Jacopo Mosca vince il Tour of Hainan

Jacopo Mosca conquista la corsa cinese, ultima tappa a Cooper

Jacopo Mosca

Jacopo Mosca

Jacopo Mosca mette la ciliegina sulla torta del Tour of Hainan, che ha parlato molto italiano. Il corridore della Wilier Triestina-Selle Italia si aggiudica la classifica generale al termine dell’ultima tappa, vinta dal neozelandese Joseph Cooper.

La Lingshui-Wanning Xinglong, di 153.8 km, è il terreno ideale per darsi battaglia, in una generale in cui le distanze tra i big sono veramente ridotte. I leader che tallonano Jacopo Mosca lottano anche negli sprint intermedi per provare a scalare la classifica ma l’italiano è attento e controlla agilmente gli avversari.
La fuga di giornata con Alexis Cartier (H&R Block), Michael Sheehan (Jelly Belly) e Paolo Simion (Bardiani-Csf) non ha fortuna, con l’italiano che cede abbastanza presto e gli altri due che vengono ripresi a una decina di chilometri dal traguardo. A quel punto è Cooper che, con una grande azione, esce dal gruppo e tiene duro fino al traguardo. Alle sue spalle, giunge il lettore Emils Liepins (Delko Marseille Provence KTM) che deve accontentarsi del secondo posto davanti all’ucraino Andriy Kulyk (Kolss).

Jakub Mareczko (Wilier – Selle Italia) resta coinvolto in una caduta nelle battute finali e non può giocarsi lo sprint dei battuti ma il bresciano si consola con le cinque tappe consecutive che lo hanno portato a risultare il più vincente al termine della stagione 2017.

La generale va dunque a Jacopo Mosca che completa la festa in casa Wilier per un dominio incontrastato nell’edizione 2017 del Tour of Hainan. A tre secondi chiude Benjamin Prades (Team Ukyo) e a cinque il lettone Emils Liepins (Delko Marseille).

Cinquina per Mareczko al Tour of Hainan

Cinquina cinese per Mareczko

Cinquina

Cinquina per Mareczko

Cinquina! E’ un Jakub Mareczko davvero inarrestabule in questo Tour of Hainan. Il velocista bresciano della Wilier Triestina-Selle Italia ha conquistato la quinta tappa (su sei disputate) della corsa cinese, portando il suo bilancio personale a quota 14 vittorie stagionali. Impagabile il lavoro degli uomini ci Citracca che hanno portato il gruppo alla volata riacciuffando i fuggitivi di giornata a 3,5 km circa dall’arrivo.

Se il nostro corridore sorride a quota 5 vittorie, non altrettanto felice sarà Martin Laas, della Delko, che oggi ha ottenuto il suo quarto secondo posto di tappa in questo Tour of Hainan, il terzo consecutivo. Al terzo posto ecco Marco Marenese della  Bardiani-CSF.

Il dominio di Jakub Mareczko sarà con molta probabilità (se non certezza) destinato ad interrompersi domani in quanto la corsa cinese prevede l’unica tappa realmente impegnativa dal punto di vista altimetrico: la  Sanya-Wuzhishan di 166.5 km con un gpm di prima categoria a 12 chilometri dall’arrivo che con ogni probabilità andrà a ridisegnare la classifica generale

Mareczko rinnova con la Wilier-Selle Italia

Mareczko prolunga la permanenza del team di Citracca

Mareczko

Mareczko: un altro anno con la Wilier

Mareczko correrà anche la prossima stagione indossando la maglia della Wilier Triestina-Selle Italia. Il forte sprinter italiano (di origini polacche) ha firmato un accordo con il sodalizio di Angelo Citracca alla vigilia del Tour of Hainan (nella prima tappa della corsa cinese si è piazzato secondo). “Ora sono concentrato sul Tour of Hainan, poi mi riposerò durante il mese di novembre e successivamente mi dedicherò alla preparazione della stagione 2018 che per me sarà molto importante”. La stagione del velocista è stata un po’ altalenante ma Jakub la giudica positiva: “Sono ancora giovane e ho, credo, buoni margini per migliorare, ho preso parte al Giro d’Italia e ho fatto buoni progressi”.

