Miguel Angel Lopez tappa e maglia

Miguel Angel Lopez, tappa e maglia al Catalunya

Miguel Angel Lopez conquista tappa e maglia nella quarta frazione della Volta a Catalunya 2019 davanti a Adam Yates ed Egan Bernal

Miguel Angel Lopez

Miguel Angel Lopez

Miguel Angel Lopez da uno scossone alla Volta a Catalunya 2019 conquistando la quarta frazione della corsa iberica e andando ad indossare la maglia di leader della classifica generale.

Dopo il traguardo di Vallter 2000 che ha premiato Adam Yates ecco il secondo arrivo in salita del Giro della Catalogna con arrivo a La Molina al termine di un’erta di circa 12 chilometri con una pendenza media del 4,5% dopo che i ciclisti hanno affrontato altri tre GPM.

La fuga di giornata vede brillare  Grigor Muhlberger della Bora-Hansgrohe e Marc Soler del Team Movistar ma chi è più forte è Miguel Angel Lopez. La tappa è un dominio colombiano in cui Lopez riesce ad approfittare delle schermaglie tra Nairo Quintana e il giovane fenomeno Egan Bernal.

Miguel Angel Lopez taglia il traguardo con 16 secondi di vantaggio sui big e, grazie anche al gioco degli abbuoni, conquista il primato in generale con 14″ di vantaggio su Yates e 17″ su Bernal in una classifica che resta tremendamente corta e che promette ancora tanto spettacolo nelle prossime tre decisive tappe.

 

Volta a Catalunya 2019 vittoria di Adam Yates

Volta a Catalunya 2019, Adam Yates primo

 Volta a Catalunya 2019 nel primo arrivo in salita ed a imporsi è Adam Yates davanti ad Egan Bernal e Daniel Martin

 

Volta a Catalunya 2019: Adam Yates

Volta a Catalunya 2019: Adam Yates

Volta a Catalunya 2019 presenta il primo arrivo in salita ed a imporsi è Adam Yates (Mitchelton – Scott). Partenza da Sant Feliu de Guixols e si arrivo a Vallter 2000 dopo 179 km di corsa con la salita finale che misura circa 12 chilometri e che promette di far scendere in campo i big.

A giocarsi il successo di tappa sono, puntualmente, proprio gli uomini che hanno velleità di classifica finale e che sono in gradi di competere nelle corse a tappe.

Chi ha la meglio è Adam Yates che, dopo aver conquistato il secondo posto finale alla Tirreno, dimostra nuovamente di star attraversando un ottimo periodo di forma. Il forte scalatore britannico batte nello sprint a ranghi ridotti un gruppetto di colombiani agguerriti composto da Egan Bernal (Team Sky) che chiude al secondo posto, Nairo Quintana (Movistar) al quarto e Miguel Angel Lopez (Astana) al quinto mentre terzo arriva Daniel Martin della UAE Team Emirates.

Gli altri big pagano dazio con  Steven Kruijswijk a mezzo minuto, Ilnur Zakarin (Katusha – Alpecin) a 46 mentre si salva il leader della generale De Gendt, che conserva la maglia con 23″ di vantaggio su Martin e 27″ su Yates.

Ordine d’arrivo 3^ tappa:

1 YATES Adam Mitchelton-Scott 50 50 5:02:18
2 BERNAL Egan Team Sky 20 30 ,,
3 MARTIN Dan UAE-Team Emirates 8 18 ,,
4 QUINTANA Nairo Movistar Team 13 ,,
5 LÓPEZ Miguel Ángel Astana Pro Team 10 0:02
6 KRUIJSWIJK Steven Team Jumbo-Visma 7 0:30
7 ZAKARIN Ilnur Team Katusha – Alpecin 4 0:46
8 CARAPAZ Richard Movistar Team 3 ,,
9 KELDERMAN Wilco Team Sunweb 2 0:51
10 WOODS Michael EF Education First 1 0:53

Prove di Grandi Giri per Egan Bernal

Prove di Grandi Giri per Egan Bernal

Prove di Grandi Giri per Egan Bernal con la vittoria alla Parigi-Nizza per il giovane talento colombiano del Team Sky. 

