Mike Teunissen leader della 4 Giorni di Dunkerque

Mike Teunissen nuovo leader della corsa

Mike Teunissen olandese del Team Jumbo-Visma è giunto terzo con Oltre XR4 nella quarta tappa a Le Portel, andando in testa alla generale

Teunissen

Cambia il leader, non la squadra e neppure la bici: Mike Teunissen ha ereditato dal compagno di squadra Dylan Groenewegen la maglia di leader alla 4 Giorni di Dunkerque / Grand Prix des Hauts de France, piazzandosi terzo con Oltre XR4 nella quarta tappa, 179,8 km da Fort Mahon Plage a Le Portel, venerdì 17 maggio. Parte del gruppo di tredici uomini rimasto al comando dopo la terza ascesa a Saint Etienne au Mont, il 26enne olandese del Team Jumbo Visma ha completato la frazione alle spalle dei francesi Bryan Coquard e Clément Venturini.

Quarto alla partenza da Fort Mahon Place, Teunissen è riuscito così a balzare in prima posizione con 4 secondi di vantaggio sul belga Jens Keukeleire e 5″ sul francese Anthony Turgis. Amund Grøndahl Jansen e Dylan Groenewegen, compagni di squadra di Teunissen, sono rispettivamente 5° e 14°. Vincitore delle prime tre tappe, Groenewegen continua invece a condurre la Classifica a Punti, davanti allo stesso Teunissen, mentre il Team Jumbo Visma guida la Classifica a Squadre.

LA BICI DI MIKE TEUNISSEN
Mike Teunissen è equipaggiato con Bianchi Oltre XR4. Realizzata con il sistema Bianchi CV powered by Countervail, sviluppata e testata in collaborazione con la squadra World Tour Team Jumbo-Visma, Oltre XR4 è progettata per massimizzare il vantaggio aerodinamico ed il controllo.
Roglic
FONTE COMUNICATO STAMPA

Tre su tre: Groenewegen vince ancora

Tre su tre del corridore della Jumbo-Visma

Tre su tre di Dylan Groenewegen che conquista la frazione  alla 4 Jours de Dunkerque che si conclude a  Compiègne

 

Groenewegen

Nessuno batte Dylan Groenewegen alla 4 Jours de Dunkerque / Grand Prix des Hauts de France. L’olandese del Team Jumbo-Visma ha conquistato la terza vittoria in tre tappe con Oltre XR4, precedendo i francesi Marc Sarreau e Christophe Laporte sul traguardo di Compiègne, al termine di una tappa di 165 km partita da Laon giovedì 16 maggio.

Grazie all’ottava affermazione stagionale, Groenewegen ha rafforzato il proprio primato in classifica generale: ora Sarreau è staccato di 15 secondi, mentre Timothy Dupont insegue a 24″. Buone notizie per il Team Jumbo-Visma anche da Mike Teunissen, risalito al quarto posto assoluto. Groenewegen guida anche la classifica a punti a quota 60 e continua a tenere il Team Jumbo-Visma saldamente al comando della graduatoria a squadre.

LA BICI DI DYLAN GROENEWEGEN

Dylan Groenewegen è equipaggiato con Bianchi Oltre XR4. Realizzata con il sistema Bianchi CVpowered by Countervail, sviluppata e testata in collaborazione con la squadra World Tour Team Jumbo-Visma, Oltre XR4 è progettata per massimizzare il vantaggio aerodinamico ed il controllo.

