Ben O’Connor punta sul Giro d’Italia

Ben O’Connor obiettivo top ten al Giro

Ben O’Connor vittima di una sfortunata caduta lo scorso anno, torna al Giro d’Italia con l’obiettivo di un posto nella top ten finale

Ben O'Connor (fonte pagina twitter)

Ben O’Connor (fonte pagina twitter)

Ben O’Connor ha  solo 23 anni, eppure sarà al via di Bologna come leader del Team Dimension Data. L’obiettivo del ragazzo è quello di essere competitivo come accaduto lo scorso anno portando anzitutto a termine il Giro chiudendolo, magari, nella top ten finale.

Ben lo scorso anno stava ben figurando in Italia poi un incidente l’ha costretto al ritiro, la rabbia per non aver completato una grande corsa a tappe è stata tanta ma ormai è stata messa alle spalle ed ora l’obiettivo è ottenere anche una vittoria di tappa visto che per ora la stagione è stata avara di successi.

O’Connor si è allenato per preparate il Giro ad Andorra cercando di abituarsi alle grandi salite italiane affrontando tratti in ascesa per 40/50 minuti minimo.

“mi sento bene ora manca poco al via ed è importante non ammalarsi o cadere, voglio restare con i migliori il più a lungo possibile e dare tutto me stesso nelle tappe di montagna. Il Team ha fiducia in me, ho avuto qualche problema ma spero che lavorando duramente i risultati possano arrivare. Sono pronto a dare il massimo al Giro e spero di finirlo, questa volta senza ossa rotte” ha spiegato Ben O’Connor

Albo d’Oro del Giro d’Italia

Albo d’Oro del Giro d’Italia dal 1909 al 2018

Albo d’Oro del Giro d’Italia dalla prima vittoria di Luigi Ganna del 1909 all’ultimo successo di Chris Froome del Team Sky nel 2018

Logo della competizioneL’Albo d’Oro del Giro d’Italia  vede la luce dopo la prima edizione della corsa rosa nel 1909 con la sua prima edizione vinta da Luigi Ganna noto col soprannome di “il Re del fango” per la sua straordinaria resistenza alle avversità climatiche.Gi

Nel corso degli anni campioni di tutto il mondo hanno combattuto per conquistare l’ambita maglia rosa segno del primato.

Nelle 101 edizioni della corsa rosa sono stati 65 gli atleti a conquistare la maglia rosa in rappresentanza di 13 nazionalità diverse: Italia 69, Belgio 7, Francia 6, Spagna 4, Russia e Svizzera 3, Lussemburgo 2, Olanda, Canada, Irlanda, Svezia, Colombia, Gran Bretagna e Stati Uniti 1..

L’Albo d’Oro del Giro d’Italia presenta alcuni plurivincitori:

con 5 vittorie: Alfredo Binda, Fausto Coppi, Eddy Merckx
con 3 vittorie: Gino Bartali, Giovanni Brunero, Carlo Galetti (Atala), Felice Gimondi, Bernard Hinault, Fiorenzo Magni.

Per ciò che concerne la classifica a squadre, al primo posto, con il maggior numero di vittorie è la Legnano (13) seguita dalla Bianchi (6) e da Maino e Molteni (4).

 

Ecco l’albo d’oro completo all’edizione 2018.