Prove di Grandi Giri per Egan Bernal (fonte comunicato stampa)

Prove di Grandi Giri per Egan Bernal (fonte comunicato stampa)

La Tirreno-Adriatico in Italia e la Paris-Nice in Francia hanno rappresentato due test importanti per i corridori che si candidano a essere protagonisti nei Grandi Giri (Giro d’Italia, Tour de France e Vuelta Espana) della stagione 2019.

Dalla Francia è arrivata una soddisfazione importante per Sidi che ha vinto la Paris-Nice (disputata dal 10 al 17 marzo) con Egan Bernal. Ci si attende molto dalla stagione del giovane talento colombiano del Team Sky e Bernal, fin dalle battute iniziali di questo 2019, non sta tradendo le aspettative riposte in lui.

La breve ma impegnativa corsa a tappe francese ha regalato un bellissimo testa a testa tutto colombiano tra il giovane Bernal, in maglia gialla dopo la 7a tappa con arrivo sul Col de Turini, e il più esperto Nairo Quintana (Movistar). Quintana che nell’ultima frazione ha provato a mettere in difficoltà fino alla fine il giovane connazionale attaccandolo e andando in fuga, ma Bernal anche grazie al supporto dei compagni di squadra ha amministrato bene il proprio vantaggio e alla fine è riuscito ad aggiudicarsi questa prestigiosa vittoria. Primo Egan Bernal (Tem Sky), secondo Nairo Quintana (Movistar) a 39” e terzo Michal Kwiatkowski (Team Sky) a 1’.03”; è quesa la classifica finale della Paris-Nice 2019.

Per Egan Bernal che sarà il capitano del Team Sky al Giro d’Italia, dove l’obiettivo e il sogno sono la maglia rosa, si tratta della prima vittoria stagionale. Sidi ha così potuto festeggiare sul podio di Nizza ben due atleti, oltre a Bernal anche il polacco Kwiatkowski, terzo, che tra l’altro dopo la quarta tappa ha indossato la maglia gialla di leader per tre giorni.

Egan Bernal e anche Michal Kwiatkowski per costruire le loro imprese possono contare sul supporto di Sidi. Egan Bernal ha scelto Sidi Shot mentre per Michal Kwiatkowski c’è la scarpa Sidi Wire 2 Carbon. Sono questi i due modelli che per caratteristiche tecniche, performance e design rappresentano il top della collezione Sidi 2019 per il ciclismo su strada. Scopri di più su questi modelli sul nostro sito: https://sidi.com/it 

FONTE COMUNICATO STAMPA

Savio: ecco perché prendo i colombiani!

Savio: scalatori italiani non ce ne sono.

Savio da sempre attento osservatore del ciclismo sudamericano spiega il perché di tanti colombiani.

Savio

Savio

Savio è indubbiamente uno che di ciclismo ne capisce, uno che da sempre ha saputo interpretare e anticipare il futuro. Negli anni il direttore sportivo dell’Androni Giocattoli-Sidermec ha lanciato tantissimi talenti, soprattutto tra gli scalatori.

Gianni è uno che ha saputo instillare fiducia in giovani ragazzi facendoli crescere e valorizzandoli. Esempio lampante (e recente) è Egan Bernal che, passato al Team Sky, andrà al Giro d’Italia 2019 con i gradi di capitano.

 “Paragono l’Androni Sidermec all’Atalanta nel calcio – racconta Savio – puntiamo tutti e due sul vivaio e lanciamo giovani di prospettiva. La società bergamasca fa crescere ragazzi, li lancia in Serie A e poi li vende per motivi di bilancio ma crede nei giovani. Io ho lanciato tra i professionisti tanti sudamericani, ma anche italiani da Tafi a De Marchi passando per Diego Rosa e Fabio Felline”.

Sotto gli occhi di tutti c’è il caso del Fenomeno-Bernal, talento smisurato, fresco vincitore della Parigi-Nizza e pronto a deflagrare in una grande corsa a tappe:

“c’è Egan ma anche Ivan Sosa suo compagno al Team Sky. Bernal è un grande talento lo feci passare tra i professionisti a 19 anni facendogli saltare gli Under 23 e capii subito che era un fenomeno. Arriverà presto sul podio di un grande giro. Uno come lui nasce ogni 20 anni.” racconta Savio.