Roglic
FONTE COMUNICATO STAMPA

Quattro Giorni di Dunkerque, Groenewegen subito a segno

Quattro  Giorni di Dunkerque vittoria di Groenewegen

Quattro Giorni di Dunkerque, l’olandese del Team Jumbo-Visma ha preceduto Sarreau e il compagno di squadra Teunissen

Quattro giorni di Dunkerque

Quattro giorni di Dunkerque 

Dylan Groenewegen (Team Jumbo-Visma) ha conquistato la vittoria e la prima maglia di leader nella frazione inaugurale della 4 Jours de Dunkerque / Grand Prix des Hauts de France, 172,9 km con partenza da Dunkerque e arrivo a Condé-sur-l’Escaut (Francia) martedì 14 maggio. L’olandese del Team Jumbo-Visma ha conquistato il sesto successo stagionale con Oltre XR4, precedendo allo sprint Marc Sarreau e il compagno di squadra Mike Teunissen e chiudendo con il tempo di 4:17:15. Amund Grøndahl Jansen ha completato la festa del Team Jumbo Visma, classificandosi nono.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Driedaagse Brugge-De Panne 2019, Groenewegen batte tutti

 

Driedaagse Brugge-De Panne, vince Groenewegen

Driedaagse Brugge-De Panne 2019 Dylan Groenewegen del Team Jumbo-Visma conquista la vittoria davanti a Fernando Gaviria 

Driedaagse Brugge-De Panne

Driedaagse Brugge-De Panne

Driedaagse Brugge-De Panne 2019, nota fino a qualche tempo fa come Tre Giorni di La Panne, entra da quest’anno nel WorldTour e, in questa nuova collocazione, il primo sorriso è di Dylan Groenewegen del Team Jumbo-Visma.

Il percorso della corsa presenta una prima parte nervosa e mossa ma il finale è inevitabilmente favorevole ai velocisti. Proprio nella parte mossa parre la fuga di giornata promossa da sei atleti: Mathijs Paaschens (Wallonie Bruxelles), Jimmy Janssens (Corendon-Circus), Leysen Senne (Roompot Charles), Stan Dewulf (Lotto Soudal), Adrien Garel (Vital Concept) e  Jasha Sutterlin (Movistar).

Alle spalle dei fuggitivi lavora il Team Sky che lavora fino ai meno dieci dall’arrivo quando una caduta di massa spezza il gruppo in due tronconi con i big che riescono a restare nel primo gruppo.

A prendere in mano la situazione è la Deceuninck che punta a favorire la volata del nostro Elia Viviani che però non riesce a bissare il successo dell’anno precedente chiudendo terzo. Ad avere la meglio è Dylan Groenewegen che coglie l’attimo e brucia Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) andando a prendersi il meritato successo alla Driedaagse Brugge-De Panne 2019.

Ordine d’arrivo:

1 GROENEWEGEN Dylan Team Jumbo-Visma
2 GAVIRIA Fernando UAE-Team Emirates
3 VIVIANI Elia Deceuninck – Quick Step
4 BOUHANNI Nacer Cofidis, Solutions Crédits
5 JULES Justin Wallonie-Bruxelles

Sam Bennett vince la terza tappa alla Parigi-Nizza

Sam Bennett vince la volata davanti a Ewans

Sam Bennett vince la terza tappa alla Parigi-Nizza battendo nella volata di gruppo Caleb Ewans. Aru si ritira

Sam Bennett (fonte pagina Twitter)

Sam Bennett (fonte pagina Twitter)

Sam Bennett vince la terza tappa alla Parigi-Nizza, l’irlandese in forza alla Bora – Hansgrohe batte tutti sull’arrivo di Moulines/Yzeure. Arrivo che non vede transitare il nostro Fabio Aru (UAE Team Emirates), ritiratosi anzitempo per alcuni disturbi fisici.

Le prime due frazioni della Corsa verso il Sole dovevano essere “scontate” ma, complici le condizioni meteo, hanno riservato continui colpi di scena. Oggi la corsa francese doveva essere decisamente più tranquilla ma purtroppo per il nostro Aru così non è stato dovendo decidere di abbandonare la competizione e salire sull’ammiraglia per problemi gastrici.

La tappa è stata caratterizzata dalla fuga del duetto targato Delko Marseille Provence composto dal veterano Ramunas Navardauskas e dal nostro Alessandro Fedeli. Il gruppo, provato dai tanti ventagli dei primi due giorni, lascia fare per gran parte della giornata tenendo i due “a bagno maria” per poi andare a riprenderli a circa i meno venti dall’arrivo.