Anno Vincitore Secondo Terzo
1909 Italia Luigi Ganna Italia Carlo Galetti Italia Giovanni Rossignoli
1910 Italia Carlo Galetti Italia Eberardo Pavesi Italia Luigi Ganna
1911 Italia Carlo Galetti Italia Giovanni Rossignoli Italia Giovanni Gerbi
1912[13] Italia Atala Francia Peugeot Italia Gerbi
1913 Italia Carlo Oriani Italia Eberardo Pavesi Italia Giuseppe Azzini
1914 Italia Alfonso Calzolari Italia Pierino Albini Italia Luigi Lucotti
1915-1918 non disputate a causa della Prima guerra mondiale
1919 Italia Costante Girardengo Italia Gaetano Belloni Belgio Marcel Buysse
1920 Italia Gaetano Belloni Italia Angelo Gremo Francia Jean Alavoine
1921 Italia Giovanni Brunero Italia Gaetano Belloni Italia Bartolomeo Aymo
1922 Italia Giovanni Brunero Italia Bartolomeo Aymo Italia Giuseppe Enrici
1923 Italia Costante Girardengo Italia Giovanni Brunero Italia Bartolomeo Aymo
1924 Italia Giuseppe Enrici Italia Federico Gay Italia Angiolo Gabrielli
1925 Italia Alfredo Binda Italia Costante Girardengo Italia Giovanni Brunero
1926 Italia Giovanni Brunero Italia Alfredo Binda Italia Arturo Bresciani
1927 Italia Alfredo Binda Italia Giovanni Brunero Italia Antonio Negrini
1928 Italia Alfredo Binda Italia Giuseppe Pancera Italia Bartolomeo Aymo
1929 Italia Alfredo Binda Italia Domenico Piemontesi Italia Leonida Frascarelli
1930 Italia Luigi Marchisio Italia Luigi Giacobbe Italia Allegro Grandi
1931 Italia Francesco Camusso Italia Luigi Giacobbe Italia Luigi Marchisio
1932 Italia Antonio Pesenti Belgio Jef Demuysere Italia Remo Bertoni
1933 Italia Alfredo Binda Belgio Jef Demuysere Italia Domenico Piemontesi
1934 Italia Learco Guerra Italia Francesco Camusso Italia Giovanni Cazzulani
1935 Italia Vasco Bergamaschi Italia Giuseppe Martano Italia Giuseppe Olmo
1936 Italia Gino Bartali Italia Giuseppe Olmo Italia Severino Canavesi
1937 Italia Gino Bartali Italia Giovanni Valetti Italia Enrico Mollo
1938 Italia Giovanni Valetti Italia Ezio Cecchi Italia Severino Canavesi
1939 Italia Giovanni Valetti Italia Gino Bartali Italia Mario Vicini
1940 Italia Fausto Coppi Italia Enrico Mollo Italia Giordano Cottur
1941-1945 non disputate a causa della Seconda guerra mondiale
1946 Italia Gino Bartali Italia Fausto Coppi Italia Vito Ortelli
1947 Italia Fausto Coppi Italia Gino Bartali Italia Giulio Bresci
1948 Italia Fiorenzo Magni Italia Ezio Cecchi Italia Giordano Cottur
1949 Italia Fausto Coppi Italia Gino Bartali Italia Giordano Cottur
1950 Svizzera Hugo Koblet Italia Gino Bartali Italia Alfredo Martini
1951 Italia Fiorenzo Magni Belgio Rik Van Steenbergen Svizzera Ferdi Kübler
1952 Italia Fausto Coppi Italia Fiorenzo Magni Svizzera Ferdi Kübler
1953 Italia Fausto Coppi Svizzera Hugo Koblet Italia Pasquale Fornara
1954 Svizzera Carlo Clerici Svizzera Hugo Koblet Italia Nino Assirelli
1955 Italia Fiorenzo Magni Italia Fausto Coppi Italia Gastone Nencini
1956 Lussemburgo Charly Gaul Italia Fiorenzo Magni Italia Agostino Coletto
1957 Italia Gastone Nencini Francia Louison Bobet Italia Ercole Baldini
1958 Italia Ercole Baldini Belgio Jean Brankart Lussemburgo Charly Gaul
1959 Lussemburgo Charly Gaul Francia Jacques Anquetil Italia Diego Ronchini
1960 Francia Jacques Anquetil Italia Gastone Nencini Lussemburgo Charly Gaul
1961 Italia Arnaldo Pambianco Francia Jacques Anquetil Spagna Antonio Suárez
1962 Italia Franco Balmamion Italia Imerio Massignan Italia Nino Defilippis
1963 Italia Franco Balmamion Italia Vittorio Adorni Italia Giorgio Zancanaro
1964 Francia Jacques Anquetil Italia Italo Zilioli Italia Guido De Rosso
1965 Italia Vittorio Adorni Italia Italo Zilioli Italia Felice Gimondi
1966 Italia Gianni Motta Italia Italo Zilioli Francia Jacques Anquetil
1967 Italia Felice Gimondi Italia Franco Balmamion Francia Jacques Anquetil
1968 Belgio Eddy Merckx Italia Vittorio Adorni Italia Felice Gimondi
1969 Italia Felice Gimondi Italia Claudio Michelotto Italia Italo Zilioli
1970 Belgio Eddy Merckx Italia Felice Gimondi Belgio Martin Van Den Bossche
1971 Svezia Gösta Pettersson Belgio Herman Van Springel Italia Ugo Colombo
1972 Belgio Eddy Merckx Spagna José Manuel Fuente Spagna Francisco Galdós
1973 Belgio Eddy Merckx Italia Felice Gimondi Italia Giovanni Battaglin
1974 Belgio Eddy Merckx Italia Gianbattista Baronchelli Italia Felice Gimondi
1975 Italia Fausto Bertoglio Spagna Francisco Galdós Italia Felice Gimondi
1976 Italia Felice Gimondi Belgio Johan De Muynck Italia Fausto Bertoglio
1977 Belgio Michel Pollentier Italia Francesco Moser Italia Gianbattista Baronchelli
1978 Belgio Johan De Muynck Italia Gianbattista Baronchelli Italia Francesco Moser
1979 Italia Giuseppe Saronni Italia Francesco Moser Svezia Bernt Johansson
1980 Francia Bernard Hinault Italia Wladimiro Panizza Italia Giovanni Battaglin
1981 Italia Giovanni Battaglin Svezia Tommy Prim Italia Giuseppe Saronni
1982 Francia Bernard Hinault Svezia Tommy Prim Italia Silvano Contini
1983 Italia Giuseppe Saronni Italia Roberto Visentini Spagna Alberto Fernández
1984 Italia Francesco Moser Francia Laurent Fignon Italia Moreno Argentin
1985 Francia Bernard Hinault Italia Francesco Moser Stati Uniti Greg LeMond
1986 Italia Roberto Visentini Italia Giuseppe Saronni Italia Francesco Moser
1987 Irlanda Stephen Roche Regno Unito Robert Millar Paesi Bassi Erik Breukink
1988 Stati Uniti Andrew Hampsten Paesi Bassi Erik Breukink Svizzera Urs Zimmermann
1989 Francia Laurent Fignon Italia Flavio Giupponi Stati Uniti Andrew Hampsten
1990 Italia Gianni Bugno Francia Charly Mottet Italia Marco Giovannetti
1991 Italia Franco Chioccioli Italia Claudio Chiappucci Italia Massimiliano Lelli
1992 Spagna Miguel Indurain Italia Claudio Chiappucci Italia Franco Chioccioli
1993 Spagna Miguel Indurain Lettonia Pëtr Ugrjumov Italia Claudio Chiappucci
1994 Russia Evgenij Berzin Italia Marco Pantani Spagna Miguel Indurain
1995 Svizzera Tony Rominger Russia Evgenij Berzin Lettonia Pëtr Ugrjumov
1996 Russia Pavel Tonkov Italia Enrico Zaina Spagna Abraham Olano
1997 Italia Ivan Gotti Russia Pavel Tonkov Italia Giuseppe Guerini
1998 Italia Marco Pantani Russia Pavel Tonkov Italia Giuseppe Guerini
1999 Italia Ivan Gotti Italia Paolo Savoldelli Italia Gilberto Simoni
2000 Italia Stefano Garzelli Italia Francesco Casagrande Italia Gilberto Simoni
2001 Italia Gilberto Simoni Spagna Abraham Olano Spagna Unai Osa
2002 Italia Paolo Savoldelli Stati Uniti Tyler Hamilton Italia Pietro Caucchioli
2003 Italia Gilberto Simoni Italia Stefano Garzelli Ucraina Jaroslav Popovyc
2004 Italia Damiano Cunego Ucraina Serhij Honcar Italia Gilberto Simoni
2005 Italia Paolo Savoldelli Italia Gilberto Simoni Venezuela José Rujano
2006 Italia Ivan Basso Spagna José Enrique Gutiérrez Italia Gilberto Simoni
2007 Italia Danilo Di Luca Lussemburgo Andy Schleck Italia Eddy Mazzoleni
2008 Spagna Alberto Contador Italia Riccardo Riccò Italia Marzio Bruseghin
2009 Russia Denis Men’šov Spagna Carlos Sastre[14] Italia Ivan Basso[15]
2010 Italia Ivan Basso Spagna David Arroyo Italia Vincenzo Nibali
2011 Italia Michele Scarponi[16][17] Italia Vincenzo Nibali Francia John Gadret
2012 Canada Ryder Hesjedal Spagna Joaquim Rodríguez Belgio Thomas De Gendt
2013 Italia Vincenzo Nibali Colombia Rigoberto Urán Australia Cadel Evans
2014 Colombia Nairo Quintana Colombia Rigoberto Urán Italia Fabio Aru
2015 Spagna Alberto Contador Italia Fabio Aru Spagna Mikel Landa
2016 Italia Vincenzo Nibali Colombia Esteban Chaves Spagna Alejandro Valverde
2017 Paesi Bassi Tom Dumoulin Colombia Nairo Quintana Italia Vincenzo Nibali
2018 Gran Bretagna Chris Froome Paesi Bassi Tom Dumoulin Colombia Miguel Ángel López

