Pier Augusto Stagi Ambasciatore alla sicurezza nel ciclismo

Pier Augusto Stagi Ambasciatore della sicurezza

Pier Augusto Stagi nominato “l’Ambasciatore alla sicurezza nel ciclismo”  nel corso della 28ª edizione del Giorno della Scorta

Pier Augusto Stagi  ©PhotoZannoni

Pier Augusto Stagi
©PhotoZannoni

Per l’anno 2020 “l’Ambasciatore alla sicurezza nel ciclismo” sarà Pier Augusto Stagi, nominato a sorpresa nel corso della 28ª edizione del Giorno della Scorta, tenutosi domenica scorsa a Faenza.

Una nomina tenuta segreta fino all’ultimo momento e dello stesso interessato perché, appunto, doveva essere una sorpresa.

Della nomina ci piace proporre ai lettori la motivazione nell’occasione letta personalmente da Silvano Antonelli.

Era il 2009 quando decidemmo di inserire nel Giorno della Scorta l’attribuzione di un ulteriore riconoscimento: la nomina di “Ambasciatore alla Sicurezza” nel ciclismo. Individuare  un  Testimonial in grado di aiutare la ricerca e l’impegno atto a migliorare la sicurezza nel ciclismo.

Una idea nata e coltivata insieme a Pier Augusto Stagi, direttore di Tuttobici, col quale decidemmo anche a chi attribuire la nomina della prima edizione.

E qui sveliamo un piccolo retroscena raccontato anche nel libro “Ciclismo in Sicurezza” che oggi distribuiremo ai nostri ospiti.

Era tutto pronto, se non che, la persona prescelta, il cui nome troverete nel libro, che da tempo aveva dato il proprio consenso, ci avverte il giorno prima che non potrà partecipare al Giorno della Scorta per sopraggiunti e inderogabili impegni.

Ora, se c’è una regola, per noi invalicabile, è che i premi e i riconoscimenti hanno valore solo se si è in grado di ritirali personalmente.

Ecco allora, che insieme a Pier, fummo costretti in fretta e furia a trovare un nome alternativo.

Cosa molto complicata, perché trovare un Testimonial importante, che, in quattro e quattr’otto, avesse anche modo di intervenire al Giorno della Scorta, era  cosa praticamente impossibile.

Di fatti, io e Pier ci ritrovammo col cerino in mano,  questa nomina ad Ambasciatore rischiava il flop già alla sua prima uscita.

Bisognava per forza studiare un piano “B”.

Pertanto, preso dalla necessità, decido di chiamare Stagi e, al telefono, gli dico: – «senti Pier, il Testimonial che avremmo desiderato non lo abbiamo trovato, la figuraccia di essere rimasti senza non la possiamo fare, quindi, io propongo che tu sia il primo ad essere nominato Ambasciatore. In fondo le credenziali le hai: sei il direttore di un mensile di ciclismo, godi di buona reputazione, hai dimostrato in tante occasioni di essere molto vicino ai temi delle sicurezza, quindi, hai tutti i crismi per essere accettato come un giusto e legittimo Ambasciatore«, tanto, aggiungo io, «nessuno saprà mai che ti abbiamo nominato semplicemente perché avevamo bisogno di chiudere un buco».

E così andò quella prima edizione. Fortunosa, ma felice, perché in seguito diedero la propria disponibilità ad essere nominati Ambasciatori personaggi del calibro di Gimondi, Martini, Adorni, Martinello, Sgalla, solo per citarne alcuni.

Un vero successo, di cui andarne fieri.

Nel 2019 come Gruppo Scorta ci siamo detti: – se il Pallone d’Oro è assegnato  anche più volte alla stessa persona, perché noi non potremmo fare altrettanto con la nomina ad Ambasciatore della Sicurezza?

Una domanda del tutto retorica, giusto per dare seguito ad un nostro pensiero, che era questo: noi abbiamo un amico, un personaggio serio e ben voluto, che sul tema della sicurezza nel ciclismo si spende da anni, con continuità, con determinazione, scrivendo di sicurezza e lasciando spazio a chi vuole scrivere di sicurezza, senza forzature, senza scandalismi, attento all’equilibrio che occorre mantenere tra il diritto alla verità, alla denuncia delle inadeguatezze, e la promozione dello sport che più amiamo, il ciclismo, che per noi è anche strada di vita.

Tutto ciò premesso, la conclusione non può che diventare una: cari amici, per il 2019, il G.S. Progetti Scorta, con pieno entusiasmo, ha scelto di  nominare  Ambasciatore della Sicurezza nel ciclismo: il dottor Pier Augusto Stagi!!!