“Angelo Citracca ha un ottimo progetto tecnico per valorizzare i giovani atleti, la squadra ha creduto molto in me e il rinnovo del contratto è un chiaro segno che la fiducia sarà garantita anche per la prossima stagione, mi piace la filosofia del team. Angelo ha insistito molto per farmi restare alla Wilier, avevo proposte per passare in una squadra del World Tour ma penso che sia meglio restare nei Professional per un’altra stagione a farmi le ossa come si deve. Necessito di ulteriori e ampi miglioramenti perché le corse del World Tour sono molto più dure. Anche le gare per velocisti hanno percorsi poco pianeggianti” ha dichiarato Mareczko

 

Tour of Hainan: Aberasturi batte Mareczko

Tour of Hainan la voltata premia lo spagnolo mentre il corridore della Wilier deve accontentarsi

Tour of Hainan

Tour of Hainan: vittoria di Aberasturi

Tour of Hainan 2017 corsa in svolgimento nel sud della Cina ha visto trionfare nella prima tappa lo spagnolo Jon Aberasturi del Team Ukyo che ha battuto in volata il nostro Jakub Mareczko (Wilier Triestina – Selle Italia). Naturalmente l’iberico va ad indossare anche la maglia di leader della generale. La corsa cinese sarà terreno di conquista per i velocisti. La prima è stata una tappa molto corta in cui hanno provato ad attaccare Enrico Barbin (Bardiani-CSF), James Cooper (Isowhey), Vitaly Buts (Kolss) e Joab Schneiter (Svizzera) ma senza riuscire a conquistare un vantaggio tale da poter impensierire il gruppo.

Gli ultimi ad arrendersi sono stati Cooper e Buts che però non hanno avuto fortuna nella loro azione. Ricompostosi il gruppo, poco prima della volata ci ha provato un altro atleta della Bardiani-Csf, Alessandro Tonelli ma senza alcun esito positivo. Inevitabile, dunque, l’arrivo a ranghi compatti che ha premiato Aberasturi, bravo a superare, come giù accaduto al Tour of Taihu Lake, il nostro Jakub Mareczko. Terza piazza per l’australiano Michael Freiberg (IsoWhey Sports SwissWellness), nei dieci anche l’altro italiano Marco Maronese (Bardiani-Csf), settimo.

 

Tour of Hainan 2017, presentazione

Tour of Hainan 2017 presentazione della corsa

Tour of Hainan 2017

Tour of Hainan 2017

Tour of Hainan 2017 si disputa dal 28 ottobre al 5 novembre all’interno dall’UCI Asia Tour, categoria 2HC. La prima edizione della corsa cinese venne vinta da Sergey Kolesnikov, vittoria italiana nel 2015 grazie a Sacha Modolo che vinse la prima gara a tappe della sua carriera. L’ultimo vincitore della manifestazione è stato Alexey Lutsenko.

Tour of Hainan 2017: il Percorso

Come si evince dal nome la corsa di svolge nella provincia del Hainan, sud della Cina, di cui è entrata a far parte s0lo nel 1950 dopo la guerra civile. La corsa comprende nove frazioni la maggior parte delle quali destinate ai velocisti. Il profilo altimetrico della corsa non presenta, infatti, spunti di particolare interesse. Le uniche tappe a presentare delle asperità sono la terza con una arrivo in lieve pendenza  e la settima che ha inserito un Granpremio della Montagna a non moltissimi chilometri dal traguardo di Lingshui.

Tour of Hainan 2017: Starting List

Nessun team Word Tour sarà al mia della corsa, mentre saranno presenti 5 team professional (la francese Delko Marseille, la brasiliana Soul Brasil, la statunitense Team Novo Nordisk e le due italiane Bardiani-Csf e Wilier-Selle Italia) ai quali si affiancano, oltre a la nazionale elvetica, 16 squadre Continental. I nomi caldi per conquistare la corsa sono i nostri velocisti Jakub Mareczko (Wilier-Selle Italia), Paolo Simion (Bardiani-Csf) ed Edoardo Zardini (Bardiani). Attenzione anche allo scalatore Ilya Koshevoy (Wilier).