Quando il gruppo si ricompatta tutte le azioni vengono stoppate in attesa della volata finale. Un po’ di vento laterale solletica gli atleti del Team Sky che provano ad allungare senza risultato, tutto è quindi pronto per la volata compatta.

Dylan Groenewegen (Team Jumbo – Visma) perde l’attivo restando indietro e non potendosi giocare il “triplete” il più scaltro è dunque Sam Bennett, che si lascia alle spalle il temibile l’australiano Caleb Ewan (Lotto Soudal) e Fabio Jakobsen (Deceuninck – Quick Step). Il migliore dei nostri è Niccolà Bonifazio (Direct Energie) che conclude la volata al sesto posto.

 

Groenewegen si deve “accontentare“ di restare  in testa alla generale davanti a Michal Kwiatkowski del Team Sky .

Dopo il traguardo, Sam Bennett ha voluto esternare tutta la sua felicità per essere finalmente riuscito a centrare il successo:

“Sono molto disfatto delle mie performance, ho vinto una tappa in ogni corsa a cui ho preso parte. Nelle prime tappe non ho avvertito sensazioni positive a non potevo essere diventato un brocco in una settimana, probabilmente ho patito i cambiamenti climatici di queste ultime settimane”.

 

Ordine d’arrivo 3^ tappa:

1 BENNETT Sam BORA – hansgrohe 60 50 5:16:25
2 EWAN Caleb Lotto Soudal 25 30 ,,
3 JAKOBSEN Fabio Deceuninck – Quick Step 10 18 ,,
4 MCLAY Daniel EF Education First 13 ,,
5 COQUARD Bryan Vital Concept – B&B Hotels 10 ,,
6 BONIFAZIO Niccolò Direct Energie 7 ,,
7 KRISTOFF Alexander UAE-Team Emirates 4 ,,
8 DÉMARE Arnaud Groupama – FDJ 3 ,,
9 GROENEWEGEN Dylan Team Jumbo-Visma 2 ,,
10 THEUNS Edward Trek – Segafredo 1 ,,

Classifica generale:

1 GROENEWEGEN Dylan Team Jumbo-Visma 10 11:47:44
2 KWIATKOWSKI Michał Team Sky 0:06
3 SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team 0:11
4 GILBERT Philippe Deceuninck – Quick Step 0:16
5 BERNAL Egan Team Sky 0:17
6 TRENTIN Matteo Mitchelton-Scott 0:20
7 GALLOPIN Tony AG2R La Mondiale 0:21
8 MOLARD Rudy Groupama – FDJ 0:23
9 BARDET Romain AG2R La Mondiale ,,
10 NAESEN Oliver AG2R La Mondiale 0:24

 

Pascal Eenkhoorn vittima di un incidente in allenamento

Pascal Eenkhoorn sospetta frattura della clavicola

Pascal Eenkhoorn cade in allenamento e riporta una sospetta frattura alla clavicola che complica il suo inizio di stagione

Pascal Eenkhoorn

Pascal Eenkhoorn

Pascal Eenkhoorn, 21enne corridore in forza alla Jumbo-Visma si stava allenando in Spagna in vista dell’avvio sempre più imminente della stagione 2019. Per cause ancora da verificare, mentre il corridore olandese stava sprintando lungo una salita, la catena della sua bicicletta si è spezzata facendolo cadere.

Mentre aspettava soccorso da parte degli uomini del team Jumbo, Pascal Eenkhoorn ha scattato una foto della sua bici ancora nell’erba e una foto della sua spalla sinistra, che mostrava quella che sembrava essere la sua clavicola che saliva verso l’alto, e l’ha postata sul suo account Twitter.

“Sfortunatamente oggi sono caduto pesantemente mentre facevo uno sprint in salita – ha scritto il ciclista – La mia catena si è spezzata e ho finito per capovolgermi e cadere a pochi metri di distanza, alcuni danni gravi ma ancora per quanto tempo starò fuori dalle corse. Desidero ringraziare @cyclesierra e @JumboVismaRoad per l’assistenza.”

