Albo d’Oro del Giro d’Italia

Albo d’Oro del Giro d’Italia dal 1909 al 2018

Albo d’Oro del Giro d’Italia dalla prima vittoria di Luigi Ganna del 1909 all’ultimo successo di Chris Froome del Team Sky nel 2018

Logo della competizioneL’Albo d’Oro del Giro d’Italia  vede la luce dopo la prima edizione della corsa rosa nel 1909 con la sua prima edizione vinta da Luigi Ganna noto col soprannome di “il Re del fango” per la sua straordinaria resistenza alle avversità climatiche.Gi

Nel corso degli anni campioni di tutto il mondo hanno combattuto per conquistare l’ambita maglia rosa segno del primato.

Nelle 101 edizioni della corsa rosa sono stati 65 gli atleti a conquistare la maglia rosa in rappresentanza di 13 nazionalità diverse: Italia 69, Belgio 7, Francia 6, Spagna 4, Russia e Svizzera 3, Lussemburgo 2, Olanda, Canada, Irlanda, Svezia, Colombia, Gran Bretagna e Stati Uniti 1..

L’Albo d’Oro del Giro d’Italia presenta alcuni plurivincitori:

con 5 vittorie: Alfredo Binda, Fausto Coppi, Eddy Merckx
con 3 vittorie: Gino Bartali, Giovanni Brunero, Carlo Galetti (Atala), Felice Gimondi, Bernard Hinault, Fiorenzo Magni.

Per ciò che concerne la classifica a squadre, al primo posto, con il maggior numero di vittorie è la Legnano (13) seguita dalla Bianchi (6) e da Maino e Molteni (4).

 

Ecco l’albo d’oro completo all’edizione 2018.