FONTE COMUNICATO STAMPA

È tutto pronto per la 28ª edizione del Giorno della Scorta

28ª edizione del Giorno della Scorta: ci siamo!

È tutto pronto per la 28ª edizione del Giorno della Scorta in programma domenica prossima a Faenza, alle ore 9.30

Giorno della Scorta

Giorno della Scorta

È tutto pronto per la 28ª edizione del Giorno della Scorta, in programma domenica prossima a Faenza, alle ore 9.30, con gli ospiti accolti in Sala del Consiglio Comunale per dibattere i temi della sicurezza nelle gare ciclistiche insieme alla premiazione di alcuni dei suoi protagonisti, mentre nella sottostante Piazza del Popolo si svolgerà il raduno cicloturistico autogestito a ringraziamento delle Forze di polizia (Stradale, Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Locale), presenti con i loro mezzi di servizio e di rappresentanza tra cui la prestigiosa Lombarghini-Huracàn ed il Pullman Azzurro della Polizia di Stato, gentilmente concessi dal Ministero dell’Interno a favore degli ospiti e dei cittadini manfredi.

Sul Pullman Azzurro si potrà salire per seguire brevi lezioni di sicurezza stradale nonché sperimentare virtualmente gli effetti di quando si guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe.

A fare gli onori di casa il Sindaco Giovanni Malpezzi, a cui faranno seguito i saluti del Consigliere Regionale Manuela Rontini in rappresentanza del presidente Bonaccini, il presidente del Coni Emilia-Romagna Umberto Suprani, il Consigliere nazionale della FCI Corrado Lodi. Ciascuno invitato a concludere il proprio saluto con una idea o una proposta di lavoro per la tutela del ciclismo e dei ciclisti.

I temi veri e propri della sicurezza saranno introdotti con la relazione di Silvano Antonelli, presidente del Gs Progetti Scorta ed organizzatore dell’evento, a cui faranno seguito una qualificata serie di interventi svolti da:  Alvaro Vanni, ASD Avis Faenza (tema: cicloturismo, propositi e risultati del “Progetto Sicurezza” ); Paolo Bassanello, responsabile della commissione direttori di corsa e sicurezza del Veneto (tema: polizza kasko, protocolli d’intesa FCI e EPS, tesseramento, certificazione qualità); Marco Gabricci, presidente “Moto Guzzi Prato” (tema: aggressioni alle scorte tecniche durante il servizio);  Stefano Pezzini, presidente della Fondazione “Il sorriso di Elia” (tema: rispetto delle regole, esperienze e risultati dell’iniziativa “Safe2GO”); Dott. Giandomenico Protospataro, Ministero dell’Interno-Servizio Polizia Stradale (tema: il nuovo disciplinate tecnico); Prefetto Roberto Sgalla, presidente della commissione nazionale direttori di corsa e sicurezza della FCI e presidente di Formula Bici (tema: nuovi orizzonti per la sicurezza, granfondo, indirizzi FCI).

Protospataro e Sgalla rappresentano un “tandem” d’eccezione per quanti s’interessano di sicurezza nelle gare ciclistiche, sono loro infatti i protagonisti di molte delle norme oggi previste dal codice della strada e, più recentemente, del nuovo disciplinare delle scorte tecniche, con il quale dal 2020 s’intende far compiere a tutti un ulteriore e significativo balzo in avanti specie per la sicurezza e la qualità organizzativa delle fondo e granfondo.

I lavori, condotti da Pier Augusto Stagi, direttore di tuttBici e Tuttobiciweb, prevedono la presentazione del libro “Ciclismo in Sicurezza”, un vero e proprio diario delle idee che hanno caratterizzato la storia del Gs Progetti Scorta, ed alcune premiazioni quali quelle del Dott. Eugenio Amorosa, Comandante della Sezione Polizia Stradale di Parma,  l’Avv. Celestino Salami, la scorta tecnica Maurizio Morelli, la società ciclistica La Centinarolese, che a loro volta avranno modo di esprimere osservazioni  sulla scorta alle gare ciclistiche, la tutela giuridica delle scorte tecniche, la qualità dell’organizzazione, la promozione del volontariato.

Una significativa finestra riservata pure agli Allievi della Polisportiva Fiumicinese, che ha scelto il Giorno della Scorta quale occasione per la formazione dei propri giovani atleti.