Barnal firmò un contratto di quattro anni con l’Androni sia per tutelare il ragazzo che per salvaguardare l’investimento della società:

“Bernal, a mio avviso, è un corridore che arriverà a vincere un grande giro. Ha una forza fisica e mentale unica, passato professionista a 19 anni aveva già l’attitudine di un trentenne. E’ un ragazzo serio e determinato sa cosa vuole, è fortissimo in salite e forte a cronometro. Sosa è un ottimo scalatore, però non posso sbilanciarmi troppo in una sua possibile vittoria in una grande corsa a tappe, perché attualmente è carente nelle prove contro il tempo” ha spiegato il direttore.

Ma perché tra i tanti corridori lanciati negli ultimi anni da Gianni Savio e, più in generale, dal ciclismo italiano non esce uno scalatore degno della storia del nostro ciclismo? Su questo aspetto il direttore dell’Androni ha voluto dire la sua:

“Morfologicamente e strutturalmente parlando, i ragazzi sudamericani hanno caratteristiche perfette per diventare scalatori. Anche in Italia ci sono talenti ma non in un numero così elevato come in Sudamerica. In Italia abbiamo Vincenzo Nibali e avevamo Fabio Aru, finché non dimostrerà il contrario dobbiamo per forza parlare al passato.  C’è poi Giulio Ciccone, ma al momento, non ne abbiamo ecco perché il mio sguardo è sempre rivolto ai giovani emergenti” ho spiegato Gianni Savio.

Bernal vince la Parigi-Nizza 2019

Bernal vince la Parigi-Nizza, ultima tappa a Izagirre

Bernal vince la Parigi-Nizza 2019 nonostante gli attacchi di Nairo Quintana, ultima frazione a Ion Izagirre

Bernal vince la Parigi-Nizza 2019

Bernal vince la Parigi-Nizza 2019

Bernal vince la Parigi-Nizza 2019 difendendosi dagli attacchi di questa ultima insidiosa frazione della Corsa verso il Sole. Ion Izagirre (Astana) conquista la vittoria di tappa dando l’ennesima prova del suo talento.

L’ultima frazione della Parigi-Nizza 2019 misura solo 110km con, però, sei GPM da affrontare con il Col des Quatre Chemins (5,5 km al 5,5%) a meno di nove chilometri dal traguardo di Nizza.

Nairo Quintana vuole provare a far sua la breve corsa a tappe francese e già dal  Col d’Eze mette il team a lavorare sodo per far saltare il banco. Con Bernal e Quintana che si sfidano ne approfitta Izagirre che va in fuga con un gruppetto e poi stacca tutti nell’erta finale guadagnando una trentina di secondi che gli consentono di tagliare il traguardo a braccia levate.
Alle spalle del ciclista iberico ecco Oliver Naesen (Ag2R La Mondiale) seguito da Wilco Kelderman (Sunweb).

Nairo Quintana prova ad attaccare nuovamente Egan Bernal e questa volta in prima persona ma il corridore del Team Sky corre come un veterano e controlla il connazionale restando quasi incollato al Condor, perdendo pochi secondi e festeggiando la vittoria finale.

 

Classifica generale:

1 BERNAL Egan Team Sky 500 250 29:17:02
2 QUINTANA Nairo Movistar Team 400 190 0:39
3 KWIATKOWSKI Michał Team Sky 325 160 1:03
4 HAIG Jack Mitchelton-Scott 275 140 1:21
5 BARDET Romain AG2R La Mondiale 225 120 1:45
6 BENNETT George Team Jumbo-Visma 175 110 2:20
7 MOLARD Rudy Groupama – FDJ 150 100 3:02
8 JUNGELS Bob Deceuninck – Quick Step 125 90 3:06
9 SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team 100 80 3:12
10 ZAKARIN Ilnur Team Katusha – Alpecin 85 70 4:07

Martinez vince la tappa, Bernal leader alla Parigi-Nizza

Martinez vince la tappa sul Col de Turini

Martinez vince la sesta tappa della Parigi-Nizza 2019, Egan Bernal (Team Sky) è il nuovo padrone della corsa 

Martinez vince alla Parigi-Nizza

Martinez vince alla Parigi-Nizza

Martinez vince la penultima frazione della Corsa verso il Sole con partenza da Nizza e arrivo in cima al Col de Turini. La frazione è composta da un numero elevato di corridori in cui spiccano, tra gli altri,  Miguel Ángel López, Simon Yates, Philippe Gilbert e De Gendt.