Anno Vincitore Secondo Terzo
1909 Italia Luigi Ganna Italia Carlo Galetti Italia Giovanni Rossignoli
1910 Italia Carlo Galetti Italia Eberardo Pavesi Italia Luigi Ganna
1911 Italia Carlo Galetti Italia Giovanni Rossignoli Italia Giovanni Gerbi
1912[13] Italia Atala Francia Peugeot Italia Gerbi
1913 Italia Carlo Oriani Italia Eberardo Pavesi Italia Giuseppe Azzini
1914 Italia Alfonso Calzolari Italia Pierino Albini Italia Luigi Lucotti
1915-1918 non disputate a causa della Prima guerra mondiale
1919 Italia Costante Girardengo Italia Gaetano Belloni Belgio Marcel Buysse
1920 Italia Gaetano Belloni Italia Angelo Gremo Francia Jean Alavoine
1921 Italia Giovanni Brunero Italia Gaetano Belloni Italia Bartolomeo Aymo
1922 Italia Giovanni Brunero Italia Bartolomeo Aymo Italia Giuseppe Enrici
1923 Italia Costante Girardengo Italia Giovanni Brunero Italia Bartolomeo Aymo
1924 Italia Giuseppe Enrici Italia Federico Gay Italia Angiolo Gabrielli
1925 Italia Alfredo Binda Italia Costante Girardengo Italia Giovanni Brunero
1926 Italia Giovanni Brunero Italia Alfredo Binda Italia Arturo Bresciani
1927 Italia Alfredo Binda Italia Giovanni Brunero Italia Antonio Negrini
1928 Italia Alfredo Binda Italia Giuseppe Pancera Italia Bartolomeo Aymo
1929 Italia Alfredo Binda Italia Domenico Piemontesi Italia Leonida Frascarelli
1930 Italia Luigi Marchisio Italia Luigi Giacobbe Italia Allegro Grandi
1931 Italia Francesco Camusso Italia Luigi Giacobbe Italia Luigi Marchisio
1932 Italia Antonio Pesenti Belgio Jef Demuysere Italia Remo Bertoni
1933 Italia Alfredo Binda Belgio Jef Demuysere Italia Domenico Piemontesi
1934 Italia Learco Guerra Italia Francesco Camusso Italia Giovanni Cazzulani
1935 Italia Vasco Bergamaschi Italia Giuseppe Martano Italia Giuseppe Olmo
1936 Italia Gino Bartali Italia Giuseppe Olmo Italia Severino Canavesi
1937 Italia Gino Bartali Italia Giovanni Valetti Italia Enrico Mollo
1938 Italia Giovanni Valetti Italia Ezio Cecchi Italia Severino Canavesi
1939 Italia Giovanni Valetti Italia Gino Bartali Italia Mario Vicini
1940 Italia Fausto Coppi Italia Enrico Mollo Italia Giordano Cottur
1941-1945 non disputate a causa della Seconda guerra mondiale
1946 Italia Gino Bartali Italia Fausto Coppi Italia Vito Ortelli
1947 Italia Fausto Coppi Italia Gino Bartali Italia Giulio Bresci
1948 Italia Fiorenzo Magni Italia Ezio Cecchi Italia Giordano Cottur
1949 Italia Fausto Coppi Italia Gino Bartali Italia Giordano Cottur
1950 Svizzera Hugo Koblet Italia Gino Bartali Italia Alfredo Martini
1951 Italia Fiorenzo Magni Belgio Rik Van Steenbergen Svizzera Ferdi Kübler
1952 Italia Fausto Coppi Italia Fiorenzo Magni Svizzera Ferdi Kübler
1953 Italia Fausto Coppi Svizzera Hugo Koblet Italia Pasquale Fornara
1954 Svizzera Carlo Clerici Svizzera Hugo Koblet Italia Nino Assirelli
1955 Italia Fiorenzo Magni Italia Fausto Coppi Italia Gastone Nencini
1956 Lussemburgo Charly Gaul Italia Fiorenzo Magni Italia Agostino Coletto
1957 Italia Gastone Nencini Francia Louison Bobet Italia Ercole Baldini
1958 Italia Ercole Baldini Belgio Jean Brankart Lussemburgo Charly Gaul
1959 Lussemburgo Charly Gaul Francia Jacques Anquetil Italia Diego Ronchini
1960 Francia Jacques Anquetil Italia Gastone Nencini Lussemburgo Charly Gaul
1961 Italia Arnaldo Pambianco Francia Jacques Anquetil Spagna Antonio Suárez
1962 Italia Franco Balmamion Italia Imerio Massignan Italia Nino Defilippis
1963 Italia Franco Balmamion Italia Vittorio Adorni Italia Giorgio Zancanaro
1964 Francia Jacques Anquetil Italia Italo Zilioli Italia Guido De Rosso
1965 Italia Vittorio Adorni Italia Italo Zilioli Italia Felice Gimondi
1966 Italia Gianni Motta Italia Italo Zilioli Francia Jacques Anquetil
1967 Italia Felice Gimondi Italia Franco Balmamion Francia Jacques Anquetil
1968 Belgio Eddy Merckx Italia Vittorio Adorni Italia Felice Gimondi
1969 Italia Felice Gimondi Italia Claudio Michelotto Italia Italo Zilioli
1970 Belgio Eddy Merckx Italia Felice Gimondi Belgio Martin Van Den Bossche
1971 Svezia Gösta Pettersson Belgio Herman Van Springel Italia Ugo Colombo
1972 Belgio Eddy Merckx Spagna José Manuel Fuente Spagna Francisco Galdós
1973 Belgio Eddy Merckx Italia Felice Gimondi Italia Giovanni Battaglin
1974 Belgio Eddy Merckx Italia Gianbattista Baronchelli Italia Felice Gimondi
1975 Italia Fausto Bertoglio Spagna Francisco Galdós Italia Felice Gimondi
1976 Italia Felice Gimondi Belgio Johan De Muynck Italia Fausto Bertoglio
1977 Belgio Michel Pollentier Italia Francesco Moser Italia Gianbattista Baronchelli
1978 Belgio Johan De Muynck Italia Gianbattista Baronchelli Italia Francesco Moser
1979 Italia Giuseppe Saronni Italia Francesco Moser Svezia Bernt Johansson
1980 Francia Bernard Hinault Italia Wladimiro Panizza Italia Giovanni Battaglin
1981 Italia Giovanni Battaglin Svezia Tommy Prim Italia Giuseppe Saronni
1982 Francia Bernard Hinault Svezia Tommy Prim Italia Silvano Contini
1983 Italia Giuseppe Saronni Italia Roberto Visentini Spagna Alberto Fernández
1984 Italia Francesco Moser Francia Laurent Fignon Italia Moreno Argentin
1985 Francia Bernard Hinault Italia Francesco Moser Stati Uniti Greg LeMond
1986 Italia Roberto Visentini Italia Giuseppe Saronni Italia Francesco Moser
1987 Irlanda Stephen Roche Regno Unito Robert Millar Paesi Bassi Erik Breukink
1988 Stati Uniti Andrew Hampsten Paesi Bassi Erik Breukink Svizzera Urs Zimmermann
1989 Francia Laurent Fignon Italia Flavio Giupponi Stati Uniti Andrew Hampsten
1990 Italia Gianni Bugno Francia Charly Mottet Italia Marco Giovannetti
1991 Italia Franco Chioccioli Italia Claudio Chiappucci Italia Massimiliano Lelli
1992 Spagna Miguel Indurain Italia Claudio Chiappucci Italia Franco Chioccioli
1993 Spagna Miguel Indurain Lettonia Pëtr Ugrjumov Italia Claudio Chiappucci
1994 Russia Evgenij Berzin Italia Marco Pantani Spagna Miguel Indurain
1995 Svizzera Tony Rominger Russia Evgenij Berzin Lettonia Pëtr Ugrjumov
1996 Russia Pavel Tonkov Italia Enrico Zaina Spagna Abraham Olano
1997 Italia Ivan Gotti Russia Pavel Tonkov Italia Giuseppe Guerini
1998 Italia Marco Pantani Russia Pavel Tonkov Italia Giuseppe Guerini
1999 Italia Ivan Gotti Italia Paolo Savoldelli Italia Gilberto Simoni
2000 Italia Stefano Garzelli Italia Francesco Casagrande Italia Gilberto Simoni
2001 Italia Gilberto Simoni Spagna Abraham Olano Spagna Unai Osa
2002 Italia Paolo Savoldelli Stati Uniti Tyler Hamilton Italia Pietro Caucchioli
2003 Italia Gilberto Simoni Italia Stefano Garzelli Ucraina Jaroslav Popovyc
2004 Italia Damiano Cunego Ucraina Serhij Honcar Italia Gilberto Simoni
2005 Italia Paolo Savoldelli Italia Gilberto Simoni Venezuela José Rujano
2006 Italia Ivan Basso Spagna José Enrique Gutiérrez Italia Gilberto Simoni
2007 Italia Danilo Di Luca Lussemburgo Andy Schleck Italia Eddy Mazzoleni
2008 Spagna Alberto Contador Italia Riccardo Riccò Italia Marzio Bruseghin
2009 Russia Denis Men’šov Spagna Carlos Sastre[14] Italia Ivan Basso[15]
2010 Italia Ivan Basso Spagna David Arroyo Italia Vincenzo Nibali
2011 Italia Michele Scarponi[16][17] Italia Vincenzo Nibali Francia John Gadret
2012 Canada Ryder Hesjedal Spagna Joaquim Rodríguez Belgio Thomas De Gendt
2013 Italia Vincenzo Nibali Colombia Rigoberto Urán Australia Cadel Evans
2014 Colombia Nairo Quintana Colombia Rigoberto Urán Italia Fabio Aru
2015 Spagna Alberto Contador Italia Fabio Aru Spagna Mikel Landa
2016 Italia Vincenzo Nibali Colombia Esteban Chaves Spagna Alejandro Valverde
2017 Paesi Bassi Tom Dumoulin Colombia Nairo Quintana Italia Vincenzo Nibali
2018 Gran Bretagna Chris Froome Paesi Bassi Tom Dumoulin Colombia Miguel Ángel López