Percorso Giro 2019 analisi delle 21 tappe

Percoso Giro 2019 le 21 tappe ai raggi x

Percorso Giro 2019 analisi della 102 edizione tappa per tappa, partenza a Bologna l’11 maggio e arrivo a Verona il 2 giugno

Percorso Giro 2019

Percorso Giro 2019

Prima tappa (sabato 11 maggio): BOLOGNA-BOLOGNA, 8 km (cronometro) ***

La prima prova del 102esimo Giro d’Italia mette i pretendenti alla vittoria finale subito al muro con una impegnativa cronometro lungo le strade del capoluogo emiliano. I primi sei chilometri sono totalmente pianeggiati e adatti agli specialisti i restanti due chilometri finali porteranno al Santuario di San Luca (pendenza media del 9.7% con punte al 16%). Non si possono attendere grandi distacchi ma chi non sarà già in forma rischia di pagare dazio.

Seconda tappa (domenica 12 maggio): BOLOGNA-FUCECCHIO, 205 km ***

Prima frazione in lineacon un tracciato non troppo favorevole per i velocisti, la corsa rosa  affronterà le salite di Montalbano e di San Baronto dell’Appennino Emiliano. Proprio le due ascese poste nel finale di corsa potrebbero tagliar fuori dai giochi i velocisti puri per favorire una volata a ranghi ridotti.

L’arrivo a Fucecchio vuole essere un omaggio a Indro Montanelli, grande amante del ciclismo, nell’anniversario dei 110 anni dalla nascita.