Il Team Sky lascia fare e i battistrada prendono un buon vantaggio con De Gendt che fa incetta di punti ai vari GPM. Quando il gruppo inseguitore alza l’andatura è ormai tardi per completare l’inseguimento.

A giocarsi la vittoria finale sono in quattro superstiti della fuga iniziale: Miguel Angel Lopez (Astana), Simon Yates (Mitchelton-Scott), Daniel Martinez (EF Drapac) e Nicolas Edet (Cofidis).

Ad avere la meglio è Daniel Martinez  che corona un inizia di stagione sicuramente importante. Alle spalle di primi si scatena la bagarre con Egan Bernal che attacca e viene raggiunto dal connazionale Nairo Quintana (Movistar). Perde terreno Michal Kwiatkowski che perde la maglia di leader a favore del compagno di team Bernal che diventa quindi il favorito per la vittoria finale.

 

Ordine d’arrivo 6^ tappa:

1 MARTÍNEZ Daniel Felipe EF Education   First 60 50 4:55:49
2 LÓPEZ Miguel Ángel Astana Pro Team 25 30 0:06
3 EDET Nicolas Cofidis, Solutions Crédits 10 18 0:20
4 YATES Simon Mitchelton-Scott 13 ,,
5 HIVERT Jonathan Direct Energie 10 0:55
6 CICCONE Giulio Trek – Segafredo 7 2:03
7 EL FARES Julien Delko Marseille Provence 4 ,,
8 HENAO Sergio UAE-Team Emirates 3 2:08
9 DE LA PARTE Víctor CCC Team 2 2:13
10 DE MARCHI Alessandro CCC Team 1 2:15

 

Bennett di nuovo vincente. Terzo Trentin

Bennett: vittoria di tappa alla Parigi-Nizza

Bennett di nuovo vincente  nella frazione odierna della Parigi-Nizza, resta leader Kwiatkowski davanti al compagno di squadra Bernal.

Sam Bennett (fonte pagina twitter)

Sam Bennett (fonte pagina twitter)

Bennett fa la voce grossa nell’arrivo in volata nulla da fare per Arnaud Démare (Groupama-FDJ), secondo, e per Matteo Trentin, terzo, che va a precedere John Degenkolb (Trek-Segafredo).

Dopo la cronometro di ieri, la Corsa Verso il Sole entra nella fase decisiva con la Peynier a Brignoles, prima di tre frazioni movimentate.

Sono 176 km quelli della tappa odierana caratterizzata da tre colli (Côte de la Sainte-Baume, Côte de Mazaugues e Côte de Sainte-Philomène) posti dei 60km finali che tendono a movimentare la frazione.

 

La tappa si apre con la fuga dell’italiano Mauro Finetto (Delko Marseille), dal francese Laurent Pichon (Arkea Samsic) e dal lussemburghese Alex Kirsch (Trek-Segafredo). Alle spalle dei fuggitivi lavora la squadra del leader della generale oltre al Team UAE per Kristoff.

Il gruppo si compatta e sull’ ultimo GPM, quando mancano circa 20 km dall’arrivo, alcuni velocisti vengono tagliati fuori dal gruppo principale.  In volata è Sam Bennett a tagliare il traguardo per primo davanti a Demare.

Nei primi dieci anche Egan Bernal (Team Sky), che mantiene il secondo posto alle spalle del leader Michal Kwiatkowski suo compagno di squadra.

 

 

Ordine d’arrivo 5^ tappa:

1 BENNETT Sam BORA – hansgrohe 60 50 4:12:35
2 DÉMARE Arnaud Groupama – FDJ 25 30 ,,
3 TRENTIN Matteo Mitchelton-Scott 10 18 ,,
4 DEGENKOLB John Trek – Segafredo 13 ,,
5 COQUARD Bryan Vital Concept – B&B Hotels 10 ,,
6 TURGIS Anthony Direct Energie 7 ,,
7 SÉNÉCHAL Florian Deceuninck – Quick Step 4 ,,
8 NAESEN Oliver AG2R La Mondiale 3 ,,
9 KRISTOFF Alexander UAE-Team Emirates 2 ,,
10 BERNAL Egan Team Sky 1 ,,

 

Classifica generale:

1 1 – KWIATKOWSKI Michał Team Sky 21:35:36
2 2 – BERNAL Egan Team Sky 0:18
3 3 – SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team 0:22
4 4 – KELDERMAN Wilco Team Sunweb 1:00
5 5 – JUNGELS Bob Deceuninck – Quick Step ,,
6 6 – QUINTANA Nairo Movistar Team 1:04
7 7 – GROSSSCHARTNER Felix BORA – hansgrohe 1:08
8 8 – HAIG Jack Mitchelton-Scott 1:17
9 9 – MOLARD Rudy Groupama – FDJ 1:21
10 10 – BARDET Romain AG2R La Mondiale 1:24

Crono a Simon Yates, Kwiatkowski leader

Crono a Simon Yates, Kwiatkowski  prende la maglia

Crono a Simon Yates alla Parigi-Nizza 2019 mentre Michal Kwiatkowski (Team SKy), difendendosi coi denti, resta in testa alla classifica generale.

Crono a Simon Yates

Crono a Simon Yates

Crono a Simon Yates  che riscatta in questo modo una Parigi-Nizza 2019 sino ad ora davvero avara si soddisfazione per l’atleta della Mitchelton-Scott, vittima dei ventagli ed uscito prematuramente di classifica.

Messe da parte le velleità di classifica ecco che Simon Yates ha messo tutte le fiches su questa prova contro il tempo sfoderando una prestazione davvero di altissimo livello. Il corridore britannico ha completato i 25,5 km lungo le strade di Barbentane fermando il cronometro su 30.26. Simon ha preceduto  di 7″  Nils Politt (Katusha – Alpecin) e di 11″ su Michal Kwiatkowski.

Il polacco del Team Sky  non è apparso particolarmente brillante nella prima parte di gara ma è progressivamente cresciuto lottando con le unghie e i denti e conservando la maglia gialla di leader. In generale, al secondo posto, ecco un altro atleta della Sky: il colombiano Egan Bernal che ha strappato un sorprendente sesto posto nella prova a cronometro anticipando molti specialisti.

Ora il percorso della Parigi-Nizza prevede finalmente le montagne ed ecco che scatterà la sfida interna al Team Sky: il capitano sarà l’attuale leader della generale Michal Kwiatkowski o si preferirà supportare l’uomo di punta per le salite Bernal? Sarà la strada a sancire le gerarchie interne tenendo gli occhi bene aperti su un “duro” come Luis Leon Sanchez, terzo a soli 28 secondi.

Ordine d’arrivo 5^ tappa:

1 YATES Simon Mitchelton-Scott 60 50 50.274 30:26
2 POLITT Nils Team Katusha – Alpecin 25 30 50.082 0:07
3 KWIATKOWSKI Michał Team Sky 10 18 49.973 0:11
4 VAN GARDEREN Tejay EF Education First 13 49.864 0:15
5 MARTÍNEZ Daniel Felipe EF Education First 10 49.864 ,,
6 BERNAL Egan Team Sky 7 49.864 ,,
7 CRADDOCK Lawson EF Education First 4 49.864 ,,
8 SCULLY Tom EF Education First 3 49.541 0:27
9 SOLER Marc Movistar Team 2 49.461 0:30
10 SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team 1 49.461 ,,

Classifica generale:

1 KWIATKOWSKI Michał Team Sky 10 17:23:00
2 BERNAL Egan Team Sky 0:19
3 SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team 0:28
4 KELDERMAN Wilco Team Sunweb 1:01
5 JUNGELS Bob Deceuninck – Quick Step ,,
6 QUINTANA Nairo Movistar Team 1:05
7 GROSSSCHARTNER Felix BORA – hansgrohe 1:09
8 HAIG Jack Mitchelton-Scott 1:19
9 MOLARD Rudy Groupama – FDJ 1:22
10 BARDET Romain AG2R La Mondiale 1:25

Egan Bernal: Pronto a prendere le redini del Team Sky in Italia

Egan Bernal punta Giro d’Italia

Egan Bernal sarà il capitano del Team Sky al prossimo Giro d’Italia e attende con impazienza di cimentarsi contro Dumoulin, Nibali e Yates

Egan Bernal (fonte pagina Facebook)

Egan Bernal (fonte pagina Facebook)

Egan Bernal sarà l’alfiere principale del Team Sky per l’edizione 2019 della corsa rosa. Il team britannico ha ottenuto qualcosa come otto Grandi Giri con tre diversi piloti a partire dal 2012 ed ora pare arrivato il momento del fenomenale scalatore colombiano di giocarsi le sue carte.