Ciclismo quali muscoli sviluppa?

Ciclismo quali muscoli sviluppa? Analizziamo come il nostro sport interviene sui processi muscolari

 

Ciclismo quali muscoli sviluppa

Ciclismo quali muscoli sviluppa

Ciclismo quali muscoli sviluppa? Partiamo con lo sfatare una leggenda metropolitana, il ciclismo non è questione solo di gambe. Certo la parte inferiore del corpo è quella che ha maggior rilevanza ma tanti muscoli intervengono nell’attività di pedalare.

Molto cicloamatori che accompagnano al ciclismo la palestra, commettono l’errore di concentrarsi solo sui muscoli degli arti inferiori trascurando i muscoli che, invece, contribuiscono alla stabilità e alla corretta posizione in sella.

Se possiamo definire gambe e glutei il “motore” del ciclista, il tronco (con addominali, dorsali, pettorali) è la “scocca” del mezzo. Nel movimento del ciclista vanno poi considerati braccia (bicipiti, tricipiti e spalle) che servono per “tenere” la bicicletta e il collo che, può sembrare una banalità, sorregge la testa (e in bicicletta assume una posizione per certi versi non naturale).

FOCUS: non dimenticare mai lo sviluppo armonico della muscolatura senza soffermarsi sul distretto degli arti inferiori.

