Michael Woods entra nel MI-TO

Michael Woods conquista la Milano-Torino

Michael Woods della Educational First conquista la Milano-Torino 2019 davanti ad Alejandro Valverde e Adam Yates

Michael Woods

Michael Woods

Michael Woods, della Educational First, dopo aver sfiorato il successo al Giro dell’Emilia dove non è riuscito a superare il fresco vincitore della Tre Valli, Primoz Roglic si aggiudica la “classica più antica del mondo” imponendosi sul Colle di Superga.

La Milano-Torino , giunta alla centesima edizione, si è svolta per la prima volta nel 1876 ed ho oggi ha garantito il consueto spettacolo agli amanti delle due ruote grazie al doppio passaggio in cima al colle più famoso della città sabauda.

E’ il secondo e ultimo passaggio a Superga a definire le gerarchi della corsa quando il francese David Gaudu della Groupama–FDJ prova a spingere sull’acceleratore con una serie di scatti a ripetizioni nel tentativo di fare il vuoto. Egan Bernal è assolutamente brillante e scalda la gamba in vista del Lombardia.

Nell’ultimo chilometro, quando il ritmo è già elevatissimo, è Michael Woods a confermare tutte le sue capacità di scattista allungando in modo violento e andando a tagliare a braccia levate il traguardo della Milano-Torino 2019. Alle sue spalle, staccati di una manciata di metri, arriva Alejandro Valverde (Movistar). Il podio è completato da Adam Yates (Mitchelton -Scott), mentre Gaudu e Bernal sono rispettivamente quinto e sesto, preceduti dal belga Tiesj Benoot (Lotto Soudal).

 

Rigoberto Uran conquista la Milano-Torino

Rigoberto Uran conquista la classica MiTo

Rigoberto Uran

Rigoberto Uran sul traguardo di Torino

Rigoberto Uran conquista la seconda vittoria stagionale trionfando sul traguardo di Superga nella Milano-Torino 2017. Seconda vittoria consecutiva per la Colombia che dodici mesi fa aveva trionfato con  Miguel Angel Lopez. E’ “Ciccio” Uran a festeggiare a braccia alzate anticipando Adam Yates e Fabio Aru. Il corridore della Cannondale-Drapac ha fatto la differenza sull’ultima ascesa alla collina che domina Torino.

La classica più antica del calendario internazionale è stata caratterizzata dalla fuga, nella parte pianeggiante, di tre atleti: Gregory Rast (Trek-Segafredo), Guillaume Bonnafond (Cofidis) e Patrick Lauk (Astana).  Solo al primo passaggio a Superga la corsa si anima grazie ad una bella azione di Alaphilippe (Quick Step Floors) che gli permette di riportarsi sui battistrada e poi di staccarli.

Nel secondo passaggio in cima al Colle attacca il francese Rudy Molard al quale si accoda Fabio Aru prontamente seguito dai colombiani Uran e Bernal e da David Gaudu e Adam Yates.

E’ il più esperto dei colombiani che attacca e fa il vuoto involandosi in solitaria a conquistare la corsa. Alle sue spalle a 10 secondi arriva  Adam Yates, mentre in terza posizione giunge Fabio Aru, in crescendo di condizione in vista del Lombardia e unico italiano capace di entrare nella top ten odierna. Per Uran si tratta della seconda vittoria stagionale che corona una stagione decisamente interessante per “Ciccio”.