Il 21enne Eenkhoorn avrebbe dovuto iniziare la sua seconda stagione con il team Jumbo-Visma e prendere parte alla Omloop Het Nieuwsblad all’inizio di marzo. A circa due mesi dalla prima prova dell’anno del suo programma stagionale, una clavicola rotta non lo escluderebbe necessariamente dal suo debutto stagionale ma certamente ne complica il cammino di avvicinamento.

Pascal Eenkhoorn: la clavicola

Pascal Eenkhoorn: la clavicola

Eenkhoorn si è unito al team Jumbo-Visma la scorsa stagione facendo il suo debutto al Giro delle Fiandre, prendendo poi parte alla  Paris-Roubaix e anche quest’anno puntava forte sulla campagna del pavè.

Le ambizioni della Jumbo-Visma saranno incentrate principalmente su Wout van Aert, che si è unito al team un anno prima del previsto dopo essere uscito dal contratto che lo legava alla  Sniper Cycling di Nick Nuyens. Le altre frecce nell’arco del team olandese saranno Dylan Groenewegen, vincitore della Kuurne-Brussel-Kuurne dello scorso anno e il forte Danny van Poppel.

 

Groenewegen trionfa nella tappa di Chartres

Groenewegen trionfa sul traguardo di Chartres

Groenewegen trionfa a Chartres nella settima frazione del Tour de France 2018 battendo Fernando Gaviria e Peter Sagan. Van Avermaet resta leader

Groenewegen trionfa nella settima tappa

Groenewegen trionfa nella settima tappa

Groenewegen trionfa nella settima tappa del Tour de France 2018 dopo tanti passaggi a vuoto. Il velocista in forza alla LottoNL – Jumbo esulta sul traguardo di Chartres mettendosi alle spalle Fernando Gaviria (Quick Step Floors) e Peter Sagan (Bora – Hansgrohe).

Il Tour prevede la frazione più lunga di questa edizione con i suoi 231 km. Frazione lunga ma sicuramente poco impegnativa anzi, assolutamente priva di difficoltà.

Al chilometro 35 prova ad avvantaggiarsi Yoann Offredo (Wanty – Groupe Gobert) che, completamente ignorato dal gruppo, arriva a guadagnare circa 9 minuti di margine. L’unico momento di tensione si verifica quando, a circa cento chilometri dal traguardo inizia a tirare un forte vento laterale. A quel punto è la Ag2R La Mondiale a prendere l’iniziativa fratturando il gruppo in più tronconi. Nulla di sconvolgente in quanto poco dopo i gruppetti si ricompattano. L’unico accadimento è che il vantaggio di Offredo viene annullato.

Ritornata la calma prova  a partire è Laurent Pichon (Fortuneo – Samsic) che viene però ripreso ai meno trentacinque. Il gruppo si avvicina quindi alla volata, la Quick Step Floors si piazza  davanti all’ultimo chilometro, ma a sorprendere il favorito di giornata (Fernando Gaviria)è Groenewegen, il vincitore dei Campi Elisi nel 2017.

Terzo posto per Sagan davanti ad Aruand Démare (Groupama – FDJ). Ancora un piazzamento nella top ten per il nostro Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert). Non cambia nulla in classifica generale: Greg Van Avermaet (Bmc) resta leader della generale.

Groenewegen batte Demare a Kuurne

Groenewegen batte Demare nella Kuurne-Bruxelles-Kuurne

Groenewegen batte Demare e trionfa alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne, terzo posto per il nostro Sonny Colbrelli. Sfortunato Daniel Oss che fora mente era in fuga, brutta caduta per Sacha Modolo

Groenewegen batte Démare

Groenewegen batte Demare

Groenewegen batte Demare dopo una bella volata con un gruppo abbastanza elevato di corridori. E’ stata una bella Kuurne-Bruxelles-Kuurne tanto quanto sfortunata per i colori italiani. Abbiamo avuto in fuga Daniel Oss ma una foratura ha stroncato le ambizioni del nostro atleta e poi c’è stata una brutta caduta per Sacha Modolo.