Terza tappa (lunedì 13 maggio): VINCI-ORBETELLO, 220 km **

La partenza della terza tappa da Vinci omaggia i 500 anni dalla morte di Leonardo per una frazione tutto sommato adatta ai velocisti ma con una prima parte movimentata.

Quarta tappa (martedì 14 maggio): ORBETELLO-FRASCATI, 223 km **

La quarta tappa dovrebbe essere offrire seconda chance per i velocisti ma l’arrivo in lieve salita potrebbe regalare qualche sorpresa.

Quinta tappa (mercoledì 15 maggio): FRASCATI-TERRACINA, 140 km *

La quinta giornata è la prima frazione completamente adatta per velocisti complici gli ultimi 40 km completamente.

Sesta tappa (giovedì 16 maggio): CASSINO-SAN GIOVANNI ROTONDO, 238 km ***

Frazione che presenta l’interessante salita di Coppa Casarinelle (15 km con pendenze intorno al 6%) che terminerà a circa 15 km dall’arrivo a cui farà seguito un ulteriore tratto di 6 km di salitella pedalabile che potrebbe favorire i finisseur.

Settima tappa (venerdì 17 maggio): VASTO-L’AQUILA, 185 km **

Arrivo a L’Aquila per omaggiare le vittime del di 10 anni fa. La tappa prevede un finale spettacolare con un strappo conclusivo (1500 metri con pendenze intorno al 7% e punte al 11%) da affrontare dopo la salita di via della Polveriera.

Ottava tappa (sabato 18 maggio): TORTORETO LIDO-PESARO, 239 km ***

La frazione più lunga della corsa rosa con una prima parte pianeggiante e una seconda movimentata. Sono tre i GPM inseriti che potrebbero evitare l’arrivo in volata.

Nona tappa (domenica 19 maggio): RICCIONE-SAN MARINO, 34.8 km (cronometro) ****

Primo punto di non ritorno del Giro 2019 prima del riposto di lunedì 20: prova contro il tempo con i primi 22 km in falsopiano per poi affrontare i circa dodici chilometri lungo la salita verso il territorio della Repubblica di San Marino .

Decima tappa (martedì 21 maggio): RAVENNA-MODENA, 145 km *

Frazione breve con prevedibile arrivo in volata ideale per favorire il riposo degli uomini di classifica.

Undicesima tappa (mercoledì 22 maggio): CARPI-NOVI LIGURE, 221 km *

Altra opportunità per le ruote veloci lungo alcune strade della Milano-Sanremo, arrivo a Novi Ligure per omaggiare il centenario della nascita del Campionissimo Fausto Coppi.

Dodicesima tappa (giovedì 23 maggio): CUNEO-PINEROLO, 158 km **

Frazione impegnativa con l’inedita salita di Montoso, primo GPM di prima categoria del Giro 2019 ma lo  scollinamento sarà ad oltre 30 km dal traguardo. Tappa ideale per un attacco da lontano, difficile vedere i big in avanscoperta.

Tredicesima tappa (venerdì 24 maggio): PINEROLO-CERESOLE REALE, 196 km ****

La frazione interamente in provincia di Torino con arrivo in quota: dopo l’ascesa al Colle del Lys e la scalata al Pian del Lupo ecco la salita finale sul del Nicolet (20.3 km con pendenza media del 5.9% ma punte al 14%). Potrebbe delineare la classifica.

Quattordicesima tappa (sabato 25 maggio): SAINT VINCENT-COURMAYEUR, 131 km *****

Distanza piuttosto ridotta (131 km) ma ben cinque GPM e circa 4000 metri di dislivello per una tappa che richiederà molta attenzione da parte dei team dei big sin dai primi chilometri. Possibile rivoluzione in classifica generale.

Quindicesima tappa (domenica 26 maggio): IVREA-COMO, 232 km***

Frazione che strizza l’occhio al Giro di Lombardia con le ascese della classica delle foglie motre: dalla Madonna del Ghisallo alla Colma di Solmano (priva però del conclusivo e temibile Muro) fino al Civiglio, quando mancherà poco meno di 10 km all’arrivo.

Sedicesima tappa (martedì 28 maggio): LOVERE-PONTE DI LEGNO, 226 km *****

Tappa più dura del Giro 2019 con 5000 metri di dislivello con la Cima Coppi posta sul l’interminabile salita del Passo Gavia per poi affrontare il mitico Mortirolo con pendenza massima del 18%. Ultimi 15 km verso Ponte di Legno in leggera ma costante pendenza. Una giornata che qualcuno potrebbe pagare a caro prezzo.

Diciassettesima tappa (mercoledì 29 maggio): COMMEZZADURA-ANTERSELVA, 181 km **

Passo della Mendola ideale per un attacco da lontano e un arrivo nel tempio del biathlon italiano, una frazione adatta ai regolaristi.

Diciottesima tappa (giovedì 30 maggio): VALDAORA-SANTA MARIA DI SALA, 222 km *

Percorso ideale per i velocisti che offrirà una boccata di ossigeno agli uomini di classifica.

