Astana Women: che colpi di mercato

Astana Women: ingaggiata la coppia più bella del mondiale

Astana Women

Letizia Paternoster e Elena Pirrone la coppia del momento

Astana Women cala un doppio colpo di mercato da far paura. Il team Italo-Kazako ha ufficializzato quest’oggi l’ingaggio di due dei talenti più splendenti del ciclismo italiano: la bicampionessa del mondo Elena Pirrone e la plurimedagliata su strada e pista Letizia Paternoster.
Non c’è molto da dire sulla valenza di un simile rinforzo sia in chiava futura che anche per l’attuale. Elena Pirrone, dopo aver vinto gli Europei a cronometro, ha letteralmente fatto saltare il banco ai recenti Mondiali di Bergen con il doppio colpo: prova a cronometro e gara in linea che le sono valsi l’ingresso di diritto nell’olimpo del ciclismo mondiale.

“Sono molto felice di aver firmato con L’Astana Women. Si tratta di un team molto organizzato e con uno staff e un organico di primissmo piano nel panorama internazionale. E’ per me un onore poter affrontare la mia prima stagione da Elite in una squadra di questi livello. Il mio obiettivo è quello anzitutto di terminare gli studi mentre dal punto di vista sportivo dovrò fare il doveroso apprendistato per poter imparare dalle mie compagne ben più esperte di me e dovrò mettere a disposizione le mie doti per aiutare il team. Devo ringraziare il G.S. Mendelspeck, la squadra che mi ha cresciuta e per cui ho corso fin dalla categoria G4” ha dichiarato Elena.

Il Comune di Laives festeggia Elena e Alessia

Il Comune di Laives ha organizzato una manifestazione per le due medagliate

il comune di laives

Il podio con Elena ed Alessia

Il Comune di Laives, dopo i grandiosi risultati ottenuti ai Mondiali di ciclismo in Norvegia, intende celebrare le sue campionesse di casa, Elena Pirrone e Alessia Vigilia.

La cerimonia, organizzata dal comune con la collaborazione della Federazione Italiana Ciclismo e la società Gs Mendelspeck, si terrà mercoledì 27 settembre a Laives. Il ritrovo è previsto alle ore 18.30 presso il parcheggio antistante l’albergo Casagrande, in via Kennedy. Da qui partirà un corteo fino alla piazzetta del municipio, dove le atlete verranno onorate da autorità e fan.

 

Pirrone medaglia d’oro, Paternoster bronzo

pirrone medaglia

Elena e Letizia scatenate sul podio

Pirrone medaglia d’oro fa doppietta in questo mondiale

Pirrone medaglia d’oro! No, non è un copia e incolla della notizia di due giorni fa ma è il fantastico double messo in scena dall’atleta bolzanina che oggi a Bergen ha bissato la medaglia conquistata nella crono individuale andando a dominare la prova su strada Under 23. A completare la festa italiana ecco che arriva anche il bronzo di Letizia Paternoster

Elena ha fatto rispettare il pronostico che vedeva le nostre atlete come grandi favorite, vincendo la gara con un’azione da vera atleta di razza: partita a 28 chilometri dal traguardo, nel tratto più duro della prova, è riuscita a mantenere un margine che le ha permesso di tagliare la linea d’arrivo con le braccia levate.

Al secondo posto del podio c’è la danese Emma Cecilie Jorgensen, mentre al terzo posto arriva Letizia Paternoster, che dopo aver corso per l’ultimo tratto di gara con la mansione di “stopper”, trova la forza di conquistare a sua volta un meritatissimo alloro mondiale.

“Al traguardo sono giunta con i crampi e non so bene nemmeno io come ho fatto, avevo tanta paura di perdere ma alla fine sono riuscita a compiere questa impresa di cui sono felicissima” ha dichiarato la Pirrone al traguardo.

Trionfo Italia a Bergen oro e argento nella crono juniores

Trionfo Italia a Bergen Pirrone e Vigilia oro e argento

Trionfo Italia a Bergen

Trionfo Italia a Bergen: Pirrone e Vigilia

Trionfo Italia a Bergen, il mondiale non poteva iniziare in modo migliore per i nostri colori. Nella cronometro individuale delle ragazze juniores, arriva una fantastica doppietta tricolore grazie ad Elena Pirrone e  Alessia Vigilia.