La corsa è entrata  nel vivo sull’Oude Kwaremont, a 87 km dal traguardo, quando sullo storico muro si è staccato un gruppo di 22 corridori comprendiso di molti dei migliori specialisti sulla piazza. Tra questi, oltre a Greg Van Avermaet e Sep Vanmarcke, anche diversi italiani (Sonny Colbrelli, Matteo Trentin, Daniel Oss, Sacha Modolo).

Sul muro di Nokereberg ai -50 chilometri dall’arrivo, nel gruppo dei 22 c’è stato un attacco che ha lanciato Jasper Stuyven con Daniel Oss, i due hanno raggiunto un vantaggio di 50 secondi. Come dicevamo Oss è stato lo sfortunato protagonista di una foratura che ha tarpato ogni sua speranza di arrivare al traguardo. Daniel ci ha provato a rientrare sull’ex compagno di fuga ma è stato ripreso ai meno 19 km dal traguardo.

Da lì alla fine alcuni tentativi di evasione da parte di outsider non hanno più sortito alcun effetto, anche se l’ultima di queste azioni (con Julien Duval, Julien Vermote e Loïc Vliegen) è stata annullata appena a 100 metri dalla linea d’arrivo. Da segnalare una brutta caduta di Sacha Modolo (EF Education First) a 21 km dal traguardo, ma il veneto pare non abbia riportato conseguenze.

A conquistare la vittoria è stato Dylan Groenewegen su Arnaud Démare: l’olandese della LottoNL-Jumbo conferma il suo periodo di ottima forma fisica. Terzo posto per un ottimo Sonny Colbrelli, bravo a sprintare dopo essere stato anche all’attacco nelle fasi centrali della corsa.

Alle spalle del bresciano della Bahrain-Merida si sono piazzati nell’ordine Pim Ligthart (Roompot-Nederlandse Loterij), Justin Jules (WB Aqua Protect Veranclassic), Jempy Drucker (BMC), Guillaume Boivin (Israel Cycling Academy), Lukasz Wisniowski (Sky), Julien Vermote (Dimension Data) e Timothy Dupont (Wanty-Groupe Gobert).

.

Team LottoNL-Jumbo 2018: presentazione Team

Team LottoNL-Jumbo 2018: ecco la squadra

Team LottoNL-Jumbo 2018 compie 34 anni di attività e punta le sue fiches su Dylan Groenewegen, Primoz Roglic e

Team LottoNL-Jumbo 2018

Team LottoNL-Jumbo 2018

Team LottoNL-Jumbo 2018 compie 34 anni di attività nel mondo del ciclismo ed è diventata una delle colonne del movimento mondiale. L’anno nuovo si è aperto con la brutta vicenda del licenziamento di Juan José Lobato e alle sospensioni di due mesi dei giovani Antwan Tolhoek e Pascal Eenkhoorn.

Primoz Roglic reduce da belle cose tra Paesi Baschi, Tirreno-Adriatico e Romandia, l’ex atleta  del salto con gli sci sarà l’uomo per le brevi corse a tappe. Steven Kruijswijk dopo una bella Vuelta ha deciso di spostare il focus dal Giro al Tour de France

Alla Corsa Rosa, quindi, i gradi di capitano passeranno a George Bennett vincitore dell’ultima edizione del Giro di California e che ben ha figurato allo scorso Tour de France. Robert Gesink non si dedicherà più alla classifica ma sarà concentrato sulle vittorie di tappa.
A supporto dei leader ci saranno Daan Olivier (vincitore della maglia a pois del Delfinato), Sepp Kuss e Neilson Powless.

Dylan Groenewegen, dopo la vittoria ai Campi Elisi si è ritagliato un posto nel gotha degli sprinter mondiali . Al fianco Robert Wagner porterà esperienza e Amund Grøndahl Jansen freschezza e che si messo in mostra in diverse corse belghe di categoria minore. Molte speranze sono affidate alla crescita di Danny van Poppel reduce da anni bui al Team Sky.