Il ventiduenne ciclista sudamericano è alla seconda stagione nel team di Dave Brailsford ed è in costante ascesa nelle gerarchie del team. Dopo aver chiuso al secondo posto il Tour de Romandie 2018 e aver vinto il Tour of California, è stato fenomenale nel debutto al Tour de France aiutando Geraint Thomas alla conquista della vittoria finale (chiudendo quindicesimo in classifica).

La seconda parte della sua stagione è stata complicata da una bruttissima caduta alla Clasica San Sebastián che lo ha costretto ad un ricovero di diversi giorni.

Egan Bernal quest’anno non ha preso parte al Tour Down Under sottoponendosi, assieme a Chris Froome e a Gianni Moscon ad un campo di allenamento informale prima del Tour Colombia 2.1 .

L’idea del team è quindi quella di “accompagnare” Bernal nel miglior percorso di avvicinamento possibile alla corsa rosa.

“Sono molto felice di andare al Giro – ha raccontato Bernal a Cyclingnews.com – e sono contento di andare con i gradi di capitano. Non voglio troppa pressione e in questo il team è fantastico come posto per imparare. Ho 22 anni e ho tante occasioni davanti a me, non sento l’obbligo di dover vincere, andremo in Italia per imparare a restare concentrato per 21 giorni di gara con la pressione di essere leader”.

Pur presentando parecchi chilometri a cronometro che non sono propriamente la specialità di Bernal, il tracciato del Giro stuzzica la fantasia del colombiano del Team Sky:

“non sono un cronoman ma le prove contro il tempo mi piacciono anche se perdo sempre molto tempo. Il Giro presenta tre cronometro interessanti e molta salita e questo per me è un punto a favore. Le salite del Giro sono sempre durissime e mi ispirano, in una corsa a tappe come quella italiana può succedere di tutto in ogni tappa e quindi richiede una forte concentrazione. Ci sono tanti campioni che saranno al via del Giro, Dumoulin ha dalla sua le cronometro ma bisogna temere Vincenzo Nibali che ha lo spirito dell’attaccante, Valverde che è sempre temibile e Simone Yates che ha già dimostrato il suo valore. Così tanti nomi di prestigio possono togliermi pressione di dosso”.

Thomas o non Thomas questo è il dilemma

Thomas, Giro o non Giro?

Thomas dopo aver trionfato al Tour de France non dovrebbe essere al via del Giro d’Italia 2019 ma le voci sono contrastanti

Thomas (fonte pagina Facebook)

Thomas (fonte pagina Facebook)

Thomas al Giro? Thomas al Tour? Thomas al Giro e al Tour? Diciamo la verità non abbiamo ancora compreso quali siano i reali programmi del vincitore del Tour de France 2018 in vista della fase calda della stagione in corso. E’ di qualche giorno fa la smentita della presenza di Thomas al prossimo Giro arrivata dal diretto interessato che pareva aver chiuso i giochi ma, ieri, dai saloni del CosmoBikeShow sono arrivate, come un fulmine a ciel sereno, le parole di Fausto Pinarello.

Pinarello ha annunciato i capitani per lo squadrone britannico in vista della Corsa Rosa:

“Siamo pronti per il Giro, abbiamo la lista degli atleti che saranno al via e, oltre ad Egan Bernal e Gianni Moscon, ci sarà Geraint. Sarà poi la strada a sancire chi dei tre avrà le maggiori chance di vittoria finale”.

Frasi clamorose da parte di uno dei principali partner commerciali (e strategici) del Team Sky e che cambiano radicalmente le carte in tavola sia sul banco del Giro che su quello della Grande Boucle. Se le parole di Pinarello rispecchiassero la verità allora Vincenzo Nibali e  Fabio Aru si troveranno sulle vie dell’Italia un avversario in più mentre Chris Froome potrebbe essere il “capitano unico” per la corsa francese.

La notizia a sorpresa, andrebbe a smentire quanto riportato qualche settimana fa dalla BBC circa il capitano che il Team Sky per il prossimo Giro d’Italia.

Se le affermazioni di Pinarello fossero confermate la cosa avrebbe del clamoroso in quanto, come detto, il gallese vincitore dell’ultimo Tour de France aveva dichiarato di dedicarsi esclusivamente alla Grande Boucle.