Diciannovesima tappa (venerdì 31 maggio): TREVISO-SAN MARTINO DI CASTROZZA, 151 km ***

Frazione breve ma intensa con arrivo in salita dopo un’ascesa di 13.6 km e una pendenza media del 5.6% con tratti al 10%. Sarà il team della maglia rosa a cercare di tenere unito il gruppo.

Ventesima tappa (sabato 1 giugno): FELTRE-CROCE D’AUNE, 194 km *****

Le Dolomiti ospitano l’ultimo arrivo in salita. Cinque lunghe da superare: Cima Campo, Passo Manghen e Passo Rolle nella prima parte e poi la doppietta Croce d’Aune-Monte Avena, ultime opportunità per gli scalatori di far saltare il banco.

Ventunesima tappa (domenica 2 giugno): VERONA-VERONA, 17 km ***

Niente passerella finale per la 102a edizione della Corsa Rosa ma una crono conclusiva con la salita di Torricelle (4.5 km al 4.6% di pendenza media) posta a metà del percorso che e potrebbe ancora fare la differenza. L’arrivo sarà nella suggestiva Arena di Verona.

 

Fantagiro un diverimento tra amici

FantaGiro: un vero must per gli amanti del ciclismo

Fantagiro, un gioco di nicchia, permutato dall’idea dal fantacalcio, un modo per passare una sera in compagnia e seguire il Giro con un motivo in più

FantaGiro

FantaGiro

FantaGiro, in molti amici ieri sera o nei giorni scorsi si sono ritrovati per organizzare un gioco amatoriale legato alla Corsa Rosa. Ci sono giochi online a pagamento o gratuiti legato al ciclismo, uno di questi è in FantaGiro

Capita anche a noi di trovarci in compagnia, bere, mangiare e divertirsi a creare un team di “fantasia” con cui giocare ad essere il direttore sportivo. Le regole probabilmente differiscono tra gruppo di amici e gruppo di amici ma la sostanza è la medesi. Personalmente mettiamo a disposizione 500 fanta milioni di euro con cui dover “firmare” 10 corridori. Durante l’asta escono gli stereotipi di ognuno di noi. Da chi è in fibrillazione da giorni per la “spesa” al supermercato tra dolce e salato, tra sfiziosità e novità. Chi porta il vino che imbottiglia in casa, chi la birra, chi pensa a mangiare e chi studia per settimane e settimane Il Garibaldi della corsa nemmeno fosse Chris Froome.

Nel gruppo di amici c’è un po di tutto dal ciclista amatoriale, all’amico che di ciclismo non ci capisce nulla a chi viene solo per stare in compagnia e poi con un colpo di teatro conquista la vittoria finale grazie alla strategia di asta e a qualche nome “rubato” dalle liste degli amici, c’è l’amico che non vedi da mesi (magari dalla fantavuelta dell’anno prima).

Ci sono studenti che fingono di trovarsi per studiare per l’interrogazione del giorno dopo ma invece passano tre ore del pomeriggio a scannarsi per conquistare Fabio Aru o Tom Dumoulin.

Insomma quella dell’asta del FantaGiro non è un momento legato al Giro d’Italia ma è un momento di condivisione di una serata (o di un pomeriggio) tra amici in cui ridere, scherzare, mangiare con il pretesto del Giro.

 

Giro d’Italia Rai e Rai Sport programmazione televisiva

Giro d’Italia 2019: programmazione Rai e Rai Sport

Giro d’Italia esclusiva su Rai e Rai sport, scopriamo tutte le trasmissioni previste per non perdersi nemmeno un momento della corsa rosa 2019

Giro d'Italia: la copertura TV

Giro d’Italia: la copertura TV

Giro d’Italia 2019 anche quest’anno la Rai avrà la copertura esclusiva per l’edizione numero 102, la rete di stato ha presentato la programmazione delle tre settimane di corsa con una copertura assolutamente id primo livello in termine di ore dedicate al ciclismo.

Giro d’Italia: i programmi TV

Il “buongiorno” verrà dato alle ore 12.15 su Rai Sport con “Villaggio di Partenza“ un contenitore che raccoglierà notizie, aneddoti ed interviste per introdurre la tappa del giorno. Il programma sarà presentato da Tommaso Mecarozzi affiancato da Beppe Conti, mentre le interviste saranno curate da Ettore Giovannelli e Stefano Rizzato.

Subito dopo ecco che andrà in onda “Anteprima Giro”, condotto da Antonello Orlando affiancato dall’ex ciclista Stefano Garzelli. All’interno della trasmissione verranno proposte le immagini delle fasi iniziali della tappa.

Su Rai Due, a partire dalle 14, ci sarà il programma “Viaggio nell’Italia del Giro” condotto da Edoardo Camurri. La trasmissione porterà i telespettatori a scoprire i territori attraversati dalla tappa del giorno.

Alle ore 14.30 su Rai Due ecco la Diretta della tappa del Giro, il commento darà affidato ad Andrea De Luca promosso come voce principale affiancato per la parte tecnica da Alessandro Petacchi.