Il capitano per la campagna del pavé sarà Lars Boom nonostante sia in calo di prestazioni punterà a farsi valere.

Team LottoNL-Jumbo 2018: La rosa

Enrico Battaglin (Ita, 1989), George Bennett (Nzl, 1990), Lars Boom (Ned, 1985), Koen Bouwman (Ned, 1993), Stef Clement (Ned, 1982), Floris De Tier (Bel, 1992), Pascal Eenkhoorn (Ned, 1997), Robert Gesink (Ned, 1986), Dylan Groenewegen (Ned, 1993), Amund Grøndahl Jansen (Nor, 1994), Steven Kruijswijk (Ned, 1987), Sepp Kuss (Usa, 1994), Tom Leezer (Ned, 1985), Bert-Jan Lindeman (Ned, 1989), Paul Martens (Ger, 1983), Daan Olivier (Ned, 1992), Neilson Powless (Usa, 1996), Primoz Roglic (Slo, 1989), Timo Roosen (Ned, 1993), Bram Tankink (Ned, 1978), Antwan Tolhoek (Ned, 1994), Jos van Emden (Ned, 1985), Gijs Van Hoecke (Bel, 1991), Danny van Poppel (Ned, 1993), Robert Wagner (Ger, 1983), Maarten Wynants (Bel, 1982)

Numeri del lotto? No numeri della Lotto!

Numeri del lotto? Ecco i numeri del Team LottoNL-Jumbo

Numeri del lotto? Non parliamo di estrazioni del lotto ma dei dorsali assegnati dal Team LottoNL-Jumbo ai propri atleti per la stagione 2018

Numeri del Lotto? No della Lotto!

Numeri del Lotto? No della Lotto!

Numeri del lotto? Tranquilli non abbiamo cambiato il target del nostro sito, non ci diamo alla numerologia o allo studio di numeri ritardatari. No, parliamo del fatto che da quest’anno sulle maglie del Team LottoNL-Jumbo comparirà un accattivante dettaglio: ogni ciclista avrà sulle spalle un numero personalizzato.

Da qualche tempo ormai non fa notizia vedere il nome sulle maglie dei ciclisti, una delle prime squadre ad adottarli fu la Mercatone Uno dell’indimenticabile Marco Pantani. Ora a “dare i numeri” è il team olandese della LottoNL-Jumbo (il cui sponsor, ovviamente, organizza giochi a premi legati ai numeri).

Gli atleti hanno potuto scegliere un numero tra l’1 ed il 45, gli stessi numeri su cui si basa la lotteria olandese, il che fa presagire una futura iniziativa combinata tra squadra ciclistica e sponsor di maglia.

Numeri del lotto? Le curiosità in casa Lotto NL Jumbo!

Il numero 1 è andato allo sloveno Primoz Roglic mentre il nostro Enrico Battaglin (unico italiano in rosa) ha scelto  il 20. Dylan Groenewegen, grande  appassionato di calcio e amante degli Orange, ha optato per il 14 in onore del compianto Johan Cruijff, mentre Gijs van Hoecke correrà con il 13, ovviamente rovesciato per scaramanzia.

Ecco la numerazione ufficiale del Team LottoNL-Jumbo:

1. Primoz Roglic; 2. Bert-Jan Lindeman; 3. Koen Bouwman; 4. Pascal Eenkhoorn; 5. Stef Clement; 6. Danny van Poppel; 7. George Bennett; 8. Steven Kruijswijk; 11. Paul Martens; 12. Timo Roosen; 13. Gijs van Hoecke; 14. Dylan Groenewegen; 16. Jos van Emden; 17. Lars Boom; 18. Neilson Powless; 20. Enrico Battaglin; 21. Floris de Tier; 23. Amund Grøndahl Jansen; 24. Daan Oliveir; 26. Sepp Kuss; 31. Robert Gesink; 32. Tom Leezer; 35. Robert Wagner; 37. Antwan Tolhoek; 40. Bram Tankink; 45. Maarten Wynants