Moscon una Pinarello K10S per la Roubaix

Moscon una Pinarello K10S per conquistare la Parigi-Roubaix

Moscon una Pinarello K10S equipaggiata con il DSS System (sospensione elettronica) per cercare di conquistare la Parigi-Roubaix 2018

Moscon una Pinarello speciale

Moscon una Pinarello speciale

Moscon una Pinarello K10S speciale per tentare un’impresa speciale: vincere la Parigi-Roubaix 2018. Quello di vincere la classica del nord non è un sogno ma un obiettivo dichiarato del corridore del Team Sky che, nonostante le tante polemiche che hanno segnato la scorsa annata, è reduce da una stagione che lo ha lanciato nell’olimpo del ciclismo mondiale come talento emergente.

Per questo motivo il trentino è tornato sulle strade della Regina delle Classiche ed in particolare è partito dalla Foresta di Arenberg e ha pedalato per un centinaio di chilometri per valutare dettagli strategici e tecnici per essere pronto per il colpo grosso.

Per preparare la corsa in programma il prossimo  8 aprile, assieme a Gianni Moscon c’erano Ian  Stannard e Sebastian Langeveld (che si piazzò terzo lo scorso anno) e assieme a loro, in ammiraglia uno che la Roubaix la conosce bene: Servais Knaven (che vinse la classica nel 2001).

Accanto al gruppetto c’era anche Michele Botteon, responsabile del settore Ricerca & Sviluppo della Pinarello. Proprio la bicicletta e la sua preparazione ad hoc per la corsa sono stare uno dei punti focali della spedizione.
Moscon utilizzerà una Pinarello K10S con l’innovativo telaio carattetizzato dal DSS System. La bicicletta sarà, infatti, attrezzata con una sospensione elettronica del peso complessivo di circa 300 grammi in grado di autoregolarsi a seconda degli impulsi del terreno.

Questo sistema dovrebbe consentire non solo la massima comodità per l’atleta ma anche la massima trazione possibile della ruota posteriore. Dal sopralluogo di ieri è stata presa la scelta di non adoperare i freni a disco perché, in caso di forature, questo sistema comporterebbe del tempi di sostituzione dello pneumatico più lunghi.

Tour de Yorkshire 2017 dal 28 al 30 Aprile

C’è fermento in  Gran Bretagna che si prepara ad accogliere il grande ciclismo con il Tour de Yorkshire 2017 (dal 28 al 30 aprile), corsa giovane, giunta solo alla terza edizione,  nata sulla scia dell’entusiasmo della Grand Depart del Tour de France 2014 che però ha creato già molta passione.

Nello Yorkshire non ci sono grandi montagne o asperità insormontabili, tuttavia le insidie non mancano anche a livello ambientale e se ci si aggiunge il clima variabile tutte le giornate possono diventare imprevedibili.

I FAVORITI

VELOCISTI: Caleb Ewan (ORICA – Scott),  Nacer Bouhanni (Cofidis), Dylan Groenewegen (LottoNL – Jumbo), Danny Van Poppel (Team Sky), Adam Blythe, (Aqua Blue Sport), Kristian Sbaragli (Dimension Data), Baptiste Planckaert (Katusha – Alpecin) e Max Walscheid (Team Sunweb).

UOMINI CLASSIFICA: Thomas Voeckler, Ian Stannard, Steven Kruijswijk, Brent Bookwalter e Floris Gerts

ALBO D’ORO

2016 VOECKLER Thomas
2015 NORDHAUG Lars – Petter

LE TAPE

Tappa 1 Bridlington – Scarborough 174 km

Tappa 2 Tadcaster – Harrogate 122,5 km

Tappa 3 Bradford/Fox Valley – Sheffield 194,5 km