Nibali il mal di schiena non passa

Nibali il mal di schiena compagna di corsa?

Nibali il mal di schiena pare non voler passare e il siciliano si interroga sul mondiale e sul suo futuro professionale

Nibali il mal di schiena lo sente

Nibali il mal di schiena lo sente

Nibali il mal di schiena lo sente. Lo sente da quella maledetta caduta dello scorso luglio al Tour de France. Fin dai primi attimi successivi all’impatto con l’asfalto, il pensiero dei fans dello Squalo dello Stretto è andato al Mondiale di Ciclismo 2018 in cui Enzo è chiamato ad un ruolo di primaria importanza.

Quando abbiamo capito che per alleviare la pena (e le complicanze) prodotta dalla caduta era necessario un intervento chirurgico ad ognuno di noi è parso chiaro che la tappa della Vuelta Espana sarebbe stata solo volta a trovare la forma fisica ideale in vista della rassegna iridata.

Lo stesso Nibali aveva dichiarato che l’obiettivo della corsa iberica era per lui quello di raggiungere una condizione buona in vista del mondiale austriaco. Ora, dopo sole poche tappe dal via di Malaga, è palese che non vi sono possibilità di competere perla classifica ma quello che preoccupa e non poco, sono le parole del capitano della Bahrain-Merida.

Nibali il mal di schiena allarma!

E’ stato lo stesso campione siciliano a spiegare qualche settimana fa i suoi timori per poi esternarli dalle colonne della Gazzetta dello Sport le sue pessime sensazioni:

” Quando spingo per lungo tempo, la schiena mi fa male. E’ come se avessi una tendinite. Sono preoccupato. Miglioro, è vero ma più di tanto non posso fare”.

Quello che più preoccupa, però, non è lo scenario legato alla Vuelta quanto il timore che i postumi della caduta possano essere cronicizzati:

“Ho parlato con Sabatini che mi ha detto che, per esperienza, l’infortunio mi lascerà qualche doloretto. Sono preoccupato anche per il futuro. Lo stesso Izagirre mi ha confessato di aver impiegato mesi per rimettersi in sesto da un simile infortunio e ancora oggi ne sente i postumi”.

Insomma è inutile fasciarsi la testa ma è chiaro che in un sport professionistico il non essere al 100% pesa sulla mente (forse più che sul fisico) degli atleti.

“ La domanda se tornerò quello di prima, se la mia schiena tornerà com’era, me la faccio dal giorno dell’infortunio, è normale. E non ho risposte che mi tranquillizzano, oggi posso dire che sto soffrendo come un cane ma tengo duro”

Ha spiegato Vincenzo alla rosea

Stante questo quadro la sua partecipazione ai Mondiali di Innsbruck non è per nulla scontata: Nibali in un mondiale non andrà certo a fare la comparsa ma vuole essere protagonista e questo è legato a filo doppio alla condizione della sua schiena.

Ciclismo Mondiali 2018 su pista: tutte le informazioni

Ciclismo Mondiali 2018 su pista ad Apeldoorn

Ciclismo Mondiali 2018 su pista ad Apeldoorn, presentazione degli atleti italiani, diretta tv e diretta streaming

Ciclismo Mondiali 2018 su pista

Ciclismo Mondiali 2018 su pista

Ciclismo Mondiali 2018 su pista, i CT Marco Villa ed Edoardo Salvoldi sono pronti per affrontare le prove che si si disputeranno ad Apeldoorn (Paesi BassI) dal 28 febbraio al 4 marzo. Agli ordini dei due direttori, ci saranno 21 atleti a difendere i colori italiani, 13 donne e 8 uomini, tante speranze sono riposte sui quartetti dell’inseguimento, Filippo Ganna e Letizia Paternoster.

Il velodromo di Apeldoorn, in Olanda, ospiterà i Mondiali 2018 di ciclismo su pista e la compagine italiana guidata dal Coordinatore Squadre Nazionali Davide Cassani. I fari sono puntati sulle ragazze chiamate al definitivo salto di qualità per provare a puntare in grande anche contro le super potenze mondiali.