Immancabile, a chiusura il “Processo alla tappa” condotto da Marco Franzelli con l’opinionista Davide in cui verranno raccontati a caldo i retroscena della tappa con interviste e commenti ai protagonisti di giornata.

All’ora di ceca ecco l’occasione di vedere le immagini della tappa pomeridiana con “TGiro” alle ore 20 su Rai Sport che in mezz’ora riassumerà il meglio della frazione del giorno.

Per chi ama le ore piccole alle 23.30 ecco, “Giro Notte”, sintesi di un’ora della giornata ciclistica

Il Giro d’Italia avrà il suo start sabato 11 maggio con una cronometro individuale a Bologna e si concluderà domenica 2 giugno sempre con una cronometro individuale a Verona.

110 anni in rosa di Luca Marianantoni, recensione

110 anni in rosa di Luca Marianantoni edito da Pendragon

110 anni in rosa Storie, imprese e statistiche del Giro d’Italia dalla prima edizione a oggi di Luca Marianantoni edito da Pendragon, la recensione

110 anni in rosa

110 anni in rosa

110 anni in rosa sono il racconto statistico, ma non solo, di un viaggio che accompagna il nostro paese durante il mese di maggio e giungo. Un viaggio da favola chiamato Giro d’Italia divenuto un patrimonio culturale del nostro Paese, un fatto di costume e di storia contemporanea.

Luca Marianantoni nel suo libro edito da Pendragon ha voluto riassumere con storie e statistiche tutte le edizioni della corsa rosa, attribuendo ad ogni edizione un punteggio in stelle (come per i ristoranti stellati).

Luca Marianantoni in 110 anni in rosa coniuga la passione per il racconto con quello per i dati, ne esce un libro “veloce”, di facile lettura e di apprezzabile consultazione statistica. Il tutto è corredato con immagini significative di ogni edizione.

Marianantoni confeziona un libro, impreziosito dalla con prefazione di Francesco Moser, che consente a giovani e meno giovani di scoprire dettagli della corsa a tappe italiana a volte dimenticati, il tutto affiancato dai risultati di tappe, maglie e classifiche.

L’opera è assolutamente completa ma allo stesso tempo facilmente fruibile da chi vuole conoscere tutto sulle 1970 tappe disputate fino al 2018.

Se anche a voi accade di trovarsi a discutere con amici del “ti ricordi al Giro del….” o “ti ricordi della tappa di…”, ecco se anche voi avete nella testa e nel cuore il Giro d’Italia, non potete perdervi questo interessantissimo volume.

Il libro 110 anni in rosa Storie, imprese e statistiche del Giro d’Italia  è acquistabile sul sito di Pendragon http://www.pendragon.it/libro.do?id=2778 e sui maggiori siti di e-commerce come Amazon, IBS, Libraccio, ecc.

 

Vittorio Adorni nella Hall of Fame del Giro d’Italia

Vittorio Adorni inserito nella Hall of Fame

Vittorio Adorni vincitore della Corsa Rosa nel 1965  è entrato a far parte della Hall of Fame del Giro d’Italia con la consegna del Trofeo Senza Fine 

Vittorio Adorni

Vittorio Adorni

Vittorio Adorni campione di San Lazzaro Parmense ha vinto la Corsa Rosa nel 1965. Professionista dal 1961, i suoi successi più importanti sono legati al Giro e all’Italia (con la vittoria nel Campionato del Mondo su Strada di Imola). Nella sua carriera ha indossato 19 volte la Maglia Rosa e vinto 11 tappe. Affianca nell’albo d’oro Merckx, Gimondi, Roche, Moser, Baldini, Hinault e Indurain.

Vittorio Adorni, oggi nella sua Parma, è entrato a far parte della Hall of Fame del Giro d’Italia con la consegna del Trofeo Senza Fine che, dal 2000, va ai vincitori del Giro d’Italia. Proprio in Italia Adorni ha ottenuto i suoi successi più prestigiosi: il Giro del 1965 – in maglia Salvarani – e la vittoria nel Campionato del Mondo a Imola nel 1968.

<È una grande emozione per me oggi e ritengo sia molto bello che il Giro d’Italia ricordi i corridori che hanno fatto qualcosa di importante in questa manifestazione.>>, ha detto Vittorio Adorni.

<<Il Giro era il sogno di ogni corridore, in particolare di quelli italiani, e che per un motivo o per l’altro nel mio caso continuava a svanire. Il 1965 è stata un’annata che mi ha trovato pronto sia fisicamente che mentalmente. Avevo ripreso la Maglia Rosa nella 13a tappa, una cronometro di 50 chilometri da Catania a Taormina, ma sapevo che la corsa sarebbe stata ancora lunga e piena di insidie ma non l’ho più tolta. La tappa chiave fu la Saas Fee – Madesimo, un tappone di 282 km con 4 Gran Premi della Montagna prima dell’arrivo. Vinsi quella frazione con oltre 3 minuti di vantaggio e consolidai il mio primo posto nella generale. Vi racconto un aneddoto: durante quella tappa mi avvicinò l’ammiraglia del Patron Torriani che aveva a bordo Bruno Raschi, storico giornalista della Gazzetta, che mi chiese a cosa stessi pensando. Io risposi: sto pensando a Coppi e alle sue imprese. E poco dopo anche io feci l’impresa che mi fece volare verso la conquista del Giro>>.

