore e se il prendere parte ad una gara mi comportava la rinuncia all’uscita del sabato sera non me ne sono mai lamentata anzi. Insomma il mio piacere è la bicicletta, la vera rinuncia sarebbe non andarci

Quali valori ti ha trasmesso il ciclismo che applichi anche nella vita e perché lo suggeriresti a una ragazza che vuole iniziare?

Il ciclismo mi ha insegnato cos’è la fatica, l’impegno e la voglia di raggiungere gli obiettivi che mi pongo quotidianamente. Ammetto che non ero una grande amante dello studio ma ho vincolato i miei successi scolastici all’andare in bicicletta e di conseguenza posso dire che le due ruote mi hanno fatto completare gli studi.
Questo sport mi ha insegnato ad organizzare al meglio il mio tempo, ottimizzare ogni minuto e mi ha fatto capire quanto sia bello tornare a casa dopo essere stata via per un periodo a correre. Credo che possano essere dei validi spunti per spingere una ragazza a provare questo sport.

C’è una corsa che Lisa Morzenti  ricorda con particolare piacere?

Sinceramente non ho una corsa che ricordo più delle altre ma se devo essere sincera ho un aneddoto meraviglioso che non dimenticherò mai. E’ legato ad una compagna di squadra: Sara Calissi. Eravamo nella categoria allieve durante la Coppa Rosa, io ho forato e lei pur di farmi terminare la corsa mi ha lasciato la sua ruota rinunciando di fatto a completare una corsa a cui teneva molto. Credo che questo gesto sia il paradigma di questo sport, non potrò mai dimenticare la bellezza e la profondità di quel momento.

C’è un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o ti ha ispirato?

Mi ha ispirato molto Marco Pantani, un vero mito del ciclismo, una persona che è stata molto brava in sella quanto sfortunata fuori dalle corse. In famiglia mi hanno sempre parlato molto di Marco e devo dire che anche se non ho le sue caratteristiche per me è e sarà sempre un punto di riferimento, il Pirata sarà per sempre unico.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Il tempo libero lo passo con il mio ragazzo, con la mia famiglia e con gli amici. Ho una sorella più piccola e un fratello maggiore con cui adoro passare il mio tempo. Ammetto di non avere degli hobby particolari ma amo godere gli attimi liberi facendo cose magari semplici ma umanamente molto appaganti

Come ti trovi nel nuovo team?

Devo dire che mi trovo molto bene, sono veramente soddisfatta della scelta fatta, credo che in questa squadra potrò continuare nel mio percorso di crescita umana e professionale.

Quali sono i prossimi obiettivi professionali per il 2018?

Ora sono in Australia per le prime gare di stagione e per fare esperienza. Quest’anno mi piacerebbe ottenere un buon risultato al campionato italiano a cronometro e partecipare ai Campionati Europei e ai Mondiali in Austria a cronometro. Poi ho ancora molto da imparare e voglio essere da aiuto alla squadra.

Pantani batte Froome in discesa

Pantani batte Froome in discesa (e certamente anche in salita)

Pantani batte Froome secondo uno studio non solo nella salita ma anche nell’impostazione delle discese: analizziamo le varie posizioni in sella

Pantani batte Froome? Il mitico Pirata, lo sappiamo è stato uno dei migliori (se non il migliore) scalatori al mondo, le sue sfuriate dopo essersi levato dal capo la bandana sono qualcosa che resterà per sempre nella leggenda del ciclismo. Pantani era però un genio anche nell’affrontare le discese, chi non ricorda la sua posizione fuori sella con il suo lieve peso a governare il mezzo meccanico lungo discese affrontate a rotta di collo.

Recentemente un’equipe dell’Università di Eindhoven, sotto la guida del professore Bert Blocken, ha studiato i vantaggi cronometrici che le diverse posizioni assunte dagli atleti sulla bicicletta possono garantire.

Pantani batte Froome: lo studio!

La posizione assunta da Chris Froome, in base allo studio condotto e pubblicato grazie ad una simulazione e poi perfezionato attraverso la realizzazione di modelli tridimensionali , risulta essere assolutamente perdente rispetto alla Posizione-Pantani.

Pantani Batte Froome

Pantani Batte Froome

In particolare lo studio ha analizzato molte posizioni sulla bicicletta tra cui quella dottata dal Keniano Bianco nella tappa con arrivo a Bagneres de Luchon dello scorso Tour de France, la seduta sulla parte posteriore del tubo orizzontale (utilizzata anche da Peter Sagan), quella che prevede la parte posteriore del busto dietro la sella come visto fare da Marco Pantani, ma anche stili più tradizionali che prevedono la seduta sul sellino, che variano per la differente inclinazione delle spalle rispetto il manubrio.

Ciò che emerge da questo studio è che la posizione più vantaggiosa da assumere quando la strada scende è quella privilegiata da Peter Sagan con un +17% di resa e una maggiore sicurezza.