Profetica la nostra intervista ad Elena in cui, incalzata dalla redazione, aveva dichiarato il Mondiale di Bergen come l’obiettivo della sua stagione

I risultati di questi ultimi mesi lo avevano già fatto capire, le nostre ragazze sono le numero uno al mondo ma la pressione di un Campionato Mondiale era da considerare come un ipotetico ostacolo verso le loro ambizioni. Ostacolo superato con lode visto che due terzi del podio sono stati azzurri.

A salire sul gradino più alto del podio è Elena Pirrone, già un anno fa protagonista in quel di Doha: 23’19″72 il tempo impiegato dall’azzurra alla ottima media di 41.408 km/h. Alle sue spalle l’amica e rivale Alessia Vigilia distaccata si sei secondi. A conquistare la medaglia di bronzo è stata l’australiana Madeleine Fasnacht, lontanissima come tutte le altre

Nono posto per l’italiana Letizia Paternoster, autentica fuoriclasse della strada come della pista che  questa volta ha un po’ faticato nel trovare il giusto ritmo.

Mondiali juniores altre tre medaglie azzurre

Mondiali juniores su pista arrivano altre 3 medaglie

Mondiali juniores

Belle e brave le nostre ragazze (argento e bronzo)

Ai Campionati mondiali juniores su pista in corso di svolgimento a Montichiari proseguono le soddisfazioni per i colori azzurri.

E’ una pista azzurra ma sopratutto Rosa quealla del Velodromo Fassa Bortolo da cui sono arrivate altre  tre le medaglie conquistate dai nostri portacolori e tutte provenienti dal settore femminile. Nella Corsa a punti Chiara Consonni ha conquistato una importante  medaglia di bronzo in quanto non era tra le favorite assolute per un posto sul podio, la giovane bergamasca ha corso una gara attenta mettendoci la giusta dose di spregiudicatezza in cui a trionfare è stata a canadese Maggie Coles-Lyster (la grande favorita) davanti alla ussa Marii Novolodskaya con 29 punti. Un peccato che i punti della russa siano stati i medesimi di Chiara Consonni ma l’azzurra si è dovuta accontentare del terzo posto in quanto ha tagliato il traguardo in quinta posizione, contro il terzo dell’avversaria che quindi le andata davanti nell’ordine d’arrivo.

te conquistate nell’Inseguimento individuale. La finale fra Letizia Paternoster e la neozelandese Ellessee Andrews è stata tesissima con quest’ultima, capace di far siglare in mattinata il record del mondo della categoria, che ha vinto con il tempo di 2’19″038. Letizia, già vincitrice di due ori in questa rassegna, ha concluso con 2’19″641, conquistando una bella medaglia d’argento. Bronzo per Elena Pirrone che nella finalina per il terzo posto ha avuto a meglio su Nicole Shields.

 

Intervista ad Elena Pirrone campionessa d’Europa

Intervista ad Elena Pirrone fresca vincitrice della medaglia d’oro nella cronometro donne juniores

Intervista ad Elena Pirrone

Elena Pirrone Campionessa Europea a Cronometro

Intervista ad Elena Pirrone, in esclusiva per la nostra redazione  la giovane medaglia d’oro Europea a cronometro nel recenti campionati di Herning ci racconta del suo amore per le due ruote.

Ciao Elena, anzitutto complimenti per la tua medaglia appena conquistata nella cronometro ad Herning, ci racconti come è nata la tua passione per le due ruote?

Ciao e grazie per i complimenti, direi che la bici è con me da quando sono nata, sono sempre stata abituata a stare nel mondo del ciclismo. Seguivo mio padre alle corse e direi che è stato proprio lui a trasmettermi la passione per la bicicletta, anche mi mamma ha corso in bici e credo che la mia passione non poteva che sbocciare.

Il ciclismo è uno sport di fatica che richiede dedizione e impegno quanto ha influenzato la tua adolescenza ?

Se devo essere sincera non mi è mai pesato. Ho cominciato a correre in bici all’età di sei anni. Mi è subito piaciuto ed è sempre stato per me un divertimento anche se, salendo di categoria, sono subentrati maggiore impegno e sacrificio, talvolta molte rinunce a circostanze comuni ai ragazzi della mia età, ma che non mi hanno pesato e li ho fatti volentieri.