Vittorio Adorni al Giro

  • Nel 1962 vince la sua prima tappa al Giro, la Moena – Aprica; si ripete nei due anni successivi vincendo due tappe ciascuno.
  • Nel 1965 vince il Giro d’Italia conquistando tre frazioni; è in Rosa per una tappa anche nel Giro 1966, in cui vince la cronometro di Parma, ma gli sfugge il successo finale.
  • Vittoria di tappa anche nel 1967, a Trento e quarto posto finale.
  • Nel 1969 il suo ultimo successo di tappa al Giro nella Cavalese – Folgarida.

Vittorio Adorni al Giro: curiosità

  • Il vantaggio con cui vinse il Giro 1965, 11’26” su Italo Zilioli, è l’ultimo caso in cui il vincitore abbia trionfato nella corsa Rosa con più di 10 minuti di vantaggio sul secondo classificato.
  • Anche il vantaggio con cui vinse il Mondiale su Strada del 1968, 9’50” su Herman van Springel, non si è più ripetuto nella prova su strada, ed è il secondo più ampio della storia dopo quello del 1928 (Georges Ronsse su Herbert Nebe: 19’43”).
  • Ha indossato 19 Maglie Rosa nella sua carriera. Il record è 78 (Eddy Merckx) e vinto 11 tappe.
FONTE COMUNICATO STAMPA

Martini Racing Ciclismo la nuova squadra di Tom Boonen

Martini Racing Ciclismo e Tom Boonen

Martini Racing Ciclismo è il gruppo horeca con cui l’ex campione del mondo Tom Boonen torna in gruppo

Martini Racing Ciclismo

Martini Racing Ciclismo

Martini Racing Ciclismo fa tornare Tom Boonen in gruppo con un team composto da settore HORECA ovvero HOtel, REstaurant e CAtering. Il vincitore di tre Giro delle Fiandre, quattro volte trionfatore della classica Parigi-Roubaix ed ex campione del mondo sarà il capitano in corsa del progetto che vuole spingere ad uno stile di vita salutistico agli operatori del settore hospitality.

Boonen non sarà l’unico ex corridore a partecipare al progetto, spiccano infatti altri nomi di primo piano come di Zdenek Stybar, Ludo Dierckxens e la affascinante Puck Moonen. Il Martini Racing Ciclismo ha  organizzato, lo scorso gennaio, un campo di allenamento invernale con circa 30 atleti presso Calp in Spagna.

Tom Boonen sarà il faro del nuovo gruppo sportivo tanto che ha sottoscritto un contratto di due anni per sviluppare il progetto Martini Racing Ciclismo Belgio

Il progetto è stato lanciato in diversi paesi: Spagna, Italia e Regno Unito, a cui presto si aggiungeranno i team di Olanda, Danimarca e Cina oltre, appunto, al Belgio, ecco quindi che il marchio di vermouth sta tornando a puntare sul ciclismo in Europa.

Martini Racing ha compiuto lo scorso anno 50 anni. Pur avendo assunto grande importanza grazie alle corse automobilistiche (rally su tutte ma anche Formula1) va detto che la Martini affonda le radici nel ciclismo in quanto già nel 1914 il gruppo Martini & Rossi finanziò la Grande Corsa Ciclistica Nazionale Coppa e nel 1936 fu sponsor del Giro d’Italia. Martini ha spesso affiancato le classiche di primavere il Martini Challenge è stato l’evento per la classifica a squadre per diverse stagioni.

Giro d’Italia 2019, svelate le nuove maglie

Giro d’Italia 2019 ecco le nuove maglie!

Giro d’Italia 2019: ecco le maglie realizzate da Castelli con tessuti SITIP. La Maglia Bianca firmata Candido Cannavò a 10 anni dalla scomparsa

Giro: le maglie (fonte comunicato stampa)

Giro: le maglie (fonte comunicato stampa)

Svelate oggi le maglie del Giro d’Italia 102, organizzato da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport ed in programma dall’11 maggio al 2 giugno. Le Maglie, prodotte da Manifatture Valcismon – col famoso marchio dello scorpione, Castelli, che ne ha curato anche il design e i particolari – sono realizzate tutte con gli speciali tessuti SITIP.

Le maglie da gara 2019 sono state disegnate per essere leggere ed aerodinamiche, con cuciture che seguono la forma del corpo dell’atleta e garantiscono una vestibilità perfetta. Saranno quattro i diversi tessuti SITIP utilizzati, posizionati nelle differenti parti del corpo per massimizzare aerodinamica e traspirabilità nei punti corretti. Le maniche sono tagliate con il laser per ottimizzare comfort e aerodinamicità. Le Maglie, inoltre, montano una zip con tiretto dorato che sfuma al rosa, omaggio al vero Trofeo Infinito che quest’anno padroneggia anche sul petto.