La tecnica adottata da Chris Froome, risulta invece del 9% più veloce, meglio dello stile “schiena-dritta” adottato da molti, che migliora le prestazioni del 7%, ma risulta meno vantaggioso anche della “posizione-Pantani” (14% più efficace) e dell’ubicazione sul mezzo che preferisce Vincenzo Nibali (12% più produttivo).

Pantani Batte Froome

Pantani Batte Froome

L’equipe di ricerca,  prendono in esame la discesa dal Peyresourde di Froome durante il Tour de France 2016 ha sancito che il capitano della Sky percorse i 15,5 km ad una media di 62,5 km/h in 14’24” (guadagnando 1’17” sulla posizione a schiena alta, ma anche di perdere ipoteticamente 1’07”dala posizione Sagan) e, anche se si tratta di congetture, meglio avrebbero fatto anche Nibali (46″) e, appunto, Marco Pantani (23″).

 

Giro al via, Froome: “Italia sto arrivando”

Giro al via ci sarà anche il corridore del Team Sky

Giro al Via

Giro al Via anche Froome!

Giro al via anche Chris Froome, le indiscrezioni sono state completamente confermate e l’edizione 2018 si arricchisce del numero uno per le corse a tappe. Il britannico non sarà all’esordio assoluto alla corsa rosa ma sarà all’esordio come favorito numero uno per la vittoria. Eh già! Perché se Froome è tra i partenti di una corsa a tappe, è in automatico l’uomo da battere.

Giro al via: Froome viene per vincere!

Diciamocela tutta, lo sognavamo! Ma finché non è stato ufficiale, qualche dubbio sulla presenza del capitano del Team Sky l’abbiamo avuta tutti. Ora che è stata ufficializzata la sua presenza, beh ora sono cavoli per tutti, perché Froome non verrà per godersi il paesaggio italiano o per visitare Gerusalemme: “Ho vinto il Tour e la Vuelta e adesso ho l’opportunità di puntare al Giro, per me questa è un’opportunità per provare a vincere il terzo grande giro consecutivo. Sono veramente eccitato da questa sfida, è una motivazione tutta nuova per me vedere se riuscirò a realizzare qualcosa di speciale il prossimo anno”.

Froome, per chi non lo sapesse, è molto legato al nostro paese: “la mia carriera ciclistica è iniziata in Italia: ci ho vissuto per tre anni quando ho iniziato la mia carriera da professionista, quindi avere l’opportunità di tornare al Giro d’Italia, nella posizione in cui sono adesso, è una sensazione come di un cerchio che va a chiudersi” ha dichiarato.

Giro al via: Froome punta alla storia!

Chris Froome avrà due obiettivi: il primo vincere tre giri consecutivamente (Tour ’17, Vuelta ’17 e Giro 2018) e il secondo la doppietta con il Tour de France, riuscita l’ultima volta a Marco Pantani nel 1998.
“Abbiamo studiato a lungo questo progetto, non sarà per nulla facile provare a vincere Giro e Tour nello stesso anno ma il modo in cui abbiamo gestito le cose quest’anno mi rende fiducioso di poter puntare ad avere successi in entrambe le gare – ha dichiarato il britannico, che ha aggiunto- quest’anno ci sarà una ulteriore settimana di pausa tra Giro e Grande Bouclé e, potenzialmente, questo può rendere più gestibile e favorevole l’essere in grande forma in entrambe le gare. Il modo in cui abbiamo gestito il periodo tra il Tour e la Vuelta quest’anno è stata un’esperienza che ci ha insegnato molto e che si rivelerà utile nel 2018”

Giro: al via anche Chris Froome?

Giro: indiscrezioni vogliono il kenyano bianco al via della corsa rosa

Giro

Giro: Il trofeo

Giro 2018, il 29 novembre verranno tolti i veli alla corsa rosa ma a farla da padrone sono i rumors sulla presunta presenza di Chris Froome a Gerusalemme per la partenza dell’edizione del prossimo anno. A dare il via alla serie di indiscrezione è stato il “The Time“, quotidiano inglese, che ha annunciato che il management del Team Sky sta “prendendo in seria considerazione l’ipotesi” che Froome prenda il via al prossimo Giro d’Italia.

Sicuramente il gruppo RCS sta facendo una corte serrata al corridore tanto che alcune voci vogliono una terza settimana più “soft” rispetto al normale per incentivare la presenza del leader della Sky. Se da una parte, dunque, l’organizzazione preme per avere il kenyano in corsa, dall’altra è lo stesso Chris a voler inserire nel suo già ampio palmares anche il Giro, così da poter essere inserito nella lista degli immortali come il belga Eddy Merckx ed il francese Bernard Hinault, unici a vincere tutti e tre i grandi giri di fila (non nello stesso anno). L’altro obiettivo è quello di entrare nel club dei sette che hanno fatto quello che in Gran Bretagna è definito il “Tiger Slam” (dal nome del noto golfista Tiger Woods che ha vinto i 4 tornei principali del golf) cioè aver conquistato tutte e tre le maglie del vincitore dei Grandi Giri.