Tour of Hainan 2017: Diretta TV

Diretta tv su Eurosport 2: prime due tappe alle ore 7, terza e quarta e ultima alle ore 6, le restanti alle 6.15

 

Mareczko poker al Tour of Taihu Lake

Mareczko poker di vittorie nella corsa cinese

Mareczko poker

Mareczko poker di vittorie

Mareczko poker! Il velocista conquista la sesta tappa del Tour of Taihu Lake e si conferma il re delle corse cinesi. Nella quinta tappa il bresciano aveva lasciato spazio allo spagnolo Jon Aberasturi ma oggi si è rifatto con gli interessi. Anche oggi la tappa era priva di difficoltà e quindi adatta alle ruote veloci e a fare la voce grossa è stato Mareczko che, dopo aver conquistato la seconda, la terza e la quarta tappa, fa poker con la sesta. Ad accontentarsi del secondo posto è l’estone Mikhail Raim della Israel Cycling Academy mentre terzo è giunto il bielorusso Anton Muzychkin del Minsk Cycling Club.

Jakub Mareczko consolida la sua posizione di leader della generale e, ad una tappa dal termine della corsa cinese,  è ormai vicino al bis dopo il successo finale ottenuto nel 2015. Il bresciano della Wilier Triestina-Selle Italia,  si è messo al riparo da possibili sorpassi dovuti esclusivamente agli abbuoni: Nicolas Marini, infatti, è secondo a 19″, a 26″ invece ci sono il colombiano Carlos Alzate, il canadese Guillaume Boivin e l’ucraino Vitaliy Buts.

Jon Aberasturi batte Jakub Mareczko

Jon Aberasturi vince la tappa del Tour of Taihu Lake

Jon Aberasturi

Jon Aberasturi

Jon Aberasturi batte il nostro Jakub Mareczko che resta però in testa alla classifica generale del Tour of Taihu Lake. Nella quinta frazione della corsa con arrivo a Haimen è lo spagnolo del Team Ukyo ad esultare ma alla terzultima giornata i colori italiani sono sempre in testa.

La corsa è stata fino ad ora caratterizzata dal dominio dei nostri corridori che hanno letteralmente fatto incetta dei tanti sprint che la corsa presenta. Questa volta si parte da Nantong e si arriva a Haimen, ma il copione non cambia: tanta pianura ed arrivo adatto alle ruote veloci, questa volta pero Marezcko non riesce a calare il proprio poker personale e deve accontentarsi della seconda piazza.

Per il corridore iberico si tratta della settima vittoria nelle corse Asiatiche: una in Thailandia, una in Giappone, due in Corea e altrettante in Cina (Qinghai Lake). Il prossimo anno Jon Aberasturi entrerà a tutti gli effetti nel vero professionismo indossando la casacca della nuova squadra  Professional basca Euskadi Basque Country Murias.

 

Tour of Taihu Lake, bis di Mareczko. Marini nuovo leader

Tour of Taihu Lake: Mareczko centra il bis, Martini leader della generale

Tour of Taihu Lake

Tour of Taihu Lake: Jakub Marezcko

Tour of Taihu Lake sorride agli italiani, Jakub Mareczko velocista della Wilier Triestina – Selle Italia si aggiudica la terza tappa davanti a Nicolas Marini della Nippo – Vini Fantini, che grazie agli abbuoni conquista la maglia di leader delle generale.
La corsa cinese presenta percorsi prettamente piatti attorno al Lago Tai Hu e quindi, neutralizzata la solita fuga di giornata, la tappa diventa appetibile per le ruote veloci del gruppo. La prima tappa è stata conquistata da Mariti, la seconda da Jakub Mareczko  che ha sapientemente bissato nella terza frazione andando conquistare la sua dodicesima affermazione in terra cinese.

Con il secondo posto conquistato, Nicolas Marini diventa il nuovo leader della classifica generale del Tour of Taihu Lake davanti al canadese Guillame Boivin della Israel Cycling Academy

Giro d’Italia Vittoria di Fernando Gaviria

Fernando Gaviria fa Tris

Fernando Gaviria, talento emergente del ciclismo colombiano, era partito per ben figurare a questo Giro d’Italia e puntualmente ha rispettato le attese calando oggi il suo personalissimo tris alla corsa rosa. Il corridore della Quick-Step Floors si è imposto a Reggio Emilia, arrivo della dodicesima tappa, dimostrando ancora una volta di essere una spanna davanti a tutti i suoi colleghi velocisti .