Le Maglie del Giro d’Italia sono:

  • MAGLIA ROSA – sponsorizzata da ENEL – leader della Classifica Generale
  • MAGLIA CICLAMINO – sponsorizzata da SEGAFREDO – leader della Classifica a Punti
  • MAGLIA AZZURRA – sponsorizzata da BANCA MEDIOLANUM – leader del Gran Premio della Montagna
  • MAGLIA BIANCA – sponsorizzata da EUROSPIN – leader della Classifica dei Giovani

La Maglia Bianca firmata Candido Cannavò
“Il Giro è il filo rosa che unisce tutta l’Italia”. Con l’iscrizione di questa sua frase e della sua firma all’interno del colletto della Maglia Bianca di Miglior Giovane a lui dedicata dall’edizione 2009, il Giro d’Italia ha deciso di rendere omaggio all’indimenticato ed indimenticabile Direttore de La Gazzetta dello Sport, Candido Cannavò, in occasione dei 10 anni dalla scomparsa.

Le altre maglie celebrative
In occasione del Giro 102, Castelli ha realizzato due versioni delle Maglie ufficiali, ovvero la versione Giro102 Race, esatta replica di quella indossata dai pro, e la versione Giro102 Squadra, una maglia dal fit ottimale, un’asciugatura rapida e un comfort regale disponibile sia nella versione delle Maglie Ufficiali che nelle seguenti versioni celebrative di alcune tappe ed occasioni speciali: Bologna Jersey, Sangiovese Jersey, Novi Ligure Jersey, Gavia-Mortirolo Jersey, Feltre-Croce d’Aune Jersey e Verona Jersey.

La novità Intimissimi Uomo
Tra le novità vi è una collaborazione tra il Giro d’Italia e Intimissimi Uomo, esclusivo brand italiano di intimo maschile. Per la prima volta nella storia del Giro, le Maglie Rosa da gara e da premiazione avranno uno sponsor interno. Celato con la maglia zippata, perfettamente visibile solo una volta slacciata, il logo Intimissimi Uomo sarà a contatto con la pelle dello sportivo, a ricalcare il claim “Vivi l’emozione sulla tua pelle”.

Aru: in pochi sanno quanto ho sofferto

Aru parla del suo prossimo intervento

Aru, spesso oggetto di critiche ingiuste ed eccessive, racconta la situazione degli ultimi mesi, la rinuncia al Giro 2019 e il futuro intervento

Fabio Aru si opera (fonte pagina Twitter)

Fabio Aru si opera (fonte pagina Twitter)

Aru, ne abbiamo scritto ieri, sarà costretto a sottoporsi ad un intervento chirurgico dopo che una serie di esami medici hanno evidenziato un’ostruzione dell’arteria iliaca della gamba sinistra. Un problema non da poco quello che ha colpito il sardo, in sostanza il flusso sanguigno non giunge in modo corretto alla gamba sinistra, immaginiamone le conseguenze quando un atleta, sottoposto a sforzi terribili come quello dei ciclisti, non ha le gambe correttamente irrorate di sangue.

Proprio questo problema potrebbe essere la causa delle ultime prestazioni deludenti del sardo lungo la scorsa stagione e che ha dato campanelli d’allarme alla recente Parigi-Nizza.

“Mi spiace davvero dovermi fermale ma spero di trovare sollievo in quanto so che dopo l’intervento chirurgico potrò tornare ad essere quello di prima. Ci sono stati giorni devastanti, in cui mi sentivo tremendamente impotente non comprendendo il perché della fatica che facevo pedalando” ha spiegato Aru ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

E’ palese che la stagione 2019 del corridore sardo potrebbe essere già del tutto compromessa: sicuramente dovrà rinunciare al suo principale obiettivo ovvero il Giro e anche il Tour de France è pressoché compromesso, insomma Aru dovrà riprogrammare tutta la seconda parte dell’anno. L’obiettivo di Fabio è ora però quello di riprendere le sue condizioni fisiche e soprattutto mentali fortemente provate dalle ultime vicissitudini.

“Quando mi hanno dato la diagnosi mi è venuto da piangere, in pochi sanno quanto ho sofferto. Valentina, la mia fidanzata, che vive con me sa cosa ho passato. Mi sono dedicato con intensità e serietà ad allenamenti e corse ma non riuscire a raggiungere il mio abituale livello di performance è stato frustrante. Non ero più me stesso, ed è impossibile restare sereno quando vivi un momento simile. Arrivare decimo era come una vittoria ma non corro per arrivare decimo” ha spiegato il sardo.

E’ servita una angio-tac ossia una Tac con liquido di contrasto svolta presso l’Ospedale di Prato per giungere a una diagnosi definitiva. Trovato la causa del malessere ora ci sarà, appunto, l’intervento chirurgico che richiederà ulteriore pazienza:

“mi dovrò sottoporre all’intervento e poi dovrò rispettare un periodo di stop per recuperare nel modo migliore. Chiaro che un po’ di timore c’è sempre ma sono confortato dall’aver finalmente individuato la causa del problema” ha spiegato l’atleta del Team UAE Emirates.