Altro obiettivo di Froome è conquistare la doppietta Giro-Tour come accadde per l’ultima volta nell’oramai lontano 1998 all’indimenticabile Marco Pantani; la vittoria del Tour lo porterebbe a raggiungere il gotha del ciclismo mondiale ( Merckx, Hinault, Anquetil ed Indurain) a quota 5 vittorie (che è l’attuale record considerando la cancellazione delle sette vittorie di Lance Armstrong).

 

 

Giro d’Italia U23: dieci tappe nel 2018

Giro d’Italia U23, nel 2018 tante novità a partire dalle tappe!

Giro d’Italia U23

Giro d’Italia U23: Pavel Sivakov

Giro d’Italia U23 nella stagione 2017 è stato un vero ritorno al successo, tanto che gli organizzatori si sono impegnati per proporre una edizione 2018 ancora migliore. La prima novità della prossima edizione sarà l’incremento del numero di tappe che diventano 10 (un prologo iniziale e nove tappe) e che si disputeranno da giovedì 7 giugno a sabato 16 giugno.

 

Il Giro d’Italia U23 comincerà con un cronoprologo serale di pochi chilometri a Forlì, con partenza dal velodromo Servadei e arrivo nel centro cittadino. La seconda tappa, disegnata per i velocisti, sarà da Riccione a Forlì mentre la terza sarà un tributo a Marco Pantini (Partenza da Nonantola sede della squadra Giacobazzi con cui corse il Pirata). La corsa si dirigerà verso nord con alcune salite in Trentino e Veneto che delineeranno la classifica finale. Al via del Giro d’Italia U23 ci saranno ben 28 team (di cui 16 saranno italiani e 12 stranieri) composti da sei corridori ciascuno.

Giro d’Italia U23: l’edizione 2017

L’edizione di quest’anno è stata terreno di conquista per il russo Pavel Sivakov del BMC Development Team, che ha poi firmato con il Team Sky. La corsa ha rappresentato un bel trampolino per tanti giovani talenti (basti pensare che nove dei primi dieci sono passati Elite), tra cui il nostro Luca Raggio che ha firmato con la Wilier e Matteo Fabbro che rappresenta uno dei corridori più interessanti del ciclismo tricolore in chiave futura e che ha firmato con la Katusha – Alpecin.

 

 

Gastone Nencini, il ‘Leone del Mugello’ omaggiato

Gastone Nencin serata ricordo ad Empoli al Cenacolo degli Agostiniani

Gastone Nencini

Gastone Nencini

Gastone Nencini campione nato a Barberino del Mugello sarà onorato all’interno dell’iniziativa “Essere campioni è un dettaglio” sabato 28 ottobre alle 21.30 presso il Cenacolo degli Agostiniani.

Presenterà la serata, ad ingresso libero e patrocinata dal Comune di Empoli, Paolo Bruschi ed interverrà Elisabetta Nencini, figlia di Gastone. Fabrizio Biuzzi, Assessore allo Sport, spiega: “L’idea è nata da una lunga chiacchierata con Luciano Santini, uomo profondamente appassionato di sport, che vuole promuovere la figura di Gastone Nencini . Gastone è stato un precursore del ciclismo moderno e ringraziamo la figlia Elisabetta che verrà a presentarci l’aspetto privato di questo popolare campione”.

Gastone Nencini chi era?

Nato a Barberino di Mugello, 1º marzo 1930 (scomparso il 1º febbraio 1980) è stato professionista dal 1953 al 1965, vincendo un Giro d’Italia e un Tour de France. È il quarto dei sette vincitori italiani del Tour dopo Ottavio Bottecchia, Gino Bartali, Fausto Coppi e prima di Felice Gimondi, Marco Pantani e Vincenzo Nibali.
Soprannominato “Il Leone del Mugello” per l’indomito coraggio, conquistò la corsa rosa nel 1957 e sfiorò il successo nel 1955 (vestì per otto giorni la maglia rosa e si aggiudicò complessivamente otto tappe e la maglia verde). Nel ’57, oltre al successo al giro, ottenne un sesto posto al Tour de France e un nono alla Vuelta a España.

Dopo essere stato il vincitore morale del Giro d’Italia del 1955 ed essersi aggiudicato chiaramente quello del 1957, Nencini risultò ancora una volta il vincitore morale della corsa in rosa del 1960. Vinse il Tour de France 1960 sfiorando così la grande impresa di vincere nello stesso anno sia il Giro che il Tour.

Nencini è morto nel 1980 dopo una breve malattia, a soli 49 anni, ed è stato sepolto nel cimitero comunale di Barberino. (fonte:Wikipedia)