Non nascondo che ho avuto momenti di minor serenità dovuti soprattutto a causa di problemi fisici ed infortuni e anche grazie ai miei genitori sono riuscita a superarli. Ti dirò di più io considero il ciclismo non solo uno sport ma proprio uno stile di vita che adoro.

Hai detto che il ciclismo è “uno stile di vita”, come non essere d’accordo. Ogni stile di vita ha dei valori che persegue: quali ti ha trasmesso il ciclismo?

Ci sono tanti valori che questo sport insegna come ad esempio la costante dedizione alla bicicletta e attraverso questa costruirsi ed ottenere un obiettivo. Sono convinta che NULLA venga per caso e che la strada per arrivarci non sempre sia “con il vento a favore”. Per questo motivo il ciclismo insegna ad organizzarsi, a lavorare duro e a dare sempre il massimo. Poi ovviamente ce ne sono tanti altri, come il rispetto sia delle regole che degli avversari, saper gestire i rapporti interpersonali, attraverso lealtà e amicizia. Ho dato molto al ciclismo e molto darà ma sono certa di aver ottenuto molto di più di quello che ho dato.

C’è una  corsa che ricordi con più piacere?

Intervista ad Elena Pirrone

Elena Pirrone esultante

Sono più di una le corse che ricordo con piacere, dire 4 per l’esattezza. La prima è la vittoria del campionato italiano nel 2014, gara corsa tutta sotto l’acqua e resa nervosa dalle continue cadute. Quel giorno arrivai da sola sotto l’arrivo. mi vengono ancora i brividi se ci penso. La seconda è la cronometro agli EYOF, le olimpiadi giovanili europee. Non sapevo bene cosa aspettarmi, tante delle mie avversarie non le conoscevo. È stata un’emozione grandissima ed un’esperienza fondamentale per la mia crescita. La terza è la coppa rosa, gara prestigiosa, dove vinsi in volata con un gruppo ristretto. L’ultima è poi quella dell’europeo di quest’anno. Una vittoria che sapeva di rivincita contro alcune sfortune avute in questi ultimi due anni

Cosa ti piace fare nel tempo libero? Ascolti musica?

Non ho molto tempo libero come è facile immaginare ma quando riesco a trovare del tempo per me stessa adoro staccare un po’ la testa, rilassarmi, leggere, riflettere. Si la musica mi piace e mi fa compagnia sia nel tempo libero che nei momenti di allenamento, non ho un genere che preferisco ascolto un po’ di tutto.

C’è un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o ti ha ispirato?

Una ciclista che ammiro molto è Elisa Longo Borghini. Nonostante sia una campionessa con un palmares da invidiare è molto umile ed è sempre disposta a dare buoni consigli

Tanto ciclismo nella tua vita ma segui altri sport?

Come il ciclismo no, ma seguo genericamente tutti gli sport, compreso lo sci di fondo che ho praticato anche a livello agonistico con buoni risultati per alcuni anni nel periodo invernale come preparazione, poi ho dovuto fare delle scelte e ho optato per il ciclismo

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali?

Il mio primo obiettivo è il Campionato del Mondo a settembre in Norvegia, dove mi piacerebbe correre anche la gara in linea oltre che alla cronometro perché è un percorso adatto alle mie caratteristiche. Come secondo quello di poter passare in una squadra che mi dia la possibilità di partecipare alle gare UCI della categoria Elite

 

 

Europei di Herning iniziano con il botto

Europei di Herning 2017,che inizio per i nostri colori!

Europei di Herning

Elena Pirrone e Letizia Paternoster

Europei di Herning iniziano con i fuochi d’artificio per i colori italiani: nella cronometro juniores donne, arriva subito una doppietta azzurra firmata da Elena Pirrone e Letizia Paternoster, che dominano la gara ed occupano i due gradini più alti del podio.

Bravissima la Pirrone che  ferma il cronometro sui 25’18”, otto secondi meglio della compagna di nazionale ed amica Letizia, che ha di recente dominato gli Europei di categoria su pista portando a casa la bellezza di cinque ori e un record del mondo.

Nella cronometro under 23 donne si aggiudica la medaglia d’oro la danese Pernille Mathiesen, che chiude la prova in 41′ 28″ (Lisa Morzenti entra tra le prime dieci). Andreas Leknessund è il nuovo campione continentale juniores dopo aver superato il danese Julius Johansen (decimo Antonio Puppio, unico dei nostri iscritto alla prova).