A concludere, il gran finale con la nomina dell’Ambasciatore della sicurezza (che gli organizzatori hanno voluto mantenere segreta) e la consegna del Premio Sicurezza, riconoscimento nazionale quest’anno assegnato alla prestigiosa  Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani, per i meriti conseguiti con le proprie ripetute ed efficaci battaglie a favore della sicurezza dei ciclisti, fino ad ottenere l’inserimento di precise norme nel testo di riforma del Codice della Strada attualmente all’esame del Parlamento.

A ritirare il Premio il presidente dell’ACCPI Cristian Salvato, accompagnato dal delegato alla sicurezza Marco Cavorso. Due importanti figure che avranno modo di arricchire il dibattito e la ricerca sui temi della sicurezza dei ciclisti in gara e in allenamento.

Hanno dato la loro adesione 13 gruppi di moto staffette/scorte tecniche provenienti da sei regioni diverse, molti dirigenti di società, direttori sportivi, direttori di corsa, giudici di gara, i giornalisti della Gazzetta dello Sport, Resto del Carlino, Corriere di Romagna, NewTime/TV.

Ha dato la propria adesione il Prefetto di Ravenna, nell’occasione rappresentato dalla Dott.ssa Corinna Costanza Pannella.

Ospite speciale, il CT dei Dilettanti Marino Amadori, che tutti apprezzano per la sua umiltà e bravura, con la quale quest’anno ha aggiunto un ulteriore risultato: il campionato del mondo Under23.

L’intero ciclo dei lavori, a partire dalle ore 9.50 e fino alle 12.30 sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del G.S. Progetti Scorta.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Polisportiva Fiumicinese al Giorno della Scorta

Polisportiva Fiumicinese, stage al Giorno della Scorta

Polisportiva Fiumicinese sarà presente al Giorno della Scorta di Faenza del prossimo 24 novembre per uno stage formativo

Al Giorno della Scorta, in programma a Faenza il 24 prossimo, la Polisportiva Fiumicinese – Fait Adriatica, già Premio Sicurezza 2004, parteciperà con una propria rappresentativa di Allievi per dare loro una occasione di formazione ascoltando direttamente cosa gli “adulti” pensano e fanno per la loro sicurezza, pronti anche ad esprimere le proprie impressioni di atleti seppure “piccoli”.

Per diventare campioni c’è tempo, ma per essere consapevoli in gara ed in allenamento non è mai troppo presto, anzi, è una necessità a cui le società devono rispondere con azioni concrete.

La trasferta della Polisportiva Fiumicinese prevede pure una visita al Pullman Azzurro della Polizia di Stato, presente al Giorno della Scorta, per seguire una breve lezione di sicurezza stradale condotta dagli istruttori della Polizia Stradale.

Una gran bella iniziativa, che non sarebbe male fosse copiata anche da altre società.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Ciclismo in Sicurezza, presentazione libro

Ciclismo in Sicurezza del G.S. Progetti Scorta

Ciclismo in Sicurezza, presentazione libro dedicato ai primi 25 anni di vita del G.S. Progetti Scorta, il  “diario di un progetto”

Ciclismo in Sicurezza

Ciclismo in Sicurezza

È di questi giorni la pubblicazione del libro “Ciclismo in Sicurezza”, dedicato ai primi 25anni di vita del G.S. Progetti Scorta, il  “diario di un progetto”, come recita il sottotitolo, dedicato alla ricerca della sicurezza nelle gare ciclistiche, intrecciato con l’esperienza personale del suo fondatore ed autore del libro Silvano Antonelli.

Duecentoventi pagine accompagnate da 99 foto, per un racconto desideroso di far comprendere come hanno preso corpo gran parte delle idee e delle soluzioni che oggi garantiscono la sicurezza nel ciclismo, ma che negli anni hanno trovato difficoltà ad affermarsi scontrandosi  con ritardi culturali, tradizionalismi, indifferenza, se non anche ostracismi veri e propri.

Un periodo, quello descritto, che va dall’inizio degli anni 90 quando  non esistevano le sospensioni temporanee del traffico, i corsi di abilitazione per motostaffette, le scorte tecniche con i relativi disciplinari, fino all’ottobre del 2017, quando con il convegno “Istituzioni e Ciclismo” svoltosi presso la Prefettura di Ravenna, viene celebrata la ventennale e feconda collaborazione tra FCI e Ministero dell’Interno, il periodo più innovativo e propositivo che la sicurezza nelle gare ciclistiche su strada abbia fino ad oggi potuto conoscere.

Il libro sarà presentato da Pier Augusto Stagi durante i lavori del Giorno della Scorta (Faenza il 24 novembre) e regalato a tutti gl’intervenuti, nonché spedito successivamente a quanti ne faranno  richiesta a: info@progettiscorta.it.

FONTE COMUNICATO STAMPA