Alberto Bettiol favoloso, vince il Giro delle Fiandre

Alberto Bettiol vince il Giro delle Fiandre

Alberto Bettiol vince il Giro delle Fiandre attaccando sul Kwaremont riportando la classica del nord in italia a dieci anni dalla vittoria di Alessandro Ballan

Alberto Bettiol vince il Giro delle Fiandre

Alberto Bettiol vince il Giro delle Fiandre

Alberto Bettiol vince il Giro delle Fiandre dieci anni dopo il trionfo di Alessandro Ballan con una azione durata quasi venti chilometri andando a tagliare il  il traguardo di Oudenaarde a braccia levate. Alberto ottiene una vittoria che di per se vale una carriera e probabilmente siamo davanti alla nascita di una stella

L’inizio della corsa è caratterizzata dalla fuga di  Jesper Asselman (Roompot Charles), Hugo Houle (Astana), Kenneth Van Rooy (Sport Vlaanderen – Baloise) e Zico Waeytens (Cofidis). I quattro arrivato ad avere circa otto minuti di vantaggio con il gruppo che lascia fare. Una caduta, prima che la corsa entri nel vivo, mette KO il vincitore dello scorso anno Niki Terpstra (Direct Energie). Qualche chilometro più avanti è Mathieu Van Der Poel (Corendon-Circus) a cadere rovinosamente ma il belga riesce a rialzarsi e a lottare come un vero leone.

Il Kwaremont da affrontare tre volte ad il Grammont sono le “bestie” da domare per poter conquistare il Giro delle Fiandre e, quando i fuggitivi vengono ripresi, ecco che davanti si portano Kasper Asgreen (Deceunink), Dylan Van Baarle (Team Sky) e  Sep Vanmarcke (EF Drapac).

All’ultimo passaggio sul Kwaremont è il nostro Alberto Bettiol che prova a staccare tutti e andarsene in solitaria, pare troppo presto per riuscire ad arrivare al traguardo. Alle spalle dell’italiano, però, si fatica a trovare l’accordo con Sebastian Langeveld che lavora sodo per “rompere i cambi” del gruppo inseguitore.

Alberto Bettiol lotta e resiste, resiste e lotta fino a tagliare il traguardo a braccia levate. Alle sue spalle, completano il podio  Asgreen e Alexander Kristoff (UAE Team Emirates) mentre quarto chiude uno stoico Van Der Poel.

Alberto Bettiol: non ci credo ancora!

“Non riesco a credere a quello che ho fatto. Sul Kwaremont mi sentivo bene e dall’ammiraglia mi hanno detto di provare ad attaccare allora ho chiuso gli occhi e sono partito. E’ la mia prima vittoria e fatico a crederci – ha detto il ciclista dopo l’arrivo. Quando mi sono voltato ho in cima al Kwaremont ho visto che avevo preso un bel margine. Sul Paterberg sono riuscito a non perdere troppo, sono stati i 14 chilometri più lunghi della mia vita. Sep Vanmarcke fatto un lavoro straordinario, incredibile un campione come lui che lavora per noi. Devo ringraziare anche Sebastian Lageveld ma tutto il team è stato eccezionale. Ora mi godo la vittoria e poi torno a lavorare duro, è bello che i miei sacrifici siano stati ripagati in questo modo. E’ stata una vittoria di squadra”.

 

VAR nel ciclismo: prima espulsione!

VAR nel ciclismo: Luke Rowe espulso

VAR nel ciclismo ha emesso il suo primo storico verdetto al Giro delle Fiandre: Luke Rowe è stato espulso quando mancavano 60 chilometri 

VAR nel ciclismo: il caso Rowe

VAR nel ciclismo: il caso Rowe

VAR nel ciclismo, l’introduzione del nuovo sistema di controllo televisivo in Real Time delle corse ciclistiche ha visto scrivere la sua prima storica pagina. Durante lo scorso Giro delle Fiandre, svoltosi la domenica di Pasqua è avvenuto il primo caso di squalifica.

Il primo a farne le spese (e suo malgrado ad entrare nella storia) è stato Luke Rowe che ai meno 60 chilometri dall’arrivo, in avvicinamento al Vecchio Kwaremont, ha scartato verso destra e ha pedalato per alcuni metri tra marciapiede e pista ciclabile.

Il comportamento del 28enne ciclista gallese non è consentito dal regolamento oltre ad essere stato pericoloso perché ha dovuto fare uno slalom tra gli spettatori.

I giudici addetti alla “moviola”, che ha debuttato due settimane fa alla Milano-Sanremo ma che non aveva ancora portato a un’applicazione pratica, hanno decretato l’espulsione del corridore del Team Sky e di sanzionarlo con una multa di 170 euro.

Rowe è stato stoppato una decina di chilometri dopo il fatto, il Var ha agito subito.