Vuelta Burgos Carlos Barbero vince la tappa

Vuelta Burgos Carlos Barbero vince a Clunia

Vuelta Burgos Carlos Barbero

Carlos Barbero festeggia

Vuelta Burgos Carlos Barbero della Movistar fa sua la penultima frazione della corsa spagnola disputata sulla distanza di 147 km tra Bodegas Nabal e Clunia precedendo il trentino Gianni Moscon.

 

La tappa di oggi non prevedeva grandi asperità ed era ideale per i velocisti, le squadre dei velocisti sono riusciti a tenere chiusa la corsa. Dopo pochi km è partita una fuga con Benjamin King (Team Dimension Data), Antonie Duchesne (Direct Énergiie), Etienne Van Empel (Roompot-Nederlandse Loterij) e Marcos Jurado (Burgos-BH).

Come si diceva, i team delle “ruote veloci” (su tutte Sky e Quick Step) hanno tenuto a distanza di sicurezza i fuggitivi tanto da riprenderli al momento più opportuno.

Gli ultimi km in leggera salita hanno premiato Carlos Barbero che trionfa in questa tappa della Vuelta Burgos che ha visto una buona prova degli atleti italiani: il veronese Mauro Finetto (Delko Marseille Provence KTM) ha colto un ottimo quarto mentre il trentino Matteo Trentin (Quick Step Floors) ha concluso sesto.

Mikel Landa (Team Sky) è sempre in maglia viola con 27″ di vantaggio su David De La Cruz (Quick Step Floors) e 46″ su Enric Mas (Quick Step-Floors).

Presentata la maglia di Gianni Moscon

Gianni Moscon presenta la sua maglia di Campione Italiano

Gianni Moscon e la maglia tricolore

Gianni Moscon e la maglia tricolore

Gianni Moscon si è aggiudicato il titolo di Campione Italiano a Cronometro lo scorso 23 giugno grazie ad una grande prova lungo le strade piemontesi. Oggi è il giorno della presentazione della sua nuova maglia di campione.

Il corridore trentino ha presentato la divisa che indosserà per i prossimo dodici mesi con un post sul social network Twitter. La maglia presenta un tricolore molto elegante in cui campeggia la scritta Sky. Il logo della nota tv a pagamento (main sponsor del team) appare  sul petto e sulle spalline. Il logo della  controllante 21st Century Fox sarà presente sul petto e  sui lati della maglia.

Per il corridore del Team Sky la stagione 2017 si sta rivelando ricca di soddisfazioni. Anche se nella prima parte dell’anno non sono mancati i problemi, su tutti la sospensione di sei settimane inflitta dalla squadra britannica.

 

Cronometro: tricolore per Gianni Moscon

Gianni Moscon

Gianni Moscon

Ai Campionati Italiani a cronometro arriva la prima maglia tricolore da professionista per Gianni Moscon che ha preceduto tutti lungo i 38.3 chilometri tra Ciriè e Caluso facendo segnare un tempo di 44’33”. Il giovane corridore trentino conferma la sua costante ascesa ai vertici del ciclismo tricolore precedendo il piemontese Fabio Felline, staccato di 22″, mentre il campione uscente Manuel Quinziato ha completo il podio con un ritardo di ben 1’36”.

Moscon sospeso sei settimane!

Risultati immaginiIl Team Sky ha reso noto che, in seguito a quanto successo al Giro di Romandia, Gianni Moscon resterà lontano dalle corse per sei settimane. Moscon, che aveva avuto un diverbio con  Kevin Réza da cui erano scaturiti alcuni insulti raziali, vede il suo team prendere una posizione netta sulla questione.

Moscon si era sin da subito scusato, prima con lo stesso rivale francese, poi pubblicamente ma nonostante questo la posizione del team è stata ferrea anzi nella nota rilasciata dalla squadra si  sottolinea  che “qualsiasi reiterazione avrà come conseguenza la risoluzione del suo contratto“. Il comunicato sottolinea che  “In seguito ad un incontro disciplinare con il Team Sky riguardo l’incidente al Giro di Romandia  a Gianni Moscon è stato dato un avvertimento formale scritto ed è stato sospeso sei settimane dalle corse. Inoltre, parteciperà ad un corso di sensibilizzazione alla diversità”.

Guai per Moscon?

La notzia degli insulti di  Gianni Moscon rivolti a Kevin Réza hanno fatto il giro del web. Sia la Sky, che gli organizzatori del Giro di Romandia e la stessa UCI  al momento non hanno preso una situazione.Pare però che il massimo organismo del ciclismo mondiale abbia deciso di aprire un’inchiesta per valutare la situazione e capire eventuali sanzioni.

Il corridore trentino rischia una squalifica massima fino a  sei mesi così come riporta l’articolo 12.1.005, che regolamenta le sanzioni per i corridori che usano un linguaggio diffamatorio e danneggiano l’immagine del ciclismo.