L’Italia delle biciclette: recensione del libro

L’Italia delle biciclette: musei, collezioni e itinerari turistici

L’Italia delle biciclette di Franco Bortuzzo e Beppe Conti edito da Graphot una chicca per chi vuole scoprire lati nascosti del nostro paese

L'Italia delle biciclette

L’Italia delle biciclette

L’Italia delle biciclette, edito da Graphot, racconta il nostro paese, da sempre culla di grandi campioni sui pedali e universalmente riconosciuto come uno dei paesi turisticamente più attrattivo del mondo, che nasconde perle sconosciute.

E proprio questo lato meno noto può essere scoperto in sella ad una bicicletta. La guida di Franco Bortuzzo e Beppe Conti ci porta a scoprire l’Italia delle biciclette in bicicletta ritrovando angoli della “memoria del ciclismo”.

Il grande ciclismo e la sua memoria sono ritrovabili in musei disseminati lungo strade mitiche, salite storiche e città divenute famose grazie alle fortune di illustri cittadini “a pedali”.

I miti del ciclismo hanno lasciato traccia non solo negli annali ma anche, e soprattutto, nei luoghi in cui hanno vissuto e trionfato. Da Binda a Pantani, passando per Coppi e Bartali ogni campione ha un luogo magico dove viene celebrato.

Proprio in questi luoghi ci conducono i due autori andando alla scoperta di musei e collezioni private dedicate ai grandi miti del pedale. Gestiti da appassionati o da enti, questi luoghi contribuiscono a divulgare e preservare il ricordo dei campioni eterni che, complice la “voracità” dei tempi moderni rischiano di essere fagocitati.

Con volontà certosina Bortuzzo e Conti hanno confezionato una guida a 35 musei sparpagliati in Italia e ad ognuno hanno affiancato un percorso ciclo-turistico che consente di ammirare panorami e mete eno-gastronimiche da scoprire pedalando.

La guida offre, per ogni percorso cicloturistico, una mappa accurata, lunghezza e dislivello dell’itinerario proposto ed un elenco delle attrazioni toccate.

Per ogni museo, oltre alle immancabili informazioni tecniche (orati, prezzi e indirizzo), viene raccontata la storia e evidenziati i principali contenuti.

Formidabile è, inoltre, la sezione dedicata ai magnifici bike cafè che stanno proliferando lungo tutto lo stivale.

Immaginatevi di partire con il vostro cavallo a pedali per scoprire, tra una valle, una salita e un buon bicchiere di vino, splendidi musei e pezzi storici del ciclismo. E’ ciò che sognate? E allora correte il libreria per acquistare L’Italia delle biciclette: musei, collezioni e itinerari turistici.

 

L’Italia delle biciclette: musei, collezioni e itinerari turistici

di Franco Bortuzzo e Beppe Conti
Graphot Editrice
Prima edizione giugno 2019
Collana Ciclismo
Brossura, formato 15×21 cm
Pagine 168
Prezzo 16,50 euro
Codice ISBN: 978-8899781583

Mangiare, Bere e Pedalare di Beppe Conti: recensione

Mangiare, Bere e Pedalare la nostra recensione del libro

Mangiare, Bere e Pedalare un libro in cui si intrecciano storie di ciclismo, amicizia e buon cibo. Un Giro d’Italia enogastronomico scritto dal grandissimo Beppe Conti

Mangiare, Bere e Pedalare

Mangiare, Bere e Pedalare

Mangiare, Bere e Pedalare non è solamente un libro sul cibo o sul ciclismo, è un intreccio di momenti, di ricordi scritto da Beppe Conti ed edito da Graphot con prefazione di Angelo Striuli Spesso chi segue una corsa ciclistica sa bene che il pranzo è un momento da consumare velocemente, senza quasi godersi il cibo per poi ripartire in auto o in moto a seguire i corridori ma è altrettanto vero che il ciclismo e la buona tavola spesso vanno di pari passo in nottate epiche a raccontare aneddoti e storie di campioni passati e presenti accompagnati da buon cibo e buon vino.

Il libro, invece, parla di buona cucina. Buona cucina fatta all’interno di locali che intrecciano la loro esistenza con quella di grandi campioni del ciclismo. Locali in cui sono accaduti fatti degni di nota, locali dove si sono fermati a pranzare campioni degni di essere ricordati o dove lo spesso “oste” è un ex ciclista.

Mangiare, Bere e Pedalare parte nel suo racconto dalla città del Campionissimo, Castellania, esplorando le zone care a Fausto Coppi, l’Alessandrino e il Piemonte. Nel libro si unisce la buona tavola a ricordi di campioni da Hinault a Merckx da Bugno a Chiappucci, da Moser a Saronni dagli indimenticabili Marco Pantani e Michele Scarponi a Fabio Aru e Vincenzo Nibali.

Un libro da non perdere per gli amanti delle curiosità legate al ciclismo e per chi ama provare le emozioni della tavola in posti sparpagliati qua e la per lo stivale con il comune denominatore dell’amore per il ciclismo.

 

  • Editore: Graphot
  • Anno edizione: 2018
  • In commercio dal: 24/04/2018
  • Pagine: 176 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788899781262