Eccellente il lavoro svolto dal team che l’ha perfettamente guidato nella gestione del non semplice finale in cui il colombiano non ha lasciato scampo al nostro, per altro ottimo, Jakub Mareczko (Wilier – Selle Italia) costretto ad accontentarsi del secondo posto finale.

Il podio di giornata viene completato da Sam Bennett (BORA – Hansgrohe) mentre i nostri Sacha Modolo e Roberto Ferrari (UAE Fly Emirates) si devono accontentare rispettivamente del settimo e decimo posto. Resta dunque tabù la vittoria di tappa per gli atleti italiani.

Da segnalare l’attacco a partire dal chilometro zero di Sergey Firsanov (Gazprom – Rusvelo) e Marco Marcato (UAE Team Emirates) e dell’italiano  Mirco Maestri (Bardiani – CSF).

Missione compiuta per  la Dimension Data che con Omar Fraile  si è lanciata all’assalto della maglia azzurra conquistandola a  discapito di Jan Polanc (UAE Team Emirates) costretto a cedere il passo.

Nessuna variazione in classifica generale con Tom Dumoulin (Team Sunweb) che conserva la rosa.

 

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Tom Dumoulin (Team Sunweb)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo – Fernando Gaviria (Quick-Step Floors)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Omar Fraile (Team Dimension Data)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – Bob Jungels (Quick-Step Floors)

A Messina vince Gaviria

Fernando Gaviria fa il Bis al Giro d’Italia

Il Giro d’Italia arriva a Messina e Fernando Gaviria firma la sua personale doppietta: dopo la vittoria in terra sarda ecco quella in Sicilia.

Se domenica scorsa il vento aveva tagliato fuori dai giochi una parte dei velocisti di punta favorendo il corridore colombiano oggi ha dato una prova di forza contro l’intero gruppo dei velocisti della corsa rosa. Non è stato necessario molto tempo perché il corridore della Quick-Step Floors prendesse confidenza con il Giro e ora il suo bottino personale conta già due successi, un giorno in rosa e l’attuale “possesso” della maglia ciclamino, non male per un esordiente.

Alle spalle di Gaviria  si piazza il nostro Jakub Mareczko della Wilier – Selle Italia, vero talento del nostro ciclismo che ha dimostrato tutta la sua abilità in una furiosa rimonta finale che lo ha visto precedere  l’irlandese Sam Bennet (Bora – Hansgrohe).

Da segnalare il curioso fatto accaduto a  Luka Pibernik (Bahrain – Merida) che con unao scatto supera tutti e taglia il traguardo esultante per la vittoria, peccato che si trattasse solamente del l primo passaggio sulla linea del traguardo di Messina e che al termine della tappa mancassero ancora cinque chilometri circa.

Molto soddisfatto Gaviria: “E’ stato davvero un grande sprint, oggi la Quick-Step Floors ha lavorato davvero bene e la mia vittoria è da condividere con tutti i miei compagni. Sono molto felice perché oggi era presente tutta la mia famiglia e anche la mia ragazza Valentina a cui ho dedicato il bacio finale. Quando Bennett è partito mi sono trovato col vento in faccia ma ho voluto aspettare un attimo e la tattica mi ha premiato Io eroe delle due isole? Ho solamente vinto due tappe, l’eroe del Giro sarà chi arriverà a Milano in maglia rosa”.

Bob Jungels in maglia rosa

Soddisfatto anche  Bob Jungels che ha mantenuto la sua maglia rosa e dichiara apertamente il suo obiettivo: “E’ stato un finale velocissimo ed un po’ pazzo ma è andata bene, sono felicissimo per la vittoria di Fernando l’ambiente era incredibile, tantissima gente a bordo strada per incitare Vincenzo Nibali, oggi ho fatto bene e spero di riuscire a conservare la maglia Rosa fino a domenica quando con il Blockhaus uscireanno i veri scalatori”.