Team Sunweb verso le sfide del 2020 nonostante la perdita di Dumoulin

Team Sunweb come sarà il dopo Dumoulin?

Team Sunweb verso le sfide del 2020: dopo la perdita di Dumoulin punterà su Matthews, Benoot oltre a Rivera nel team femminile

Team Sunweb: Il logo

Team Sunweb: Il logo

Team Sunweb inizia a pianificare il suo 2020 dopo la presentazione della squadra olandese avvenuta ad Amsterdam. Sarà strano probabilmente essere al via della nuova stagione World Tour senza l’atleta simbolo delle ultime annate ma gli impegni tra uomini, donne e team di sviluppo potranno riservare soddisfazioni.

Il Team Sunweb ha confermato i colori rosso e nero per le divise della nuova stagione mentre è entrato come sponsor secondario il marchio BinckBank che si affianca a Sunweb Holidays mentre lo sponsor tecnico sarà Craft e le biciclette saranno, come di consueto, fornite da Cervelo.

La presentazione si è svolta nel centro  “House of Mobility” creato dalla società madre Pons di Cervelo, per mostrare tutte le forme di trasporto.

Lo scorso anno ha riservato poche gioie agli olandesi (ma iscritti con licenza tedeschi) (solo 9 successi in stagione) con Dumoulin che, a causa dell’incidente occorsogli durante la prima settimana del Giro d’Italia, ha corso solo 27 giorni. I successi della Sunweb sono passati dalle gambe di Matthews che ha ottenuto la seconda vittoria consecutiva al Grand Prix Cycliste de Québec e Nikias Arndt che ha conquistato una frazione alla Vuelta.

Il 2020 è quindi l’anno del cambiamento con la speranza che Wilco Keldermann e Sam Oomen possano dire la loro nelle corse a tappe e che Michael Matthews riesca a fare meglio dello scorso anno in volata e nelle classiche.

Tutto da valutare l’impatto di Søren Kragh Andersen che si concentrerà sulle classiche mentre il nostro Alberto Dainese, campione europeo Under23, farà parte della batteria dei giovani talenti assieme a Nils Eekhoff, Martin Salmon e Mark Donovan.

La formazione femminile sarà nuovamente capitanata dall’americana Coryn Rivera alla quale di affianca Alison Jackson chiamata a non far rimpiangere Lucinda Brand unitasi alla  Trek-Segafredo.

 

Soraya Paladin seconda alla Setmana Valenciana

Soraya Paladin chiude seconda in Spagna

Soraya Paladin del Team Alé – Cipollini conquista definitivamente il podio nellaSetmana Valenciana , seconda alle spalle della tedesca Clara Koppenburg 

Soraya Paladin sul podio (fonte comunicato stampa)

Soraya Paladin sul podio (fonte comunicato stampa)

Soraya Paladin atleta del Team Alé – Cipollini conquista definitivamente il podio nella gara a tappe spagnola, seconda alle spalle della tedesca Clara Koppenburg e davanti alla sudafricana Ashleigh Moolman-Pasio. Per Soraya Paladin è la seconda top 3 consecutiva in una corsa a tappe considerando la stagione 2018 quando a settembre vinse la frazione conclusiva e la classifica generale del Giro della Toscana femminile – Memorial Michela Fanini.

Per la cronaca la quarta e ultima tappa della Setmana Ciclista Valenciana (Valencia – Sagunto, 104 km) è stata vinta dalla finlandese Lotta Lepistö su Elena Cecchini e Coryn Rivera. Sul GPM di Alto del Oronet c’è la volata per la classifica della Maglia a Pois, indossata proprio da Soraya Paladin che scollina al terzo posto e conquista matematicamente il primato in questo speciale ranking con 5 punti di vantaggio su Koppenburg. La notevole distanza dal traguardo permette alle atlete staccate di rientrare e di giocarsi la vittoria di tappa in volata sul rettilineo di Sagunto, dove Soraya è la miglior piazzata del Team #YellowFluoOrange, quattordicesima.

Con la maglia a pois vinta, ecco il podio in Classifica Generale, a 41” da Clara Koppenburg.

“Questo risultato ci da molto morale per le prossime gare, a cominciare dalla Omloop Het Nieuwsblad, che apre la stagione delle grandi Classiche del Nord la prossima settimana. Complimenti a tutta la squadra per le ottime prestazioni.” – ha dichiarato a fine gara il Team Manager Fortunato Lacquaniti.

ORDINE DI ARRIVO 4° TAPPA:

1. Lotta Lepistö
2. Elena Cecchini
3. Coryn Rivera

CLASSIFICA FINALE:

1. Clara Koppenburg
2. Soraya PALADIN
3. Ashleigh Moolman-Pasio

FONTE COMUNICATO STAMPA