Ciclismo quali muscoli sviluppa? Distretti muscolari interessati

Partiamo dai muscoli che tutti diamo per scontato entrino in gioco nel ciclismo:

  • Polpaccio: (peroneo e il muscolo tibiale parte frontale – gastrocnemio e il tibiale parte posteriore) governa il movimento della caviglia e del piede.
  • Coscia, Glutei ed Anca: è il distretto più evidentemente interessato dalla pedalata. Ruolo fondamentale lo svolge il quadricipite femorale (dopo il dorsale, il muscolo più sviluppato del nostro sistema) nella parte anteriore della gamba e il bicipite femorale nella parte inferiore.
  • Spalle, Braccia: le spalle sono la parte su cui poggiano le braccia e aiutano nel governo della bicicletta (deltoidi, il tricipite brachiale e il grande dorsale i muscoli che le compongono). Le braccia sono gli strumenti di controllo del mezzo, i muscoli che le compongono sono bicipite e il tricipite brachiale e una lunga serie di muscoli dell’avambraccio e delle mani;
  • Collo: Il collo sostiene la testa e aiuta nella visibilità in sella (trapezio e il lunghissimo del collo i muscoli principali).
  • Petto: i pettorali, spesso sottovalutati nel ciclismo, concorrono con le braccia e le spalle nel meccanismo di condotta della bicicletta.
  • Schiena: i muscoli dorsali sono i più estesi del corpo umano e aiutano nel mantenimento della posizione eretta (tanti ciclisti lamentano mal di schiena per una postura non corretta), i muscoli lombardi si innestano con quelli degli arti inferiori e contribuiscono alla dinamicità della pedalata.
  • Addome: sono molto importanti per mantenere la schiena dritta e hanno il ruolo di protettori degli organi interni (retto addominale e obliqui).

Ciclismo quali muscoli sviluppa? Dipende dalla disciplina!

L’uso della bicicletta non è uguale per tutti le tipologie di bicicletta! E’ facile capire che un biker non sviluppa i muscoli allo stesso modo di uno “stradino” e viceversa. Molti cicloamatori, infatti, alternano alla bici da strada (magari in inverno) la MTB (in estate). L’alternanza, a cui a volte si affianca il lavoro in sala pesi, contribuisce all’armonicità muscolare.

  •  Ciclismo su strada. i ciclisti si trovano a spingere rapporti sovente molto corti per lunghe distanze (e lunghi tempi) facendo lavorare in modo ritmico la muscolatura, con un affaticamento in linea di principio inferiore. Nei saliscendi si produce, invece, acido lattico per adattare i muscoli alle variazioni di pendenze. Questo porta ad “alzarsi sui pedali” per assorbile l’acido lattico e sciogliere i muscoli. Quando la pendenza aumenta si ricorre, di norma, al “fuorisella” che compensa lo sbilanciamento gravitazionale. La pedalata in salita, con una minore contrazione dei glutei e un maggior sforzo, comporta un consumo maggiore di energia dato dal peggioramento dell’efficienza biomeccanica. Quando, invece, si affrontano tratti a “ventre atterra” aumenta l’aerodinamica incrementando, però, l’affaticamento della schiena.
  • Mtb. L’off-road comporta una posizione totalmente diversa in sella, con necessità di maggior movimenti per rispondere alle sollecitazioni del percorso caricando, di volta in volta, la ruota posteriore o quella anteriore. Il lavoro di bilanciamento sollecita molto schiena ed addome per il mantenimento dell’equilibrio in sella. Le pendenze spesso ripide e corte comportano cicli di sforzo breve ma intenso che sollecitano la potenza muscolare. Il cambio di ritmo frequente comporta variazioni continue del flusso del sangue che può far insorgere maggior affaticamento. La MTB stimola molto i muscoli di braccia e spalle per compensare il terreno disconnesso.
  • Cicloturismo. Il Cicloturista si pone nel mezzo tra i biker e i ciclisti da strada. La posizione maggiormente eretta comporta minor affaticamento sulla schiena mentre il mezzo necessarimente meno flessibile e più pesante (spesso il cicloturista viaggia con borse laterali) appesantisce la parte alta del corpo (soprattutto collo e dorsali). Le andature lente ma legate a lunghi chilometraggi appesantiscono natiche e bacino mentre i continui cambi di ritmo (dovuti ai pericoli e agli ostacoli della strada) aumentano il lavoro sulle gambe.