Letizia Paternoster di bronzo agli Europei di Glasgow

Letizia Paternoster di bronzo nell’omnium

Letizia Paternoster di bronzo nella prova dell’Omnium ai Campionati Europei su Pista di Glasgow dopo aver già conquistato l’argento nell’inseguimento a squadre

Letizia Paternoster di bronzo

Letizia Paternoster di bronzo

Letizia Paternoster di bronzo, una prova fantastica della diciannovenne campionessa che al termine delle quattro prove previste dell’Omnium ha chiuso in terza posizione. Letizia, a dispetto della giovane età, è stata bravissima a gestire energie fisiche e mentali dimostrando una preparazione degna delle migliori atlete in gara. Sebbene non potesse competere con due “mostri sacri”  come l’iridata Kirsten Wild e la padrona di casa Katie Archibald, la Paternoster ha conquistato il quarto posto  nello Scratch, il sesto nella Tempo Race, il terzo nell’Eliminazione ed, e infine, un’ottima prova a punti finale in cui ha difeso il terzo posto con grande maturità che sono valsi il bronzo finale.

 

Dopo la prova Letizia Paternoster ha parlato del suo bronzo ai microfoni di RaiSport

“Questa medaglia vale davvero tantissimo per me,  sono molto felice e quasi non trovo le parole per esprimere la mia gioia.  Se mi avessero detto che al primo anno tra le grandi avrei ottenuto subito una medagli agli Europei avrei subito messo una firma. Amo l’ommium e prendere il bronzo dietro a due grandi campionesse come Wild e Archibald che hanno fatto la differenza anche ai Mondiali è per me un grandissimo onore.

Tra le juniores ho vinto tanto ma pensavo di pagare il salto di categoria, per me correre in bici è qualcosa di magnifico, faccio con passione ogni cosa e tutto quello che conquisto è una gioia.  Tra due settimane ci sono gli Europei U23 e difenderò la maglia col quartetto, quest’inverno farò le prove di Coppa del Mondo per qualificarsi alle Olimpiadi, quello è il grande sogno col quartetto“.

 

Dopo aver vinto tutto a livello giovanile ( 9 titoli mondiali e 5 europei Juniores, categoria in cui ha ottenuto anche il record mondiale nell’inseguimento) la fenomenale 19enne trentina comincia a mietere successi anche tra le “grandi”.

 

Elisa Balsamo bronzo nell’Omnium

Elisa Balsamo conquista il bronzo agli Europei di Berlino

Elisa Balsamo

Elisa Balsamo

Elisa Balsamo conquista la medaglia di bronzo ai Campionati Europei su pista di Berlino nell’Omnium. La conquista della medaglia è avvenuta con il fiato sospeso durante l’ultima volata. Partita un po’ sotto tono con un settimo posto nello Scratch e un sesto nella Tempo Race, l’azzurra si è risollevata con il terzo posto nella Eliminazione e, all’inizio della Corsa a Punti si è presentata con il quarto posto in generale (con 94 punti).  Elisa ha conquistato 8 punti nella prova conclusiva, e proprio l’ultimo sprint è risultato decisivo per scavalcare, grazie ai 4 punti conquistati, la svizzera Andrea Waldis.

A conquistare la vittoria finale è stata Katie Archibald (vincitrice di Tempo Race e Eliminazione) con 127 punti, in seconda posizione l’olandese Wild con 120 punti e terza, appunto, la nostra Elisa Balsamo che ha chiuso con 101 punti. Quarta piazza per la Waldis e quinta la russa Alexandra Goncharova

 

Silvia Valsecchi è bronzo nell’Inseguimento

Silvia Valsecchi  conquista un’altra medaglia per l’Italia a Berlino

Silvia Valsecchi

Silvia Valsecchi

Silvia Valsecchi porta a casa la quarta medaglia tricolore ai Campionati Europei su Pista di Berlino dopo aver trionfato nell’inseguimento a squadre. La 35enne lecchese si è aggiudicata la medaglia di bronzo nella prova dell’Inseguimento individuale sulla distanza dei tre chilometri.

Silvia ha fermato il cronometro in 3’33″908 riuscendo a distanziare la campionessa del mondo a cronometro Annemiek Van Vleuten di ben due secondi e sei decimi. Sulla carta la favorita della sfida era l’0landese che, oltre a essere la detentrice del titolo mondiale, nella batteria di qualificazione aveva fatto registrare ottimi tempi. La medaglia d’oro è andata al collo della fortissima (e favorita) britannica Katie Archibald che ha battuto nettamente la rivale polacca Justyna Kaczkowska.