Ciclismo Mondiali 2018: Le donne

  • Alzini Martina: talento della pista, in rampa di lancio, si impegnerà nel quartetto ma anche nelle prove individuali di endurance. Il suo impegno alla Astana Women’s Team certifica la sua costante crescita.
  • Balsamo Elisa: giovanissima classe 1998 è già una delle punte della spedizione azzurra, il suo talento fa sognare l’Italia. Uno dei pezzi forti del nostro quartetto rosa potrà dire la sua nell’Omnium dove sta migliorando di prova in prova
  • Barbieri Rachelecampionessa uscente nello scratch cercherà un difficile bis, se la tattica di gara la premierà allora potrà assolutamente dire la sua grazie anche al suo spunto in volata.
  • Bissolati Elena: il suo obiettivo è fare esperienza, nel settore velocità è una delle punte della nostra nazionale ma non ancora matura per cercare una medaglia.
  • Cavalli Marta: atleta giovanissima parte con il ruolo di riserva, sarà il nostro jolly. Ha un grande potenziale e davanti a se tante occasioni per crescere e migliorare.
  • Confalonieri Maria Giulia: cresciuta tantissimo negli ultimi tempi, sta iniziando a raccogliere i frutti della sua semina. Nella stagione su pista si è distinta nelle prove di endurance, nella medison e nella corsa a punti. Ha da poco ottenuto uno splendido podio all’Omloop Het Nieuwsblad.
  • Frapporti Simona: atleta dalla grande esperienza, darà il suo massimo nell’inseguimento a squadre ed individuale. Farà da chioccia per le compagne più giovani.
  • Guderzo Tatianaanche Tatiana sarà una delle veterane della spedizione che darà il suo contributo nell’inseguimento a squadre
  • Manzoni Gloria: talento ancora giovane, sarà riserve con l’obiettivo di fare esperienza in eventi internazionali
  • Paternoster Letizia: non ha bisogno di presentazione, giovanissima ha dimostrato di essere già “grande”. Atleta di spessore peso nell’inseguimento a squadre, ha un ottimo potenziale anche per quanto riguarda le gare endurance. E’ uno dei cardini per il progetto Tokio 2020.
  • Pattaro Francesca: Membro del quartetto nelle ultime spedizioni, in Olanda sarà riserva
  • Valsecchi Silviabronzo nell’inseguimento agli Europei di Belino, darà una mano importante nell’inseguimento
  • Vece Miriamgiovane in rampa di lancio, deve ancora migliorare per competere con le regine del mondo dovrà raccogliere esperienza da mettere a frutto nei prossimi appuntamenti

Ciclismo Mondiali 2018:Gli Uomini

  • Bertazzo Liam: impegnato nelle prove endurance e nel quartetto, corridore completo ed essenziale nella spedizione tricolore.
  • Coledan Marco: tornato da poco a cimentarsi su pista dirà la sua nell’inseguimento individuale.
  • Consonni Simone: sarà lo start dell’inseguimento a squadre, l’atleta della UAE Emirates sarà una pedina fondamentale per la nostra spedizione. Può ottenere buoni risultati nell’Omnium e nella Madison.
  • Ganna Filippo: probabilmente il miglior talento della pattuglia azzurra è un vero fenomeno nell’inseguimento per squadre, puterà ad andare a medaglia nella prova individuale; a Berlino, si è laureato campione europeo.
  • Lamon Francesco: in crescita nelle ultime stagioni, fidato uomo del quartetto punterà a dire la sua anche in altre discipline.
  • Plebani Davide: giovane classe 1996, punterà a maturare nuova esperienza e, ne siamo certi, sfrutterà l’occasione per mettersi in mostra.
  • Scartezzini Michele: riserva del quartetto può farsi valere nelle endurance ha ottenuto un argento in Coppa del Mondo nella Madison in coppia con Lamon.
  • Viganò Davide: sarà l’unico italiano in gara nelle prove di velocità e punterà a far valere la sua esperienza, difficile che ottenga un risultato di primo piano

Ciclismo Mondiali 2018: il programma

Mercoledì 28 febbraio

14:00 – 17.00 Qualificazioni inseguimento a squadre maschile e femminile
18:30 – 21:40 Qualificazioni e finali velocità a squadre maschile e femminile, finale scratch femminile, semifinali inseguimento a squadre maschile

Giovedì 1 marzo                                             

14:30 – 16:45 Qualificazioni velocità individuale femminile e keirin maschile
18:30 – 21.30 Finali: inseguimento a squadre maschile e femminile, keirin maschile e scratch maschile

Venerdì 2 marzo             

13:30 – 17:00 Qualificazioni velocità individuale maschile e inseguimento individuale maschile, prime due prove Omnium femminile
18:30 – 21:45 Finali: velocità individuale femminile, corsa a punti maschile, Omnium femminile e inseguimento individuale maschile

Sabato 3 marzo                                                              

14:00 -16:45 Qualificazioni 500m cronometro femminile, velocità individuale maschile, inseguimento individuale femminile, rrime due prove omnium maschile
18:30 – 21:55 Finali: 500m cronometro femminile, omnium maschile, inseguimento individuale femminile, velocità individuale maschile, madison femminile

Domenica 4 marzo                                                        

11:00 – 12:15 Qualificazioni keirin femminile, chilometro a cronometro maschile
13:30 – 16:25 Finali: corsa a punti femminile, chilometro a cronometro maschile, keirin femminile, madison maschile

Ciclismo Mondiali 2018: diretta tv e diretta streaming

Le finali, che verranno trasmesse diretta tv da Eurosport e da RaiSport e in diretta streaming su Eurosport Player e RaiPlay